Come scegliere il Mouse

Il mouse è un componente importantissimo per chi gioca e chi gestisce programmi: la precisione e la velocità sono importantissime. Scegliere un mouse solido, preciso e affidabile farà la differenza fra il lavorarei/giocare fluidamente o con frustrazione.
Ma come si sceglie? Le offerte sono tantissime ed è difficile districarsi fra tutte le varie sigle e cifre.

Come scegliere il mouse

Il mouse può essere wireless o a filo, la scelta fra una configurazione a filo, wireless o bluetooth è dovuta unicamente alla comodità personale, tenendo a mente che i mouse bluetooth godono di maggiore autonomia e un segnale più stabile rispetto ai vecchi wireless.
Ormai le differenze di prestazione fra con e senza fili sono pressoché impercettibili, quindi non dovrebbe pesare nella scelta.

I veri fattori da tenere a mente nella scelta di un buon Mouse sono pochi ma molto importanti, prima di tutto vediamo la precisione:

DPI: i DPI indicano la precisione del mouse. Più DPI hanno maggiore è la precisione e la velocità.
Quello che in molti ignorano è che ormai con i monitor full HD o addirittura maggiori i DPI al di sotto di 2000 non sono più sufficienti risultando particolarmente lenti. Richiedono movimenti del braccio ampissimi per spostare il puntatore. Decisamente scomodo

Anche se un mouse con 2000 DPI è ottimo, sul desktop principalmente è veramente troppo lento.
Per ovviare a questo problema di solito si va nelle impostazioni del mouse e si aumenta la velocità del mouse da windows, ma la maggior parte delle volte si ottiene solamente il risultato di far andare a scatti il puntatore, con risultati pessimi in ogni ambito

Logitech G203 Prodigy Mouse


Visto che smanettare con le impostazioni ogni cinque minuti non è il massimo è bene puntare direttamente ad un mouse con 6000 DPI, o almeno di 4000, così si taglia la testa al toro. Tanto non costa poi tantissimo.
E con questa oltre a darti dritte sul mouse credo proprio di aver risolto il tuo problema di "bassi FPS" fantasma...

Ergonomia: altro fattore molto importante nella scelta del mouse è la sua ergonomia.
I mouse scomodi, specialmente i mini mouse, sono una brutta bestia e molto spesso fanno male al polso, scatenando non poche volte la sindrome del tunnel carpale. Immagino che tutti vogliano evitare questo...

Pulsanti: Se proprio si punta al gaming duro e puro un mouse con almeno due pulsanti aggiuntivi farà sicuramente molto comodo. Si tratta di qualcosa non strettamente necessario e indispensabile, ma per certi versi possono aiutare molto e dare un piccolo vantaggio nei giochi competitivi.
Ma questo probabilmente lo sai già.

Ebbene, tenendo conto delle caratteristiche principali nella scelta del mouse io ho optato per questo:
Logitech G203 Prodigy: Ottima marca che non ha mai deluso, 6000 DPI regolabili, buona forma che non infiamma il tunnel carpale (anche se non è il massimo, bisogna riconoscerlo) e completamente regolabile via software. Ha anche una luce RGB che è una tamarrata che per alcuni è superflua mentre ad altri può piacere non poco...

Mentre per qualche euro in più c'è il G403 Prodigy: 12 mila DPI e impugnature leggermente più ergonomica. Costa sensibilmente di più rispetto al G203, ma decisamente ne vale la pena.

Il primo ha un'ottimo rapporto qualità/prezzo (in saldo a meno di 40 euro) mentre il secondo è un ottimo prodotto.

Infiine una dritta: tieni la sensibilità del mouse di windows a metà, la metà esatta. In quel modo si userà esattamente la velocità naturale del mouse, senza accellerazioni e senza rallentamenti, ottenendo un movimento fluido e costante. In caso lo si tocchi infatti il mouse potrebbe iniziare ad andare a scatti, salta i pixel, e specialmente nei giochi si avrà la sensazione di giocare a frame bassissimi.


Nessun commento:

Posta un commento