venerdì 2 maggio 2014

Testimonianza di convivenza con un vegan

Il titolo dovrebbe essere "Coinquilina vegarda vita beffarda II", ma essendo il racconto di esperienze di vita vissuta voglio distaccare un attimo le cose. Questo è il resoconto di una lunga convivenza di una persona, che chiameremo M, con una ragazza vegarda dai problemi evidenti ed enormi.
La lettura darà molte conferme ai nostri sospetti ma anche nuovi punti di vista:
"Tutto inizia nel 2012 in periodo di settembre quando tutti gli universitari sono in cerca di casa. C'ero anche io in quel gruppo di disperati e non avevo tempo da perdere, così rimboccandomi le maniche decisi di andare a vedere una casa in una buona zona qui a Roma. Nulla di apparentemente strano, una casa mezza decente ad un prezzo idoneo, su per giù, con altre due persone, ragazze di preciso. Non sapevo cosa mi aspettasse effettivamente, ma ti assicuro che il periodo passato lì è stato uno dei peggiori in assoluto. Spesso si sentono storie di "screzi" tra coinquilini, ma qui parliamo proprio di disturbi veri e propri, robe che c'avevo il malessere ad entrare in quella casa. Chiuso in stanza a studiare più tempo possibile per non vedere certe facce e per non dover tollerare determinati modi.

Faccio un passo indietro, la tizia in questione era una vegarda della peggior specie, ma lo aveva tenuto nascosto per quel poco di tempo che mi è bastato per chiedere "cosa sono sti hamburger di soia?" figuratevi quando assaggiai il seitan. Bene..senza calarmi nel personale e riassumendo, ho avuto la malaugurata sfiga di vivere con una vegarda per un anno e mezzo, prima di andarmene, finita la pazienza e raggiunto un limite intollerabile.

Ci sono vegani e vegani come ci sono vegani e vegardi, la sola cosa che posso affermare con certezza e senza alcuna cattiveria, è che la stragrande maggioranza di queste persone ha subito qualcosa di forte nella propria vita.
Non è una illazione campata in aria, io sono abbastanza espansivo quando conosco delle persone e mi incuriosisco dei caratteri altrui, seppure in questo caso, dopo aver capito determinate cose non potevo far altro che rinchiudermi per evitare contatti.

Riprendendo il discorso "causa-effetto" basti pensare che, la seconda ragazza, onnivora a suo tempo, diventò vegana influenzata inizialmente dalla vegarda originaria e successivamente per introduzione nella cerchia di scoppiati che venivano a casa per gozzovigliare con delle pietanze che..lascio alla vostra immaginazione. La ragazza in questione, la neo-vegana, non è una ragazza che si è casualmente interessata, ha avuto molti problemi nell'arco della sua vita..ovviamente evito di fare nomi ma, ad esempio: genitori divorziati, rapporti con uomini molto più grandi di lei, zero amicizie, si tagliava perfino; e una volta, fu molto pesante, tentò il suicidio tramite ingestione di farmaci. Sì, non è una cazzo di storia inventata, tentò davvero il suicidio a causa di un vegano del quale si era invaghita, ed ovviamente era già stata influenzata dalle nefandezze di quei poveracci.

Questa cosa mi fece riflettere molto sulla questione, tant'è che iniziai a compatirli più che odiarli. Conobbi i loro "amici", con divari di età a tavola che andavano dai 20 ai 40anni, e già potete capire che, a prescindere dal carattere altrui, è difficile che persone con divari di età tali si frequentino. Erano davvero tristi, ossessionati dal cibo, passavano serate a discutere di cibo e di cibo e ancora di sto cazzo di cibo loro. Il livello culturale era davvero basso, io che studio materie scientifiche ero costretto a sentirne di tutti i colori. Solite cose, sapete bene in cosa credono quei disadattati.

Ah, ecco, disadattati, era questo il termine che li definiva meglio. Quasi tutti erano senza un lavoro fisso, ovviamente pochi amici, se non lavori "umili"(certo di tutto rispetto), ma si vedeva che avevano dei seri problemi, si leggeva facile in volto che di sicuro qualche debolezza c'era.
Ad esempio, la vegarda primaria, che devo dire non mi ha mai imposto il suo credo (e menomale), non aveva un buon rapporto coi genitori, si lamentava del suo "lavoro"...chiamalo lavoro guadagnare a provvigoni , non aveva amici e si lamentava del fatto che usciva poco, ma soprattutto non riusciva ad avere relazioni fisse con ragazzi. Per dire, a prescindere dai modi e gusti altrui, fa strano vedere una persona che quando non frequenta nessuno si fa i fatti suoi e quando deve frequentare un ragazzo, ogni santa volta, deve averne più di uno. Robe che in quei periodi prima non usciva con nessuno e poi il pomeriggio con uno e la sera con un altro.

Ok, sì, dite quel che volete, libertà sessuale e co. Ma rimane una cosa abbastanza inconcludente e provocatoria, come dire (e lo diceva) "che non è giusto che si provi amore per una persona, si può provare anche per più persone contemporaneamente". Sì, ok, peccato che iniziò a dire queste cose dopo aver visto i video di un tale su youtube, la loro sacra Bibbia. Da aggiungere la sua ovvia sparata sui coetanei "sistemati e sposati" per i quali provava invidia. Ah, per i suoi rapporti, una serie di fallimenti senza sosta. Ovviamente provocava anche me, fidanzato e felicemente tale, tirando fuori, dal nulla, cose come "Mi è sembrato di vedere la tua ragazza con un altro venerdì scorso"...cose che...con la mia ragazza ci parlai tutto il tempo quel venerdì a cui si riferiva...infine in risposta al mio tono scherzoso (trattenuto)..concluse con "no ma non era lei..ci somigliava". Altro da dire su battute di questo tipo...sinceramente mi fermerei qua perché c'è molto altro.

Altra cosa, diceva di non sopportare l'odore della carne, quindi indirettamente apriva finestre e chiudeva porte per non sentire l'odore (che casomai gli faceva gola). Ricordo ancora quando, tagliando un pezzo di carne cruda..da cucinare, venne in cucina dicendo lamentosamente "ma serve a me quel coltello!!". Io, come sempre facendo il finto tonto risposi "te lo lavo e poi lo usi". Sì..ovviamente rispettavo la scelta e lavavo le padelle dove cucinavo carne e non, ripassando anche due volte.

C'è ovviamente dell'altro, tipo il suo puccioso cagnolino che trattava a mo di figlio. Avete presente quelle persone con spiccata ipocrisia che rientrando a casa dal lavoro salutano il proprio animale domestico con "Bello mio, bambino mioo! Ti sono mancata? Vieni qua amore mio" E come tale lo trattava, al pari di un essere vivente, anzi no, meglio. "E' vegano il mio cane" diceva, certo! Solo croccantini vegetali, però quando cucinavo io stava sempre pronto sotto i fornelli a prendere qualcosa che cadeva o a reclamare cibo, di origine animale ovviamente. Ma no, veniva subito richiamato e rinchiuso in stanza. Bah, dicono che son gusti ma la vedo dura.

A parte questi episodi, erano tutte persone che si ritenevano non solo superiori ma anche furbi. E via con lo sminuire altre persone, con battute poco carine, sempre con continue intrusioni anche quando si portavano amici a casa (eh, la mancanza di attenzioni). Vi lascio immaginare la superiorità nel gestire la casa, nella pulizia (rigorosamente architettata prima che qualcuno dovesse visitare casa per un cambio di stanze in affitto) o rigorosamente distribuita asseconda dei propri impegni e non quelli degli altri. Faceva la furba, io gli davo corda perché, povero fesso, mi faceva anche pena e non volevo creare scontri. Ma ad ogni cosa c'è un limite ed ognuno ha la propria pazienza. Dopo aver sopportato cene e feste del cazzo, dopo aver visto qualunque tipo di cibo di origine imprecisata, discorsi su multinazionali e lobby della karne!1! (poi aprivi la dispensa ed era tutto Carrefour e compagnia bella preconfezionata di chissà quale schifo). Dopo aver sopportato cazzate di ogni genere, fastidi sul fatto che fumassi (e sul contratto nulla me lo impediva), arrivò il giochetto fastidioso dell'affitto, che ridusse perché voleva una persona in più in casa..così da 3 a 4 ebbi la fantastica detrazione di ben 30 euro con un cesso solo in casa (ma questo a prescindere dal vegardismo fu solo disonestà accompagnata da una ripartizione scandalosa delle bollette in percentuali, maggiori per chi stava in singola).

Resistetti anche quando, come ormai di norma, la sua amica andava la mattina a fare "colazione" a casa nostra. Ebbi la sfiga di avere la stanza attaccata alla cucina, e il letto dalla parte del muro che divideva i due ambienti. Mi svegliavo spesso con discorsi sui vegani che vengono trattati male (e non si parlava di altro). Una mattina stavo facendo il caffè e l'amica in questione, mentre parlavano di come sia possibile uccidere conigli, con fare abbastanza spinto e irrispettoso si rivolse al povero cristo che sono, appena in piedi, mentre facevo finta di stare lì ad ascoltare, per cortesia, e per evitare di andarmene a farmi i fatti miei "MA TU LI MANGI I CONIGLI? MA COME FAI A MANGIARLI?" quasi sbraitando, con le mani sul tavolo, tipo inquisizione. Pensate alle 8 di mattina, appena in piedi una cosa del genere..risposi senza pensarci "a me piace il coniglio coi piselli..." non mi ero reso conto haha, non sia mai l'avessi detto aggiunsi in extremis "va be non lo mangio spesso", salvandomi in corner e dirigendomi in stanza.

Una mattina la povera vegarda non pensava fossi in casa, fatto sta che mi svegliai con le sue urla, e dico urla, sempre al solito orario mattutino "CERTO CHE NON LE FANNO LE PUBBLICITà COI VEGANI, è PIù BELLO VEDERE UNO CHE MANGIA UN PEZZO DI CARNE SECONDO LORO, CHE UNO CHE SI MANGIA LA SOIA". Fu una delle poche volte in cui non resistetti...uscii di camera e la poveraccia si rese conto dell'errore e mesta mesta si ridimensionò, presi due belle uova e iniziai a friggere a tutto volume uova strapazzate. Potrei raccontare dei disagi, del calendario degli "animalisti italiani" appeso in corridoio...con testimonial famosi truccati e ritruccati con chissà quali cosmetici. Potrei parlare dei tentativi inutili di spiegare come funzionasse l'apparato digerente. Del fatto che da quando era veggy vegarda non aveva le mestruazioni, di quando mi tentò di far vedere il video dei pulcini triturati in chissà quale fabbrica americana (Youtube&co.), di quando mi chiese di prenderle la pasta da forno e non la presi perché "può contenere latticini" e si incazzò tentando di spiegarmi che non li conteneva e mettendosi a ridere addirittura perché, povero fesso, so che alcune fabbriche producono più prodotti e "può contenere latticini" significa proprio che potrebbe contenere derivati animali(nel suo caso) ma per la sua coerenza no; di quanto ho sopportato le cene e cenette del "io sto diventando fruttariano" "io sono crudista", ancora di tutti i disagi familiari, in amicizia, della pseudo superiorità corrisposta ad un fallimento generale.

Quello che posso affermare, senza vergognarmi e senza cattiveria, è che la stragrande maggioranza di sti fanatici ha problemi seri, e forse sarebbe meglio aiutarli in qualche modo.. Che sia un amico o uno psicologo, è innegabile la loro maniacalità e il loro volersi erigere a paladini della giustizia. Posso dire, state lontano dai fanatici, e non avvicinatevi troppo anche a quelli che lo sono meno. Una cosa l'ho capita, si sentono migliori rispetto agli altri a prescindere, è una cosa che in verità potete dedurre anche voi, senza troppi sforzi.

Riporto una mia analisi in conversazione con un amico:
Parliamo di persone non solo disturbate, ma anche aiutate nell'esserlo, supportate da fandonie stratosferiche e da limiti inventati e serviti (ovviamente veg). La cosa più grave non è il contesto tra associazioni di propaganda e ignoranza dei veggyveg, ma la superbia ancestrale che ritengono di avere, su chiunque. Il ragionamento è semplice "Io NON faccio una cosa poiché ho capito qualcosa in più di te, povero inconsapevole". La realtà è "io sono una persona disadattata senza valori, hipster e pseudo anticonformista, tant'è che nella maggioranza dei casi oltre ad essere un estremista represso senza vita sociale, nonché un fallito della più aulica specie, credo in maniera totalmente ignorante a cose senza basi minimamente scientifiche e logiche."

Le cause sono diverse...fallimenti, rapporto non idoneo con la propria famiglia, insicurezze, mancanza di contatto con la realtà.
Come di conseguenza, o meglio come gli estremisti, è ovvio che si cerca il proprio simile. La differenza è che nei normali casi (un partito politico, una associazione, un movimento) ci si confronta con diverse fazioni, invece per gli estremisti si sa..si cerca supporto per le proprie debolezze.

La cosa sconfortante è sapere che queste sono persone consapevoli di essere estremiste.
Immagina che significa passare la giornata e pensare alla "soddisfazione" di "wow nel mio piatto non c'era un essere vivente".
Ci si crea una effimera consapevolezza di benessere, una droga appunto. La droga non porta pochi sintomi...ma diversi sintomi: dai cibi, ai detersivi (pseudo salva ambiente, senza che loro sappiano cosa c'è dentro), fino alla raccolta differenziata (cosa giusta)..insomma tutti temi comuni...non disdegnando, in taluni casi, di utilizzare plastica e robaccia sintetica che ammorba peggio di cibo del mc donald, come l'utilizzo di acqua sproporzionato per lavare piatti, consumo di energia a paletta..quelle comodità nostre.

Quindi come puoi ben notare..vistosi per i temi sociali...ipocriti per i temi personali...ossia...se mi vedono faccio bene, quando non mi vedono lo so solo io. (o magari non si rendono nemmeno conto, proprio per egocentrismo)
Anche i prodotti da bagno non testati sugli animali (ovviamente tutti testati, cambia la dicitura "sperimentato" "testato clinicamente", "clinicamente testato" che può indicare test su animali, persone, bambini e chissà cosa)

Insomma, un'accozzaglia di ignoranza e mancanza di contatto con la realtà. Un businness per chi vende prodotti di questo tipo, costosi e di scarsa qualità, in verità. Robaccia preconfezionata e schifezze pseudo orientali tipo "seitan" e "tofu" spacciati per ingredienti di qualità.

Il discorso alla fine, gira e rigira, è semplice, soprattutto sul versante "animali".
Poveracci, quelli pensano davvero che la dimostrazione d'affetto di un animale è tutta loro ed unica, al pari se non meglio di un rapporto con una persona. Lo sa anche un bambino di cinque anni che se dai da mangiare ad un cane per tot mesi e poi per altri tot sono io che do da mangiare al cane, quest'ultimo si abitua ed affeziona a me. Ma sono da comprendere, sti poveracci, alla fine hanno determinate mancanze d'affetto che devono colmare, e un animale in parte può farlo proprio perché dona affetto incondizionato...appunto..a chiunque."

Direi che c'è poco altro da aggiungere. Una sola cosa: mai andare a ficcarsi in mezzo agli estremisti di sta ceppa di minchia!

55 commenti:

  1. Il bello è che i vegardi sembrano aver dimenticato la connessione vegetale=essere vivente. Le loro belle schifezze di soia non sono state tratte da una pietra, ma, giustappunto, da una pianta di soia. (Che poi è pure buona da mangiare, se viene trattata come soia e non trasformata in schifezze come il seitan e il tofu.) Le loro belle verdurine crude, la frutta e le altre schifezze: sempre esseri viventi sono. Che differenza ci passa tra il tagliare a pezzi, cucinare e mangiarsi il coniglio coi piselli e l'effettuare le stesse precise azioni su una qualsivoglia verdura? Mah. Il tuo amico M non è l'unico ad aver notato questa faccenda del "Nel mio piatto non c'erano ESSERI VIVENTI"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vegano, una volta, mi ha dato dell'idiota asserendo che le piante non sono esseri viventi, fai tu.

      Elimina
    2. Un piccolo appunto (anche io ero caduto nell'errore): il seitan non si fa dalla soia.
      Su youtube ci sono dei video che spiegano come si fa (e dicono che fa cagare, se non sono vegardi)

      Elimina
    3. Il seitan è in pratica un concentrato di glutine, lo stesso glutine che vari vegecazzari ritengono causa di [inserire numero a caso] malattie mortali. Però se lo si rinomina "seitan" diventa super-salutare. Misteri del veganismo...

      Elimina
    4. Confesso che le informazioni in mio possesso sul seitan erano parecchio lacunose. Sia come sia: viene anch'esso da materia vegetale, quindi, secondo l'idea dei vegardi, da una pietra...

      Elimina
  2. Vincenzo2/5/14 12:25

    E' una cosa che pensavo da mesi ormai.
    Non è tanto l'essere vegetariani / vegani che ti causa depressione o altro (in parte si però) ma proprio un'ossessione continua e mancanza di affetto, una mancanza di un obiettivo nella vita che causa un vuoto incolmabile e che ti rende mentalmente "morto".
    Trovata una causa da seguire ci si sente più vivi, ma essendo l'unica ragione di vita diventa un ossessione che ti porta più alla follia di prima.
    Questa è una vera e propria droga che all'inizio ti fa stare bene, ma che dopo ti distrugge lentamente e senza neanche che te ne rendi conto!

    Ho visto una cosa in comune negli animalisti e vegardi; le caratteristice più comune in essi sono:
    1. Sono donne di mezza età
    2. Molte di loro sono single (o divorziate, del resto povero l'uomo che se la prende).
    3. Hanno (e non esagero) tutte la stessa espressione (non saprei esprimere a parole veramente come) occhi che non ti guardano direttamente ma sembrano che fissino parzialmente il vuoto, e un'espressione facciale quasi "maniacale".

    Per chi non mi credesse, potete cercare video di animalisti (o la signora "limone e peperoncino", la stessa con occhi fuori dalle orbite, esaltata ma sopratutto un espressione fortemente ansiogena.

    Queste persone andrebbero aiutate, perché non avendo una reale ragione di vita possono cadere nell'estremismo (vedi gli attacchi di ALF agli allevamenti) o trovarsi una coinquilina cosi!
    Ma andrebbero aiutate da persone competenti, perché una persona normale se dicesse "sbagli in tutto" o altro, questo verrebbe percepito come un attacco diretto, un tentativo di togliere l'unica cosa che le tiene vive, ecco perchè reagiscono con tale violenza.

    Ripeto, non è la dieta in sé ad esser problematica (conosco alcuni, ma pochi purtroppo, vegetariani che sono persone tranquillissime e anche solari) ma proprio un problema a livello sociale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, la tipica canara/gattara rincoglionita... Ne ho viste tante cosi', sembrano fatte con lo stampino! Ai miei tempi le donne cosi' diventavano parrocchiane bigotte, oggi diventano grulline e/o animaliste ma la sostanza e' sempre quella! Piuttosto, la conosci la signora "limone e peperoncino"? Me lo linki qualche video/articolo di lei?

      Elimina
  3. caro Fabrizio Leone, se ti fossi soffermato all'analisi dei comportamenti estremi avrei apprezzato il tuo scritto, ma certe conclusioni affrettate ti rendono peggio di loro, coglioncello di facile fama sui luoghi comuni delle credenze perpetrate nella socialità grazie all'azione massiccia delle multinazionali della morte, macellai e pseudo medici che campano con la morte della gente.
    non credere, la tua droga è la cadaverina, non ne puoi fare a meno e critichi invece chi non la assume. il coro di commenti li lascio perdere oltretutto l'articolo è stato scritto proprio per scatenare individui della stessa razza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questo è fantastico!
      Ho a che fare con i vegardi da ormai due anni e le mie sono "conclusioni affrettate".
      Ah be', detto da uno che ha letto appena un post è legge, dogma, verità e scienza!

      Elimina
    2. Ma vaaaaaaaa, e' un troll...

      Elimina
    3. Poteva anche sembrare una critica costruttiva, poi quando ho letto "multinazionali della morte" ho capito che questo individuo è il classico vegecazzaro complottista. Da compatire.

      Elimina
    4. Tutto ciò che scrivi non fa che CONFERMARE che essere vegani BISOGNA ESSERE IDIOTI, altrimenti non scriveresti simili CAZZATE.
      l'uomo NON E' E NON SARA' MAI vegetariano, l'uomo è onnivoro, fregandosene deii DECEREBRATI che affermano il contrario.
      STUDIA e vedrai che sarai meno idiota

      Elimina
    5. "la tua droga è la cadaverina"

      Come stiamo messi male... non dite ad Antonio che la cadaverina e la putrescina sono normalmente presenti anche negli esseri viventi (erbivori e non) e non solo quando si innesca il meccanismo di putrefazione della carne. Sono sostante normalmente prodotte dal nostro orgasnismo, i cui livelli però aumentano quando inizia la putrefazione dei tessuti di un corpo morto. L'atto di mangiare carne non ne aumenta i livelli.

      Ergo, vegetaliani ed onnivori sono "drogati di cadaverina" in egual misura.

      p.s.: che diceva l'amico M sui "vegardi" che si bevono qualunque panzana anti-scienfica che gli dia minimamente credito? :D Ah beata l'ignoranza.

      Elimina
  4. Un'importante dimostrazione del fatto che i vegani siano degli individui instabili, con manie compulsive e problemi pregressi che li hanno portati alla loro folle scelta.
    Ma ancora più interessante: fanno una vita schifosa e isolazionista all'interno della loro setta e sono sfruttati a scopo commerciale dai distrubitutori di cibo.

    Secondo me la società dovrebbe capire che sono delle persone che hanno bisogno di aiuto perché hanno un comportamento patologico.

    RispondiElimina
  5. Linko qui l'articolo in cui ho linkato il tuo http://www.laydo.it/?p=2037

    RispondiElimina
  6. La cosa piu' bella e' che i vegardi sono i primi a credere in tutte le cazzate piu' assurde... Quando parli con un vegano vedrai che crede anche allo spiritismo, all'omeopatia, al signoraggio, ai rettiliani, alle scie chimiche e a tutte le cazzate piu' ridicole e assurde che esistano! Basti guardare il blog di vaccaro per averne un esempio... Purtroppo questo e' quello che succede quando non ci sono servizi sociali adeguati: le persone fragili cadono in una ideologia folle invece di essere aiutate e curate.

    RispondiElimina
  7. E come la mettiamo con la a distruzione di intere colonie di insetti che vivono sulle piante e sui prodotti vegetali di cui i vegani si nutrono? Hanno forse questi meno diritto di vivere? Ovviamente i vegani, che hanno conoscenze dell'ecosistema prossime al grado 0 spaccato, questo non lo sanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come tu non sai che gli animali che ti mangi, non vive d'aria... eeehhh l'ignoranza è una brutta bestia.

      Elimina
    2. Le piante invece non consumano risorse per crescere e finire sul banco a portata di vegani?
      Tipo che in Africa c'è gente che muore di sete, no così per dire.

      Elimina
  8. Io non ho studiato psicologia, ma ho conosciuto persone che l'hanno fatto, così come diverse persone che sono finite ricoverate per squilibri alimentari.
    Quando l'alimentazione diventa l'aspetto dominante della propria vita, allora qualche disturbo psichico c'è di sicuro.
    E' normale mangiare per vivere, non vivere per mangiare.

    RispondiElimina
  9. Il satan si fa 'lavando' la farina, mi pare si estragga il glutine [?!?], l'ho visto fare, ci vuole un po' di tempo e devi pure cuocerlo con millemila spezie senno' fa haha' [ alla fiorentina ]. Tra le altre cose che mi intristiscono dei veggie e' che i surrogati sembrano carne [ atenzione qui eh ] , i salsicciotti di seitan, il prosciutto di seitan, il ragu' di seitan...ecc insomma alla fine sembra carne ma non e' e ti deprime pure [ non e' la roba di pollon ] boh a me non stanno sul cazzo i vegani fryttariani ecc per me possono farsi di erba gatta non mi cambia la vita ; di estremisti ce ne sono in tutti i gruppi sociali specialmente in queste sottoculture - almeno io la considero una sottocultura. Poi ovvio da quando c'e' interdent si notano i fanatici le persone "normali" i veg "normali" non sono li' a cagare la minchia al prossimo o a dare dell'assassino ai macellai. Quelli sono estremisti.

    RispondiElimina
  10. cit Antoniodf

    vedi dire a qualcuno troiate tipo "la tua droga è la cadaverina" a parte non significare un cazzo di niente ti mette gia' dalla parte del fanatismo. Ti puo' piacere o no pq ovviamente ma
    1) il post non lo ha scritto lui - se cosi' fosse ho capito male io
    2) ti consiglio di leggerti il blog prima di sparare sentenze - ma sembra che non te ne fotta granche' altrimenti non avresti postato
    3) vai di fleshlight e la vita ti sorridera' http://www.fleshlight-international.eu/classics/pink-lady/#products
    LOL

    RispondiElimina
  11. lavoceidealista

    minchia tutti psicologi siamo eh ;)
    alla bisogna anche dottori e nutrizionisti, ma anche meterologi antiquari socialisti rigattieri giornalisti
    il web odierno e' la descrizione perfetta del fenomeno dunning krueger - ora faccio io il filosofaro ;D

    RispondiElimina
  12. Ovviamente provocava anche me, fidanzato e felicemente tale, tirando fuori, dal nulla, cose come "Mi è sembrato di vedere la tua ragazza con un altro venerdì scorso"...cose che...con la mia ragazza ci parlai tutto il tempo quel venerdì a cui si riferiva...infine in risposta al mio tono scherzoso (trattenuto)..concluse con "no ma non era lei..ci somigliava".

    Cattivella questa frecciatina!!! Non me lo sarei mai aspettato.... wait, stiamo parlando di vegardi, allora è tutto nella norma: cattiveria gratuita, bugie e manipolazioni contro chi conduce uno stile di vita diverso dal loro. :D

    Parlando con diversi amicizie, che hanno avuto un certo numero di episodi negativi con "vegardi" (più o meno estremisti), si era giunti all'ipotesi che tutta questa rabbia repressa ed astio nei confronti di chi "mangia cadaveri" abbia una logica: loro, inconsciamente, credono che lo stile onnivoro sia la causa che ha determinato i traumi vissuti in passato, cioè loro sono diventati "vittime del sistema" perché il sistema stesso è onnivoro, e quindi il "sistema è brutto e cattivo a causa della carne", ergo, il "sistema è stato cattivo con loro perché tutti mangiano la carne".

    Non gli passa nemmeno per l'anticamera del cervello che non c'è nessuna causalità tra le due cose, gli è andata di sfiga e basta, ne prendi atto, volti pagina e ti crei una vita migliore (come fanno tutti). Invece loro si accaniscono sulla "carne che causa tutti i mali del mondo" perché così hanno un motivo per poter giudicare gli altri ed in qualche modo riscattarsi emotivamente e moralmente.

    RispondiElimina
  13. sig.leone
    In cerca di nuove riguardanti l'alimentazione vegana,mi sono imbattuto nel suo sito,leggendo svariati articoli che lei ha postato,mi sono accorto della totale mancanza di dati scientifici in merito ( tranne che per l'articolo riguardante uno studio condotto dall'Austrian healthy interviw che sembra avere una certa valenza,le chiedo di leggere il seguente articolo http://www.shan-newspaper.com/web/scienze/1099-la-dieta-vegetariana-fa-bene-alla-salute-anzi-no.html.),però non ho fatto altro che notare il suo linguaggio alquanto colorito che utilizza nei suoi articoli.Detto questo,vorrei comunicarvi in un unico post il mio pensiero riguardante tutti i suoi articoli sull'alimentazione vegana et simili.Ad esempio:Mangiare carne e indispensabile,mi ha fatto storcere un po' il naso;partendo dalla famigerata vitamina b12 o cobalamina,e appunto una vitamina che e essenziale nella produzione di globuli rossi e per le cellule del sistema nervoso ( anche l'acido folico o vitamina B9 aiuta a mantenere sano il sistema )e si trova solamente negli alimenti di origine animale,ora sorge un dubbio secondo voi gli animali erbivori dove trovano la vitamina b12?chiaramente sulle verdure,si propri i vegetali che ospitano alcuni microrganismi che sintetizzano la vitamina b12 e gli animali la mangiano e che a loro volta vengono mangiati.La carnosina invece e una sostanza che si trova nei muscoli,regola la quantità di energia e contrasta i radicali liberi,la cosa che più ci interessa e che il nostro corpo e in grado di sintetizzarla da se.L'omega3 che lei dice,si sarà anche indispensabile per la formazione del cervello,ma vi correggo,gli oli vegetali ad es l'olio di lino,contiene circa il 50% di omega3 sotto forma di acido-alfa-lioneico (ala),che però per contrastare le eventuali carenze degli altri 2 tipi di omega3 quali,l’acido eicosapentaenoico (epa),l'acido cosaesanoico (dha),che si assumono solo tramite prodotti a base di pesce,deve essere maggiore rispetto a chi mangia anche saltuariamente pesce,fatto sta' che anche le noci e tutti i sementi ed alghe hanno una quantità di omega3 da non sottovalutare,qui riporto una tabella della quantità di acidi grassi omega3/6 contenuti in alcuni alimenti di origine prettamente vegetale:
    100 g DI NOCI: 9 g di omega 3 e 38 g di omega 6
    10 g DI OLIO D’OLIVA: 0,8 g di omega 6
    10 g DI OLIO DI GIRASOLE: 6 g di omega 6
    100 g DI SEMI DI LINO: 10 g di omega 3 e 2,5 g di omega 6
    100 g DI ARACHIDI: 16 g di omega 6
    La vitamina D3 invece potrebbe servire alla regolazioni della risposta immunitaria rispetto ad alcuni agenti microbici, e serve all'inibizione di alcune forme immunitarie che causerebbero la sclerosi multipla,comunque si ha una adeguata forma di assorbimento tramite la luce solare.In fine la creatina serve per ottimizzare il sistema dei fosfati,e si la maggior parte della creatina si trova nella carne,ma essendo sensibile alle alte temperature,quando viene cotta la carne gran parte della creatina scompare,quindi per avere un apporto di cheratina giusto bisognerebbe mangiare carne cruda.Detto questo mi rendo conto che i suoi post hanno la tendenza a denigrare chi ha fatto la scelta di diventare vegetariano o vegano,io sono contrario alle sue forme etiche, ma di certo non mi permetterei mai di denigrare qualcuno che ha fatto una scelta diversa dalla mia,ma ugualmente sono contrario alle forme di estremismo.Vorrei illustrarle che gli animali che secondo lei ritiene stupidi e se non altro privi di capacità ad avere emozioni simili agli umani;sono così per natura in quanto non anno acquisito un livello evolutivo tale poter essere simili a noi,ma ciò non vuol dire che siano stupidi o privi di emozioni,e leggendo in un suo post precedente in cui lei parlava della libertà degli animali ed in particolar modo dei bovini,ciò che lei ha detto è una contraddizione in quanto,gli animali sono esseri che seguono i loro istinti, e chiuderli in box sarebbe un ostacolo alla loro natura, quindi,sofferenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. premesso che potresti trovarmi d'accordo con la non stupidità degli animali (in realtà l'articolo voleva far leva sulla stupidità degli antispecisti che definiscono "fratelli" o "bambini" gli animali e i cuccioli), ci tenevo a precisare che la vitamina B12 si trova SOLO NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE (fegato, rognone, carne, pesce, crostacei, frutti di mare, pollame, latte, uova). Il tuo commento è solo frutto di un copia-incolla da qualche sito vegano, inzeppato delle peggiori troiate para-scientifiche e/o pseudo-tali. Detto questo, ammesso e concesso che la vitamina B 12 si trovi anche nei prodotti di origine vegetale, mi sorgono 2 dubbi: perché i vegani acquistano integratori di vitamina B 12 se ne fanno il pieno ogni santo giorno (al contrario della gente comune che la assume solo con i cibi da me su indicati)? Secondo dubbio: sempre ammesso che questa vitamina si trovi nelle verdure NON LAVATE (quindi mangiate crude e ancora sporche) quali sarebbero i rischi connessi all'assunzione di un cibo NON LAVATO? E qui potei farti un esempio, come epatite (tipo A soprattutto), assunzione di pesticidi (ma i fidate davvero dei prodotti BIO?) e/o altre patologie di origine batterica e/o virale.
      Come ti sarai reso conto non è possibile, quindi è necessario ricorrere ai cibi di origine animale. Consumati in maniera moderata, ovviamente (come ogni cosa, frutta e verdura comprese).
      Felice vita a tutti

      Elimina
    2. premesso che potresti trovarmi d'accordo con la non stupidità degli animali (in realtà l'articolo voleva far leva sulla stupidità degli antispecisti che definiscono "fratelli" o "bambini" gli animali e i cuccioli), ci tenevo a precisare che la vitamina B12 si trova SOLO NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE (fegato, rognone, carne, pesce, crostacei, frutti di mare, pollame, latte, uova). Il tuo commento è solo frutto di un copia-incolla da qualche sito vegano, inzeppato delle peggiori troiate para-scientifiche e/o pseudo-tali. Detto questo, ammesso e concesso che la vitamina B 12 si trovi anche nei prodotti di origine vegetale, mi sorgono 2 dubbi: perché i vegani acquistano integratori di vitamina B 12 se ne fanno il pieno ogni santo giorno (al contrario della gente comune che la assume solo con i cibi da me su indicati)? Secondo dubbio: sempre ammesso che questa vitamina si trovi nelle verdure NON LAVATE (quindi mangiate crude e ancora sporche) quali sarebbero i rischi connessi all'assunzione di un cibo NON LAVATO? E qui potei farti un esempio, come epatite (tipo A soprattutto), assunzione di pesticidi (ma i fidate davvero dei prodotti BIO?) e/o altre patologie di origine batterica e/o virale.
      Come ti sarai reso conto non è possibile, quindi è necessario ricorrere ai cibi di origine animale. Consumati in maniera moderata, ovviamente (come ogni cosa, frutta e verdura comprese).
      Felice vita a tutti

      Elimina
    3. Mi aggiungo anche io alla discussione, precisando che le fonti vegetali di grassi omega 3/6 sono di tipo ALA, di cui il corpo non ne ha bisogno! (in quanto è un precursore dell'omega 3, e per questo DEVE essere convertito).
      Infatti, al corpo umano servono l'EPA e il DHA, e i semi e gli olii NON NE HANNO!!!!!!!!!!!
      Il corpo è costretto a convertire l'ALA nelle altre due forme, ma la resa è bassissima (del 5%), e quindi INSUFFICIENTE!!

      Per finire, la D3 sì che si può assumere grazie al sole, ma si deve stare attenti a non scottarsi e all'eccessiva esposizione, in quanto si possono contrarre anche dei melanomi.

      Il pesce è salutare per tutti questi motivi. Più di sementi ed altre cose

      Dimostri di essere il classico vegano che non ne sa assolutamente nulla di biologia e nutrizione, e prende le proprie informazioni errate da un manipolo di ignoranti ortoressici.

      Elimina
    4. Ma se non ricordo male avevo già specificato questa cosa della trasformazione.
      Certo che leggere è difficile e faticoso, ma cazzo si risparmierebbero figure di merda e tanto tempo...

      Elimina
    5. A quanto detto da Antonio Moliterni aggiungo solo che, nel capo dell'agricoltura biologica, i protocolli prevedono l'utilizzo di un'ampia gamma di pesticidi.

      MK

      Elimina
    6. Per curiosità, la B12 degli integratori dove la prendono? Come si produce?

      Elimina
    7. La fa steve jobs

      Elimina
  14. Vorrei anche informarle del fatto che mangiare carne e latte non ci si riferisce solo alla sofferenza degli animali e sull'eventuale beneficio alla salute,ma anche sull'impatto che ha sull'ambiente;anzi vorrei illustrarle,brevi particolari,ad esempio,lei è a conoscenza dell'enorme popolazione bovina di circa 1.300.000.000. di esemplari,e di quanto metano producono al giorno?circa 250/300 l per bovino adulto; poi circa 2 miliardi e 700 milioni di ovini e caprini,senza contare delle ingenti quantità di acqua e cibo di cui hanno bisogno e quindi un valido aiuto alla deforestazione,in particolare quella amazzonica,in cui muoiono un sacco di popolazione autoctone,per via dell'inquinamento che pervade le zone maggiormente colpite;senza contare lo spopolamento dei pesci in quanto solo la pesca intensiva e l'inquinamento marino favoriscono la morte delle barriere coralline e non ché di fitoplancton che fornisce la metà dell'ossigeno totale prodotto dai vegetali,non vorrei andare oltre perché sennò sarei costretto a scrivere un poema omerico sui cambiamenti climatici,permafrost ecc.Ora non stò colpevolizzando solo gli onnivori,ma certamente chi è vegano/ vegetariano è più consapevole di cosa sta' facendo.Posso dire però che per un vero vegano gli alimenti costano molto,perché essere vegani non vuol dire non mangiare solo carne e derivati,anzi si devono evitare farine bianche,zucchero raffinato(glucosio,destrosio,ecesulfamek,saccarina,ecc),prodotti industriali(merendine,ecc),conservanti vari(sempre chimici),e coloranti chimici alimentari;invece bisogna preferire cibi come,frutta e verdura di stagione ( per i bio meglio quelli a buccia sottile),legumi,cereali e legumi non legumi ( tipo quinoa che contiene tutti e 8 gli aminoacidi essenziali+ vitamine e minerali vari,amaranto,grano saraceno ecc), alghe e cibi fermentati es miso che non solo sono fonte di minerali e vitamine,ma aiutano ad assorbite meglio le proteine vegetali;potrei continuare ma allungherei troppo;ciò non toglie che bisogna studiare molto sugli abbinamenti e che i cibi costano molto ma proprio per questo bisogna usare inventiva ad es fondare un G.A.S o gruppo acquisti solidale,ci sono molte idee ma non tutti le apprezzano.Ultima cosa per chi è onnivoro dato che voi non volete abbandonare la carne,vorrei proporvi di assaggiare gli insetti che hanno più o meno le stesse sostanze nutritive della carne,costano di meno e se ne mangiano di meno,ed in più non hanno il colesterolo ldl,pensateci e una buona alternativa(non sto scherzando).Detto tutto questo,spero di non essermi allargato troppo,e spero che qualcuno commenta il mio post.
    Ps consiglio vivamente di informarsi sul dott.berrino
    Pps quasi dimenticavo,volevo informarvi sull'articolo se è bianco vi uccide,non sono qui a spiegarvi per quale motivo fa male la pasta bianca,ma sullo sbalzo glicemico che aumenta l'insulina,scende di colpo la glicemia e si va' i ipoglicemia e comunque tutto questo può comportare un cambiamento nel nostro organismo tale da provocare l'insulinoresistenza (diabete),ed il fatto in cui la frutta a un picco glicemico minore e dato dal fatto che la frutta a fibre tipo pectina che abbassa il picco glicemico.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci preoccupiamo che latte e uova producano inquinamento e distruzione del globo terrestre, ma i vegani da dove assumono le loro risorse per cibarsi? Dai campi. E i campi non sono, forse, uno sfruttamento del suolo (dato che non si coltivano più con i vecchi sistemi di agricoltura ma solo ed esclusivamente con l'agricoltura meccanizzata)? ovviamente la risposta la conosciamo tutti. E' inutile insistere sui luoghi comuni, perché per non inquinare dovremmo andare a vivere nelle caverne o nelle palafitte (o in capanne di paglia), rinunciare a tutto ciò che è elettronico (automobili, frigoriferi, telefoni cellulari), andare vestiti nudi e via dicendo. L'immensità della disinformazione animalarda sta proprio in questo: sentirsi superiori facendo leva sui luoghi comuni per far sentire inferiori gli altri. Peccato che le loro concezioni siano facilmente smontabili (come le loro teorie pseudo scientifiche).
      Felice vita

      Elimina
    2. Ok ragazzo anonimo, dimmi un po' questo: che gli animali siano così nocivi e distruttivi per il pianeta lo dite solo voi animalardi. Dimmi un po', perché sostieni qualcosa la cui unica soluzione è lo sterminio totale degli animali da allevamento ora e per sempre?
      Non li volevate difendere?

      Elimina
    3. Riguardo la foresta amazzonica (premetto che quel che so deriva da una approfondita ricerca scolastica di terza media, da documentari su animali autoctoni e sullo studio di autodidatta sulle are, ed ho 15 anni):
      gran parte della deforestazione NON DIPENDE dalla coltivazione di campi, ma dalla costruzione di città, villaggi, strade e vendita di legname pregiato.
      Sul fatto dei campi per l'alimentazione: gli erbivori di allevamento, soprattutto ovini, si adattano a moltissimi tipi di piante, tra cui possono esserci anche piante indigene.
      Inoltre, sono presenti specie animali simili per conformazione fisica agli erbivori domestici, come i tapiri (guardando il corpo e la dentatura) e una specie di suide tipiche della zona.
      Sparare a zero sugli allevamenti (che caso da parte di un vegano) non mi pare giusto e corretto

      Elimina
  15. Lasciamo perdere la cadaverina... ci sono donne vegane le quali non vivono serenamente la sessualità proprio perché il liquido seminale dell'uomo contiene cadaverina. Cibo e sessualità sono forse le uniche cose che ci sono rimaste e che ognuno ha e deve avere la propria; chi tenta di controllare o dominare questi fattori della vita, su se stesso o sugli altri, vuol dire che è un emerito frustrato. Comunque sia, alla larga dai fanatici ma anche dai falsi moderati
    cosa intendo per falsi moderati?
    Si limitano, apparentemente, a esprimere le proprie idee tramite post e link.
    Certo, possiamo pensare che se li abbiamo tra i contatti dei social, ci bombardano l'home feed con la loro roba... ma se non insultano, e anzi ci rispettano pur se non condividiamo le loro idee, non abbiamo motivo di rimuoverli. Al massimo, su facebook, si usa l'opzione annulla aggiornamenti per non leggersi i loro post, se non ci interessa. Ma lo si farebbe anche con uno che manda sempre post di calcio e a noi interessa la formula uno! O ai maniaci del #nowplaying che ogni canzone che parte sul loro player parte l'annuncio pure su facebook/twitter!
    Ecco... questi moderati che moderati non sono, poi, arrivano con post del tipo:
    "noi difendiamo i diritti degli animali perché loro sono minoranze. Fino a trent'anni fa non esistevano le rampe per le persone disabili in carrozzina e allora è giusto che cani, gatti, sani, handicappati abbiano gli stessi diritti miei"
    cose così
    cioè... una persona con disabilità è alla stessa stregua di un cane un gatto... e viceversa
    frase che neanche tanto implicitamente sostiene che chi mangia carne è alla stessa stregua -bassa- di chi discrimina una persona disabile per qualsiasi motivo.
    Io a questo punto, preferisco davvero quelli che augurano la morte; almeno ci si sta alla larga da subito.
    Figurarsi io come posso essermi sentita che sono "dall'altra parte"; disabile e mangiacarne
    Non mi sento in alcun modo simile a un cane o un gatto anche se più volte ho usufruito di cani guida... né tanto meno mi sento in torto perché mangio carne
    ma che vadano tutti a farsi una bella controllatina da uno bravo

    RispondiElimina
  16. questo articolo mi trova pienamente d'accordo. Premesso che credo (voglio sperare) che non tutti i vegani siano vegardi frustrati e depressi, proprio ieri ho avuto il dispiacere di avere uno scontro verbale con un vegardo antispecista. Già il fatto che sia antispecista la dice lunga sulla sua deviazione e instabilità mentale. Definiva gli animali fratelli e i cuccioli dei bambini. Persino sulla Bibbia c'è scritto di "uccidere e mangiare" gli animali (di qualunque razza e tipo, quindi, in teoria, anche cani e gatti), ma questo è un altro discorso. Qualcuno tra di voi ha centrato il punto in uno dei suoi commenti: si bevono tutte le fesserie che leggono, soprattutto se hanno un "coefficiente troiata" pari a + infinito. Molti tra di loro praticano l'urinoterapia (spero che un giorno il caro Fabrizio voglia scrivere un gran bell'articolo su quest'alta fesseria), si recano dall'omeopata anche per i mali più disperati, curandosi con acqua fresca. Il problema è che certa gente ha dei figli e, fino a quando decide di sterminarsi da sola, per me sta anche bene ma... i figli! Hanno dei figli! Io, ad esempio, ho sofferto di un grave problema di salute al colon e, per un dato periodo di tempo, ho provato anche l'alimentazione vegane (perché, leggendo su internet, veniva paventato che fosse una sorta di panacea per tutti i mali). L'unico effetto che ha avuto è stato quello di avermi fatto diventare ortoressio! avevo una innata ed immotivata fobia verso i cibi (poiché, a causa della mia patologia, il mio cervello aveva creato la seguente equazione: "cibo = dolore"). Mi recavo nei punti BIO a far la spesa e spendevo fior di quattrini! Ho mangiato anche il TOFU (una tra le peggiori schifezze mai partorite da essere umano), praticato l'idrocolonterapia (spero Fabrizio vorrai scrivere qualcosa anche su questa pratica barbara, invasiva e pericolosa!), ma ho iniziato a stare bene solo quando i medici, dopo 15 anni (siano dannati), il colon me l'hanno tolto tutto. Di gente assurda ne ho conosciuta (vegani ossessionati dai complotti e dalle cospirazione del NUOVO ORDINE MONDIALE che tenta di ucciderci con i cibi industriali , perché "su questa terra siamo troppi"... ma che cazzo significa?).
    Potrei parlare per ore. Il punto è: se si sceglie questa strada l'etica, che poteva essere la motivazione iniziale, va a farsi benedire per far strada, mano a mano, al fanatismo e all'estremismo. E queste due cose sono sbagliate, applicate in qualsiasi campo a prescindere.
    Buona giornata a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. M.

      Ciao Antonio, sono la "testimonianza" di questo articolo.
      Ti invito a scrivere a pallequadre la tua testimonianza su facebook. Ho fatto anche io così, e sarebbe molto utile. Mi ha semplicemente scritto che ogni testimonianza è ben accetta e poi ha letto ciò che ho scritto e l'ha trovato interessante. Fallo anche tu, perché la tua sarebbe una testimonianza molto ma molto più importante della mia.
      Ah ovviamente prima devi fare un versamento di 100 euri a Fabrizio PQ perché è skiavo dèllè lobby della karne e ki ti paca va pakato!1!!1

      ;)

      Elimina
    2. Minchia, ti sei perso il colon? Quindi caghi da un foro supplementare nella panza? Bruttissimo... Spero almeno che adesso te la passi meglio!

      Comunque, se vuoi un esempio di creduloni vegani, vai sul sito di vaccaro. C'e' tutto, spiritismo, complotto mondiale, NWO, scie chimiche, malvagye multinazionali, radioestesia, reiki, lobby della carne, HAARP, terremoti artificiali e cosi' via! I pochi post e "testimonianze" non scritti da vaccaro sono scritti da gente visibilmente malata di mente, quando non sono scritti in linguaggio pubblicitario da venditori professionisti...

      Elimina
    3. 100 euro? E perché a me ne ha chiesti 1000!?!?!?

      Elimina
    4. Sì, amico: mi sono perso il colon. A causa di una malattia di origine congenita. I medici babbioni ci hanno impiegato 15 anni per capirlo. Immagina le tuorture che ho dovuto subire nel corso degli anni. La malattia era anche degenerativa, tanto che oltre al colon mi hanno asportato anche un pezzo di tenue. Tuttavia non caco da un foro supplementare. Quando ho fatto l'intervento, credevo mi avrebbero applicato una stomia, invece i medici ci hanno tenuto a precisare che quello era un tipo di intervento che loro non praticavano più (ti parlo edll'Ospedale Maggiore di Parma, un ottimo centro) e ce mi avrebbero riattaccato tutto, facendo fungere l'intestino funzionante come un colon. Cosa vuoi che ti dica? I primi 4 giorni sono stati un vero inferno, poi, mano a mano, il mio fisico si è adattato alla nuova condizione e adesso sto che è una meraviglia (e caco da dove cacano tutti!)

      Elimina
  17. Mangiate tanta carne e quando vi verrà il cancro fate tanta, tantissima chemio cosi schiattate veloci e non gravate sul sistema sanitario nazionale. Che tristezza, la vs mediocrità è seconda solo alla mia stupidità nel leggervi. Addio per sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai vero che la storiella della "karn€ ke ti amaza familia" l'abbiamo sbufalata in ogni minimo dettaglio, e che questi commenti ridicoli hanno solo l'effetto di far denotare quanto tu sia o ignorante o fanatico?

      Elimina
    2. Sono i vegecazzari come questo che mi mettono una tristezza infinita. Incapaci di sostenere qualunque argomentazione logica, sono in grado solo di augurare morte e malattie a chi non la pensa come loro. Una vera e propria dimostrazione di cosa sia in realtà l'empatia vegana: odio e cattiveria allo stato puro.
      Poveretto, auguriamogli almeno buona fortuna. Visto quello che scrive ne ha davvero tanto bisogno.

      Elimina
  18. Non c'entra con l'articolo, ma ho una proposta da fare a PQ.
    Non sarebbe possibile fare in modo che ai commenti anonimi venga aggiunto automaticamente l'indirizzo IP dell'autore?
    In questo modo chi vuole commentare in modo civile in forma anonima può continuare a farlo, chi vuole solo insultare almeno si prende la responsabilità di quello che dice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che blogspot me lo faccia fare, inoltre l'ip che mostra è un ip generico che dipende a quale snodo ti connette in quel momento.
      A meno di grandi città di solito le persone risultano connettersi da centri diversi, a volte diverse province, a volte da un capo all'altro della regione, per cui sarebbe solo indicazione della regione di provenienza, un po' come l'accento.

      Elimina
  19. Qui si parla di una vegana che ha fatto sesso con gli alieni: http://www.kikapress.com/paranormal-kika/paola-poliseno-lartista-che-ha-fatto-sesso-con-gli-alieni/1/#top
    Sostiene che l'essere vegana l'abbia aiutata. "Mangiare tante verdure ha migliorato le mie vibrazioni”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quella che andava sempre da diprè a fare i video...

      Elimina
  20. figlio di puttana anonimo, chi cazzo ti credi di essere? Cosa cazzo ti credi di essere? Il SSN è più impegnato a salvare teste di cazzo come te tendenti all'anoressia, che danno da mangiare anche a quelli delle pompe funebri, anziché a noi! Io per la mia malattia ne ho passate di tutti i colori e non sono state le alimentazioni alternative ed eticamente superiori a salvarmi. Se non avessi ripreso a mangiare normalmente non starei qui a scrivere e a mandarti affanculo!
    Continua pure così, a non mangiare, a fare il vegano e ad evolverti in fruttariano e poi in breathariano. Questo, fino a quando un bel giornoscoprirai di essere morto di fame e ciò avverrà nel modo più lento e doloroso possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è un troll, e tu gli hai appena dato un succulento pasto...

      Elimina
    2. stai sereno, la selezione naturale farà il suo corso! :)

      Elimina
  21. Scusate il commento tardivo, ma non riesco a tenere a freno le dita. Una mia amica (ormai ex da qundo ha abbracciato il credo vegardo, perché io, a suo dire, non potevo capirla) é piombata nell'anoressia. Il problema é che ha trascinato anche i genitori nel baratro. La madre ha inizialmente cercato una soluzione rivolgendosi alla medicina (anche sotto mio suggerimento, poiché durante l'adolescenza anche io ho sofferto di disurbi alimentari e quindi ho riconosciuto al volo i sintomi).In seguito, spinta dal marito e dalla figlia, ha cercato soluzioni nell'omeopatia e si é affidata persone che le garantivano che l'evoluzione spirituale e rituali sciamanici fossero una panacea per i problemi della sua famiglia. Ora mi pare che tutti vivano nell'ipocrisia creata da dogmi e schemi mentali assurdi..e la mia amica peggiora sempre più. Tutto questo per dire che: informandomi e conoscendo altri vegardi sono giunta alla conclusione che questo tipo di alimentazione, se adottato da una persona sensibile o in momenti particolari della vita possa innescare comportamenti tipici dei DCA. Io vorrei aiutare la mia amica ma putroppo non so più dove sbattere la testa.. Ho provato a parlarle e ho cercato di convincerla a rivolgersi alla struttura ospedaliera che mi ha aiutato in passato, ma di fronte e me ho soltanto un muro, accompagnato da una serie di frecciatine e insulti anche piuttosto gravi ( del tipo: la mia é una famiglia perfetta, non come la tua! oppure:io non sono debole come te ecc..)

    RispondiElimina
  22. Invito a cena da una vegana: http://www.laydo.it/?p=2037

    RispondiElimina
  23. dare da mangiare a degli animali CARNIVORI croccantini solo vegetali è una VIOLENZA contro gli animali.
    rispettare gli animali e amarli significa soddisfare appieno le loro esigenze nutrizionali. VEGANI e compagnia bella evitate di prendere animali domestici se poi li dovete snaturare !! so di vegani a cui sono morti animali a causa di questa fissazione di renderli ciò che non sono.

    RispondiElimina