Bitvavo: compravendita di valute digitali

Abbiamo sentito parlare tantissimo di Bitcoin, di mining e altre attività che rischiano di diventare poco redditizie nel giro di poco tempo. Esiste però una seconda possibilità, che se sfruttata bene può essere redditizia sempre e comunque: il trading.


Il mining del Bitcoin divenne un fenomeno così massiccio che il prezzo delle schede video era più che doppio rispetto a prima, tutti iniziarono a minare la criptomoneta e i profitti erano alti e crescevano sempre di più fino ai 10 mila dollari di valore. Ma poi il valore crollò... questo tempo fa comportò una enorme perdita economica per chi faceva mining o chi comprò al massimo del prezzo (quest'ultima una mossa tutto fuorché furba se devo essere sincero).
Questo rende il mining rischioso e soggetto al valore della valuta stessa: grandi investimenti iniziali, grande dispendio di energia e il profitto è possibile solo finché la valuta ha un alto valore di scambio.
Oggi il Bitcoin vale molto, ma per un periodo costrinse i miner ad abbandonare la loro attività perché era divenuta addirittura antieconomica.

Ma con il trading questi problemi non ci sono, ammesso di non commettere errori madornali come su citato di chi si ritrovò con perdite del 70-90% dopo pochi mesi.
Un buon trader sa sfruttare le fluttuazioni del mercato per avere un profitto, qualsiasi sia il valore della valuta: un guadagno del 5% è comunque un guadagno.
Ovviamente anche il trading ha dei rischi, come abbiamo visto, quindi è bene non fare come gli investitori sopra citati e farsi furbi.

In ogni caso per fare trading è sempre meglio affidarsi ad una piattaforma sicura.
Una delle migliori d'Europa è Bitvavo, che oltre ad essere perfettamente utilizzabile sia da principianti, grazie alla sua intuitività e facilità d'uso, che esperti mette a disposizione diversi strumenti per aiutare nel lavoro, il tutto con delle tariffe che sono fra le più basse in Europa.


Nel dettaglio Bitvavo permette di negoziare, comprare, e depositare in 52 valute digitali diverse, fra cui ovviamente il Bitcoin, Ethereum, Ripple e molte altre.

La piattaforma è europea, di origine olandese ma perfettamente tradotto in italiano, uno dei siti di scambio più economici e che ha la possibilità di ottenere degli sconti. Non ci sono tariffe nascoste con relative brutte sorprese quando vengono fuori, e oltre questo (come se non bastasse) è anche altamente sicura: la maggior parte della valuta digitale è conservata nei cold wallets.

Cosa sono i cold wallet? Sono dei "portafogli" di criptovaluta offline, quindi completamente al sicuro da attacchi e furti informatici. L'unica maniera di rubare la criptomoneta contenuta in un cold wallet è una rapina vera e propria.
Insomma in poche parole un cold wallet è una cassaforte per criptovaluta.

Per questo motivo la piattaforma è ottima anche come semplice deposito per le criptovalute, perché un luogo sicuro dove conservarle, lontano da rischi (ricordo di un tizio che qualche anno fa buttò via un hard disk per poi ricordarsi dopo tempo che aveva i suoi bitcoin al suo interno... migliaia di dollari buttati letteralmente nella spazzatura) costituiti da attacchi informatici, virus o malware.
Perché avere criptovaluta da parte? Va bene che è soggetta a grosse fluttuazioni di valore, ma con la prospettiva che il denaro venga tassato più e più volte avere un salvadanaio digitale non sembra una cattiva idea...

In ogni caso, come accennavo inizialmente, la piattaforma permette di fare degli scambi e per questo motivo mette a disposizione un dettagliato e minuzioso grafico dei mercati con gli andamenti di tutte le criptovalute che ci interessano, consultabile con un semplice click del mouse.

E per ultimo, ma assolutamente non meno importante, mette a disposizione un'API multifunzione che può essere usata per costruire numerose applicazioni, qualcosa che i trader più navigati sapranno sicuramente apprezzare.

L'utilizzo è consigliato da migliaia di utenti che hanno lasciato ottime recensioni su TrustPilot.

Nessun commento:

Posta un commento