Lund vuole regalare casa ai foreign fighters del ISIS

Della serie "gente che si è bevuta il cervello con ghiaccio e una fetta di lime", una città della Svezia, Lund, ha deciso di "reintegrare" i foreign fighters che sono partiti in Siria a tagliare teste con l'isis così da evitare "un'esplosione di violenza" quando i ratti faranno ritorno a casa.

Io no pago afito

Secondo loro infatti tutti i fresconi che si sono uniti all'isis hanno precedenti penali, e tenuto conto che la propaganda dei terroristi prometteva una redenzione hanno avuto la geniale idea di "reintegrarli" regalandogli una casa, una macchina e un conto in banca.

Del resto la Svezia, di cui anche altre città vogliono applicare questo "reintegro", è il paese europeo con la maggiore densità di terroristi rispetto alla popolazione normale, quindi stanno pensando a qualcosa per evitare esplosioni di violenza.

C'è da dire che io, dal basso della mia ignoranza, mi sarei inventato qualcos'altro...
Tipo, proprio venuta in mente ora, togliergli la cittadinanza per crimini contro l'umanità, e in caso tornino si rispediscono dove sono voluti andare, così magari quelli che li cercano gli fanno un mazzo tanto.
Così per dire eh, perché dare il premio a questi criminali sanguinosi dopo che sono andati ad aiutare i terroristi a tagliare teste, ammazzare bambini, stuprare, depredare, distruggere siti storici e tutto il resto mi sembra un insulto alla decenza umana, alla civiltà e tutto quello che è possibile immaginare.


Credo stiano sottovalutando i problemi mentali, la cretinaggine e sadismo di questa gente, e la vogliano trattare come gente normale.
In Svezia il sistema carcerario è uno dei più morbidi al mondo, e a quanto pare funziona bene.
Ma funziona con chi commette crimini di getto, ruba o altro, non con sanguinari imbecilli disadattati infami che sono andati ad unirsi ai peggiori assassini della zona.

Ma io sono io e magari non capisco un tubo.
Fonte

1 commento: