Animalisti spaccano la schiena a un anziano: rischia la paralisi

E' da tanto che cerco di mettere in guardia sulla petroliera carica di odio che è l'animalismo estremista, ma a quanto pare sono in pochi ad aver ascoltato. Finora, perché ora i nostri prodi si sono distinti in qualcosa di estremamente ributtante: hanno spezzato la schiena ad un anziano di sessantasei anni, che è stato sottoposto a delicata operazione chirurgica e che rischia di rimanere sulla sedia a rotelle.

Animalisti feriscono gravemente un cacciatore, l'autore aveva i rasta

E' successo nelle campagne di Marcaria, dove una settantina di cacciatori stava catturando le lepri nelle campagne utilizzando delle reti, tutto a scopo CENSORIO, cioè nemmeno le dovevano ammazzare ma solo censire la popolazione.

Tutto ovviamente legale, tutto fatto secondo i piani, tutto fatto come si deve, insomma. Nessun bracconaggio, nessuna specie in estinzione o protetta, addirittura nessuna vittima fra le lepri, insomma niente che possa essere condannabile nemmeno dall'ultimo degli imbecilli.
Quando ad un certo punto un branco di animalisti estremisti è sbucato dal nulla urlando insulti (come al solito) in maniera veemente verso i cacciatori.

Uno di loro, un tizio di corporatura media e i capelli rasta (verrà identificato presto) ha dato un calcio sulla schiena ad un uomo di 66 anni che era chino a liberare una delle lepri, fratturandogli una vertebra e facendogli rischiare la paralisi alle gambe. Gli ha letteralmente spaccato la schiena in modo del tutto gratuito e spietato, e tutto perché questi TERRORISTI non vengono contrastati in nessun modo.

Secondo i racconti sembra che si siano dileguati nella nebbia urlando di essere dei 100% animalisti.
Loro, moka dj e affezionati follower, affermano con decisione di non aver commesso il fatto, di non essere presenti e che i responsabili dovrebbero venire fuori senza incolparli per sviare le indagini. Io non conosco tutti questi estremisti, ma la gente con i rasta è facilmente identificabile...
Infatti secondo i ragazzi di Idioti Senza Frontiere potrebbe essere questo tizio qui, già autore di aggressioni in passato:


Già in questo video sta dando colpi di zaino in testa alla gente, inalberato come solo un invasato religioso può, più violento delle tifoserie peggiori, alla faccia de "se ami gli animali sei un santo". Questi non amano gli animali, questi odiano la gente, e non sono empatici manco a paragonarli a Dracula.

In ogni caso il video è stato ripreso durante i disordini che hanno creato ad una fiera di uccelli (credo) dove i 100 percento non c'entravano, a quanto si vede, quindi potrebbero anche aver detto il vero negando la loro partecipazione...

In ogni caso, chiunque sia stato, merita di vedersi sbattuto in galera a raccogliere venti saponette al giorno, e che qualcuno gli tagli quei capelli orripilanti.

Immagine presa in prestito da Laydo. Quando da fanatismo da tastiera passano a fanatismo da isis

Ripeto, sono anni che questa gente fa danni, e nessuno cerca nemmeno di contrastarli:
Le grandi associazioni animaliste non si sono mai dissociate da questi personaggi.
Quando è stato chiesto a brambilla di dissociarsi dagli animalisti estremisti NON ha risposto, segno che questi maiali alla fin fine fanno comodo ai politici, elettoralmente parlando.
I "giornalisti" che trattano l'animalismo sono troppo impegnati a distruggere la ricerca e sembra non vedano affatto il terrorismo animalista, o prendono qualche contributo chi lo sa.
E infine, ma non meno importante, la legge tarda a punire come si deve questi episodi, che partono da casi di disturbo e spintoni (anche contro i bambini, oltre che anziani) e che arrivano a spine dorsali rotte e aziende date a fuoco.

Che stiamo aspettando? Di gente in ospedale ne hanno mandata fin troppa, di danni ne hanno fatti per milioni di euro. Che facciamo, aspettiamo il morto?

Nessun commento:

Posta un commento