martedì 29 luglio 2014

Il ferro nella dieta: menzogne vegane

Come ben sappiamo da decenni studiosi e ricercatori passano notti insonni per scoprire quanto più possibile. Uno di questi argomenti è la biologia e la nutrizione.
Devono essere veramente frustrati nel vedere che dopo decenni di sforzi arrivano quattro vegatalebani rampanti a vomitare stronzate iperboliche sull'alimentazione, nel caso specifico di questo articolo il ferro:


Non è vero che rinunciare alla KARN€ ti rende un infermo mentale con decine di carenze e mancanze di vitamine fondamentali, e non è nemmeno vero che si va incontro a carenza di ferro! Per dimostrarlo salta fuori l'ennesima tabellina comparativa stile disegnino per bambini dell'asilo in cui si confronta la quantità di ferro nei vegetali e negli animali, facendo trarre le conclusioni che LORO vogliono farti trarre (e stiamo per vedere che razza di lavoro certosino e soprattutto ONESTO hanno fatto!):
"Guarda, stronzo onnariano, noi vegardi tardi ci scofaniamo quantità di ferro maggiori di te, piccolo deficiente troglodita sottosviluppato mangiacarogne! Cambia dieta, evolviti come facciamo noi"
dissero i rachitici malnutriti laureati in minchiologia su youtube.

In realtà il ferro va suddiviso in due varianti: ferro EME e NON EME.
Il ferro non EME è difficile da assimilare, inoltre alcuni alimenti e condizioni lo rendono ancora più difficile da assimilare, come le fibre, il the, il cioccolato, calcio e fosforo.
Il ferro EME invece si assimila che una bellezza e non si hanno problemi di sorta.

Indovina un po' dove stanno rispettivamente i due tipi di ferro?
Il ferro EME nella carne, il ferro non EME nei vegetali.
La conclusione è che con questi paragoni ci si può allegramente pulire il culo!

Ma il massimo del degrado e del fanatismo religioso demmerda si tocca quando fanno notare a questi "professori in nutrizioni" con la licenza media finta trovata nel fustino del detersivo queste differenze loro prima ti danno del cretino, e dopo dicono la parola magica del fanatico religioso vegardo ritardato:
E' IL CONTRARIO!

Capito? Riscrivono anni di ricerche così, solo perché la KARN€ secondo loro fa male e non vogliono ammettere che è alimento buono e necessario.
Tipico del fanatismo...

Fra l'altro, tanto per rincarare la dose, hanno riportati dati assolutamente fasulli!
I fottutissimi pistacchi hanno 4 mg grammi per etto! Nella tabella riportano quasi il doppio!
Lenticchie 7,5 e nella tabella riportano 8
Piselli 2, nella tabella 4!!!
Parecchi degli alimenti nella tabella per bimbominkia vegardi tutti ritardi sono sovrastimati.
Ma la carne?
Hanno preso i tagli peggiori... perché il fegato d'oca ne ha 30 di microgrammi, e la cosa distrugge in mezzo secondo tutta la propaganda arda vegarda, ma anche il polpo con quasi 10 microgrammi per etto li manda dove meritano in pochissimo tempo.

Rincariamo la dose?
Prima ho scritto che ci sono degli alimenti che rendono il ferro non EME ancora più difficile da assorbire, che sono the, caffè, cioccolato e FIBRE.
Di cosa è ricca la dieta vegarda? Fibre...
Stanno li a raccontarsi le favole.
Stanno la a dire che se non respiri i livelli di ossigeno del sangue sale, per cui il nostro ossigeno ka$ta è inutile e dannoso.

Queste signorili smadonnate ai coglioni non sono per nulla rare, e decisamente questi fanatici della religione vegarda hanno rotto le palle.


11 commenti:

  1. Perché le fibre rendono ancor meno assimilabile il ferro non eme? Per via della peristalsi intestinale o per altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pagoda Anti-Verganimalarda31/7/14 20:35

      La nostra dieta prevede sì il consumo di tantissimi alimenti su tutti i fronti (verdura-carne-pane-cacao-derivati animali come uova, latte e latticini ecc), ma c'è da dire che il nostro corpo ha dei limiti: è risaputo che non abbiamo lo stomaco adatto alla digestione completa dei vegetali (con questo intendo, oltre alle verdure, anche le crusche di avena, crusche di grano e cereali) e alla conseguente assimilazione dei nutrienti che essi ci forniscono [Di 100g di sostanze nutritive presenti nelle verdure, noi riusciamo ad assimilarne solo una piccola parte, che va dal 5 al 20%, cosa che può essere evitata mangiando carne, oltretutto ricca di proteine e di ferro].
      Non centra tanto la peristalsi intestinale quanto il fatto che è solo un fattore biologico.

      Elimina
  2. Cazzata vegana AMPIAMENTE sputtanata su Qauano la menzogna si tinge di vegan
    [citazione]
    Un modo ben più scaltro per ingannare i lettori è quello di giocare con le unità di misura prescelte per esprimere un contenuto nutrizionale. Di solito si adottano percentuali riferite a 100 grammi di alimento fresco. È cioè corretto dire che per 100 grammi di carne fresca vi sono circa 25 grammi di proteine (vedi immagine sopra) mentre nei broccoli di proteine ve ne sarebbe poco più di un decimo. Visto che il trucchetto della sottrazione dell’acqua può essere facilmente smascherato, gli “Apostoli Vegan” hanno studiato un altro modo per coglionare la gente, ovvero quello di esprimere i dati per 100 Kcal, ovvero, i contenuti dei cibi vengono espressi in ragione di ogni cento calorie che essi ci danno. Ovvio che un vegetale, notoriamente ricco di acqua e fibre, non caloriche, sia favorito in tale confronto: prima di arrivare a 100 Kcal se ne deve infatti mangiare molto di più di quanto si abbia bisogno di fare in caso nel piatto ci si trovi una succulenta bistecca. Questa è infatti più ricca di proteine e di grassi, come pure ha meno acqua, perciò ne basta poca per farci raggiungere le fatidiche 100 Kcal. Se si confrontano quindi i valori riferendoli alle calorie, i vegetali vengono vergognosamente favoriti quanto a sali minerali, vitamine e perfino proteine! Ovviamente, questo giochino i crociati vegani se ne guardano bene dall’esercitarlo con alimenti vegetali particolarmente calorici, come per esempio i fagioli o i cereali. I cannellini apportano 337 calorie ogni 100 grammi di prodotto, cioè più del doppio della carne, a fronte di un contenuto proteico di poco superiore. Se si dovesse parametrare il contenuto di proteine in base alle calorie introdotte, i fagioli cannellini apporterebbero meno della metà delle proteine della carne. Non è quindi per caso se tale confronto non viene effetuato. Il riso integrale da parte sua ha circa 370 Kcal per 100 grammi di prodotto, ovvero 2,35 volte la carne. Si capirà bene che i suoi otto grammi scarsi di proteine sparirebbero nel nulla se il confronto con la carne si basasse sulle famigerate 100 Kcal usate furbescamente per le verdure.
    [/citazione]

    RispondiElimina
  3. Ergo: non mangiamo carne di vegardo, dato che la loro assunzione di quintalate di ferro non-EME li rende oltremodo anemici. :D

    RispondiElimina
  4. Le fibre rallentano e rendono più difficile l'assorbimento di tutte le sostanze nutritive, facendo sia da barriera sia aumentando la quantità di cibo indigerito espulso, e di conseguenza anche del ferro.

    RispondiElimina
  5. Senza contare Fabrizio che le verdurine hanno anche fitati e ossalati. E sai che con gli ossalati non si scherza (soprattutto con gli ossalati di calcio).

    Inoltre, per dirla tutta, anche tutti i tipi di carne hanno una certa quantità di ferro NON EME. Ergo, un pò di limone, e l'introito di ferro aumenta.

    Alla faccia dei vegecazzi.

    http://www.my-personaltrainer.it/salute/assorbimento-ferro.html

    RispondiElimina
  6. postare le tabelle con cifre sparse senza unità di misura è un errore che da solo toglie qualsiasi credibilità ai dati e, come poi spiegato, si capisce perchè.....buona fede questa sconosciuta

    RispondiElimina
  7. Conosco gente che ci crede fermamente e si autocondanna perché mangia carne.
    E quando dico che non è vero nulla e possono stare tranquilli controbattono negando.
    Quindi un giorno farò un esperimento:
    Due persone sole mi servono e le loro analisi.
    Una mangerà 100g di carne rossa, l'altra 100g di fagioli
    Fagioli.. a suo rischio e pericolo per i peti!
    Dopo 3 ore di digestione dovranno farsi analizzare un campione del loro sangue e inviarmi i risultati.
    Così potrò confrontarli personalmente e vedere chi sta dicendo la verità.
    Anche se penso di sapere già la risposta, io vorrei vedere ugualmente quali saranno i risultati, così da avere delle prove contro quella gente schizzinosa che ancora ci prende per ritardati mangiacadaveri.

    Test aperto a tutti... se lo fate contribuite a togliere il bavaglio alla scienza vera ed avrete tutta la mia gratitudine :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pagoda Anti-Verganimalarda19/8/14 00:45

      Le analisi vanno fatte a stomaco vuoto... quindi tante ore dopo aver mangiato.
      E per fare una cosa del genere, si vuole che i tester mangino solo quello da mattina a sera. Oh diamine. Facciamo prima a fare 1kg di carne e 1kg di legumi!
      Del resto sembra una buona idea

      Elimina
  8. Ottima idea, mi permetto un solo suggerimento: aumenta il campione di soggetti da analizzare, così ridurrai il rischio che le singole devianze nella capacità di assorbimento del ferro inficino il tuo studio ;-) qualche decina di persone potrebbero bastare per avere un risultato un po' grezzo ma abbastanza affidabile...

    RispondiElimina
  9. mancano le unità di musira...non si capisce nulla

    RispondiElimina