Il maschilismo vegetale che causa allergie

E che cosa sarebbe questo maschilismo vegetale? E come tutto questo è collegato all'aumento di allergie? Ma ovviamente perché l'essere umano è patriarcale! Infatti i giardinieri discriminano le albere femmine favorendo gli alberi maschi, causando non pochi problemi. Ecco cosa è il maschilismo vegetale! Compreso di uno undici e centoundici.

Ora non ci rimane che andare a vedere come questo maschilismo vegetale, che già fa ridere di suo, abbia creato tanti problemi ma soprattutto quali meccanismi si celano dietro:

"Quel pizzicore nel naso, quel bruciore agli occhi arrossati, quel soffocamento da asma e quei disturbi che dà l’allergia potrebbero derivare dal polline in eccesso diffuso nell’aria dall’abuso di alberi di sesso maschile preferiti dai giardinieri."


Maledetti giardinieri! Hanno rovinato l'aria!

"Il maschilismo botanico non è una battuta."

Strano perché io sto ancora ridendo...

"Pare che il sessismo vegetale sia la normalità nelle città degli Stati Uniti, ma per fortuna pare meno comune in Italia."

E così, in un singolo paragrafo, si sono sputtanati di già? Cioè le allergie sono kolpa del "maskilismo" vegetale però qui da noi non è poi tanto comune quindi chi soffre di allergia lo fa perché è stronzo...

"Molte piante sono dioiche, cioè si dividono fra i due generi maschile e femminile"

Mica come le persone che hanno "generi infiniti" come la stupidità umana.



"gli esseri umani si comportano con le piante come purtroppo avviene spesso anche nella nostra specie: discriminando i sessi"

!!11!!!1!!1!!1!uno11!!

"Viva le femmine
Gli alberi, come sappiamo, hanno la capacità di pulire dagli inquinanti l’aria. Essi assorbono le sostanze. Però poi gli inquinanti vengono ridiffusi dagli alberi che li hanno assorbiti. Ma gli alberi maschi diffondono gli inquinanti attraverso il loro polline (70mila granelli per metro cubo d’aria) (L'hanno pure tradotto male visto che parla di yarda cubica NDPQ) che viene respirato dai cittadini, per esempio dai bambini che giocano nei giardini pubblici . Al contrario gli alberi femmina catturano anche il polline diffuso dai loro maschi, e gli inquinanti che essi ridiffondono sono contenuti in semi innocui che cadono a terra."

I maski bianki, anzi no gli alberi maschi non fanno nemmeno il loro dovere di ripulire l'aria perché gli inquinanti che assorbono li rilasciano con il polline.
Però le femmine raccolgono il polline quindi puliscono meglio, lo rilasciano solo in innocui semi che uno undici non fanno male a nessuno!!!11! Lo studio originale diceva "puoi insegnare ad un bambino a non mangiare noci e frutti trovati per strada ma non a evitare il polline", perché semi e frutti sono comunque inquinati. Però oh fa più figo dire innocuo invece che "contaminato ma più facile da evitare".

Dudda golba del masghilismoh.
E' un complotto!

Insomma, tutti questi lati negativi causati dal maschilismo vegetale, questi maledetti maski bianki che discriminano sia le donne che le albere!!11!

Che poi alla fin fine un fondo di verità c'è, cioè hanno letto uno studio di un certo professor Olgren del 2015 dove afferma (purtroppo con i termini di diskriminatzioneh sessualhe) che un eccesso di polline nell'aria crea "overdose" e quindi scatena allergie, il tutto causato da una tendenza degli americani di piantare praticamente solo alberi maschi per non pulire semi e frutti degli alberi femmina.
Insomma, i botanici negli anni '50 pensavano che trovarsi le strade piene di semi, frutti di varie dimensioni , baccelli e gusci non fosse proprio il massimo e hanno preferito piantare alberi che non li producessero, ma oggi questa sovrabbondanza ha causato un eccesso di pollini nell'aria che non è meno fastidioso dei prodotti sopracitati.

BASTA



Ficcare in mezzo sessismo, maschilismo, discriminazione "come con le personeh", uno undici centoundici e pure la marmotta che confeziona la cioccolata è una coglionata che solo un americano in piena tempesta di merda fra metoo e altre coglionescherie SJW poteva fare, eppure il sole 24 ore (mica il blog di cucina e vestiti di frufru wannabe influencer) non ha saputo leggere fra le righe e ha riportato il delirio così come era, anzi ha rincarato pure la dose.

Ma ci vuole tanto a dire una cosa senza condirla con minchiate astronomiche?
Cioè adesso i botanici che volevano evitare di riempire di semi, noci e frutta marcia le città sono "sporchi maschilisti discriminatori che discriminano le piante perché abituati a discriminale le povere donne"? Ma facciamo sul serio?
Questo è giornalismo? Ma quanto in basso vogliono scendere questi?

Il sole 24 ore

Nessun commento:

Posta un commento