Perché la guerra dei dazi fra USA e Cina?

Si tratta del capriccio di Trump, dipinto come un bambinone dispettoso, o si tratta di un piano ben congegnato? La guerra dei dazi fra USA e Cina potrebbe nascondere molto più di quanto si possa credere, e avrà conseguenze molto più ampie di quanto si possa prevedere:

I dazi in sé non cambieranno molto per le rispettive economie, si parla di punti zero virgola di percentuale del PIL, si tratta più che altro della messa in atto di un piano che sembra tutt'altro che un capriccio.


Prima di tutto hanno attaccato ora che gli USA hanno l'economia forte e in crescita, infatti i recenti tagli alle tasse voluti da Trump hanno creato occupazione e giro d'affari e il PIL è in crescita come non cresceva da parecchio tempo (+4% credo) e la disoccupazione è ai minimi storici, con questa solidità alle spalle hanno quindi attaccato la Cina con una "guerra economica".
Infatti i dazi potrebbero essere solo una prima mossa, forse per ottenere accordi più vantaggiosi per gli USA dalla Cina, oppure per minarne completamente la crescita.

Perché ora come ora gli Stati Uniti sono il paese più forte al mondo e "detta legge", cioè influenza molti altri paesi (abbiamo visto le guerre mosse in medio oriente perché volute dagli USA) ma se la Cina continua a crescere verrebbero immediatamente detronizzati.

Il pil pro capite cinese è di di 8600 dollari l'anno, contro i 59,500 degli States. Ma i cinesi sono molto di più degli americani, e se il pil pro capite dovesse raggiungere metà del loro la loro economia sarebbe doppia. Immaginiamoci un paese con il doppio delle risorse economiche degli USA (In termini di dollari, perché l'economia cinese di per sé ha già superato in volume quella americana)... un colosso tecnologico (perché più soldi più progresso) a livello planetario incontrastabile.

Insomma, sembra proprio che ci troviamo di fronte una "guerra fredda economica", dove i due paesi useranno una moltitudine di armi (dazi, boicottamenti, divieti di vendita, vendita in blocco del debito pubblico avversario, ecc ecc) per tenersi "a bada" a vicenda, facendo perdere punti di PIL all'avversario cercando di perderne il meno possibile (perché queste tattiche danneggiano anche chi le usa, i dazi sono un esempio perfetto).



Gli USA potrebbero cercare di isolare la Cina tramite accordi commerciali con gli altri paesi, specialmente l'UE, che ha un mercato globale colossale e degno di nota.
Le recenti minacce di dazi alla Unione Europea infatti potrebbero essere una mossa per in realtà proporre accordi commerciali "privi di dazi", con l'obiettivo di incrementare gli scambi commerciali con i paesi dell'Unione in modo che questi comprino sempre meno dalla rivale Cina, in questo caso le conseguenze economiche per i cinesi sarebbero parecchio pesanti, molto di più dei dazi che in realtà cambiano poco di per sé.

Ora magari potremmo pensare: ok, se si fanno la guerra fra di loro che ci importa?
Il problema di questa guerra fredda economica è che i suoi effetti, sia come entità che natura, non si possono prevedere! Potrebbero anche innescare crisi economiche in molti paesi o globali dovuti alla instabilità.
Gli investitori, non sapendo cosa può accadere e se perderanno i soldi, potrebbero essere portati a vendere tutto, in massa, generando quindi enormi crisi economiche globali.
E' un meccanismo che conosciamo in parte con lo spread: poca fiducia in un paese significa tassi di interesse più alti per evitare appunto svendite da panico.

Questo se la tensione dovesse continuare tramite dazi, boicottamenti, ban di certi marchi o tecnologie (esistono già) e così via, gli accordi commerciali con altri paesi dovrebbero creare molta meno incertezza.

Ovviamente anche queste conclusioni sono una speculazione, non possiamo sapere i reali intenti degli States. Forse non vogliono perdere la leadership mondiale, oppure vogliono semplicemente ottenere accordi commerciali migliori con i cinesi.
Quello che è sicuro è che la Cina si sente abbastanza forte da rispondere agli attacchi e resistere agli Stati Uniti.

Linko un video molto interessante da cui ho tratto queste speculazioni e conclusioni

Nessun commento:

Posta un commento