venerdì 18 dicembre 2015

Ragazza abusa sessualmente del ragazzo dell'amica: accusato di stupro e condannato

Quando il nazifemminismo arriva a vette di idiozia e ipocrisia tali che da un lato affermano con forza che non bisogna mai accusare la vittima di uno stupro (victim blame), ma se viene stuprato un ragazzo, un maschio, allora lo si può accusare e condannare senza se e senza ma.
Vediamo cosa è successo:

Lei lo stupra, lui viene condannato


Il college Amherst del Massachusetts ha esplulso uno studente con l'accusa di stupro. Ovviamente un ragazzo. Questo dopo aver appurato questa versione dei fatti:



Il ragazzo, rimasto anonimo e chiamato "John Doe", ha accompagnato nella sua stanza del dormitorio la coinquilina e amica della sua ragazza dopo una sera in cui aveva bevuto tantissimo alcol.
Una volta rimasti soli lei lo ha smutandato e gli ha fatto una pompa, il ragazzo era talmente ubriaco da non ricordare nemmeno nulla di quanto accaduto.
Quando si è venuto a sapere quello che aveva fatto con il ragazzo della sua amica, l'accusatrice ha perso tutti gli amici.

I suoi nuovi amici fanno parte di un gruppo di persone che difendono le vittime di assalti, abusi, tentativi o stupri veri e propri, e inizia la sua campagna scrivendo un articolo in cui menziona l'accaduto parlandone come "iniziato come qualcosa di consensuale ma finito in modo molto differente dal consensuale", dove giocava il ruolo della vittima non creduta dalla gente dalla mentalità limitata.

Così, ben 21 mesi dopo l'accaduto, un'altra amica di AS (l'accusatrice) una dei leader dei difensori delle vittime del campus, ha parlato dell'accaduto con Doe chiededogli se avesse maltrattato la ragazza, affermando poi che quella conversazione valeva come una confessione. Cosa assurda.
Quella conversazione ha spronato AS ad accusarlo di stupro, dopo ben 21 mesi dall'accaduto.

Ma non è andata dalla polizia, né ha portato prove convincenti dell'avvenuto stupro. Ha solo detto che a riprova della cosa ha chiesto ad una amica di dormire con lei perché shoccata dall'accaduto.
Ma a dire il vero ha mandato due SMS quella sera, uno ad un ragazzo che le piaceva e con cui aveva flirtato tutta la sera tramite messaggi, e l'altro ad una amica a cui disse "ho fatto una cazzata, la mia amica non mi parlerà più visto che è ovvio che non ero lì per sbaglio a guardare".

Quindi ricapitoliamo: questa ragazza si è portata in stanza il fidanzato dell'amica e coinquilina che era ubriaco perso e non capiva più nulla, gli ha fatto una pompa e se ne è dopo pentita non perché lui l'avesse obbligata, ma perché giustamente accusata di essere una stronza.
Così per rifarsi ha accusato lui di stupro e le hanno pure dato ragione, rovinando quel povero disgraziato, perché le nazifemminarde hanno preteso regole assurde riguardo queste cose.

Belli miei, ricordo che se ti porti a letto una ragazza ubriaca finisci in galera per stupro, ma se ad essere ubriaco è il ragazzo finisce lui in galera per stupro. Le nazifemminarde addossano sempre e comunque la colpa agli uomini, non importa cosa succeda, e ditemi voi se questa è giustizia, uguaglianza, parità di diritti o le altre cose di cui si riempiono la bocca ma ci cagano sopra appena possono.

Tutti gli uomini sono stupratori, anche quando sono loro ad essere stuprati (semicit).

Fonte, che riporta ad altre fonti, tutte in inglese



4 commenti:

  1. Heh, questo è quello che succede quando si fanno leggi che di fatto danno ad una donna potere completo sul destino giudiziario di un uomo.
    Nella mia opinione, comunque, persone che abusano in maniera così spregevole di questo sistema sono troppo pericolose socialmente per stare fuori da un carcere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure chi ha fatto le leggi andrebbe internato comunque, bisogna essere imbecilli per dar credito a quattro oche starnazzanti minchiate

      Elimina
  2. Ma come cavolo si fa a cacciare uno studente senza avere prove che lui abbia fatto qualcosa di male? Se fossi il ragazzo denuncerei la scuola e le ragazze coinvolte per diffamazione per fortuna che in certi paesi con la questione "abusi sessuali su maschi" sono in avanti tipo in svezia che hanno aperto un centro per le vittime maschili di stupro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi pare che il ragazzo abbia fatto causa a qualcuno, ma c'è comunque da mettersi le mani in testa

      Elimina