mercoledì 13 maggio 2015

Vivivegan diffonde bufale sul consumo di prodotti animali

Questo lo scrivo giusto per chi avesse ancora qualche dubbio, nonostante tutte le sbufalate fatte, sulla qualità dell'informazione fatta dai veganimalardi riguardo ogni ambito: alimentazione, salute, sperimentazione animale, allevamento, caccia, circhi e inquinamento.
A loro non interessa minimamente la verità, per loro non importano i dati di fatto. Per loro esiste solo la propaganda e la menzogna per plasmare il mondo a loro piacimento.

Vivivegan sparla usando articoli bufala di Lercio

E lo fa con un paraculismo tale che beppe grillo ha chiesto di diventare suo allievo.
Propagandare bufale per affermare con certezza che gli onnivori "corrono molti rischi alimentari" mentre i vegamerda "ne corrono molti di meno".
La domanda madre è: ma se è realmente così, perché usare dei mezzucci e delle menzogne per provarlo?

Sperma al posto dello yogurt

Ebbene si, presa dritta da Lercio e con grandissima faccia tosta, la blogger vegarda si slancia in un ridicolo spettaccolino indegno in cui usa una bufala palese e cristallina sostenendo che "se ci hanno pensato loro ci ha pensato anche qualcun altro".

"A me sembra un solo un fake" (a me sembra che la grammatica si sia fatta fottere) "non ho trovato molti riscontri alla notizia online, ma non è detto che non sia vera!"
Mi riferivo a questo con paraculismo: da un lato insinua il dubbio usando una bufala per darsi ragione, dall'altro usa i se e i ma così da potersi difendere se le fanno notare che sta compiendo una becera operazione di falsa propaganda in totale malafede. Gryllo docet.

"Nell’articolo si parla di vendetta della Grecia (e chiama articolo la roba di Lercio...), in quanto i tedeschi che sono grandi consumatori di yogurt, (virgole messe a cazzo di cane cruelty free di pezza 100% in ecopelle ma finta informati) lo importano prevalentemente dalla Grecia (E certo che la Muller ne fa di pubblicità eh), sappiamo come sono i rapporti tra i due paesi e chi ne sta pagando il prezzo più alto, per cui, pensandoci un attimo una vendetta del genere ci può stare tranquillamente (un colpo alla botte), se vero (e uno al cerchio)"
Prima insinua che la notizia è plausibilissima, poi usa il condizionale come barriera chiappale di ultima generazione. O almeno crede lei che sia una buona barriera...

"Comunque se non si comprano prodotti alimentari confezionati certi rischi si evitano di sicuro …"
Come le verdurine puccine pucciò sfuse ma portate dall'altra parte del mondo piene di pesticidi cancerogeni e tossici? Oppure frutta e verdura andate a male o inquinate. Ma perché questa gente è convinta che se è verde automaticamente è manna dal cielo?

Poi spunta un disclaimer in rosso:
"NOTA: per gli idioti che commentano menandola sulla credibilità della “notizia” (eh, tu guarda questi idioti), evidentemente si fermano al titolo, del resto un idiota al massimo guarda le figure, il post è ironico seguendo proprio quello di Lercio non a caso c’è tanto di link e testo … e non perché sia autorevole la notizia ma proprio perché ironica …!"
Ah, e così fa ironia!
Allora va bene! Oppure è l'ennesima paraculata?

Vediamo i commenti:
"è un post satirico di lercio, è possibile che sia anche accaduto come qualcuno ha riportato, nelle specifico il post sottolinea il fatto che sicuramente un vegano corre meno rischi alimentari ;)"
Quindi non è ironico, come avevo sottolineato: un colpo al cerchio e un colpo alla botte.
Si fa propaganda usando ogni tanto il condizionale, ma poi rinforzando le conclusioni nei commenti sostenendo che "un vegano corre meno rischi".
Alla faccia dell'ironia! Io se uso l'ironia e trollo non uso condizionali, tranne alla fine del testo quando smetto di fare ironia (punto a cui molti vegardi ardi non arrivano, condividendo il testo festanti con l'ashtag "italia vegana nel 2017").

Quindi è solo uno strato rosso di barriera chiappale? Il prossimo commento toglie i dubbi:
"Esatto :D il post è in parte satirico e in parte sottolinea che occorre fare attenzione a ciò che si igoia ... un vegano di sicuro ingoia molto meno ..."
Il sito è satirico, la notizia è inventata per strappare una risata e basta, ma noi ci montiamo sopra un po' di propaganda, facendo pure doppi sensi squallidi, per affermare che vegan è superuomo wawawa. Onestà intellettuale che ti concima il cervello! Ma non che lo arricchisce, che lo riempie di merda!

Quel sito è pieno, strapieno di fuffa. Ma si sa, come il bannerone in alto testimonia, che bisogna vendere i libri di vegardi che in "3 mesi ho risolto i problemi di 30 anni", immagino mangiando carote e sedano. Tutto il mondo coglione che si ammala solo perché il 20% della sua dieta è composta da alimenti di origine animale. Mi domando come sia possibile sparare minchiate simili senza farsi schifo da soli.

1 commento:

  1. 'Azz! E 'ste bufale messe in giro dai veganimalardi non sono nemmeno buone da fare arrosto...

    RispondiElimina