Strage a Israele

E' recente la notizia della strage avvenuta in Israele: Genitori e tre figli sono stati assassinati nel sonno.
Volevo riprendere la faccenda per parlare di una cosa molto grave:
Si sentono tanti poveri mentecatti invieire contro Israele: nazisti di qua, assassini di la, nuovo ordine mondiale, sionisti dominatori del mondo, palestina libera...
A questa gentaglia voglio fare una semplice domanda:
Tu, orrido antisemita bastardo, come ti difenderesti da gentaglia capace di ammazzare nel sonno bambini di 11 anni, di 3 anni e di soli tre mesi?

Attacchi del genere non erano stati perpretati dal 2002, quando un "povero palestinese innocente e assediato dai cattivi ebrei" fece irruzione in una abitazione e sparò ad una donna e i suoi figli di 16, 13 e 6 anni.

Come ci si può difendere da gentaglia assetata di sangue, assassini di bambini, estremisti religiosi che vogliono distruggere una nazione per il solo fatto che è di religione diversa?
Gente che lancia missili contro le città israeliane che si porta dietro i propri figli, così che quando gli israeliani si difenderanno causeranno per forza la morte dei bambini, e così gli antisemiti nazisti bastardi del mondo potranno dire "ebrei nazisti" e assecondare la lotta di gente che la pensa come chi ha fatto l'attentato dell'11 Settembre.

Sto parlando di estremisti religiosi, pazzi fanatici che non capiscono altro che uccidere, non di musulmani in sè.
Gli estremismi sono sempre nocivi, vedi le crociate, vedi il fascismo, il nazismo, l'antisemitismo...

Voglio vedere che scuse si inventano quei trogloditi di antisemiti che si nascondono dietro il termine "antisionisti"

Commenti

  1. Concordo al 100% con te.
    secondo tanti mentecatti con la testa imbottita di ideologie, la colpa di tutto quello che succede in Medio Oriente, è sempre di Israele, ma in realtà come in tutti i conflitti le responsabilità ci sono da entrambe la parti!
    Anzi secondo me probabilmente, per la situazione dei profughi arabi-palestinesi, hanno più colpe i vicini paesi arabi(che non l'hanno mai accolti, e li hanno sempre strumentalizzati), piuttosto che la politica Israeliana

    RispondiElimina
  2. I palestinesi sono vent'anni che bombardano gli israeliani, e appena si difendono (cosa che farebbero tutti) gli antisemiti insorgono.

    Bello che gli antisemiti sono gli stessi che hanno subito gli attentati dalla stessa gente

    RispondiElimina
  3. Nei conflitti secondo me la ragione non è mai tutta da una sola parte, e la colpa tutta da quell'altra, non ci sono mai i totalmente BUONI in uno schieramento, e i CATTIVI tutti nell'altro, gli unici innocenti sono quelli che ci si ritrovano in mezzo senza volerlo, ma sia i gruppi terroristi e vari leader palestinesi, i vicini paesi Arabi, e parte della politica Israeliana, hanno delle responsabilità.
    Solo una visione ideologica può dividere nettamente buoni e cattivi, a seconda dell'appartenenza etnica!

    RispondiElimina
  4. Difendersi non è un crimine.
    I palestinesi vogliono riprendersi la terra che ora è israele.
    Ma da qua a giustificare la morte dei bambini, o l'uso come scudo umano, ce ne passa parecchio

    RispondiElimina
  5. difendersi è un conto, voler riappropiarsi della terra che un tempo i loro avi hanno VENDUTO( una buona parte delle terre israeliane sono state legittimamente acquistate, e non espropriate con la forza) è un'altra cosa!
    Poi al di la di discorsi sulla giustizia e su chi ha ragione o torto, vista l'inferiorità militare dei palestinesi, sarebbe molto più intelligente scendere a patti con Israele, piuttosto che volerlo cancellare dalle carte geografiche.

    RispondiElimina
  6. Il fatto è che hanno lasciato un deserto arido e infertile agli israeliani, ma ora hanno visto che è diventato un giardino fertile grazie al lavoro degli ebrei quelli lo rivogliono indietro.

    Facile così

    RispondiElimina
  7. Si cmq la questione è complessa, dare tutta la ragione ai palestinesi, e tutti i torti agli ebrei, o viceversa, è troppo semplicistico

    RispondiElimina
  8. Quelli che hanno iniziato a uccidere però erano alcuni estremisti, che hanno pure rovinato la pace che c'era fra varie comunità ebraiche e palestinesi che convivevano tranquillamente

    RispondiElimina
  9. Certo la causa di un conflitto così lungo, che sembra destinato a non avere fine, è anche dovuta allo scontro tra opposti estremismi. Da una parte il sionismo ebraico, con il mito della terra promessa, e dall'altra il fondamentalismo islamico, che non è mai stato molto tollerante verso ebrei e cristiani.
    I Sionisti credono di avere un diritto divino su quella terra, e anche i musulmani pensano più o meno la stessa cosa...

    RispondiElimina
  10. Gli ebrei la terra se la sono comprata...
    I palestinesi si sono presi i soldi.
    Ora vogliono cancellare israele dalla faccia della terra...

    RispondiElimina

Posta un commento