lunedì 20 aprile 2015

Tsu: come funziona e come (e SE) si guadagna

Li volevi? Beh, dimenticateli, da Tsu non li avrai
Tsu è un social network che sta salendo alla ribalta in questo ultimo periodo in quanto promette un guadagno monetario agli utenti senza sforzo alcuno. La possibilità di guadagnare soldi su un social quando solitamente è una perdita di tempo intriga tantissime persone, così ho aperto un account e cercato informazioni a riguardo per capire come funziona e quanto si guadagna, se si guadagna...

Iniziamo con le premesse/promesse del social:

Tsu promette di pagare gli utenti che si registrano sulla base delle visualizzazioni che i loro post e le loro condivisioni fanno. Tutto molto bello, tutto molto ganzo e ci si sono fiondati a milioni.
Tutto qua? No... infatti prendi un buon 30% di quanto guadagnano quelli che si registrano passando dal tuo link, un 10% degli iscritti dei tuoi iscritti e il 3% degli ultimi nella piramide (si, è un sistema a piramide).
Loro dicono di trattenere il 10% del guadagno totale, e di distribuire il restante agli utenti (45% a te, 30% a chi ti ha fatto registrare e così come spiegato prima).
E qui partono le prime domande: come fanno a guadagnare così poco?
Il social ha sicuramente dei costi, e decisamente il 10% dell'incasso non basta a coprirlo... come fanno allora? Servizi di merda... economici e poco reattivi. Non hanno nemmeno uno straccio di protocollo di sicurezza! Il famoso HTTPS insomma. Immaginatevi che meraviglia: il paradiso degli hacker! Entrano, si inculano i soldi (visto che i guadagni si possono donare agli amici) e vaffanculo a te...

Ma entriamo nel dettaglio:

Quanto e come si guadagna


Loro non lo dicono apertamente, ma online l'informazione è che si guadagnano 5 centesimi di dollaro ogni mille visualizzazioni dei tuoi post. Pochino eh, però magari se mi faccio 10 mila iscritti e faccio 10 post al giorno (a proposito, il limite è di 24 al giorno, ma ci torno dopo) dovrei accumulare 100 mila views al giorno! Sarebbero 5 dollari al giorno, 150 euro in un mese!
Eh, valli a fare 10 mila! Fino ad ora ci sono riusciti in pochi, di sicuro ne so di due (gli unici ad aver ricevuto l'assegno, esatto ASSEGNO americano, ma all'epoca non c'era il limite di post...) e ammesso che tutti poi visualizzino tutti i tuoi post...
In realtà per raggiungere un numero di follower simile ci vuole veramente tantissimo lavoro.
Potrebbero salvarti i "familiari", il sistema a piramide, ma anche in questo caso per avere un numero decente ce ne passa tantissimo, senza contare che da loro guadagni il 30% di 5 centesimi di dollaro, nemmeno i miseri 5 iniziali...
Insomma, prima di vedere dei spicci o sei famoso e fai promesse di guadagno (cosa che io non farò MAI e chiunque lo faccia secondo me si gioca la credibilità) che ti sputtanano la faccia ci potrebbero passare ANNI.

Paga?

Eh, bella domanda eh.
In teoria si, in pratica è molto fumosa. Come dicevo prima fino ad ora, a quanto ho trovato nelle mie ricerche, solo due hanno ricevuto il famoso assegno da 100 dollari, due che avevano uno 10 mila iscritti/referal e uno che ne aveva 20 mila, fatti in forse due mesi, ma il bello è proprio questo: gli assegni erano scritti a mano...
Cosa molto, molto strana. Come avrete ben visto (e probabilmente evitato come la peste) io ho i banner di adsense nel mio blog. Ho ricevuto due assegni da loro (da Dublino, quindi assegni SEPA, non americani) ed erano compilati a macchina. Ora ragioniamoci un attimino sopra: se gli autori fossero intenzionati a pagare MILIONI di persone con un assegno, non avrebbero automatizzato la cosa? Ok che il payout è 100 dollari quindi l'utente medio li raggiungerà forse fra un anno forse fra 5, ma prima o poi dovrai staccare centinaia di migliaia di assegni ogni mese, come cazzo fai a farli tutti a mano? Ecco, non si può... e se questi bravi ragazzi non si sono premurati di staccare assegni automatizzati forse non hanno proprio nessuna intenzione di staccare assegni.
E i due che sono stati pagati? Spendere 200 dollari dopo due mesi è il giusto investimento in casi simili, così gli utenti si rincuorano e continuano a usare il social con fiducia. Del resto questo sito ha solo sei mesi, un sistema piramidale che si rispetti deve rimanere in piedi almeno per 2 anni. Per cui credo che quei due assegni, o magri anche una decina (nel mentre qualcun altro potrebbe aver raggiunto il payout) li hanno pure staccati, consci che per 100 dollari che pagano ne hanno 100 mila non pagati divisi in 200 mila persone.

Aggiornamento: Zeb89 con 20 mila iscritti e forse oltre 15 mila referral guadagnava nemmeno 100 dollari al mese, quindi queste considerazioni sono state troppo ottimistiche.
A facc 'ro cazz!


Conclusioni

Io credo che sia una totale perdita di tempo. Ammesso che paghino, lo facciano regolarmente e con continuità nel tempo, costruirsi una solida comunità, refferal e giro di views richiede troppo tempo e denaro.
Non credo che nemmeno io, volendo truffare i miei lettori e quindi giocandomi definitivamente la faccia, promettendo facili guadagni, con un blog ben avviato e una pagina facebook con oltre 5000 iscritti, potrei riuscire a raggiungere il payout (di 100 dollari, con un sistema che te ne paga appena 5 centesimi ogni mille views) in tempi decenti (per lo meno meno di sei mesi).
Stamattina ho infatti messo un post sulla pagina facebook e con link ref, al momento in cui scrivo ho totalizzato 7 follower e 1 referral. Condividendo su una pagina con 5000 e rotti iscritti eh, ok che ho detto fin da subito che dubitavo della cosa e se avessi promesso guadagni si sarebbero iscritte più persone, ma come ho detto prima non ho tenuto aperto un blog per anni per poi sputtanarmi dietro 5 centesimi. Per inciso, ho fatto cinque o sei post per un totale di zero centesimi di guadagno, per chi fosse interessato.

In ogni caso immagino il povero utente medio, che sente parlare di guadagni e corre ad iscriversi e usare questo social disgraziato, senza un protocollo di sicurezza, senza indicazioni chiare e precise sui guadagni (5 cent ogni mille l'ho trovato su un sito, e non sono sicuro nemmeno sia vero), e inizia a investirci tante ore e giorni di lavoro per poi trovarsi dopo mesi di fatica a raccimolare pochi euro al mese. Nemmeno la corrente elettrica per tenere acceso il tablet, non tanto il PC.
Gli unici che potrebbero guadagnarci sopra sono quelli con molti iscritti e già noti nel web, che si buttano in questo periodo iniziale di euforia e assegni staccati a pochi per incentivare le iscrizioni e l'utenza. Tutti gli altri perderanno solamente il loro tempo.

Insomma, riassumo: sito non sicuro (un normale http), assegni statunitensi (avete un conto in banca dove versarli? Accettano assegni dall'america?), guadagni infinitesimali, troppo tempo necessario per arrivare a guadagnare un solo euro e (da non sottovalutare) nessun contratto e nessuna certezza che fra qualche anno facciano come tutti gli altri: non pagano più nessuno tranne uno stronzo o due che posteranno il pagamento online così da convincere la gente a continuare a fargli fare soldi.
NON LO CONSIGLIO A NESSUNO. Non ne vale la pena, nemmeno da usare come semplice social "con surplus" visto che appunto non è nemmeno sicuro e decisamente si sta riempendo di bimbiminkia rampanti attirati dai centesimi.
Inizialmente avevo intenzione di testarlo per un po' di tempo, ma credo che mi fermerò a queste poche ore di esperienza e le testimonianza degli americani.

AGGIORNAMENTO:
Sembra che abbiano iniziato a pagare con paypal, era ora, per cui le considerazioni sugli assegni compilati a mano possono anche decadere. Resta il fatto che per guadagnare 100 miseri dollari (80 euro) ci si deve veramente perdere cinque anni, e ci sono i costi di pagamento, per cui alcuni mesi te li giochi così.

Ripeto le considerazioni iniziali: gli unici a fare soldi sono quelli che hanno molti iscritti, cioè personaggi famosi che parlano "innocentemente" di questa cagata di patetica scusa di social network oppure i ragazzini spammer che promettono "ingenti guadagni se ti iscrivi con me!!1!", inculando a destra e a manca.

Io, che ho una dignità, continuo a non giocarmi la faccia per quattro spicci e consiglio a chiunque legge di volgere la propria attenzione altrove, visto che con lo stesso impiego di tempo che servirebbe su tsucazzo frutterebbe molto di più se concentrato in attività più serie, anche online.

9 commenti:

  1. I pagamenti statunitensi non sono un grande problema, ormai il metoro di pagamento piu' diffuso e; la mastercard di payoneer che in automatico ti assicura un conto in banca negli states, il problema semmai e' il fatto che i follower devono essere su tsu e non provenirfe da altre fonti, in pratica e' un sistema che oltre ad essere piramidale non e' per nulla organico, tutto si crea e si distrugge dentro al social stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah si, se non sei iscritto non vedi un benemerito...
      Che coglionata, il traffico è traffico, su facebook per lo meno qualcosa la vedi

      Elimina
  2. In realtà il fatto che il sito sia sotto "http" non vuol dire che sia insicuro. Il tuo blog è insicuro perché non sotto cifratura? Il mio forum lo è?
    L'unica cosa che la cifratura fa è rendere cifrata la connessione dal pc fino al server che ospita il sito ed è utile nel caso ci si collega da reti insicure o pubbliche in cui vi possono essere persone a fare attacchi MTM (Man in The Middle), non è il caso di siti in sola lettura o da cui le persone commentano normalmente da reti sicure e non dalla prima rete wifi trovata libera :P
    Anche la questione https è abbastanza stronza: In pratica - se non si vuole perdere utenza a causa dell'avvio "il sito non è sicuro" - bisogna acquistare un cavolo di certificato firmato che non costa poco, soprattutto considerando che i grandi big del mercato stanno facendo un evidente cartello.
    Le alternative? let's encrype di Mozilla (ma che richiede come minimo una VPS, non un hosting web dedicato o inferiore) o openSLL che però fanno pagare in caso di revoca, ovvero nel caso scoppi un altro Heartbleed i clienti di openSLL dovranno vendersi un rene :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella è una delle mancanze della sicurezza, in ogni caso tu ti connetti al mio blog per lasciare un commento, non per gestire denaro (per quanto di denaro si possa parlare in quel social lì).

      Elimina
    2. No, se la tua rete è sicura una connessione http è sicura quanto una https, se non vi è nessuno che possa intercettare il traffico dalla tua rete locale la criptazione della connessione è un "di più" spesso fin troppo sopravvalutato. Avere una connessione in HTTPS non è sintomo di sito sicuro se poi il webmaster (o comunque gli addetti al servizio) trascurano ogni forma di sicurezza lato server, in primis il sanize dei dati ricevuti.

      Ad ogni modo, già che stiamo parlando di argomenti tecnici, ti invito a ripristinare ed ottimizzare la versione mobile: Capisco che la versione desktop sia effettivamente più comoda (per il semplice motivo che la versione mobile fa altamente schifo ed è stata mal progettata rispetto agli input touch) ma rischi una penalizzazione da google nelle ricerche fatte da smartphone: http://www.tomshw.it/news/mobilegeddon-google-penalizza-i-siti-che-snobbano-gli-smartphone-65656

      Elimina
    3. E infatti così è in questo caso: sicurezza zero, server scadenti e nessun protocollo di sicurezza, per lo meno valido.

      Comunque so del mobile, il fatto è che con questo nuovo template customizzato non funzionava affatto

      Elimina
  3. Sono andato a iscrivermi per stare su un social network di più e vedere com'è (e non m'è piaciuto). Dei soldi non sapevo niente. E in ogni caso non ci avrei creduto. Se arriveranno molti utenti - seccati dalle intromissioni di facebook - potrà essere utile curarsi anche quel giardino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel sito sparirà presto, oppure continuerà per anni scadendo sempre più di livello fino a quando non sarà una vera e propria fogna.

      Già ora metà dei contenuti sono meme che ironizzano sui guadagni di tsu...

      Elimina
  4. Ma possibile? Siamo nel 2015 e continuano a nascere realtà basate sul fantomatico guadagno senza sforzo, ma nessuno ha ancora capito che è una presa per il naso? Ci sono diverse soluzioni di questo tipo: pay to click, pay per click, pay per referral, e così via, ma non esistono guadagni cospicui né costanti, neanche se vuoi! Poi mettici pure i sistemi piramidali, e siamo a posto. Non capisco come facciano ad esistere ancora persone che sostengono di aver creato l'ultimo sistema infallibile che ti fa guadagnare senza sforzo come se avessi un lavoro vero e soprattutto persone che ci credono.
    Io a questo tsu, non mi avvicino neanche per sentirne l'odore; credo che gli unici sistemi con cui si può guadagnare _qualcosina_ sono le affiliazioni, ma con quelle, comunque, lo sforzo lo devi fare, non esiste altro!
    Se tu hai un blog che parla di te e racconti di esserti fatto la barba, e sopra la frase "mi sono fatto la barba" linki il rasabarba col codice di affiliazione amazon, direi che è molto difficile che qualcuno clicchi quel link.
    Ma, se hai un blog che parla della cura della persona in cui tra gli altri materiali inserisci anche la recensione del rasabarba, la cosa è diversa.
    Io l'unico sito con guadagno a sforzo minimo che ho e continuo a usare, è un sito pay per listen: si chiama musicxray, ce l'ho da due-tre anni, e per adesso mi hanno pagato una volta sola, dopo esser arrivata a 20 dollari -ora sono a 16,70-, paga con paypal.
    Una volta quando ascoltavi canzoni ti davano dei badge e si arrivava tipo a 42 centesimi a canzone e ne arrivavano più spesso. Ora danno 10 centesimi di dollaro fissi a brano, e arriva un brano ogni cosa... mese, mese e mezzo. Quindi è inevitabile che sia molto molto lento.

    RispondiElimina