Il Re Leone è una storia fascista

Il remake del Re Leone deve aver triggerato questo autore che ha scarabocchiato un articolo che definire ridicolo è una bestemmia. Però, fortunatamente per chi apprezza un certo tipo di comicità, il baldo scribacchino non ha certo centellinato i dettagli di questo suo delirio:

"Lo Scorso Novembre la Disney ha infuocato l'internet con il suo trailer del Re Leone. Il video 93 secondi ha fatto venire la pelle d'oca a milioni di spettatori per aver ricreato fedelmentee la scena chiave del film originale. [...] Ma questa scena pomposa è anche un doloroso promemoria dell'agenda ideologica del film: introduce ad una società dove i deboli hanno imparato a prostrarsi ai forti."

Già qui possiamo iniziare a contare le numerose turbe psicologiche che affliggono la debole mente di questo personaggio. Dico sul serio, per vedere una "agenda ideologica" in un film d'animazione del 1994 bisogna essere tordi "straker puppa level". Non cito straker a vanvera: qua siamo a livelli di complottismo veramente niente male.

La Disney, ok che Walt era un antisemita di quelli sfegatati, che si sta tramutando nel boss finale del social justice warriorismo accusata di fascismo è talmente fuori di testa che sinceramente credo che chi abbia partorito una vaccata simile non possa che essere leso nella psiche.

"[...] Il Re Leone offre un seducente punto di vista sul mondo in cui il potere assoluto è indiscusso e i deboli e vulnerabili sono inferiori. In altre parole Il Re Leone ci offre un'ideologia fascista scritta a caratteri cubitali."

Non sapevo che anche le monarchie fossero fasciste, cazzo esiste il fascismo sin dall'antico egitto.
Noi li chiamiamo faraoni ma in realtà erano duci!
Mi domando come questo povero mentecatto avrebbe reagito ad una storia simile ma con protagonista una regina...

Poi dice che in realtà il cartone non racconta la storia di animali, ma rappresenta la società umana in un modo "coccoloso" e aggiunge:

[...] Rappresentando le nostre gerarchie sociali nell'incontaminato e neutrale mondo animale fanno sembrare queste dinamiche di potere naturali, sensate e perfino desiderabili. E utilizzando i rapporti cacciatore-preda per allegorizzare le strutture di potere umane, il film inevitabilmente incorpora una visione in cui il potere del regnante deriva da una sua superiorità biologica."

Ah quindi adesso sono nazisti! Ogni volta dimentico che per loro nazismo e fascismo sono la stessa cosa, anche se ci sono delle differenze sostanziali che sono anche rilevanti per questa ridicola argomentazione... ad esempio erano i nazisti quelli che volevano ripristinare antichi ordini, mentre i fascisti volevano cambiare tutto (pur sempre strizzando l'occhio alle "antiche glorie".
Quindi, se proprio vogliamo delirare, in questo caso l'accusa (pur sempre tiratissima per i capelli) dovrebbe essere di nazismo...

A questo stralcio seguono deliri riguardo l'ossessione della Disney per le "monarchie patriarcali" e afferma, senza vergogna alcuna, che la "Rupe dei Re" è la "Trump Tower della savana", frase in cui linka un meme su Trump che non fa ridere i polli.
Aspettate che finisco di ridere poi riprendo a leggere...


Stiamo parlando del Washington Post eh, mica del blog di uno scolaretto! Ma come cazzo si fa?

"Con i leoni che rappresentano la classe dominante, e i buoni erbivori che rappresentano i cittadini decenti che rispettano la legge, le iene rappresentano i neri, i marroni e i disabili che sono forzatamente esclusi dalla gerarchia della società. Segnati dal loro accento "da strada" etnicamente codificato, rappresentano platealmente lo stereotipo razzista e antisemita dei "gruppi parassiti" nocivi per la società"

E quindi abbiamo appurato che come sempre i kattivih sono i maski bianki patriarkali e tutti gli altri sono vittime. Come avrà fatto a vedere la propaganda nazista nella rappresentazione delle iene nemmeno gli psichiatri potrebbero scoprirlo...

Continua con un passaggio un cui Scar è definito un "effemminato" che vuole "riscattare i deboli" combattendo "il patriarcato" e quindi sarebbe una caricatura dei politici liberal e pure omofobia.
Ma un TSO no? Perché è libero di scrivere cotante puttanate?

A metà articolo sostiene che il ruggito di Simba rappresenta la "mascolinità" definendo il tutto come "principio del fuhrer" di superiorità divina del regnante. Accusa anche di aver mitizzato i bulli e che Scar in realtà rappresenta i "geneticamente inferiori".
Mi sta facendo male il cervello a leggere queste stronzate. Nemmeno un sito satirico sarebbe riuscito a partorire tante cazzate.



Poi loda la Disney per la sirenetta nera, per aver preso più neri che bianchi come doppiatori e altre cacate dicendo "però non basta".
Ah certo... il boss finale dei SJW che non è abbastanza politicamerde corretto...
Poi si incazzano se li chiamano libtard o special snowflake.

La cosa bella è che rovistando su Facebook ho trovato il link a questo vecchio articolo di Repubblica:
"Ruggisce il Re Leone, cartone antifascista"

"UN NOBILE monarca viene assassinato dal malvagio fratello, il quale, nella sua bramosia di potere, tenta anche di ucciderne il figlio e usurpa il trono con l' aiuto di orde fasciste, da lui irretite con la demagogica promessa di non fare più patire loro la fame."

Insomma il Re Leone è sia nazifascista che antifascista allo stesso tempo.
Dipende da chi lo guarda...

Articolo originale

3 commenti:

  1. Nell'originale le iene sono palesemente di ispirazione nazista, e pure la propaganda di Scar. Direi che Repubblica per una volta non ci ha visto malissimo. Il tizio del Washington post invece necessita di un TSO seriamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confesso di non averlo mai visto quindi non so come fossero fatti nel dettaglio i personaggi

      Elimina
    2. Le iene e Scar erano però i Cattivi con la C maiuscola del film. Potevano pure essere d'ispirazione fascista: cosa di meglio per rappresentare la malvagità che ci si può aspettare dai Cattivi disneyiani?

      Elimina