venerdì 18 ottobre 2013

Vegardi malati mentali

Ok, riprendo un vecchio articolo e riforumulo la questione, visto che ora ho parecchie prove di quanto sto per scrivere: i vegardi hanno turbe psicologiche gravi, e questo è un dato di fatto supportato da tanto di studio.
Ci siamo chiesti spesso perché 'sta gente non fa altro che insultare, minacciare di morte e credere alle peggiori e siderali puttanate che altri psicotici si inventano. La risposta è questa:

Depressione, ansia, e disturbi somatoformi.

Già i disturbi somatoformi parlano chiaro sulle condizioni di sta gente, che dice di chiudersi in bagno piangendo perché sentivano "ODORE DI MORTEH E SOFFERENZAH" quando la madre arrostiva il pollo, visto che causano disagio sociale (Assassini, vivisettori, alf, vegansessuali e altre amenità da psicotico) e focalizzano l'attenzione su una singola cosa (lammore per gli animali?).

Che dire?
Abbiamo il paese tenuto per i coglioni da un gruppetto di disturbati mentali, denutriti e fanaticizzati, che invece di essere curati con il TSO vengono addirittura apoggiati dai media!
Non lo so, io sinceramente rimango allibito...

Lo studio precisa però che non è la dieta vegarda a far diventare psicotica la gente, ma è la gente psicotica che si avvicina alla dieta vegarda.
Questo è confermato dalla quasi totalità di vegardi "tiammazzolafamiglia" fanatici, visto che quando parlano della loro "scelta di vita" raccontano sempre di come "prima stavo male, adesso stoh bene!!!!1!1!!". E' chiaro che avevano un disagio, un disturbo somatoforme: dicono che cambiando dieta si sono sentiti molto meglio, e che se assaggiano qualcosa di origine animale si sentono male.
Se non è un disturbo somatoforme quello...
Ma comunque, essendo loro psicotici depressi, non si accontentano di aver fatto la loro personale scelta, e cercano di imporla al mondo.

Perché?
Loro dicono che "il pensiero che gli animali soffrono ci fa star male".
In realtà loro staranno SEMPRE male, vitanaturaldurante.
Quello che scambiano per "sensibilità ed empatia" che li porta a piangere come cretini, in realtà è depressione ed esaurimento nervoso! Inutile che giustifichi i tuoi pianti isterici con le foto di un maiale sgozzato o una mucca al macello, vai a farti curare!

Insomma, per 'ste persone il "benessere dell'animale" è solo una scusa, una convinzione irrazionale assimilata inconsciamente perché non si sa bene quale sia l'origine del loro malessere, ma piuttosto che farsi aiutare si sono creati il loro mondo, fatto di hunza, cancri, animali squartati e "sensazione di leggerezza" (e bruciore al culo. Questa la capiranno in pochi...).

Del resto, come è possibile definirsi contrari alla tortura degli animali e poi suggerire di torturare i bambini? Come è possibile definirsi non violenti e poi minacciare di morte mezzo mondo?
Il problema è che questa gente purtroppo gode di grande risalto mediatico, complici le associazioni animalarde che hanno basato il loro lucro sulle turbe psicologiche di questi poveri disgraziati senza spessore ne personalità.

Qualcuno ancora li reputa dei grandi guerrieri?
Fonte

22 commenti:

  1. Da notare che lo studio riporta anche le percentuali di vegazzi su base demografica di molti paesi Europei; che dire, la famosa leggenda metropolitana "i vegazzi sono tanti e crescono ogni anni sempre di più in tutto il mondo" è una fesseria di proporzioni colossali. Se confronti quei dati con quelli di 10 o 20 anni fa, sono passati da una media del ~5% all'attuale ~1%: ovvero sono in calo ed è quindi un fenomeno che sta tendendo a scomparire.

    E' logico dunque dedurre che se il numero di adepti a tale dieta diminuisce, quelli che rimarranno saranno solo e soltanto i soggetti più "borderline" (come evidenzia lo studio), cioè quelli che diventano vegazzi più per fanatismo che per reale necessità. E' normale quindi che il fenomeno tenda alla radicalizzazione ed alla violenza.

    Infatti non è un caso che i portavoce italiani maggiormente noti in rete siano il Franco "La Bète" Fruciano e la scìura Luisa "Spaco botiglia, Amazo familia" Puglisi. I vegazzi "normali" se ne sono già andati dal movimento un bel po' di tempo fa (convertiti al vegetalianismo), cioè quando la moda New Age è morta negli anni '90. Quelli che ora militano nel movimento anti-carne, praticamente sono i rifiuti della società moderna: gente sociopatica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se gli fai notare che è una moda quelli si incazzano e urlano più forte di prima gli slogan.
      A sentire loro sembrano gli emissari di un'orda di miliardi di vichinghi pronti ad invadere il mondo intero.

      Poi li vedi nelle manifestazioni e sono una ventina di sfigati malnutriti dallo sguardo vuoto e l'aspetto di un pensionato.

      Elimina
    2. C'è anche da considerare che la pressione psicologica all'interno di quei gruppi è molto alta e spesso si può assistere anche a manifestazioni di competizione tra i vari membri, del genere "io sono più vegano di te/sono vegano da più tempo di te/ho fatto diventare più persone vegane di te" ecc. C'è da rimanere allibiti, davvero. E anche spaventati dal modo in cui trattano chi si azzarda ad "abbandonare" o ad assumere toni più moderati. Mai sia, altolà. Ti tratteranno esattamente come le sette religiose trattano i "miscredenti" che se ne allontanano.

      Covano sentimenti negativi e violenti in maniera preoccupante, bisogna fare seriamente qualcosa. Il passo tra minacciare online e incendiare le macchine è più breve di quanto sembri.

      Elimina
    3. Fortuna che stanno diminuendo!
      Comunque si, dovrebbero interdirli e togliergli diritto al voto, come minimo, e poi curarli.

      Elimina
    4. Essenzialmente gli unici che rimangono sono quelli come vaccaro o come fruitanya, gente che sul veganesimo ci campa. Hai idea di quanto sia bello vendere libri e conferenze piene di vaccate e vedere i gonzi che ti fanno pure i complimenti? L'unica fatica e' quella di cancellare i commenti negativi sul blog e usare massicciamente i fakes, per il resto e' tutto guadagno!

      Elimina
    5. C'è anche da considerare che la pressione psicologica all'interno di quei gruppi è molto alta

      Per diletto mi sono infiltrato con un account fake nei gruppi Facebook segreti dei vegazzi e ti posso confermare che la competizione tra adepti è allucinante; innanzitutto il grosso del movimento anti-carne è formato non da adepti ma da rivenditori di prodotti bio / vegani o di intrattenimento (libri, DVD, conferenze, gadget ecc). Siccome per il mercato i vegani rappresentano un settore di nicchia, i rivenditori si imbucano nelle varie pagine Facebook e fanno da testimonial dei prodotti che vendono, esempio: "io sono vegazzo da 10 anni e mangio solo prodotti della marca X ed il mio pene mi si è allungato di 10cm (ma il cervello mi si è ristretto di 4 taglie)". A cui seguono gli "ohhh" dei vegazzi impressionati dalle performance del (finto) testimonial-vegazzo; perché ovviamente, quelli che si imbucano per vendere non sono vegani nella vita reale; sono solo subdole strategie di marketing per allocchi.

      Praticamente è una gara all'ultimo sangue a chi rifila più prodotti; appena vieni invitato in una pagina Facebook privata o ad un gruppo segreto, tempo 10 minuti e ti ritrovi dozzine di messaggi privati degli utenti della communità che ti offrono sconti, tariffe agevolate, fidelizzazioni, promozioni ecc ecc ecc; dopo una settimana il volume di messaggi privati dei venditori è così alto che è impossibile da gestire e quindi li ignori. Dopo un mese ti rendi conto che non parlano altro che di vendite e di sconti per l'acquisto in gruppo. Il 99,99% del loro tempo lo passano così, facendo la spesa via Facebook. Empatia? Volontariato per gli animali? Benessere per gli animali? E' molto raro che ne parlino e se lo fanno è solo per pianificare qualche reato ai danni di coloro che lavorano con gli animali.

      Infine ci sono le faide interne: se un neo vegazzo, ingenuamente, fa l'endorsement di un prodotto specifico (esempio: "ho provoto il prodotto X, mi è piaciuto e mi sono cresciuti pure i peli sul culo, fico!!!!11!!!!"), finisci nelle liste di proscrizione del concorrente (che ovviamente, pure lui è infiltrato su Facebook e si mimetizza con gli altri vegazzi), il quale dirà peste e corna di te ai suoi adepti nel tentativo di farti allontanare dalla comunità; sì, perché ci sono le gang tra i vegazzi, come nel film Gangs of New York, ma con i brand commerciali al posto delle rivalità raziali.

      Questo è quello che ho visto dopo ben 3 anni da infiltrato tra i vegazzi. Gente normale e pacata che si mangia i suoi vegetali e si fa i 'azzi sua... molto poca; li conti sulle dita di una mano a fronti di decine di migliaia di utenti.

      Se vi annoiate, infiltratevi nei gruppi dei vegazzi-animal-fascisti; sono uno spasso unico :D
      Io sono infiltrato anche nei gruppi segreti su Facebook in cui milita il Fruciano e le risate sono assicurate! Purtroppo non posso condividervi gli screen shot delle discussioni allucinate e paranoidi de il "bestia", perché salterebbe immediatamente la mia copertura. E' un peccato perché c'è materiale per farci un sito web apposito in cui perculare gli animal-vegazzi a vita; un giorno lo farò, intanto mi limito a raccogliere materiale e a somministrare odio e paranoia alla "bestia" al fine di intrattenere il pubblico :)

      Elimina
    6. Non farti sgamare, Mauro, non si sa mai che qualcuno possa avere bisogno di una talpa che faccia uno screenshot al momento giusto! Sarai la "cellula dormiente" delle persone sane e normali!

      Elimina
    7. E' un po' come le discussioni nel blog di vaccaro: al 90% sono naturopati e altri rivenditodi di fuffa vegana, il resto sono fakes di vaccaro

      Elimina
  2. Il punto è che, proprio perché hanno un disturbo somatoforme, non riusciranno mai a vedere nelle loro convinzioni qualcosa di sbagliato, non si renderanno mai conto che hanno bisogno di essere aiutati. Insomma, sono spacciati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ovvio, ho anche scritto un post "non puoi insegnare alla merda a non puzzare" dove esprimo più o meno il concetto che se sono in quelle condizioni non ce li levi di sicuro.
      Però almeno si può evitare che qualcuno caschi nella loro propaganda e creda alle loro menzogne.

      Elimina
  3. Chiaramente bisogna già essere pazzi di partenza per divenire vegardi; poi, però, la dieta non aiuta affatto a migliorare, anzi, finisce che causa ed effetto si mescolano in un tutt'uno ben amalgamato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La carenza di B12 mista al disturbo psichico non deve essere un bell'affare.

      Elimina
    2. No, la carenza di B12 CAUSA disturbi psichici, anche se a lungo termine. Un medico mi ha detto che le riserve di B12 nel fegato durano anche qualche anno, ma quando la B12 finisce sono cazzi amari dato che il sangue non riesce piu' a portare ossigeno al cervello. Qui si parla di danni irreversibili, in pratica il cretinismo che veniva ai sopravvissuti alle carestie.

      Elimina
    3. Quindi sono pure danni permanenti?
      Andiamo bene...

      Elimina
  4. Io sono stata vegetariana per cinque anni, poi ho smesso perché mi sono posta una semplice domanda: ma io voglio davvero integrare il ferro - che ho sempre avuto basso, ma in quel periodo era bassissimo - tutta la vita, o preferisco mangiare carne di quando in quando? Ho optato per la seconda, mi sembrava più logica. Ma nonostante questo non ho mai cercato di imporre la mia idea a nessuno. Non volevo nutrirmi di animali, punto, scelta di vita mia non violenta.
    Trovo assurdo che chi si definisce "non violento" poi cerchi di imporre la propria visione del mondo agli altri
    1. Imporre qualcosa è un atto di per sé violento rispetto all'autoderminazione altrui.
    2. Dire di amare e rispettare le altre forme di vita, salvo poi augurare atroci malattie a chi la pensa diversamente è incoerente.

    Per cui, per quanto io stessa abbia abbracciato la casua vegetariana, trovo che i suoi esponenti siano spesso imbarazzanti e le remino contro. E trovo anche che ognuno dovrebbe essere libero di fare le proprie scelte di vita senza che nessun altro si senta in diritto di dire niente in proposito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non ho mai cercato di imporre la mia idea a nessuno".
      È una cosa che ho notato in tutti i vegetariani che conosco, gente che adotta quella dieta per motivi personali e via. Ma in NESSUN vegano ho invece trovato questo atteggiamento, che dovrebbe essere la base fondamentale di una persona socialmente funzionale.

      Elimina
    2. sono sinceramente esterrefatta da tutta questa propaganda antivegan che trovo sul web, e che spesso assume forme piuttosto violente. sono vegana e non rompo le scatole a nessuno. ceno regolarmente con gente non vegana e non do' a nessuno dell'assassino, nè mi ritengo superiore a qualcuno che ha fatto una scelta diversa dalla mia. la scelta è mia, appunto. non capisco però il vostro accanimento. i deficienti nel mondo esistono ad ogni latitudine e possono essere vegani, carnivori, comunisti, fascisti o quel che vi pare. secondo voi, invece, se uno è cretino e accidentalmente è pure vegano, la ragione della sua idiozia sta nell'essere vegano. questa vostra teoria secondo la quale le persone opterebbero per una scelta vegana perchè affette da turbe mentali la trovo lievemente offensiva e mi suona sinistramente simile a certa propaganda hitleriana sulle forme d'arte "degenerate", ad esempio....il che m'inquieta non poco. forse mi fa arrabbiare il fatto di aver adottato una scelta " non violenta" e di VIVERLA in maniera non violenta, ovvero non cercando di imporre a nessuno le mie scelte, non cercando di fare guerre sante a favore della causa vegana, ma piuttosto tentare di comunicare con gli altri in modo sereno, e poi leggermi ste valangate di merda secondo le quali io sarei malata mentale perchè ho deciso di non mangiare prodotti di origine animale.
      sinceramente: girando per il web non ho trovato molte pagine intitolate "carnivori di merda" o "boicottiamo i mangiacarogne". ho trovato molti siti, invece, intitolati "boicottiamo i ciucciacarote" o "vegardi bastardi" o simili amenità.
      dal momento in cui non si lede la libertà degli altri, non capisco proprio queste forme di accanimento ed intolleranza. i vegani non sono tutti uguali, non stiamo tutti l a boicottare la sagra dell'arrosticino; e i deficienti, ricordate, possono avere qualunque cappello.
      vi invito ad impiegare meglio il vostro tempo, poichè mi pare che anche voi stiate facendo la vostra Jihad.
      uscite e andate a mangiarvi un kebab. forse potreste incontrare un simpatico consumatore di falafel con il quale è possibile dialogare.

      Elimina
  5. Finalmente qualche studioso inizia a supportare con dati ciò che asserivamo da tempo: i vegani non stanno bene.
    Spero seguiranno altri studi simili, perché più studi ci sono concordi e più ci si avvicina alla verità!

    RispondiElimina
  6. Oramai è constatato che gli animalari soffrano di turbe psichiche non indifferenti.

    RispondiElimina
  7. I migliori sono quelli che si nascondono dietro a un finto perbenismo e ti dicono:"Io mangio verdure ma non voglio imporre il mio volere sugli altri, non mi importa ciò che mangiano loro" e poi si smerdano nei discorsi quando ci parli assieme. Cose tipo: "Ho fatto questa scelta per migliorare il mondo (migliorare cosa poi?), i mangiacarne sono pecoroni che seguono il gregge degli ignoranti (ah si e tu veg del cazzo segui i portatori della verità assoluta invece? LOL), io inquino meno dei carnivori (si, come no...), io spreco meno risorse (anche qui, ceeeeerto :D)" e altro. Tu e io smettiamola conosciamo bene una persona così, che ha un canale youtube e il suo nome inizia per g... Hai capito no? LOL

    RispondiElimina
  8. Io ho sentito parlare di un vegano che, da buon pacifista, picchiava la fidanzata. Era lui ovviamente un mogliettino che preparava sempre la cena e non sapeva nemmeno scopare, infatti ho avuto io il piacere e l'onore di far sentire donna questa ragazza. Una bambolina di 50kg. Lui era quello con la 'parte femminile' ed era un isterico pestadonna, mentre io che "la mia parte femminile me la sono fatta" comendice Guzzanti, l'ho trattata da regina. Un giorno, Deo Concedente, l'eunuco di merda mi capiterá davanti e gli domanderò se gli regge di provarci con me che peso 104 kg e sono allenato sia a mani nude che con la spada. Poi vediamo come si caca sotto il frocio. Lui animalista, io animale.
    Forza & Onore

    RispondiElimina
  9. "Del resto, come è possibile definirsi contrari alla tortura degli animali e poi suggerire di torturare i bambini? Come è possibile definirsi non violenti e poi minacciare di morte mezzo mondo?"

    Non sai quanto son d'accordo!!!
    In Italia fanno tanto i giustizieri di stocazzo facendo rinchiudere persone per la sola colpa di aver svelato qualcosa di troppo scomodo ai potenti, oppure alcuni muoiono in circostanze "misteriose" (Uva, Cucchi, Androvaldi), mentre i vegani fanatici e dittatori, anziché essere rinchiusi sotto TSO come dovrebbero, ricevono addirittura l'appoggio dei media!

    RispondiElimina