Quelli che sono morti per dimostrare che le persone sono buone

Quanti hanno provato a dimostrare che "le persone sono buone" e che "la pace è normale sono i media che ci separano"? Beh, non sono poi tanti quelli di cui sono a conoscenza, e tutti sono finiti male, tranne una che ha "solo" subito un tentato stupro...

Iniziamo con una donna che ci tocca da vicino in quanto era italiana: Pippa Bacca.
Lei aveva deciso di partire dall'Italia e attraversare 11 paesi attraversati dalla guerra vestita da sposa e in autostop in sola compagnia di una amica, "spose in viaggio" si chiamava la "performance artistica" che si prefissava l'obiettivo di dimostrare che può esserci pace e fiducia nel prossimo.
E' stata violentata e uccisa in Turchia da chi le stava dando un passaggio...

La storia di Jay Austin e la compagna Lauren Geoghegan è ugualmente tragica: anche loro due viaggiavano per il mondo, in bicicletta, convinti che l'umanità è bellissima e che tutti sono belli e buoni, così hanno preso e sono andati in Marocco per conoscere persone meravigliose, dicevano loro.
A proposito, la persona che sosteneva che sono i media a inculcare la paura per il prossimo era proprio Jay e proprio dal Marocco, dove pare fosse ospite di persone gentili.
Poi però è andato nel Tagikistan e una macchina a folle velocità li ha messi sotto, sono scesi gli occupanti e li hanno finiti a colpi di coltello e fucilate. Erano terroristi dell'ISIS che volevano fare "pulizia" degli infedeli.


Delle due ragazze svedesi ammazzate in Marocco ce ne ricordiamo tutti no? E' successo da poco, sono state rapite, stuprate e uccise dai terroristi islamici, una di loro è stata usata per un video di propaganda tristemente noto.
Beh le due ragazze erano andate in Marocco da sole perché convintissime, si sono visti i post pubblici sulle loro bacheche di Facebook e social, che non bisognava avere paura dei musulmani e che la convivenza pacifica era naturalissima.
Peccato che i terroristi non la pensassero allo stesso modo...



L'ultima, quella che si è salvata, è una ragazza di cui non conosco il nome che sui social ha raccontato di come lei, autostoppista, avesse subito un tentativo di stupro in Iraq da uno che le stava dando un passaggio. L'ha portata in un bosco con la scusa che era un bel vedere e poi ha provato a stuprarla, con un cacciavite in mano.
In qualche modo è riuscita a spaventarlo urlando più volte, forse la regione era sperduta ma non così tanto da essere sempre deserta, scappa con la macchina ma continua a girare in cerchio cercando di ritrovare la ragazza.

Fortunatamente per lei le è andata bene, agli altri è andata molto male.
La morale della storia è che no, il mondo non è fatto di amore e fiorellini di campo, non puoi dare fiducia incondizionata verso il prossimo che non conosci. A volte ci fregano persone che conosciamo bene, figuriamoci quanto può fregarci uno sconosciuto.
Per quanti buoni sentimenti si possono avere, c'è sempre uno stronzo dietro l'angolo pronto a fregarti, sempre, in qualunque luogo ma in altri dove criminalità, terrorismo, fanatismo e peggio guerre civili imperversano le possibilità di trovare dei balordi si moltiplicano tantissimo.

Quando vedo gente che afferma tranquillamente che si può viaggiare da soli senza correre rischi storco sempre il naso. Secondo me sono affermazioni pericolosissime, perché appunto questi casi sopra riportati testimoniano che illudersi che tutti siano bravi e buoni è potenzialmente letale.

Qualche link:
Jay e Lauren
Pippa Bacca

Nessun commento:

Posta un commento