La tassa sui monopattini elettrici e la manipolazione dei media

 Quando al telegiornale iniziavano timide le prime notizie del "pericolo monopattino elettrico", con quei servizi al limite del cinema horror di Dario Argento in cui descrivevano i veicoli manco fossero i troll della foresta in calore, ho capito subito dove qualcuno voleva andare a parare, e infatti questo è successo:

Volevano forse rendere il veicolo più sicuro?
Ma chi, quella stessa gente che ha fatto tagli alla sanità per oltre dieci anni lasciandoci con la fava in mano in tempi di pandemia? Quelli che hanno ordinato mascherine farlocche dalla Cina, che oltre essere praticamente inutili sono anche tossiche, per intascarsi bei soldoni?
Suvvia, siamo seri.
Tutto quello a cui puntavano era semplicemente spillare soldi.

Infatti adesso spunta la notiziona, accolta dai più con grande gioia: Obbligo assicurativo per i monopattini elettrici, targa e casco.

Gaudio e giubilo fra la gente, col cervello ben frollato da diversi mesi di notizione ai TG e nei vari media sulla pericolosità dei monopattini.

Peccato che i monopattini non siano poi così tanto pericolosi...
Nel 2020 ci sono stati 123 incidenti gravi con i monopattini, di cui uno mortale.
Magari stai pensando che una vittima è sempre una vittima quindi è meglio correre ai ripari, però paragoniamola alle vittime delle biciclette: Una ogni due giorni.

Non sono sicuro delle cifre, ma sembra che due milioni e mezzo di italiani stessero valutando di comprarne uno qualche tempo fa, una cifra di cui sono sicuro è quella di 800 mila possessori di monopattini elettrici in italia, il 2,7% della popolazione.
I ciclisti regolari sono circa due milioni.
Quindi in percentuale gli incidenti mortali con i monopattini, e immagino anche quelli "solamente" gravi, sono comunque parecchi meno rispetto quelli con le biciclette.

Come spiegare quindi tutto l'accanimento mediatico contro i monopattini se non il mero spremere il limone per ricavarne soldi? Facciamoci due conti: ci sono quasi un milione di monopattini elettrici nel paese, e alcune assicurazioni costano 6 euro al mese. Non conosco bene i costi quindi diciamo che ci voglio andare cauto con una media di 5?
Sono 5 milioni di euro al mese ragazzo mio, sono SESSANTA MILIONI DI EURO L'ANNO che qualcuno si incassa dal nulla grazie a questo obbligo "per la nostra sicurezza".

Capito adesso chi premeva ai "giornalisti" perché descrivessero la cosa come un no vax descrive l'antitetanica?

Ora ho paragonato la cosa alle biciclette per vari motivi.
Il primo è che le biciclette erano nella stessa categoria dei monopattini elettrici prima che qualcuno volesse farsi allattare coi soldi del cittadino medio.
Il secondo è appunto l'incidenza degli incidenti.
Il terzo è che tutto 'sto casino contro le biciclette non lo hanno fatto...

E gli sarebbe pure andata mooooolto meglio con una vittima ogni due giorni!
Cazzo statisticamente i morti sono molti di più rispetto a quelli in monopattino elettrico, e allora perché non lo hanno fatto?

Credo che i motivi siano due: il monopattino elettrico è una relativa novità.
Non esiste da molto e molti non lo conoscono, è molto più facile temere ciò che non si conosce. L'ignoranza genera mostri è una massima sempreverde, ed è proprio sull'ignoranza che la campagna denigratoria preparatoria dei media faceva leva.
Il secondo motivo è che appunto la gente conosce le biciclette: ci è andata in sella da sempre. Chi da bambino non ha usato la bici? Chi non la usa ancora anche se sporadicamente (pedalate di più a proposito), chi non conosce le bici?
Molto difficile fare leva sulla paura della bicicletta, difficile o impossibile. Potrebbero provarci, ma rischiano tantissimo di rendersi ridicoli e perdere di credibilità.
Se la gente si accorgesse di come i media manipolano la gente il giochino gli riuscirebbe molto più difficile.

Chiunque abbia da dire qualcosa a riguardo ha la sezione commenti aperta.


Nessun commento:

Posta un commento