Molti indiani adorano Hitler

In India sta spopolando Hitler. Proprio quel Hitler, il fondatore del nazional socialismo. E la cosa è parecchio preoccupante, visto che gli indiani sono un miliardo e mezzo e già hanno parecchi problemi...

Eh ma sono vegani!!1

La patria ideale dei vegani, che vedono un paese in cui una vacca ha più diritti di una persona come faro di civiltà da imitare, è infatti falcidiata da diversi problemi: sistema scolastico inadeguato, scarsa igiene urbana, povertà, gente che viene stuprata ad ogni passo e così via.
Adesso stanno pure diventando nazisti...

Il mein kampf è un best seller online e addirittura un genio ha chiamato il suo negozio "hitler", con tanto di svastica, insegna rimossa dalla polizia.
La cosa che più fa ridere (si ride per non piangere) è che in un libro per bambini intitolato "Leaders" che parlava dei leader mondiali più influenti come Gandhi, Mandela e Obama (su Mandela ci sarebbe da scrivere qualche riga a onor del vero ma lasciamo perdere per ora) ci hanno inserito l'odiato Adolfo. Un "leader influente" imbocconato ai bambini, adolfo propagandato ai bambini...
Quasi peggio di hamas che invece dell'albero azzurro trasmette il piccolo kamikaze.

NN E VERO NIENTE BASTARDO TI STAI INVENTANDO TUTTO KE BLOG DI MERDA!!11!1!!!1
Ma perché in India in molti tifano per hitler?
Perché sono ignoranti come capre e il nazifascismo non lo hanno mai provato sulla loro pelle.
Così un dittatore sanguinario, totalitarista e pazzo viene descritto come "quello che ha risollevato l'economia della Germania" "Quello che ha smosso le masse con i suoi discorsi" "Spinto lo spirito di avventura nelle persone comuni".
Peggio di chi dice "ma ha fatto anche cose buone" questi sono convinti abbia fatto SOLO cose buone.

Sanno poco o nulla dell'antisemitismo, dello sterminio dei campi di concentramento, della guerra mondiale che ha scatenato. Questo perché, appunto, sono ignoranti.
Ignorante è soprattutto il loro sistema scolastico.
Uno normale a questo punto penserebbe "Si ok ste cazzate le leggono in giro in qualche libro o da qualche deficiente" e invece no, anche a scuola l'odiato Adolfo è descritto praticamente solo come un grande statista e si fa ben poco cenno ai campi di concentramento. Si da molta più enfasi al personaggio e non alle sue azioni.

Insomma, sia per la lontananza fisica dai fatti sia per ignoranza, questi disgraziati vedono hitler come un eroe.

Ma non è tutto farina del sacco dell'ignoranza, perché un sentimento diffuso è che se hitler non avesse combattuto gli inglesi durante la guerra, questi non si sarebbero indeboliti al punto da dover rinunciare al dominio sulla loro nazione.
In parole povere lo vedono praticamente come un liberatore...

Insomma hitler viene elogiato in modo ignorante, non con malizia.
Gli indiani non sono antisemiti, almeno non tutti, non è quello che gli fa ammirare l'odiato Adolfo, lo ammirano perché il loro punto di vista è totalmente diverso dal nostro: loro hanno avuto (forse) dei benefici dalla sua guerra contro l'Europa intera, noi ne siamo usciti devastati.
Loro non sanno molto sui campi di sterminio, noi lo sappiamo bene.
Loro non hanno mai subito l'occupazione nazista, noi abbiamo visto interi paesi sterminati per ritorsione o gratuitamente.

Tutto questo dovrebbe far ragionare tutti noi, perché il non sapere le cose può portarti ad idolatrare e adorare una persona che in realtà è una merdaccia schifosa (ed è un eufemismo).
L'ignoranza è una brutta bestia, eppure c'è gente che ci si crogiola perché troppo pigra per leggere per lo meno una decina di righe di storia, ma non abbastanza pigra da leggersi interi blog di complottardismo cosmico...

E in ogni caso, anche se per ora non sembra essere un fenomeno pericoloso, forse un domani potrebbe diventarlo. Perché ok essere ignoranti, ma molti stanno leggendo il suo libercolo di propaganda e quello contiene pericolose teorie sulla purezza della razza e l'antisemitismo (la seconda in Italia non spaventa molto visto che in molti lo sono, giusto?) e la situazione potrebbe diventare pericolosa...
Approfondimenti

Nessun commento:

Posta un commento