lunedì 2 settembre 2013

L'inganno animalista: preview del eBook

Finalmente dopo tanta fatica sono riuscito a pubblicare il mio primo (e spero non ultimo) libro: L'inganno animalista.
Per aiutare il pubblico nella scelta dell'acquisto ho deciso di inserire in questo post l'indice ed i primi due capitoli del libro, così da dare una buona idea di come è impostato il libro, quali argomenti tratta e come. Buona lettura:

Indice:
Capitolo 1:   Il mondo come viene dipinto dagli "animalisti"
Capitolo 2:   La tutela degli animali secondo la legge
Capitolo 3:   La caccia
Capitolo 4:   La verità sugli allevamenti italiani
Capitolo 5:   L'allevamento del bestiame e la fame nel mondo
Capitolo 6:   Non solo carne
Capitolo 7:   La macellazione e il livello di consapevolezza degli animali
Capitolo 8:   I controlli europei sulla qualità del cibo
Capitolo 9:   Contraddizioni animaliste sugli allevamenti e l'ambiente
Capitolo 10:   Si uccidono animali anche seguendo una dieta vegana
Capitolo 11:   Come funziona l'agricoltura "Bio"
Capitolo 12: La sperimentazione animale non è "vivisezione"
Capitolo 13: La verità sulla sperimentazione animale
Capitolo 14: I metodi complementari non sono "cruelty free"
Capitolo 15: La sperimentazione a fini cosmetici e la normativa vigente
Capitolo 16: I farmaci ritirati dal mercato
Capitolo 17: Il circo con gli animali
Capitolo 18: La carne non fa male
Capitolo 19: La verità sul latte
Capitolo 20: La demonizzazione del genere umano: odio discriminatorio
Capitolo 21: Assalti animalisti che danneggiano gli animali e la società
Capitolo 22: Conclusione


Capitolo 1: Il mondo come viene dipinto dagli "animalisti"

"Le persone sono tutte sadiche e assetate di sangue: vivono nel completo disinteresse per le sofferenze e le torture che infliggono agli animali che vengono imprigionati negli allevamenti, maltrattati e uccisi in modo doloroso, nel totale spregio della loro consapevolezza di essere solamente degli strumenti. Ma questo non importa a nessuno, e continuano a sfruttarli per soddisfare la loro vanità ed il loro palato con il gusto della carne, che in realtà li uccide di cancro. E per curare il cancro cosa fanno? Sperimentano sugli animali, usando torture ancora peggiori! Miliardi di animali squartati vivi per vedere le reazioni dell'organismo a certe sostanze, animali mutilati e rinchiusi in gabbie piccole e sporche. Tutti questi crimini commessi da persone avide e sadiche, nate con una particolare propensione per torturare a sangue freddo degli esseri viventi, che fanno gli interessi delle grandi società di medicinali. Per non parlare dei cosmetici di questi esseri abietti: li sperimentano sempre sugli animali, provocando loro malattie della pelle devastanti e morti atroci.
E come se non bastasse questi esseri senza scrupoli vogliono anche divertirsi, quindi vanno nei circhi dove neanche a farlo apposta si sfruttano delle povere bestiole. Poverini, strappati al loro habitat naturale e sfruttati bassamente per intrattenere persone senza coscienza..."

A grandi linee questa è la visione generale del mondo che gli animalardi dipingono nella loro propaganda. E posso affermare con sicurezza che gli individui convinti che il mondo sia realmente così sono purtroppo numerosi. E' facile immaginare che gente convinta che le persone siano così meschine, malate e, cito testuali parole, "indegne di vivere" possa portare solamente ad una escalation di violenza gratuita e feroce. Un esempio sono gli animalardi che passano il tempo a minacciare, insultare, augurare mali incurabili terribili e perfino la morte alla gente che semplicemente ha la sciagura di capitargli a tiro, arrivano perfino a esultare per la morte di bambini perché, cito nuovamente testuali parole, "tanto sarebbero diventati mangiacadaveri e avrebbero causato la morte di tanti animali".

Ma da adesso in poi si parlerà in maniera più seria. Il mio intento è gettare luce sulla realtà dei fatti, visto che sul web sono migliaia i disinformatori animalardi ed i media rincarano la dose cavalcando l'ondata della moda animalarda per incrementare gli ascolti, e tentare di arginare il crescente estremismo e odio contro le persone che lavorano con gli animali.

Capitolo 2: La tutela degli animali secondo la legge
Nella premessa ho chiarito quale sia il mio intento, nel primo capitolo ho cercato di concretizzare a parole come i simpatici fresconi (simpatici per modo di dire) descrivono e vedono il mondo. Il resto del libro smonterà questa visione del mondo fino ad esaminare ogni minimo dettaglio del pensiero animalardo.

Il requisito per cui un simile inferno in terra possa esistere è che tutto venga fatto senza alcun rischio di venir sanzionati, cioè che questi comportamenti non vengano puniti in nessuna maniera. Ci sono quindi anche solo i presupposti che questo sadismo generalizzato sia anche solo teoricamente probabile? Se il mondo fosse veramente malato come raccontano, avremmo forse leggi come quelle che mi appresto a elencare?

Nella Comunità Europea, così come nella legislazione di tutti i paesi civilizzati, la tutela degli animali è regolata da un numero consistente di leggi. Per esempio in Italia gli animali d'affezione sono tutelati sin dal 1991: Legge 14 Agosto 1991 n° 281, che tutela gli animali da compagnia e affezione da abusi, maltrattamenti e abbandoni. Da quando la legge è in vigore chi maltratta un animale o lo abbandona rischia il carcere, e basta una semplice denuncia per far partire le ispezioni degli organi competenti, che non si fanno di certo attendere.

Un piccolo esempio di casi forse fin troppo estremizzati: negli Stati Uniti c'è un'associazione, la Humane society, che difende gli animali. Quando qualcuno denuncia un presunto caso di maltrattamento loro vanno immediatamente a ispezionare il luogo e a verificare le condizioni del animale, e se confermano l'irregolarità lo sequestrano e decidono se denunciare o tentare di educare il proprietario.

Ci sono casi perfino al limite della decenza e della logica, come cani sequestrati a persone povere perché giocando si sono presi una storta ad una zampa per essere regalati a persone parecchio più abbienti, con la malcelata speranza di elargizioni di denaro sonante, e non aggiungo altro.

Un caso italiano fu quello di due "animalarde" che cercarono di "salvare" un piccione dalle grinfie di un gatto (ostacolando il corso della natura, e meno male che sono animalisti...) facendo volare il piccione sotto una macchina. Hanno preso la targa del povero disgraziato, che in una situazione simile difficilmente poteva evitare "l'incidente", e lo hanno denunciato. Questo si è trovato una multa salatissima per "omissione di soccorso", alle animalarde però nessuno ha applicato una multa per aver condannato il povero gatto a morire di stenti. A parte l'ovvio abuso della legge da parte di due persone evidentemente non serene con se stesse e con il mondo che le circonda, è chiaro come gli animali in certi casi vengano tutelati ben oltre il necessario e spesso si supera il limite della logica e della decenza, perché di piccioni ce ne sono a milioni nel nostro paese, e spesso portano malattie, e fermarsi per strada a soccorrerne uno è una boiata: rischi di essere investito o di causare incidenti.

Le direttive della CE sugli animali da allevamento, ma che tutela anche la selvaggina in quanto facente parte dell'industria della carne e delle pelli (compresi rettili, pesci e volatili), garantiscono e impongono una corretta alimentazione, le necessarie e tempestive cure mediche (anche gli animali si ammalano), adeguati spazi per il movimento, ricoveri idonei, le giuste attenzioni giornaliere e ovviamente la prevenzione dei maltrattamenti di qualsiasi natura.

Insomma, con le leggi che ci sono in vigore sia nazionali che sovranazionali andare in giro a professare le "immani torture" che avvengono negli allevamenti affermando che siano "a norma di legge", usando immagini di allevamenti illegali (e sottolineo illegali) risalenti a ormai oltre quaranta anni or sono, cosa che equivale a mentire spudoratamente.

Riguardo gli animali per la sperimentazione c'è da dire che le leggi sono ancora più restrittive rispetto a quelle sugli altri animali.
Prima di tutto bisogna mettere in chiaro che se si sperimenta su degli animali lo si fa solamente se non ci sono altre possibilità, ma soprattutto bisogna far approvare ogni singolo procedimento dello studio da una commissione etica, che in caso si vogliano condurre test su animali quando ci sono delle valide alternative o test che siano considerati inutili bloccano tutto e cestinano la richiesta.
E quando i test vengono approvati gli animali sono tutelatissimi, e si cerca in ogni modo possibile di evitare di fare loro del male o causare inutili sofferenze. Come accade in ogni paese civile del resto.

Quindi abbiamo visto che la società non è malata e menefreghista come raccontato, ma che si preoccupa e tutela il benessere e la salute degli animali con ogni mezzo possibile. Come sia possibile che ci siano persone che vivono solamente nel web convinte che il mondo sia popolato da diavoli e demoni è per me un mistero: piuttosto che andare a verificare di persona la realtà dei fatti passano il tempo a guardare immagini crudissime o false sul web, di una violenza atroce, e covano odio e rabbia sentendo di come "Tizio ha ucciso un cane" o "Caio ha bastonato un mulo". Questo è un comportamento malato e molto pericoloso, che spesso sfocia nel terrorismo di ALF.

Legislazione Europea a tutela degli animali da allevamento:
http://europa.eu/legislation_summaries/food_safety/animal_welfare/l12100_it.htm
Legislazione italiana a tutela degli animali da affezione:
http://www.salute.gov.it/imgs/c_17_opuscoliposter_41_allegato.pdf
Legislazione Europea a tutela degli animali da sperimentazione:
http://europa.eu/legislation_summaries/food_safety/animal_welfare/sa0027_it.htm



Se la preview ti ha interessato trovi il libro in questo link: L'inganno animalista in versione PDF
Oppure per la versione MOBI, cioè per Kindle, basta andare su Amazon: L'inganno animalista Kindle

47 commenti:

  1. Lo stampo, però poi me lo autografi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mai dovessi incontrarti ti farò scoprire che scrivo con una calligrafia oscena.

      Elimina
    2. Sai che tutte le persone geniali o schizzoidi hanno una calligrafia oscena? Quindi se hai scritto un libro io opto per la prima opzione! Poveri (si fa per dire) vegCazzari e animalardi se hanno un nemico così intelligente da smerdarli n un libro solo!

      Elimina
    3. Bhe, lo spero che il libro li smerdi.
      Stiamo a vedere.

      Mi sa che piuttosto che geniale sono schizzoide, fortuna che anche se brutta è comprensibile, per cui non sono tanto pazzo.

      Elimina
  2. Ne uscirà prima o poi una versione cartacea del libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so... i costi sono molto elevati (al lettore verrebbe circa 13 o 14 euro in totale, comprese le spedizioni), e mi è stato sconsigliato.

      Elimina
  3. rischierò di perdere tempo, ma tant'è...io vi ho letto, ne avete scritte tante sui vegani (evidentemente li conoscete tutti)

    intanto sfugge un concetto semplicissimo e non riesco a capire il perche, chiamiamola semplicemente ignoranza,manipolazione o brutte abitudini (infatti solitamente mangiamo cio che è in mano alle industrie, e sappiamo tutti come siano manipolatrici), dicevo, sfugge che un vegano generalmente prima di diventarlo era onnivoro...ora puo' essere, come dite voi, che si è fuso il cervello...ok,è anche vero per molti! ma il dato è che ha fatto una scelta e vede qualcosa che voi non potete vedere...ve la indico come posso, la 'bistecca' (che come cani rabbiosi difendete quando ve qualcuno cerca di togliervela) prima di arrivare nel vostro piatto era un animale che ha passato la sua vita in carcere, poi è stato ammazzato solitamente in maniera brutale, alla luce di questo è ancora difficile capire la reazione di un vegano? Non è che magari ha semplicemente fatto un percorso diverso da un onnivoro che gli consente chiaramente di vedere l'orrore umano? ah già, è la sua superiorità...non conta la sua opinione di una cosa che vive a differenza degli onnivori, ma soprattutto non conta ne la sofferenza animale ne l'affetto che si prova per ogni essere senziente...

    RispondiElimina
    Risposte

    1. forse sfugge ancora l'ovvio, intanto non si puo' sindacare sulla morte (non esiste uccisione buona o uccisione cattiva,infatti gli animali al macello urlano) quindi non si puo' puntare su 'allevatori seri' o km0 o bio per la carne, perche da li al passo successivo (l'attuale olocausto animale) manca poco, è solo una delle tante scuse e serve solo a giustificare l'ipocrisia dell'onnivoro. Non si tratta di estremismo, proprio perche non ci sono vie di mezzo nella sofferenza, anzi l'estremismo è la situazione attuale, fatevene una ragione, intanto l'uomo non è carnivoro (basta guardare i denti! son più simili a quelli di una mucca o di una tigre?) poi chi non mangia più carne (e che quindi lo ha fatto in precedenza) ha sicuramente più voci in capitolo, non si tratta di dover convincere a 'comprare un prodotto' o altro, al contrario si tratta di una conquista personale...proprio perche prima di diventare vegano tutti pensano 'è impossibile!' invece...tutto diventa possibile, con le conseguenze che possiamo immaginare! non fermiamoci alle apparenze, uccidereste personalmente tutti gli animali che 'usate' ogni giorno per cibarvi? oppure andreste a prendere ciò che mangiate dove viene prodotto, vedendo come viene prodotto?

      Elimina
    2. dato storico

      l'uomo nella preistoria lo ha fatto, ok, quindi siamo preistorici? allora come mai ne stiamo parlando ed esistono i vegani? evidentemente perche ora possiamo scegliere... uccidere per nutrirsi equivale a rubare la vita, perche è immediato, massima resa zero spesa (l'emblema del consumismo), un po' come la pigrizia di chi non ha un minimo di fantasia in cucina, e mangia sempre quelle 3-4 cose contenenti carne (questa è l'evoluzione?)... senza parlare poi di come alcuni scienziati legati a stretto filo con le industrie hanno condizionato le abitudini alimentari e di quante balle ci hanno detto sulla b-12 eccc..'dottori' che tra l'altro vengono puntualmente smentiti


      spessissimo la prima risposta e la reazione dell'onnivoro è o una scusa, o denigratoria...senza considerare che chi sta dall'altra parte lo è stato prima di lui, evidentemente qualche voce in capitolo ce l'avrà

      "E' sempre stato cosi..."
      non è per niente passabile il concetto del qualcosa è sempre avvenuta sia automaticamente giusta (la guerra ad esempio, la giustifichiamo perche è sempre stato cosi?) con questa scusa ci laviamo le mani e dello sfruttamento attuale (o meglio dell'olocausto animale in atto) non ne rimane traccia giusto?

      tralasciando il gesto in se dell'uccisione, è la decisione, da parte dell'uomo, di cosa farne dell'animale indifeso non è quantomeno ipocrita?

      da gente con le palle quadrate mi aspetterei almeno l'ovvio, la difesa degli animali...

      Elimina
    3. "l'uomo non è carnivoro" quasi vero, e' onnivoro, quindi mangia ANCHE carne.

      "basta guardare i denti! son più simili a quelli di una mucca o di una tigre?" i denti CANINI non sono da mucca. Li hanno gli animali carnivori.

      "poi chi non mangia più carne (e che quindi lo ha fatto in precedenza) ha sicuramente più voci in capitolo" e questa favoletta dove te la sei sognata?

      "uccidere per nutrirsi equivale a rubare la vita" peccato che lo facciano quasi tutti gli animali (per lo meno TUTTI i predatori) da milioni di anni. Vogliamo buttare alle ortiche milioni di anni di evoluzione?

      "non è per niente passabile il concetto del qualcosa è sempre avvenuta sia automaticamente giusta" lasciamo perdere la violenza fatta alla lingua italiana contenuta in questa frase. Il fatto e' che la cosa e' sempre avvenuta perche' e' la natura del predatore a farcelo fare. E l'uomo E' un predatore, che ti piaccia o meno.

      Elimina
    4. Leggere il libro prima di fare critiche ad cazzum no eh?
      Chissà perché nella premessa ho scritto chiaro e tondo che non mi importa delle motivazioni personali di qualcuno, purché non diventino un dogma da imporre agli altri.

      Altre figuracce da fare?

      Elimina
    5. Perché la gente parla di denti pur non sapendone nulla?

      I Primati hanno i canini a scopo difensivo e intimidatorio, in effetti, però la dentatura umana è completamente diversa SIA da quella di una tigre SIA da quella di una mucca, ne consegue che l'alimentazione umana è diversa SIA da quella della tigre SIA da quella della mucca (che si dovrebbe chiamare vacca, fra l'altro).
      I Felidi sono carnivori specializzati e hanno dei grandi canini, hanno solo 4 molari di tipo ferino e incisivi e premolari si sono evoluti a forma di cono, in modo da tagliare la carne. Una vacca non ha i canini, ha enormi incisivi e ancora più grandi molari e premolari quasi indistinguibili tra loro. Ora, apri la bocca davanti allo specchio e dimmi se vedi grandi molari, enormi incisivi o ferini.

      etto questo, tutti i Primati tranne i generi Nasica e Colobus, sono onnivori. Direi che non serve dire altro, no?

      Elimina
    6. Chiedo scusa: volevo rispondere al commento sui denti più sotto ma ho sbagliato.

      Elimina
  4. rischierò di perdere tempo, ma tant'è...io vi ho letto, ne avete scritte tante sui vegani (evidentemente li conoscete tutti)

    intanto sfugge un concetto semplicissimo e non riesco a capire il perche, chiamiamola semplicemente ignoranza,manipolazione o brutte abitudini (infatti solitamente mangiamo cio che è in mano alle industrie, e sappiamo tutti come siano manipolatrici), dicevo, sfugge che un vegano generalmente prima di diventarlo era onnivoro...ora puo' essere, come dite voi, che si è fuso il cervello...ok,è anche vero per molti! ma il dato è che ha fatto una scelta e vede qualcosa che voi non potete vedere...ve la indico come posso, la 'bistecca' (che come cani rabbiosi difendete quando ve qualcuno cerca di togliervela) prima di arrivare nel vostro piatto era un animale che ha passato la sua vita in carcere, poi è stato ammazzato solitamente in maniera brutale, alla luce di questo è ancora difficile capire la reazione di un vegano? Non è che magari ha semplicemente fatto un percorso diverso da un onnivoro che gli consente chiaramente di vedere l'orrore umano? ah già, è la sua superiorità...non conta la sua opinione di una cosa che vive a differenza degli onnivori, ma soprattutto non conta ne la sofferenza animale ne l'affetto che si prova per ogni essere senziente...

    RispondiElimina
  5. ho cominciato a leggerlo ieri sera (ne ho divorata una buona metà) e devo dire che hai fatto per quello che posso giudicare un ottimo lavoro , certo per chi leggeva il tuo blog da molto tempo come me c'è quel senso di "deja vu" che mi rendo conto sia inevitabile ritrovare sia nei concetti che nello stile così diretto che di contraddistingue anche se edulcorato nel lessico , unico appunto secondo la mia opinione è forse l'eccessiva quantità di capitoli che hai voluto inserire quando alcuni di questi avrebbero potuto meritare un libro per quanto ampie ed articolate ne sono le argomentazioni.
    Ti ringrazio per l'ottimo prodotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono impegnato ad inserire parecchie informazioni inedite nel blog ovviamente. Per esempio qui della caccia ho parlato pochissimo. Più avanti ci dovrebbero essere alcune sorprese.

      Grazie

      Elimina
    2. La gestione ambientale è appunto uno di quei temi che potrebbero riempire interi volumi e sul quale a mio modesto parere il mondo animalista si scontra con le proprie contraddizioni più profonde

      Elimina

  6. frank: riscrivo diversamente i dettagli che critichi senza argomentazioni valide

    l'uomo vive meglio senza carne, non ha senso quindi dire 'mangia ANCHE carne' che poi lo faccia perche è cattivo infrapponendo 'il gusto personale' (della morte) è un'altro discorso

    la dentatura davvero ti sembra uguale a quella degli animali esclusivamente carnivori?

    favoletta perche? tu avrai scoperto qualcosa che io non so' e viceversa, si chiama esperienza, e questa è una delle migliori che l'uomo possa fare, ti da fastidio? è un tuo problema

    gli animali carnivori lo fanno perche guidati dall'istinto, l'uomo mi sembra abbia la ragione, il buonsenso, la scelta, il libero arbitrio, l'immaginazione...milioni di anni di evoluzione, ammesso che ci siamo effettivamente evoluti (basta aprire un qualsiasi giornale o girare in città per capire che non lo siamo) qual'è il nesso con l'essere carnivori? e quali sono i tempi e le prove? appena spuntato sulla terra l'uomo si è guardato intorno e ha iniziato ad uccidere o forse mangiava quello che riusciva a trovare sugli alberi ecc? poi, nei millenni magari, vedendo la 'fatica' della coltivazione si è dato alla caccia(appunto iniziando a rubare)

    sorvoliamo l'attaccarsi ad errori grammaticali quando il concetto viene stravolto, chi lo stabilisce che l'uomo è un predatore per natura? la paura di non sopravvivere? mi dispiace per te ma questa è una visione personale, tra l'altro alquanto da rivedere

    palle: movitivazioni personali per uccidere gli animali? imporre la morte agli animali è la vostra motivazione personale? è cosi difficile capirlo?
    evoluzione, anche secondo te siamo evoluti?
    la premessa è semplicemente un buttarsi avanti per non cadere indietro, meccanismo che si usa spesso quando si è in torto o inconsciamente si tenta di trovare delle scuse.

    riesprimo il concetto, anzi il dato di fatto, IL VEGANO NON IMPONE NULLA A NESSUNO, CASOMAI SI INFUOCA PERCHE DIFENDE IL SACROSANTO DIRITTO ALLA VITA DI OGNI ESSERE VIVENTE, che poi lo faccia contro l'onnivoro è ovvio

    solo scuse senza reali argomentazioni...e per gli altri punti? se non li trattate è forse perche un po' vi hanno toccato, se invece neanche la violenza vi tocca, beh, buon mondo a tutti

    vi lascio con la vostra immagine,ricca di pretesti,crudeltà,ignoranza, sconfitte e quant'altro:
    -l'animale non vede l'ora di andare al macello
    -la carne che ho nel piatto è sana, lo dicono le industri
    -non muore nessuno se mangio canre, solo l'animale (ah!)
    -l'uomo deve mangiare carne,lo dicono i medici
    -i vegetariani/vegani muoiono sicuramente in pochi anni (si, sono dei miracoli viventi...maperfavore)
    -non rinuncio volentieri alla carne (segue che non rinunci 'volentieri' alla violenza e all'ignoranza)
    -alle verdure serve tanta acqua quanto per i foraggi (gli animali infatti campano d'aria)
    -se l'animale potesse mi ucciderebbe (soprattutto il maiale e la mucca!)
    -gli animali sono stupidi (ottimo motivo per mangiarli! il nesso? sono animali, è stupido pensare una cosa simile, invece una delle tante similitudine con l'uomo è la sofferenza)
    -gli animali non hanno sentimenti (avete mai visto i maialini giocare)
    -non ci riuscirei mai (ottimo inizio di qualsiasi cosa nella vita!)
    molti altri, suggerite se volete!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la fai a portare avanti una discussione seria o devi continuare con le tue boiate smontate e sbufalate centinaia di volte?

      Elimina
    2. "l'uomo vive meglio senza carne" prove? nauralmente zero

      "la dentatura davvero ti sembra uguale a quella degli animali esclusivamente carnivori?" ho scritto che l'uomo e' esclusivamente carnivoro? non mi pare. ho scritto che e' onnivoro, quindi mangia ANCHE carne.

      se la tua esperienza, poi, ti da il diritto di dire che TU o qualunque vegano ha piu' voce in capitolo di me, beh, questo e' un tuo grosso problema, perche' ti sei automaticamente messo dalla parte dei vegani arroganti e violenti. e l'arroganza e' una delle peggiori cose che una persona puo' mostrare, e la prima che io disprezzo.
      non perdero' altro tempo a risponderti, non ne sei degno e non lo meriti.

      Elimina
    3. Se fossi un maiale ti attaccherei un morso in una gamba.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. "l'uomo vive meglio senza carne"

      Certo, come no... vallo a raccontare ai diabetici, agli anemici o a chiunque altro abbia una patologia che richieda obbligatoriamente l'uso di un'alimentazione a base di carne.

      Voi VegCazzari non vi smentite mai :)

      Elimina
    6. "appena spuntato sulla terra l'uomo si è guardato intorno e ha iniziato ad uccidere o forse mangiava quello che riusciva a trovare sugli alberi ecc? poi, nei millenni magari, vedendo la 'fatica' della coltivazione si è dato alla caccia(appunto iniziando a rubare)"

      Corrado, devi spiegarmi per quale motivo ritieni illegittimo e immorale "rubare la vita" agli animali ma non alle piante. Anche i vegetali sono esseri viventi, lo sapevi?
      Purtroppo, non potendoci nutrire di sassi, l'unico modo per assumere i nutrienti necessari per sopravvivere è quello di "rubare la vita" alle altre creature, animali e vegetali.
      Altrimenti puoi decidere di non nutrirti e di morire, funziona così.
      La vita di una pianta di sedano non vale meno di quella di un vitello solo perché quest'ultimo è in grado di provare ed esprimere dolore in un modo simile al nostro; quindi sottrarre la vita ad una pianta non è concettualmente diverso dal farlo con quella di un animale. Nutrirsi equivale ad uccidere (o mutilare), dato che anche mangiare un frutto caduto in terra equivale a mangiare una vita in potenza, tanto quanto mangiare un uovo. Fatevene una ragione.

      Elimina
  7. Come mai cosi fissato sugli animalardi ultimamente?

    RispondiElimina
  8. "Come mai cosi fissato sugli animalardi ultimamente?"
    perche' sono pericolosi e violenti. se PQ mi permette di dare una risposta al posto suo, ovviamente.

    RispondiElimina
  9. Corrado, per essere uno che "non impone niente" certo sei un po' rompipalle eh.

    Ho un amico vegetariano che se ne sta per i cazzi suoi, si mangia il suo cibo e non ti fa la paternale solo perché tu stai mangiando carne. È una sua scelta, e la vive per conto suo. E a me piace che sia così, è stato ospite a casa mia per un paio di giorni e mi ha pure suggerito ricette interessanti per quando non ho voglia di mangiare carne.

    Fossero tutti così, sarebbe un mondo perfetto. Ma purtroppo non lo sono, e Corrado De Filippis è l'ennesimo esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guga, e' una questione di rispetto, secondo me. Il tuo amico ha scelto la via vegetariana, ma rispetta te carnivoro, tu rispetti lui vegetariano.
      Il problema e' che tanti, troppi vegani del ca$$o non sanno cosa sia il rispetto per chi la pensa diversamente. E, come ho scritto poco fa, certi animalardi/vegani sono violenti e pericolosi. E questo e' male.

      Elimina
  10. Molti dei commenti di sto de michelis sono stati cancellati.
    Non accetto critiche sterili da chi neanche ha letto il libro.
    Viene a dirmi che non ha credibilità e ci sono fior fiore di fonti autorevoli e sono andato di persona negli allevamenti a verificare come e cosa mangiano e come vengono tenuti gli animali.

    Però lui "avvisto lefoto su internette" e ne sa più di chiunque altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non si chamava dei pippis?

      Elimina
    2. Ho una fottutissima forma di demenza giovanile aggravata...

      Elimina
    3. ma, sai, de minkielis, de michelis, de filippi o de pippis, poco cambia se davanti hai un coglione.

      Elimina
  11. Complimenti per il completamento del testo.
    Appena ricaricherò la carta lo prenderò: sono decisamente curioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni argomenti sono stati trattati nel blog, ma nel libro sono parecchio più approfonditi, ma ci sono anche tante cose inedite (altrimenti tantovaleva lasciare le cose come stavano).

      Elimina
  12. Acquistato, scaricato e divorato il tuo libro.
    Lo rileggero' altre volte per gustarmelo meglio, ma gia' ad una prima rapida lettura, complimenti.

    RispondiElimina
  13. http://www.veganhome.it/forum/filosofia-vegan/prudente-adottare-bambino-distanza/

    Sarebbe da ridere se non fosse così triste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poveretti, chissà quanti danni cerebrali hanno subito per arrivare a quel punto

      Elimina
    2. Ripropongo qui la domanda gia' fatta su un altro blog dove Bob ha postato quel link.
      Possiamo introdurre il veganesimo tra i crimini contro l'umanita'?
      Perche' secondo me ci sono parecchi presupposti.
      E ci aggiungerei anche la violenza fatta all'intelligenza.

      Elimina
    3. Oddio ma come si fa ad arrivare a tali livelli di demenza

      Elimina
    4. Stavo pensando anche io al crimine contro l'umanità

      Elimina
    5. http://imageshack.us/a/img163/6849/6sm0.jpg

      Elimina
  14. Ho appena finito di leggere il libro. .. direi che ho speso 3 euro x qualcosa di utile!!! Solo un appunto sulla caccia.. lei lo definisce sport ma per noi è uno stile di vita ed un arte... x il resto complimenti bel lavoro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Non sapevo che la caccia fosse vissuta in questo modo, ho imparato qualcosa di nuovo.

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Palle Quadre (gia' dal nome fai ridere...).... la mia opinione su di te? Sei un grezzo con due neuroni in testa e si vede da come ti esprimi.... il tuo libro e' una bufala pazzesca piena di DELIRI e bugie.... hai bisogno di un bravo psicanalista credimi. Per fortuna il tuo librettino vale zero e lo compreranno al massimo i tuoi seguaci semi-ritardati....che tristezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che parlare senza conoscere i fatti sia segno di totale idiozia.
      Perché TUTTO quanto scritto nel libro è vero, verificato e sicuro.
      Vai a farti un girno, animalarda.

      Elimina