lunedì 8 agosto 2016

Tsu.co: come e quanto guadagna in realtà

Si stanno tutti strappando le vesti in favore di Tsu, il novello Robin Hood che regala denaro ai poveri (mentecatti) e si contrappone al cattivissimo e avidissimo Facebook di Zuckemberg.
In realtà le cose stanno in modo molto, ma molto diverso. E questo può saperlo solo chi ha lavorato (anche se non professionalmente) nel mondo di lavoro che ruota attorno a internet...

Tsu paga il 90% dei guadagni ai propri utenti!


Probabilmente è vero, i gestori del sito girano il 90% degli introiti pubblicitari agli utenti.
Ma siamo realisti: se gli utenti con 1000 visualizzazioni incassano 4 centesimi di dollaro significa che in totale hanno reso circa 10 centesimi di dollaro (distribuiscono a referral vari, a te va il 45%) quindi Tsu incassa 1 centesimo di dollaro. E' possibile tenere su un social con 1 centesimo di dollaro ogni mille views dei post? No...

Quindi hanno altri metodi di guadagno, ovviamente.
Ma la gente non lo sa, e crede veramente che sia arrivato babbo natale che invece di fare beneficienza regala tutti i suoi guadagni a quattro minchioni rampanti perché postano "Ciao mamma!11!" su un social demmerda, e via ad idolatrare il buon samaritano, il benefattore di 'sta ceppa, il messia degli iscritti alle liste di collocamento.

Ma tutto quello che posso dire è: babbo natale 'sto cazzo!

Metodi alternativi di guadagno

Soldi a palate! Certo, ma non per te, tu devi lavorare per noi in cambio di qualche cent!
Come guadagna soldi Facebook? Con la pubblicità o rivendendo i dati che raccoglie alle aziende a scopo pubblicitario? Sicuramente la seconda, visto che con la prima è andata in attivo solo da pochi anni (per 4 o 5 anni era in perdita). Come si reggeva inpiedi? Con gli investimenti delle società, che vedevano nel social un'enorme opportunità di raccogliere dati a scopo commerciale.

E per i puristi dico no, non è una cosa cattiva. Semplicemente guardano a chi piacciono i PC e gli propongono dei PC, nessun bambino africano muore male di ebola nel processo e anzi ci guadagano tutti: il fornitore sa a chi proporre la sua merce e il cliente riceve informazioni a lui interessanti.
Chiudiamo la parentesi sulla pubblicità.

I loro difensori a spada tratta pensano forse che Tsu non faccia lo stesso? Solo perché gli danno il 90% di quello che rendono due banner adsense? Un po' di vergogna per l'ingenuità no eh.
In realtà quelli di Tsu raccolgono tantissimi dati, collegati a indirizzi email.
Questo cari miei vale ORO: ci sono campagne pubblicitarie via email che rendono anche 6 o 7 euro ad azione (per azione si intende una registrazione, una iscrizione, un download e simili) e inviando email di promozione cellulari a gente che cerca cellulari equivale a pescare in una botte perché il numero di azioni sarà molto più alto rispetto all'invio della stessa email ad un pubblico generico.

Senza contare che possono anche impachettare le email e venderle in base agli interessi...
Un pacchetto di 1000 email con un interesse ben preciso è valutato (a meno che non siano cambiati i tempi) anche 30 euro. E se quella gente ha 5 interessi? Li si vende 5 volte (o con un prezzo maggiore) e ci guadagnano i loro bei 150 euro...

Pensaci sopra: 1000 email possono rendere anche 100 euro... alla settimana, e vendute ne rendono altri 150.
E loro, che con 1000 referral e iscritti guadagnano si e no 4 dollari al mese, li decantano come divinità magnanime per l'elemosina fatta, a differenza del brutto e cattivo Zuckemberg che "chiede soldi per far vedere i tuoi post ai tuoi iscritti".

550 euro contro 5 dollari dati a te, wow loro si che sono BBBuoni, non come zucky!11!

Dovrei spiegare come funziona facebook... in ogni caso ci vado conciso: se spammi meno gente vede, non tutti i tuoi utenti sono online quando posti la tua cagata. Fai due più due e voilà, svelato il segreto della visibilità su facebook! Io sto pubblicando una o due volte al giorno (al massimo) e riesco a raggiungere un numero di persone molto vicino agli iscritti totali, cosa notevole se si conta che non tutti magari loggano tutti i giorni, no?

E su Tsu il mito del "pubblichi e vedono" va sfatato: la mia bacheca è diventata vuota come l'intestino dopo la purga.

Babbi natale ma che mettono dei limiti
Perché mettere un limite al numero di post che puoi scrivere e condividere?
Perché se tutti potessero guadagnare dalla sola propria bacheca allora se ne sbatterebbero i coglioni di far iscrivere nuovi stronzi (che ricordo: sono nuovi indirizzi email da bersagliare con campagne pubblicitarie e rivendere) che per guadagnare cercheranno altri mentecatti, perché se non hai 20 mila iscritti e 10 mila referral col cazzo che riesci a guadagnare 100 dollari al mese (cifre che, se raggiunte con un progetto PROPRIO renderebbe cifre decuplicate, ma lasciamo perdere...).

Questo è un sistema piramidale bello e buono, con tutto il marcio che può nascondere.
Perché se sostengono di dare agli utonti rincoglioniti il 90% di quanto guadagnano è falso, se costringono gli utenti a cercare nuovi utenti risparmiando centinaia di migliaia di dollari in pubblicità ma pagando si e no un migliaio a qualche cretino, qua siamo di fronte a dei furbi che stanno spennando i loro polli.
Non è quindi il fatto di raccogliere i dati a scopo pubblicitario (che come dicevo prima non è affatto un male, purché non ti spammino l'anima con cazzate astronomiche) ma il COME questi "signori" lo fanno.

Ora mi rivolgo agli tsupettari: li vedete ancora come i messiah?

Nessun commento:

Posta un commento