NYT contro Grillo, lui grida alla fake news


Il New York Times ha puntato il dito contro il movimento cinque stelle indicandolo come fattore che ha incrementato l'epidemia di morbillo attualmente in atto, a causa della sua incessante propaganda antivaccinista. Beppe Grillo ha avuto il coraggio di urlare alla bufala, alla fake news internazionale.

Cinque stelle contro i vaccini


Che beppe grillo sia sempre stato un antiscienza non è un segreto, del resto ci ha costruito sopra parte della sua propaganda politica ed è stato votato anche dagli antivaccinisti e antimedicina, oltre ad aver messo in parlamento certi relitti della sapienza umana che Razzi sembra una persona normale a confronto.
Questo è un piccolo esempio d'altri tempi della sua disinformazione sui vaccini:



Grillo dice che sui vaccini si guadagna, che i vaccini "iniettano un virus che rimane in circolo a vita compromettendo le difese immunitarie" roba che nemmeno un becco montano potrebbe prendere per vera visto che si sa bene che il vaccino viene combattuto lasciando il sistema immunitario già pronto a combattere la malattia per cui ci si è vaccinati, dice che non servono a nulla perché la difterite stava scomparendo per i cazzi suoi (cosa non vera visto che il picco del 1900 era dovuto a condizioni igieniche scarse e sovraffollamento delle città, risolti i problemi sono diminuite le epidemie ma non significa che la malattia si sarebbe annullata con la sola igiene).

Questo filmato è del 1998... sono decenni che grillo disinforma su vaccini, medicina, ambiente e altro, mica è roba recente.

E questo è solo un esempio... Roberto Burioni lo ha sputtanato in diretta su Twitter mostrando una proposta di legge del mo' vi mento in cui si parlava proprio dei vaccini e dell'autismo:

Proposta di legge cinque stelle contro vaccini

Senza contare i post sul suo blog, vetrina propagandistica del mo' vi mento che fa intascare a lui e alla casaleggio associati non si sa quanti milioni di euro:

Articolo Grillo vaccini causano autismo

Di esempi ce ne sono a decine, a palate. Le stronzate dette da grillo e per grillo, sul blog, in interviste, in spettaccoli e addirittura tramite proposte di legge sono troppe.
E non ho dato un occhio a "la fucina" o altri canali di indottrinamento forzato delle greggi di elettori che li bombardano con stronzate e notizie polarizzate del cazzo, figuriamoci la merda che si troverebbe in quel letamaio fetido...

Troppe per negare tutto come ha fatto beppe grullo:

"Un vaccino contro le cazzate dei giornali" Certo beppe, certo.
"Oggi il New York Times ha pubblicato un articolo in cui afferma che "In Italia il movimento Cinque Stelle (M5S) guidato da Beppe Grillo ha portato avanti una campagna attiva su una piattaforma anti vaccini ripetendo i falsi legami tra vaccinazioni e autismo." A sostegno di questa balla non c'è nulla, neppure un link, un riferimento, una dichiarazione. Nulla. Non c'è perché è una balla."
Ma che cazzo dici porca troia se le prove sono sotto gli occhi di tutti, ne ho messe alcune io, ne hanno messe molte altri, è tutto sotto gli occhi di tutti.
Proprio tu scadi in questo patetico spettacolo indecente del cercare di rifarti una verginità online, proprio tu che per anni hai urlato "la rete ha memoria". Esatto beppe, la rete ha proprio memoria e ti ha sputtanato quale il cacciapalle impunito che sei.

E nei commenti spuntano gli antivaccinisti a favore di beppe, strana cosa che non avendo mai detto nulla sui vaccini e sull'autismo ci siano proprio i sostenitori di tale puttanata fedelissimi al mo' vi mento. Alcuni sono talmente fedeli che credono nelle quattro righe mendaci e ipocrite di grillo e urlano al complotto mondiale contro i cinque stelle, come se quei quattro imbecilli scalcagnati possano fare paura a qualcuno, poveri mentecatti che cambiano idea con uno schiocco delle dita di grillo e che a comando un ventennio di cazzate sui vaccini.

Erano contro i vaccini, erano contro l'obbligo della vaccinazione, erano a favore della teoria dell'autismo e propagandavano un fiume di merda clamoroso, adesso negano tutto per lavarsi le mani della loro responsabilità nelle epidemie che hanno contribuito a scatenare, loro che vengono ascoltati da milioni di poveri coglioni che pendono dalle loro natiche aspettando la pioggia di diarrea a fischio disinformatrice che conferma le loro paranoie da bacati in testa che sono.

Non hanno nemmeno le palle di assumersi le loro responsabilità ma negano tutto e aggiungono menzogna alle menzogne.
L'alternativa a cosa? Bugiardi, incapaci e forieri di disastri, altro che propaganda di stampo nazista sul "i politici sono merda noi siamo l'alternativa". Ma vaffanculo va'.


4 commenti:

  1. Il problema del grullismo non è tanto Grillo quanto i grillini, servi adepti alla setta semper fidelis, che non si rendono conto (o fanno finta di non capire/vedere/sentire/leggere) delle continue cazzate che il loro padre e padrone (meglio: dittatore) ha sparato e continua a sparare. E se glielo fai notare, allora sei un PDiota (unica risposta a loro disposizione).
    Il problema di questa gente, è che vota e induce a votare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una setta di fanatici convinta di essere sola contro il mondo, loro honesti contro il mondo disonesto coalizzato contro di loro. Deliri di onnipotenza che i manicomi lasciavano perdere e passavano alla lobotomia

      Elimina
  2. Ai primissimi inizi del Mo' vi mento ero sostenitore (ho un passato oscuro, lo so), ma mi resi conto quasi fin da subito (passata la sindrome da tifoseria) che razza di coglioni fossero. Mi trovo anche in famiglia a ribattere cercando di portare un pò di ragionamento sulle cazzate che sparano Grullo&Co.. oh, ci fosse mai una volta che ti dicono che potrei (dico potrei) non dire una cosa sbagliata. No, se non fosse che mi conoscono in famiglia mi direbbero che sono un Troll Piddino. Il problema è proprio quello, lo è quasi sempre stato dalle scorse generazioni politiche, ma con i cinquestelle è aumentato in maniera abnorme, seguito da chiunque usi i social e le bufale per farne cavallo da battaglia politico (Salvini per aggiungere piscio alla merda): Credere acriticamente, senza un minimo di raziocinio, solo per il fatto che "è li al governo ne saprà comunque più di me", perchè è ancora questo che si crede. Non se ne esce. chi critica è automaticamente comunista, o pidiota; chi crede, insulta denigra e minaccia è un rivoluzionario, una persona che veramente cambierà qualcosa. E l' unica cosa che cambierà veramente è il fiume di merda che ci metterà sotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è l'ignoranza, oltre che la tifoseria.
      Sapessero qualcosa in più prima o poi incapperebbero in sparate colossali, vedendo con i loro occhi che lo sono. Io un tempo ero mezzo grillino, poi hanno sparato minchiate su campi che ben conoscevo e per aver messo in dubbio il sacro verbo mi sono preso insulti e "ma che cazzo dici?".

      Da lì ho capito anche io, ma l'ignorante non avrà mai un episodio simile, all'ignorante sembrerà tutto oro colato sempre e comunque

      Elimina