Le falsificazioni del Talmud

Bufale per giustificare l'antisemitismo

Il Talmud è uno dei testi sacri dell'ebraismo, e visto di chi stiamo parlando è facile immaginare cosa sia successo... circolano bufale e false citazioni per dipingerli come malvagi e continuare a propagare l'odio di nazistiana memoria.

Anzi, più che odio nazista si tratta di odio esistente da prima, radicato e che risale a tantissimo tempo fa. Non ho idea dell'origine o dell'anzianità di queste false citazioni del Talmud, ma è chiaro l'intento di renderlo un facile bersaglio di odio:



"Il Talmud si riferisce a gesà cristo come il figlio bastardo di una prostituta" è completamente inventato, non esistono nemmeno i riferimenti numerici. Completamente campato per aria.

"L'ebreo che uccide un cristiano non commette alcun peccato, ma offre un sacrificio accettabile a dio. Perfino il migliore dei non ebrei dovrebbe essere ucciso"
Il fatto è che tosepoth non è nemmeno parte del Talmud, ma un libro di commenti al Talmud, e nello specifico hanno preso e distorto un passaggio sulla guerra con la cananea.


"Gli ebrei sono esseri umani, ma le nazioni del mondo non sono esseri umani ma bestie"
Il fatto è che del Baba Mecia ci può essere il 114a o il 114b, il 114-6 non esiste... quindi non è nemmeno una frase estrapolata dal contesto ma direttamente inventata di sana pianta.

"Riferire ad un goy qualsiasi cosa riguardo le nostre relazioni religiose dovrebbe essere equiparato all'uccidere tutti gli ebrei, perché se i goy sapessero cosa insegnamo riguardo loro ci ucciderebbero apertamente"
Il libbre david non esiste, né nel Talmud né nell'intera letteratura ebraica. E' una invenzione.

"Un ebreo può fare ad una non ebrea qualsiasi cosa voglia. Può trattaròa come maneggia un pezzo di carne"
In realtà la citazione è diversa, parla di come trattare una moglie e che "può condirla come condisce una bistecca secondo i suoi gusti". Un concetto che fra l'altro è di millesettecento anni fa e che ormai è stato abbandonato dall'ebraismo, in quanto metteva la moglie in condizione di subordinazione del marito che la plasmava come gli pareva e piaceva.

Poi la definizione di "goy" in cui mi sono imbattuto... goy significa "non ebreo", semplicemente, ma qualcuno ha fatto passare la definizione di "bestiame" così da stravolgere completamente qualsiasi testo ebraico senza nemmeno il bisogno di inventarsi qualcosa o stravolgerne il significato, o ripescando cose antichissime e ormai in disuso (un po' come quelli che leggono la bibbia senza sapere che esiste l'esegesi...)

Il filo conduttore di queste e anche altre citazioni fasulle (che non cito per motivi di tempo) è chiaro e si capisce subito dove vuole andare a parare, non c'è nemmeno bisogno di sottolinearlo ulteriormente.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento