martedì 16 novembre 2010

Come nascono le leggende metropolitane e le teorie del complotto

Ormai circolano tantissime "leggende" e storie, sopratutto sul web dove divampa l'ignoranza, e alcuni boccaloni le hanno prese come oro colato.
Li trattano come fatti assodati, ma è realmente così?

Come la storia insegna, le leggende nascono da fatti reali, anche se poi vengono ingigantiti.
E' il caso dei Kraken e calamari giganti, dove in seguito ai reali calamari giganti è nata la leggenda. Naturalmente nella realtà un calamaro gigante non può affondare una nave con i suoi tentacoli.

Fatto questo piccolo esempio vediamo che leggende sono nate nell'epoca moderna.

Se è naturale aspettarsi episodi di isteria e superstizione accaduti in epoche di grande ignoranza delle masse, è più difficile concepire questi episodi nell'epoca moderna, dove l'istruzione obbligatoria finisce con un diploma.

Invece oggi si è più ignoranti di allora...
Sono cambiati i nomi dei demoni e dei mostri, ma il succo è sempre quello: se nel medioevo era satana a ordire contro l'umanità, oggi sono i servizi segreti e le massonerie. In comune hanno molte cose: nascosti, invisibili, malvagi e potentissimi.
Certo che la fantasia non è poi tanta...

Molte leggende sono nate o cresciute negli stati uniti.
Devo forse parlare della disastrosa situazione dell'istruzione in quel paese?
Avete mai visto nei Simpson il preside o gli insegnanti della scuola fare i conti con un budget sempre più limitato? Non sono mica storielle inventate.
Non risulta quindi troppo difficile il propagarsi o la nascita di storielle in un paese dove l'ignoranza dilaga.
L'italia non è da meno. A parte l'istruzione che ormai sta prendendo la via dell'oblio, il paese è sempre stato noto per il bassisimo numero di persone che leggono libri. Infatti non c'è da stupirsi che c'è gente che si ammazza per il calcio, che credono a tutte le baggianate che gli raccontano o che votano un buffone acclamandolo anche dopo gli evidenti disastri.

Quali sono queste leggende?
Vediamo qualche esempio:

  • I cerchi nel grano: Ormai sono decine di migliaia, di tutte le forme. Alcuni sono veramente molto complicati, e molti lo prendono come il segno che sono fatti da mano aliena. Peccato che i primi cerchi fossero appunto dei semplici cerchi...una volta che la stampa ne ha parlato una schiera di poveri mentecatti ha iniziato a sbizzarrirsi a disegnare cerchi sempre più fantasiosi, per poi vederli nei giornali o nelle tv. Parlando con una persona anziana mi ha detto chiaro e tondo che sono degli imbecilli totali quelli che ci credono, infatti ha visto più di una volta cerchi nel grano creati da una tromba d'aria...Come si nota chiaramente il fenomeno è diventato sempre più di massa e complicato in maniera proporzionale a quanto se ne è parlato
  •  Scie chimiche: Leggenda nata dalla mente paranoica di un canadese proprietario di una stazione radio indipendente. Questo tipo di personaggi è stato ripreso spesso nei film americani: sono paranoici e usano la radio per diffondere i loro deliri, si mettono in testa dei fogli di alluminio per evitare di essere controllati mentalmente da alieni o governo. Con il web questa figura ha fatto la sua comparsa in tutti i paesi, con siti internet, blog e forum al posto delle stazioni radio. Tornando al paranoico, un giorno vide un aereo con la scia e disse che era pesticida e che il governo voleva avvelenare la popolazione. Una volta diffusa dai media questa teoria idiota (lanciare qualsiasi cosa da quell'altezza è inutile, si disperde in milioni di metri cubi di aria e difenta inefficace, lo sanno bene i piloti che avvelenano i campi con gli aerei, che devono farlo per forza a pochi metri dal suolo) questa si è ingigantita, e ora le scie servirebbero a tutto e il contrario di tutto: provoca diarrea ma anche stitichezza, porta virus ma anche vaccini, provoca piogga ma anche siccità, serve a creare uragani e terremoti, come radar, per spargere globuli rossi essicati (ma spargono sta roba a fare COSA???) metalli, polveri, polimeri e chi più ne ha più ne metta. Anche in questo caso la leggenda è nata da un fenomeno naturale e conosciuto, ma che l'ignoranza e la paranoia hanno interpretato diversamente, e sopratutto si è notato l'ingigantimento della faccenda collegato esponenzialmente alla sua diffusione nei media, e c'è stato la classica fabbricazione di prove false. Chiaro no?
  • Chupacabras: Il "ciucciacapre" è vittima anche esso di speculazione selvaggia, manie di protagonismo, megalomania o semplice stupidità. Se ne sono dette di tutti i colori: che volava, che passava attraverso gli oggetti, che leggeva la mente, che paralizzava con il pensiero, che avesse capacità telecinetiche ecc ecc. Tutto è nato dal ritrovamento di alcuni piccoli animali, come polli o capre, dissanguati. Una volta che ne parlarono i media è stato un tripudio di avvistamenti, aggressioni, di animali ritrovati chirurgicamente smembrati a cui erano stati asportati organi o altre parti con precisione millimetrica e descrizioni sempre più fantasiose. Si è ipotizzato che fosse un alieno, un demone da un'altra dimensione, o un esperimento fuggito da qualche laboratorio segreto americano. Il suo aspetto è diventato quello di un essere antropomorfo con occhi grandi e neri (come quelli degli alieni, grande fantasia) oppure rossi, antenne o ossa sulla schiena, ali di membrana (tipo quelle dei pipistrelli) artigli e tante altre diavolerie. Si è scoperto essere una specie di canide, simile al coyote (oppure un coyote evolutosi diversamente, o una famiglia con strane tare che ne hanno modificato l'aspetto). Molto probabilmente le uniche vittime reali sono state le prime, quelle semplicemente dissanguate, mentre le altre sono state fatte dai soliti mitomani imbecilli. Anche qua un fatto reale è stato ingigantito, e le persone si sono messe a creare prove false.
  • Bambini rettiliani: Questa è una cosa becera e infame. Sono state diffuse immagini e video di strani bambini, e naturalmente sono state spacciate come bimbi, o cuccioli, di rettiliani. Giusto per confermare le vaccate che si vanno a raccontare. Le immagini sono reali, ma non è reale la storia che si racconta. Infatti sono bambini malati di ITTIOSI. E' una malattia della pelle che le impedisce di eliminare le cellule morte che si accumulano inspessendo la pelle e creando delle squame, ci sono diversi tipi di ittiosi con diversi sintomi. In questo caso ignoranza e malafede (perchè c'è gente che si fa soldi a palate raccontando balle) hanno trasformato un fatto reale ingigantendolo. Quando si specula sulle sciagure altrui per tornaconto personale si perpetra una azione abominevole, degna del peggior disgraziato al mondo
  • Alligatori nelle fogne: Leggenda nata negli stati uniti. C'è gente che racconta che nelle fogne di new york vivano dei coccodrilli o alligatori giganti albini. Diventano bianchi a causa dell'assenza di luce e vivono nutrendosi dei ratti o dei rifiuti. I rettili finiscono li scaricati dai cessi delle abitazioni e continuano a crescere. Il fatto che dei poveri alligatori vengano scaricati nelle fogne con lo sciaquone è vero: molti comprano animali esotici da tenere a casa, e quando iniziano a crescere un pò troppo li eliminano dalla tazza. Naturalmente l'ignoranza dilagante impedisce loro di concepire che un rettile a sangue freddo non può vivere senza il calore del sole...quindi è nata la leggenda degli alligatori nelle fogne...
Spesso la base di realtà basta a convincere la gente che quello che leggono è reale, oppure l'ignoranza totale lo porta a bersi tutto senza porsi il minimo dubbio, in altri casi la gente che legge certe cose è patologicamente malata e si berrebbe di tutto pur di vivere nel terrore che qualcuno voglia fargli del male o spiarlo.

In ogni caso queste teorie sono veramente assurde, e mi chiedo come possa la gente cascarci con tutte le scarpe e minacciare di morte chiunque cerchi di fargli notare che non è la realtà...

5 commenti:

  1. Chupacabras: [...]Se ne sono dette di tutti i colori: che volava, che passava attraverso gli oggetti, che leggeva la mente, che paralizzava con il pensiero, che avesse capacità telecinetiche ecc ecc.

    Chuck Norris, insomma.


    Cambiando discorso.

    Se è naturale aspettarsi episodi di isteria e superstizione accaduti in epoche di grande ignoranza delle masse, è più difficile concepire questi episodi nell'epoca moderna, dove l'istruzione obbligatoria finisce con un diploma

    Non credo che sia questione di ignoranza (o solo di ignoranza).
    Come fatto notare da WeWee nella trilogia di "io complottista" c'è un malessere psicologico, dietro a queste cose, almeno quelle più minacciose.

    Sono cambiati i nomi dei demoni e dei mostri, ma il succo è sempre quello
    Esatto.

    Nella prima metà del XIX secolo, in un romanzetto dove si parla di promessi sposi, un tal Sandro scriveva (riferendosi a circa duecent'anni prima) qualcosa sugli untori:
    Gli animi, sempre più amareggiati dalla presenza de' mali, irritati dall'insistenza del pericolo, abbracciavano più volentieri quella credenza: ché la collera aspira a punire: e, [...] le piace più d'attribuire i mali a una perversità umana, contro cui possa far le sue vendette, che di riconoscerli da una causa, con la quale non ci sia altro da fare che rassegnarsi.
    "Immaturità" è la prima parola che mi viene in mente.

    E, chi si diverte (o si rattrista) a leggere le idiozie degli sciachimisti, può pensare che anche il Manzoni avesse letto qualche post di straker o zret quando scriveva che Un veleno squisito, istantaneo, penetrantissimo, eran parole più che bastanti a spiegar la violenza, e tutti gli accidenti più oscuri e disordinati del morbo. Si diceva composto, quel veleno, di rospi, di serpenti, di bava e di materia d'appestati, di peggio, di tutto ciò che selvagge e stravolte fantasie sapessero trovar di sozzo e d'atroce.

    Mancano il bario, l'alluminio, morgelloni, nanomacchine, virus e le altre cose scoperte dopo, ma che questi malati hanno preso e infilato nei loro incubi. Chi dice che ignorano i risultati della scienza?

    Infine, sempre nello stesso romanzetto, si trova anche che Tra tanti appassionati, c'eran pure alcuni più di sangue freddo, i quali stavano osservando con molto piacere, che l'acqua s'andava intorbidando; e s'ingegnavano d'intorbidarla di più, con que' ragionamenti, e con quelle storie che i furbi sanno comporre, e che gli animi alterati sanno credere; e si proponevano di non lasciarla posare, quell'acqua, senza farci un po' di pesca.

    Anche i mazzucchi non sono spuntati dal nulla. Solo che, con internet, diventano più visibili.

    Come dire... Nihil sub sole novi

    RispondiElimina
  2. Eh si, certa gente è sempre esistita, però quello che dicevo è che oggi è scandaloso che abbiano ancora più seguito di allora.

    Invece di andare avanti, si sta tornando indietro

    RispondiElimina
  3. Invece di andare avanti, si sta tornando indietro

    Temo, invece, che siamo sempre fermi lì.

    RispondiElimina
  4. alcune cose ha raggione troppo ignorante del argomento studia di piu

    RispondiElimina
  5. Scusa, non si capisce molto quello che hai scritto...

    RispondiElimina