martedì 4 febbraio 2014

Cinque fatti contro vegani e animalisti

Credo sia arrivata l'ora di mettere su una piccola rassegna per sintetizzare in un'unica sede quelli che sono i fatti e le smentite che zittiscono vegani e animalisti. O meglio vegarsi e animalardi...
Spero che questo post sia una buona risorsa per chiunque si ritrovi inondato dalle menzogne veganimalarde e voglia fugarsi ogni dubbio che l'invasato di turno ha instillato a forza di slogan e urla:

Iniziamo subito:

Ortoressia il disturbo dell'alimentazione dei vegani:
Quando un vegano arriva da voi a sbandierare l'importanza per la salute psicofisica dell'alimentazione tieni a mente questo: è ortoressico. Ha un disturbo che lo rende ossessionato dalla possibilità di sentirsi male a causa di quanto mangia. Non sta bene, perché dargli ascolto?

La carne rossa e l'incidenza di malattie:
Ovviamente gli ortoressici arrivano a tirare fuori studi e statistiche che dimostrano che loro dicono il vero. Uno dei loro preferiti è la favola della carne che rende obesi e ti uccide di cancro.
Non è vero nulla, hanno semplicemente preso un paio di dati e li hanno ingigantiti in maniera indegna a scopo propagandistico. Leggi il post, e magari anche il mio libro "L'inganno animalista" per avere informazioni più dettagliate e non distorte dal fanatismo.

La leggenda degli superuomini hunza:
Se non ti convincono che mangiare fruttariano o vegan crudista fa benissimo e che la carne fa venire tumori non appena la pungi con la forchetta, loro tirano fuori la storia di questi superuomini vegani che vivono 150 anni senza conoscere alcuna malattia.
Ovviamente sono tutte cazzate, e ho smentito punto per punto ogni cosa che loro raccontano, indovina come? Leggendo la loro stessa fonte! Insomma, una leggenda nata da un testo che non hanno nemmeno letto...

Gli allevamenti sono causa di fame nel mondo, siccità e disboscamento:
Se non ti convincono nè con la salute di ferro, nè con il terrore di morire male e neanche parlando di superpoteri ecco che partono all'attacco usando i sensi di colpa: mangiando carne devasti il pianeta e fai morire i bambini africani! Che a loro non importi nulla dei bambini ormai è più che noto (spulcia il blog e la pagina facebook, rimarrai scandalizzato dal loro comportamento) e usano solamente informazioni distorte e false per convincere la gente a diventare vegana. Come già spiegato non è vero nulla, ma ci sono approfondimenti più dettagliati nel mio libro, sempre "L'inganno animalista".

Metodi alternativi alla Sperimentazione Animale:
Se proprio non riescono a convertirti alla sacra dottrina del veganesimo cercheranno di convincerti a boicottare la SA, usando immagini macabre prese niente popò di meno che da film horror degli anni 70, foto delle scimmie astronaute, foto di prelievi di sangue e altro materiale allegramente falsato e decontestualizzato. Dopo aver dipinto un quadro peggiore dei lager nazisti e dei gulag messi assieme ti convincono che "esistono delle alternative, ma non le usano per soldi".
Ecco quali sono le "alternative"...


Ovviamente questi non sono tutti, ma sono quelli che vanno più in voga fra i veganimalardi fanatici che fanno proselitismo, per cui dovrebbero tenerti lontano da paranoie infondate e terrore ingiustificato causato dalle menzogne e manipolazioni di questi personaggi dalla moralità molto più che dubbia.


15 commenti:

  1. Strano che assieme ai "superuomini" hunza non tirino fuori anche quel santone indiano che avrebbe vissuto ben 90 anni senza mai nutrirsi (e che in realtà era un truffatore fatto e rifinito). Sarebbe bello vederli a tentare di imitarlo e crepare uno dopo l'altro d'inedia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hanno fatto eccome: http://www.richarddawkins.net/news_articles/2013/6/14/seattle-woman-trying-to-live-on-sunlight-alone-is-probably-going-to-die

      e l'esito e' stato questo: http://www.huffingtonpost.com/2013/06/18/navenna-shine-breatharian-seattle-no-food-air-water_n_3460537.html

      inutile dire che la stessa esperienza personale non e' servita a nulla, e che piuttosto che ammettere di essersi sbagliati si possano inventare le scuse piu' stupide....come ho scritto piu' sotto, i fatti per questi elementi sono un optional, e questa donna ne e' la prova vivente (almeno finche' non riuscira' nel suo tentativo di ammazzarsi)

      Elimina
    2. Io conosco piu gente onnivora che rompe le scatole ai vegani che viceversa. Nessuno vuole farvi cambiare idea state tranquilli. Saluti

      Elimina
  2. Ci sarebbe anche il mito della b12 che sarebbe disponibile dalle verdure se non venissero lavate... ci fosse una prova di quanto affermano.

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16528394

    Questo è uno studio sulle pecore, in cui l'aggiunta nell'alimentazione di 100 g al giorno di suolo ha comportato un aumento significativo di b12. 100 g.,. dubito che qualcuno anche non lavando la verdura possa mangiare così tanta terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di cazzate ne dicono tante, veramente tante...
      Per ora ho inserito quelle più grosse, poi probabilmente amplierò il parco.

      Elimina
    2. Senza contare tutte le malattie che potresti prendere mangiandoti la terra, dal tetano in su

      Elimina
  3. purtroppo co sta gente i fatti contano poco, come coi religiosi incalliti, semplicemente non usano la ragione e i fatti per orientarsi nella realta' che li circonda, ma qualcos'altro, e se uno in partenza decide di non dar peso ai fatti, quali fatti puoi portargli per convincerlo che si sbaglia? [cit.]
    C'e' pure chi sostiene che portar fatti a questa gente non solo sia inefficace ma possa addirittura portarli a chiudersi ancora piu' a riccio.

    La tattica migliore probabilmente potrebbe essere quella di cercare di intaccare non i loro ideali e la loro visione del mondo di per se, ma il metodo che usano per navigare nella realta', che risulta essere poco affidabile e tende a condurli all'errore.

    In pratica, per fare un parallelismo, se vuoi deconvertire un fanatico religioso, non devi attaccare la religione con fatti, ma il metodo epistemologico su cui la sua religiosita' si basa, ovvero la fede.

    Stessa cosa andrebbe fatta con gli animalari, il problema sta tutto nel risalire a quali siano quei processi mentali che questi individui utilizzano al posto del raziocinio per basare le proprie idee, e convincerli del fatto che tali processi sono, appunto, inaffidabili e inducono all'errore. La domanda da un milione di dollari e' la seguente: qual'e' l'epistemologia su cui si basa la visione del mondo di questi individui? Si accettano suggerimenti perche' tutte le risposte a cui sono arrivato al momento non mi soddisfano per niente.
    L'ortoressia citata al punto 1 in realta' potrebbe essere una buona candidata, ma al contrario di quel che rappresenta la fede per un religioso (che viene considerata una virtu' nell'immaginario collettivo e dunque questo tendera' a dichiarare di averne in abbondanza e farne un vanto), il vegano andrebbe prima convinto del fatto che soffra di tale disturbo, e conseguentemente andrebbe convinto del fatto che guardare il mondo tramite le lenti dell'ossessione per il cibo non e' cosa salutare.

    Inoltre non e' una cosa che comprende gli animalari (e infatti e' totalmente possibile che le due cose siano da considerare separatamente, dato che si possono tranquillamente trovare animalari non vegani, e vegani non contrari alla S.A.). Per questi la cosa piu' plausibile mi sembra possa essere l'empatia, ma e' un argomento da prendere un po' con le pinze dato che in generale avere empatia non e' un difetto, ma non costituisce un buon modello per farsi una idea corretta del mondo.
    Un altro motivo potrebbe essere quello di avere una forte emotivita', ma anche per questo vale quanto detto sopra.

    per lo meno pero' i fatti dovrebbero dare una mano a quelle persone ancora minimamente razionali che stanno in bilico e vogliono onestamente farsi una idea. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli che vedono queste cose come fedi religiose sono fuori di testa, quindi la cosa più semplice da fare è provocarli per farli uscire allo scoperto, in modo che la gente veda che sono pazzi e si disinneschino da soli.

      Elimina
    2. gia' ma al momento sono loro che hanno il favore dei media che piu' facilmente raggiungono il grosso della popolazione (canali TV e in parte stampa mainstream) quindi se si trovasse un modo non solo per convincere della pazzia di questa gente chi sta in bilico e frequenta la rete (che penso in percentuale siano una parte abbastanza marginale di chi viene bombardato dalla propaganda animalara), ma anche un modo per far rinsavire gente che di queste organizzazioni ne fa parte facendogli perdere consenso dall'interno probabilmente aiuterebbe molto e velocizzerebbe il processo

      Elimina
  4. Questo post mi porta a fare le stesse considerazioni che ho tratto finito il tuo tomo, PQ: sono tutti fatti abbastanza noti, ma visti tutti insieme fanno un effetto ben diverso e creano un quadro desolante, che mostra quanto quella gente sia fuori di testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, la visione di insieme fa sempre un certo effetto.

      Elimina
  5. Io non ho i soldi per comprarmi il tuo òibro "L'inganno animalista", quindi o le informazioni me le dai qui sul tuo blog, oppure per me quello che scrivi in questo post lo considero tranquillamente spazzatura esattamente come tu consideri spazzatura le teorie dei vegani e degli animalisti. Sarà, ma le tue obiezioni non mi convincono per niente, esattamente come il tuo nick "Palle quadre"...per me più che Quadre sono Mosce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in pratica volevi dire: non credo che spendere due soldi (quanti sono? ben 4 euro per la versione pdf se ricordo bene?) per farmi un po' di cultura e comprarmi un libro che altro non fa se non assemblare in un unico testo una serie di informazioni su un ampio raggio di argomenti che potrei trovarmi tranquillamente da sola tramite delle ricerche su google ma sono troppo pigra per farlo, sia una cosa che valga la pena fare

      Io ho un kindle ed e' l'unico device elettronico in cui non spendo piu' di 5 secondi per pigiare "buy now" appena mi viene voglia di leggere qualcosa, e ti consiglierei vivamente di fare altrettanto, libri e viaggi sono le due cose migliori per spendere i propri soldi, fai una cosa, smettila di comprarti cibi bio a prezzi tripli e inizia a spendere un po' dei soldi che risparmierai in libri.

      Elimina
  6. Queste "obiezioni senza senso", come le chiami tu, non sono invenzioni.
    Per suffragare queste tesi, sono state utilizzate ricerche scientifiche.
    Se si afferma che i vegani sono carenti di vit. B12, è perchè è stato rilevato da studi.

    Si possono fare tanti altri esempi. Basta avere buona volontà nel cercare di informarsi.
    Ma visto che il tuo obbiettivo era solo quello di screditare Fabrizio (senza avanzare informazioni e dati contrari ai suoi), ti meriti solo una bella figura di merda.

    RispondiElimina
  7. Mi permetto di aggiungere un'altra considerazione. Premetto che sono contrario alla caccia, all'allevamento in batteria degli animali, a chi provoca sofferenza agli animali, in qualunque settore a chi mangia carne di cavallo (nostro mezzo di trasporto fino a pochi anni fa, oltre ad essere uno degli animali più belli e intelligenti), a chi pensa che sfruttare le risorse del pianeta sia permesso in maniera incondizionata, pongo due semplici domande a chi si scandalizza per il consumo della carne: accendi il riscaldamento in inverno? Usi l'automobile? Sì? Allora sei complice della lenta agonia di questo pianeta inquinato, sei correo della morte di uomini e animali.

    RispondiElimina