domenica 23 marzo 2014

Animalisti querelano i Razionali: Pro test e AFdSA sotto attacco

Da qualche tempo sta andando di moda la becera pratica degli "animalisti" di denunciare/querelare chi si prodiga per fare informazione scientifica seria. A loro la libertà di parola pesa parecchio...
In ogni caso loro lo fanno con un motivo ben preciso: intimidire la controparte.
Ma vediamo cosa rischiano i Razionali e cosa rischiano invece gli animalardi:

Vediamo prima di tutto la situazione dei Razionali:
Non fanno altro che difendere la verità squarciando la menzogna, a volte con sfottò più o meno allegri e altre volte in maniera totalmente seria, in ogni caso si tratta solamente di persone che difendono la scienza, la medicina e la salute contro le balle degli "animalisti".

E' un comportamento nobile, che viene ripagato con minacce di morte, auguri di tumori e minacce di pestaggi e gambizzazioni da parte degli "animalisti".

Quindi recentemente i cari animalardi si sono prodigati nel dispensare anche minacce di denunce/querele, contro varie persone (fra cui me) ma in special modo contro Giulia Corsini.
Come ben sanno tutti nessuno di noi ha commesso reati, e la sordida pratica appare solamente come l'ennesimo squallido tentativo di intimidire e tappare la bocca al nemico.

Con che faccia possono questi "signori" denunciare/querelare le loro stesse vittime?
Con la stessa faccia con cui mentono spudoratamente tutti i giorni. Del resto persone di questo spessore non possono essere fonte di atti condivisibili o ammirabili.

Ma vediamo nel dettaglio cosa rischiano questi decerebrati che usano questi mezzucci intimidatori:
Prima di tutto una querela fatta ad una persona che non ha commesso nessun reato ben sapendo della sua innocenza è un reato gravissimo: calunnia.
Come se non bastasse questa gente non solo rischia la controdenuncia per calunnia, ma se le autorità, indagando sull'attività della persona calunniata, si dovessero imbattere nelle decine di migliaia di messaggi di minacce di morte, di percosse, di vendette, di pestaggi, auguri di tumore e così via sarebbero stracazzacci degli "animalisti" stessi.

Spiego cosa sono i reati perseguibili d'ufficio: sono dei reati talmente gravi che non hanno bisogno di una querela, gli uffici competenti una volta venuti a conoscenza di tali reati procederanno alle indagini e alla persecuzione del reato in totale autonomia.
Quali reati rientrano in questa evenienza? Le minacce di morte di sicuro!
E le minacce sono punite con un anno di reclusione...

Insomma, se questa gente procedesse sul serio a querelare le vittime delle loro continue minacce gli unici a passare dei casini stratosferici sarebbero i loro stessi accoliti!

Allego un'immagine che spiega bene la situazione:

Non farete mai una cosa simile, perché noi siamo puliti e candidi come un bimbo neonato, mentre voi avete commesso tante di quelle porcate che se la postale dovesse scoperchiare il barile di merda che avete riempito avrebbe un puzzo tale che neanche i sorci ci passerebbero vicino.
E' solo il tentativo infantile di zittire il nemico, di zittire noi, perché noi parliamo con i fatti, e i fatti non si demoliscono con gli slogan del cazzo.

Insomma, ragazzi miei, voi credete di farci paura ma in realtà noi ci stiamo facendo grassissime risate!

10 commenti:

  1. Mi pare che la spirale di violenza innescata dagli animalardi, da verbale o scritta, si stia lentamente (ma nemmeno tanto ) allargando anche alla vita reale. Denunce, querele, calunnie ... Spero solo che se ne occupino giudici minimamente illuminati dal punto di vista razionale. Questi presunti "animalisti" stanno già facendo gravi danni, da ogni punto di vista. Vanno veramente fermati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose sono due: o stanno solo facendo la voce grosse (abbaiano insomma) oppure finiscono nella merda gli animalisti stessi, in quanto autori di innumerevoli reati.
      In ogni caso dubito gli si darà mai ragione per fessate simili.

      Elimina
  2. Certo che ne hanno di coraggio. Cioè di incoscienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la chiamo faccia di c... bronzo!

      Elimina
  3. Quoto tutto, tranne la parte "puliti e candidi come un bimbo neonato"... non hai figli? :P Ho una figlia di pochi mesi e produce tanta di quella cacca che definirla "pulita e candida" è impossibile, a meno che non la faccia vivere nuda legata al gabinetto :D

    RispondiElimina
  4. Caro Palle, hai cannato di brutto. Siamo in Italia, un paese dove la giustizia non esiste se non in senso persecutorio per gli avversari politici. I processi durano un minimo di dieci anni e reati simili vengono puniti con pene ridicole (che non sconteranno mai) o multe ridicole (che non pagheranno mai). Poi prova a immaginare la reazione di un giudice ottantenne di fronte a un caso del genere: probabilmente fara' i complimenti all'animalardo e gli infliggera' la pena minima cosi' come e' successo a quelli di Green Hill. Insomma, gli animalardi se ne escono puliti dopo furti e danneggiamenti fatti in pieno giorno davanti alle telecamere! Pensi che si facciano problemi per le minacce?

    Inoltre, c'e' tanta gente che appena sente parlare di denunce e querele si caga sotto per partito preso, anche se non avrebbe niente da temere.

    Insomma, gli animalardi non rischiano niente e mettono a tacere parecchia gente, il tutto a costo zero. Spiacente, stavolta hanno vinto loro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che ne Pro Test ne AFDSA abbiano chiuso, mi domando cosa avrebbero vinto.
      Mi sa che non hai ben presente la situazione stavolta

      Elimina
    2. Non hanno chiuso le pagine, ma hanno sicuramente fatto cagare sotto piu' di una persona. Tenendo conto che per loro e' costo zero e rischio zero, si tratta di una buona mossa tattica. Aggiungi il "basta che se ne parli" e avrai capito a cosa miravano.

      Elimina
    3. Li conosco, fidati: si stanno facendo grasse risate!

      Elimina