giovedì 14 luglio 2016

Incompatibilità di carattere: vassallo fuori dal meta

In questi giorni è riuscito a far parlare di sé il valerione nazionale, quel ragazzo d'oro salito alle luci della ribalta per aver detto, intervistato da le iene, che avrebbe disconosciuto la madre se questa si fosse fatta curare con farmaci e tecniche derivanti da SA (praticamente tutti insomma).
Stavolta per essere finito in ospedale dopo una collutazione con la ex ragazza
Un movimento di non violenza
Benché noi sappiamo bene che "animalista" non sempre è sinonimo di pacifista e anzi spesso è tutto il contrario, l'associazione di cui fa parte il vassallone nazionale si professa ovviamente pacifista. Per questo motivo hanno definito il bravo ragazzo come incompatibile dopo gli eventi avvenuti i giorni scorsi.

Al pronto soccorso con una ferita alla testa
Eventi un po' fumosi, a dire il vero: lui dice di essere stato aggredito dagli amici della ex ragazza che era andata a casa sua a prendere le sue cose, lei invece afferma che il valerione una volta vista lei ed i suoi amici sia uscito di casa sua brandendo una spranga urlando, e mentre l'agitava ha ferito uno dei suoi amici, colpito lei di striscio e poi sarebbe caduto da solo ferendosi alla testa.
Dalle foto dell'ospedale si vede che vassallo non ha escoriazioni o lividi, ma solo la ferita alla testa, il che darebbe credito alla testimonianza della ragazza (diametralmente opposta a quella di vassallo), ma io non sono nessuno per dare notizie quindi non posso dire con certezza cosa è successo.

In ogni caso, vista la violenza consumata, la sua associazione ha preferito destituirlo dall'incarico di vice presidente, visto che è in teoria un movimento pacifista e non violento, e un vicepresidente che da in escandescenze non è esattamente in linea con quanto professato.
Non conosco l'associazione, ma evidentemente le imprese di valerio "disconosco la madre ma corro in ospedale" vassallo sono diventate un po' troppo difficili da gestire. A partire dall'intervista pregna di sprezzo e odio verso il prossimo.

Ma appunto la cosa più eclatante è stata la corsa al pronto soccorso. Il buon valerione tanto contrario alle cure mediche tradizionali tanto da essere pronto a disconoscere la madre (cure per salvarsi la vita eh) non ha esitato due minuti a usufruire lui stesso delle stesse cure testate su animali (e non era in pericolo di vita, a quanto mi risulta).
Un grande esempio di coerenza.

In ogni caso lui si difende ribadendo la sua versione, riporto per correttezza.
E per concludere mi auguro che nessuno si sia fatto seriamente male e che tutti si rimettano presto.
Una delle tante notizie

6 commenti:

  1. Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Oh mamma.... io mi sono sempre chiesta come fanno questi che rifiutano questo è quell'altro...
    Poi nel momento del bisogno come si comportano?

    RispondiElimina
  3. Oh mamma.... io mi sono sempre chiesta come fanno questi che rifiutano questo è quell'altro...
    Poi nel momento del bisogno come si comportano?

    RispondiElimina
  4. L'ipocrisia regna sovrana in quelle organizzazioni che si definiscono contro a questo, quello e quell'altro finché le disgrazie non capitano a qualcuno dei loro membri.

    RispondiElimina