domenica 26 marzo 2017

L'uomo che provoca il piacere femminile è sessista

Si lo so, per l'ennesima volta stai pensando che il titolo sia un clickbait, un'esagerazione, una presa per il culo... e invece, come al solito, è vero: qualche povero mentecatto, manco a farlo apposta feminazi fino a provocare la diarrea, ha proprio sostenuto questo: quando l'uomo provoca l'orgasmo femminile è sessista...

Egoisti sempre e comunque


Quando un uomo non ce la fa, magari perché se ne sbatte effettivamente i coglioni, viene bollato come egoista che pensa solo al suo piacere. E fin qui possiamo anche starci...
E se invece ce la fa? E' comunque egoista! Maledetto maschio bianco bastardo maschilista!!1!

Come sono arrivate, le prodi feminazi, a cotanta conclusione? Misandria pura e semplice, ovvio, ma dobbiamo tuffarci negli intricatissimi meandri di salti mortali psichici (e psichiatrici) che hanno compiuto per sostenere cotanta puttanata.

Nella rivista cosmopolitan, che non conoscevo ma che è finita dritta nella mia personale lista di venditori di empie parole cancerogene, è comparso questo articolo:

"Perché gli uomini si eccitano quando hai un orgasmo - e perché è una cosa negativa"
Ovvio che è negativa, c'entrano gli uomini, vuoi forse che sia positiva? Io dico solo che se si obbligassero le feminazi ad andare dallo psichiatra, a pagamento, si aumenterebbe il PIL del 20% in un solo anno...

Sottotitolo: "Ma certo che i maschi riescono a rendere il tuo climax qualcosa riguardo loro stessi".
Dopo la cultural appropriation si sono inventate la "vengo appropriation"...

"Come se non bastasse che gli uomini ne hanno di più. A peggiorare le cose arriva uno studio che afferma che oltre a trarre piacere da loro stessi gli uomini traggono una sorta di piacere mascolino dal portare la partner all'apice del piacere. I ricercatori dello studio si riferiscono a questo fenomeno come "successo maschile"

E qui parte il trigger: cosa? Qualcosa che gli uomini ottengono con le loro capacità mentre fanno una qualsivoglia attività con una DONNA!? E addirittura li fa SENTIRE BENE!!? SACRILEGIO!!!1!


"Non so esattamente cosa significhi, ma "successo maschile" sembra qualcosa come Super Mario che tira fuori una moneta dalla scatola volante nei videogiochi" si vabbè, quando arrivi scrivi.

[...] "Sia chiaro, non c'è nulla di male a dare piacere al partner, ma i ricercatori hanno individuato delle falle sessiste nelle loro considerazioni". Andiamo bene...

"... i ricercatori indicano come la maggiore attenzione al piacere femminile possa servire anche alla sessualità degli uomini, complicando il concetto di orgasmo femminile come ginocentrico"
Eh? Che cazzo stanno a dire? Puttana eva la stessa cosa si può dire di quello maschile, che senza donna non ci sarebbe (tralasciamo gli omo che essendo uguali non fanno cul-tural appropriation). Che cazzo di ragionamento è, vorrebbero l'uomo completamente passivo e inerme, zitto e fermo così non puoi sentirti bene con te stesso per il godimento della donna?

Ma spiegano anche perché secondo i "ricercatori" (non ho capito se sono uomo e donna o entrambe donne) questa è una cosa negativa:
"Una ragione è che potrebbe far pressione sugli uomini e fargli sentire che DEVONO dare piacere alle donne, come se fosse qualcosa che tiri fuori dal cappello e dai alle donne"
Esiste già... è già così... l'ansia da prestazione non è stata tirata fuori da un deretano perché ci si annoiava a non avere paranoie.
Poi fanno l'aggiunta che ovviamente sputtana la frase:

"Questo rafforza l'idea che la donna sia un destinatario passivo di qualsiasi cosa gli uomini le dia".
Certo, se una donna non raggiunge la massima goduria è perché è l'uomo stronzo ma se lo raggiunge l'uomo non c'entra un cazzo quindi è stronzo. Non fa una piega.

Ma la cosa bella è questa:
"Le donne si sentono obbligate a simulare così da accontentare i loro compagni, in altre parole per proteggere i sentimenti degli uomini"
Questo è il secondo motivo per cui la cosa è negativa, secondo loro.
Più che un motivo è un nonsense. Potrebbero benissimo dargli qualche dritta "per divertirsi di più" e far contenti tutti e due.

In pratica quello che turba questa gente è che un uomo si senta maschio quando fa godere la sua donna, appropriandosi del suo piacere (lol), invece dovrebbe pensare alla cosa (secondo loro) come semplice piacere che una donna ha e dovrebbe avere spesso...
Come se avesse un senso questa stronzata

Io capisco solo una cosa: qualsiasi cosa faccia un uomo, che gli aumenta l'autostima o lo ecciti, è visto come malvagio, malefico, malizioso e da estirpare perché sessista. Ogni singolo giorno criminalizzano la sessualità maschile, e hanno decisamente rotto i coglioni.

Secondo questi ragionamenti i soffocotti non dovrebbero esistere, ah giusto: il maschio bianco patriarcale è stupratore quindi anche se c'è il consenso di lei è comunque obbligata da qualche "sovrastruttura patriarcale" con scappellamento a destra...

Fonte, che rimanda allo "studio", come se uno studio definibile scientifico possa avere conclusioni così ideologizzate e presuntuose.

5 commenti:

  1. E quindi sono sessista. L'altro giorno ho cucinato per mia moglie, e il pranzo le è piaciuto molto. Come ho osato sentirmi soddisfatto? Mi sono appropriato del suo gusto trasformando il suo pranzo in un mio successo!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Non è solo la sessualità maschile ad essere criminalizzata ogni giorno ma gli uomini, tutti, in quanto uomini. Ormai c'è una propaganda continua che ridicolizza e svilisce gli uomini in ogni aspetto della loro vita. Mi chiedo fino a che punto di esasperazione dovremo arrivare per aprire gli occhi e ribellarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In parecchi si sono già rotti i coglioni, ma fa ancora troppo "politicamente corretto" prendersela con metà popolazione senza motivo

      Elimina