mercoledì 6 luglio 2016

La legge non è uguale per tutti

E no, la legge non è uguale per tutti non solo facendo la distinzione "ricchi contro poveri" o "potenti contro pincopalla", ma non è uguale anche su altri fronti che a detta della costituzione non dovrebbero esistere: femminicidio.
Ebbene, se negli States gli uomini hanno il 75% di possibilità in più di finire in prigione con pene doppie rispetto quelle delle donne (perché loro sono dolci e gentili, cit) anche noi non ce la passiamo meglio:

Femminicidio e pene squilibrate


Dopo un martellare incessante delle feminazi e dei media che accumulavano soldi sulle notizie dei "femminicidi" si è riusciti a far passare l'idea che quel tipo di omicidi fosse un pericolo nazionale di proporzioni gigantesche (sappiamo bene come funzionano i media ormai...) ottenendo quindi una ridicola e assolutamente anticostituzionale legge che prevede pene maggiori se un compagno uccide la compagna.

Peccato che i media si siano dimenticati di parlare dei casi opposti, cioè di quando una compagna uccide il compagno. Ma si sa, ai social justice warriors questo non interessa, alle feminazi nemmeno, secondo loro se un uomo viene ammazzato "se lo è meritato". Che detto dagli stessi che hanno urlato al victim blaming per anni suona incredibilmente ipocrita e stupido.



E per esempio abbiamo avuto 3 uomini uccisi dalle loro compagne in appena due settimane, roba che se fosse successo il contrario media e feminazi ci si sarebbero masturbati sopra per un mese intero, e invece non se ne è saputo praticamente nulla. Nessuna marcia, nessun protesta, nessuna proposta di legge... niente.

Ma a buttare sale sulla ferita ci sono le conseguenze: una che ha accoltellato 20 volte il marito lo ha fatto per difesa, sicuro al 100%, e infatti sta a piede libero! Colpa di lui che per 20 volte l'ha aggredita andando contro al coltello, noncurante dei danni manco fosse un T-800. E in ogni caso avrà sicuramente fatto qualcosa per meritarselo (però ricordo il casino venuto fuori per la frase "quando torni a casa picchia tua moglie, tu non sai perché ma lei si").
Perché l'aver infierito non è indice di omicidio passionale, noooo, è indice di difesa.
Anche quella che si è incazzata col marito che le chiedeva di smettere di lavorare nei night si è solo difesa, una coltellata precisa al cuore. Perché l'alto addestramento militare le ha permesso di mantenere la calma e la forza di colpire precisamente mentre era sotto attacco.

Ma almeno quella non l'ha data a bere a inquirenti e giudici...

Ma è proprio questo che odio del feminazismo: lo spacciare gli uomini sempre come malvagie bestie selvatiche, colpevoli di tutto, orridi approfittatori della donna che viene trattata come una bambina anche se ha 45 anni suonati. Maschi la cui vita non vale un cazzo di fronte ad una corte e l'omicidio di una compagna è punito più severamente dell'omicidio di un compagno.
Qualcuno le ha definite echo chamber, ma qua siamo di fronte a vera e propria propaganda denigratrice del genere maschile.

Questo però non è sessismo, no no, anzi è progresso. Perché il femminismo è per l'uguaglianza.
Infatti oggi uccidere una compagna è punito molto più che uccidere un compagno, alla faccia della costituzione e dell'uguaglianza.
Ma andatevene a fanculo.
Ieri gli ebrei, oggi il genere maschile.
Schifo e sdegno.

Sapete cosa è peggio? I "femminicidi" sono solo di poco inferiori di numero ai "maschicidi", sono quasi quasi paritari, perché quindi condannare più pesantemente solo quelli ai danni delle compagne? Perché affermare che si tratta di violenza del maschio brutto e cattivo?
Come detto prima: propaganda di stampo nazista.

9 commenti:

  1. Be deve essere colpa del fatto che forse la gente da retta alle odiatrice di uomini pensando che fossero vere femministe e quindi si arriva a questo, E fra poco mi aspetto anche che anche i diritti delle donne vadano indietro in certi punti visto che ci sono un sacco di femminazi che non hanno le rotelle apposto e ci si può aspettare di tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh a forza di urlare "stupro" perché qualcuno in tram le ha guardate finiranno di sicuro col fare ulteriori danni

      Elimina
  2. non solo sei un carnivoriano del cavolo...
    sei pure maschilista.
    non ho parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi sei proprio fuso di testa, non sei un troll

      Elimina
  3. Fabrizio tu cosa cerchi?
    io sono fruttariano e a differenza tua rispetto l'ambiente. tu invece cosa sei?
    cosa vuoi?
    mica sarei in crisi isterica come chi ha fatto sto sito diffamatore spero.
    siete tutti aggressivi qui dentro tu...quell'altro...
    andreste arsi vivi ma fortunatamente per voi una legge che vi condanni al rogo non c'è.
    peccato.
    ci avrei goduto fino all'orgasmo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu invece che dici "andreste arsi vivi" e che lamenti che non ci sia "una legge che vi condanni al rogo" con la quale (parole tue) "avresti goduto sino all'orgasmo" (ti fa una sega De Sade a te) non sei aggressivo? O pensi che il fatto di essere fruttariano o vegano o altre amenità diminuisca il livello di aggressività o giustifichi i deliri che escono di bocca a te e la tua specie?
      Ah, vero ...ma tu rispetti l'ambiente!

      Elimina
    2. Questo è andato, ma forte

      Elimina
  4. Certo che per non capire la differenza tra maschilismo e antifemminismo ci vuole impegno. O carenza di B12.

    RispondiElimina
  5. uè rosicone rispetti l'ambiente? ma hai idea di quante piante hai ammazzato mangiando sempre e solo frutti? e quanti animali stanno patendo la fame per colpa tua?
    cmq la fortuna è tua...che hanno chiusi i manicomi...

    RispondiElimina