lunedì 14 dicembre 2015

Tess Holliday: tutte le menzogne

Tess Holliday è "famosa" per essere una delle modelle oltre il plus size ad aver ottenuto un contratto con stipendio "six figures", noi diremmo a sei cifre, cioè guadagna qualche centinaio di migliaio di dollari l'anno. Cavalca l'onda del "fanculo ai tuoi canoni di bellezza", e oggi vedremo tutta una serie di menzogne che la riguardano, tutte venute a galla dopo aver gabbato i suoi fan.

Fanculo i tuoi canoni di bellezza


Proprio con questo suo slogan, che promuove la sua idea del "tutti dovrebbero poter mangiare quello che vogliono e quanto ne vogliono senza sentirsi ostracizzati dagli altri", che almeno non si nasconde dietro il dito addossando la colpa a "ossa grosse" o che altro, anche se tutto il concetto è un enorme strawman da far rizzare i peli. Come dire che io sono libero di mangiarmi tutta la merda che voglio e gli altri non si devono lamentare del mio alito, usando lo slogan "fanculo il tuo senso dell'olfatto".

Il problema principale nasce quando ha fatto delle magliette e "altro merchandise" usando il suo "eff your beauty standards", 40 cazzo di dollari a maglietta, e li ha venduti promettendo di devolvere in beneficenza alle vittime di violenza domestica (e una di quelle associazioni che non distinguono fra uomini e donne! Almeno qui un punto lo guadagna.), affermando di fare tutto da sola (senza intermediari, senza pubblicità, senza quindi avere troppi costi e spartendo con troppa gente, insomma).

Tutti molto contenti pagano fior di quattrini per le sue magliette, convinti di aiutare una giusta causa, che è quella della beneficenza e non quella di promuovere un evidente disturbo alimentare (i pro ana vengono insultati da tutti, i pro obesità invece sono belli e bravi, ma lasciamo perdere), almeno dal mio punto di vista. In molti hanno detto che non avrebbero mai speso 40 dollari per una maglietta se non fosse stato per la donazione in beneficenza (e grazie al cazzo, dico io. Fra l'altro io se voglio fare beneficenza prendo e faccio una donazione, non passo attraverso altri. L'unico sistema decente è quello di Simply con Telethon, visto che la spesa la devi comunque fare una parte la doni per la ricerca di malattie rare). Centinaia dei suoi fan hanno preso le magliette, quindi direi che ha intascato dai 4-8-12 mila dollari, dipende da quante centinaia sono.

Passa qualche tempo, diciamo quasi un anno, e questa gente inizia ad incazzarsi... nessuno aveva ricevuto niente, neanche una maglietta era stata consegnata, ma quel che è peggio erano le donazioni fatte all'associazione che ammontavano a zero dollari e zero centesimi. Non aveva dato un benemerito cazzo di niente in beneficenza...
Però i commenti venivano bellamente censurati e i fan gabbati bloccati, quindi quasi nessuno si era accorto della faccenda.

Fino a quando i fan imbestialiti hanno aperto un gruppo in cui si sono riuniti tutti quelli truffati da lei, che riportavano la loro esperienza (gruppo di 450 persone circa, a 40 dollari l'una...).
Durante il casino i fan imbestialiti come cani rabbiosi a digiuno si aiutavano a montare la rabbia vedendo come lei se ne stesse sbattendo altamente i coglioni di tutto e tutti spassandosela a Disneyland con i soldi dei rimborsi e della beneficenza (a fianco).

Inizia a spargersi la voce e la shitstorm imperversa.
Holliday allora cerca di accampare delle scuse: benché il merchandise di "eff your beauty standards" fosse gestito interamente da lei (impacchettamento, spedizioni, pubblicità e così via) lamentava di esserci andata in perdita.
Vendendo le magliette a 40 cazzo di dollari, quaranta C A Z Z O di dollari per un total di quasi 20 mila.

Considerazioni a parte i fan, sempre più imbestialiti, le fanno notare che potrebbe usare qualcuno dei suoi centinaia di migliaia di dollari guadagnati per fare quella benedetta donazione.
Non ha mai risposto...
Però nel mentre ha fatto una donazione ad altra gente, e i fan si sono incazzati ancora di più, incazzo che li ha portati a scavare nel profondo e a disotterrare un mare di merda che era difficile immaginare, anche se alla fine ha rimborsato i soldi delle magliette non inviate, almeno quelle di questa volta...


Come questo fatto, il primo sembra abbastanza grave visto che si è fatta mandare dei cappelli e altra roba (forse è un artista o stilista) e se li è tenuti, e non ci ha fatto nemmeno servizi fotografici, il peggio è che il secondo ipotizza li abbia venduti di nascosto come ha fatto con le "borse che ha rubato da una beneficenza per un bambino malato di cancro, alla cui madre deve ancora 300 dollari".
La loro identità è tenuta segreta perché il gruppo era segreto, quindi le cose vanno prese con le dovute pinze.

Altra merda che è venuta fuori è che abbia preso donazioni e venduto magliette, sempre senza spedirle, per finanziarsi una nutrizionista e un intervento chirurgico. Perché oh, mangiare finché si scoppia è una libertà, ma quando sei nella merda e la salute è andata a puttane, ma si è sempre "belliffimiffima", fai pagare agli altri, ovviamente. E pure truffandoli:


Tanto che qualcuno ha sospettato avesse venduto la roba due volte per pagarsi l'intervento...

Ma alla faccia del "fanculo i tuoi standard di bellezza" è pure saltato fuori il suo modo di lavorare: urlare contro i fotografi perché non l'avevano photoshoppata abbastanza... ed è saltato fuori che si fa photoshoppare talmente tanto che non si riconosce nemmeno, fino a cambiare perfino i suoi connotati. Abbastanza ipocrita per chi promuove la "body positiviy", e decisamente molti affermano che se non fosse stato per la menzogna della sua bellezza non sarebbe mai diventata una modella che piglia fior di quattrini. Sempre alla faccia dei canoni di bellezza imposti:

Stalking e insulti perché ha mostrato una sua immagine prima e dopo il photoshop.

Fancule ai tuoi canone di bellezzeh!!11!centoundici

Un ritocchino leggero leggero, perché fanculo ai canoni di bellezza!

Fanculo gli standard, però usiamoli sennò non guadagno i sacchi di soldi, intanto continuiamo a perculare chi ci segue, e spilliamogli pure i soldi per l'intervento che mi sa che no mangiato 40 porchette di troppo a cena...
Ha pure mentito sul peso, dicendo di indossare una 22 (taglia americana) mentre le stava strettissima una taglia 28... e avevo ragione: pesa più di quanto afferma...
Insomma, body positivity un bel paio di coglioni: nasconde tutte le imperfezioni del suo corpo, che cazzo di accettazione è? Poi una volta nascosti gli obbrobri del suo corpo va pure in giro a dire "è tutto molto bello dovete accettarvi" ma soprattutto una volta accettati come fa lei, che se mostri come è realmente ti stalkera e avvelena la vita, e dovete spillare i soldi.

Alcuni dicono che chi mangia molto nasconde una certa avarizia, in questo caso la cosa calza molto a pennello. Questa persona è onestamente mendace e avara oltre ogni immaginazione.
Insomma, traetene voi le conclusioni. Io in ogni caso sono pure incazzato per il fatto che si promuove un disturbo alimentare usando come scusa la bellezza, che come ho detto è uno strawman da far paura al demonio, ma questo discorso l'ho già fatto.
Ho già detto che è femminista? Forse si, in ogni caso se vuoi promuovere minchiate farsi supportare da gente che se dici che è cosa buona si piscia addosso è un must...

13 commenti:

  1. Quanto mi disturba, non ne hai nemmeno idea caro Pallequadre....ipocrisia a valanghe proprio. Che vergogna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gente che sa quali polli spennare, e lo sa fare molto bene

      Elimina
  2. Sembra una legge di natura: le femministe più sfegatate sono sempre delle gran palle di lardo. Già, è ovvio: come già detto a me (e a tanti altri, aggiungo) piacciono sì formose, ma non così tanto. Ma bravi i polli che ci sono cascati con tutte le scarpe a far donazioni a questa tizia; almeno il tizio dei cappelli ha ammesso chiaro e tondo "Suppongo di meritarmelo per aver riposto la mia fiducia in lei". Ma che v'aspettavate da una che strilla contro i fotografi per non aver ritoccato abbastanza la sua immagine? Da parte mia, fanculo a tutte le tessholliday del mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella delle femministe grasse sarebbe carino avesse una spiegazione un po' più dettagliata perché è un luogo comune che vedo girare da molto e non ho mai capito,dal basso dei miei ventidue anni, da cosa ha avuto origine.
      Comunque questa è una disturbata a livelli spaventosi e una truffatrice, non c'è molto altro da aggiungere, purtroppo.

      Elimina
    2. Luna, ti posso dare la mia ipotesi.

      Chi è grasso da bambino e ragazzino subisce continue prese per il culo (lo so perché ci son passato in prima persona), e di certo non per questione di salute, ma perché "grasso è brutto". Son cose che fanno male, specie contando che a quell'età uno non decide di essere grasso (ma è stato mal educato a livello alimentare dai genitori, che colpa ha un bambino). E quindi una ragazzina magari inizia a interessarsi ai ragazzi e si sente solo rifiutare poco gentilmente a causa del suo aspetto. Basti pensare che anche da adulti il modo "migliore" per attaccare una donna è attraverso l'aspetto ("culona inchiavabile", per dirne una), figurati da ragazzini. Per cui non mi sorprenderebbe se nella mente di certe ragazzine scattasse il meccanismo che le porta a dire "gli uomini sono tutti delle merde". Perché sebbene anche le donne quando ci si mettono sono abbastanza cattive, avrà sicuramente avuto un gruppetto di amiche che la consolavano dicendole che non è vero, che lei è bella e che sono loro stronzi.

      Non so, a me pare plausibile.

      Elimina
    3. Non avrei saputo spiegarlo meglio di Guga.

      Elimina
    4. Oddio che stupidaggine.
      Io sono in carne, sempre stata, e anche bisessuale.
      Anche le donne possono farti sentire inadeguata, a volte anche più degli uomini.
      E sono femminista, sempre stata, nonostante le mazzate (e non relative all'aspetto fisico) le abbia prese sia da maschi che da femmine.
      Poi per fortuna c'è gente con gusti diversi, che apprezzano anche le persone in carne (e questo è un discorso solo estetico, dato che l'avete impostato così).
      Poi,per il fatto che lei abbia ingannato tutti in quel modo, non la giustifico affatto, pur essendo femminista ed in carne.
      P.s. studio Psicologia, e non esiste nessuna correlazione tra uno specifico tratto di personalità e il sovrappeso. Quindi non ha alcun fondamento dire che tutte le persone in sovrappeso siano avare.

      Elimina
  3. Finalmente qualcuno lo dice. Promuovere questo tipo di "bellezza" è come promuovere l'anoressia. Comunque, mai stata simpatica questa tipa, figurati dopo queste belle notizie.

    RispondiElimina
  4. Questa storia non fa altro che dimostrare quello che ho pensato, ossia che dietro il "fat acceptance" ci sia solo un business. Qualcuno ha capito che sta andando di moda il pensiero et voilà ci marcia su.

    Sul "fat acceptance" sono d'accordo solo sulla questione bellezza. Nel senso, i gusti son gusti e se io sono grasso o magro non devi rompermi le palle venendomi a dire che così son brutto o meno. Finché si parla di salute ok, è giusto e doveroso così come per l'anoressia anche per l'obesità sottolineare la pericolosità della condizione, ma il lato estetico non può e non deve venir messo in discussione secondo me. Soprattutto perché è il motivo base per cui molti grassi aderiscono al "fat acceptance": aver passato l'infanzia e l'adolescenza a sentirsi dire che eran brutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'infanzia:
      Sei grasso, ti deridono
      Sei magro, ti deridono
      Sei povero, ti deridono
      Sei peloso, ti deridono
      Hai i denti sporgenti, ti deridono
      Hai le orecchie a sventola, ti deridono
      Hai il naso grosso, ti deridono
      Sei alto, ti deridono
      Sei basso, ti deridono
      Hai le mani grandi, ti deridono (ciao Gianni, tanto non legge)
      Hai il monosopracciglio, ti deridono (anche in età adulta)

      Insomma, i ragazzini e gli idioti se la prendono un po' con tutti, i grassi non sono mica gli ebrei in mezzo ai nazisti. Ok la bellezza, ognuno ha i suoi gusti, ma se dici che non ti piace una di quelle potrebbero pure accusarti di essere un coglione, tanto si sono autoconvinte di essere bellissime

      Elimina
    2. Vero, ma il grasso è una cosa più diretta (se uno è grasso lo vedi più in fretta che non se uno è peloso) per cui non mi sorprende che in età adulta possa sfociare in un movimento d'orgoglio simile. Né sinceramente mi sorprenderei se lo stesso lo facessero le altre categorie. Per l'uomo peloso e la donna bassa, ad esempio, scherzosamente quanto vuoi ma puoi trovare gruppi fb a supporto.

      Sul fatto che dico che quella lì mi fa ribrezzo mi dà del coglione, beh, concordo con te... ma che non mi venga a dire che sono "vittima dei canoni di bellezza" perché se vede mia moglie o le mie ex ragazze capirà che il problema non è certo la ciccia :P

      Elimina
  5. "Onestamente mendace" e' bellissima
    Comunque lo dico sempre, ho sbagliato lavoro

    RispondiElimina
  6. Non dimentichiamoci che lei ha pure un fidanzato!
    È anche carino. Che ti voglio dire,forse con quei soldi ci ha pagato lui?! :v

    RispondiElimina