Ragazzino di dicianove anni compra una Lamborghini da un milione di euro!!1

Undici centoundici virgola fidati. Questo il titolone di una di quelle pubblicità che ogni tanto compaiono sul web. Come si sa, pecunia non olet, quindi questo genere di feccia gira e rigira indisturbata senza che nessuno faccia qualcosa. Questo tipo di pubblicità è tanto ridicolo che qui non voglio debunkare, ma analizzare quanto gretto sia.

Guadagna centinaia di migliaia di soldi da casa senza fare nulla

Il famoso metodo del "sono molto euforico", preso per in giro in lungo e in largo ormai da tutto il mondo. Non sanno più cosa inventarsi, così creano pubblicità ingannevoli così ridicole che veramente ci si domanda chi mai potrà cascare in un simile tranello.

Mi compare un post sponsorizzato, Tizio Caio (nome straniero) compra una Lamborghini e ha solo 19 anni! Si è fatto da solo! Cosa aspetti, dai uno scossone alla tua vita!
Clicchi sulla notizia e il tizio è magicamente diventato "Savino Boni" e indovina un po'? Abita vicino a te! Si perché riconosce la tua zona dalla connessione e modifica "l'articolo" piazzando lo sveglione divenuto miliardario in cinque minuti praticamente nella porta accanto.

Forse i truffatori pensano che così facendo tu ti senta più coinvolto, o che l'invidia per un bimbo nato ieri che ha ben 4 milioni di euro in banca (precisi eh, nemmeno un centesimo in più) che abita vicino te ti porti a farti spennare come un pollo investendo nel loro metodo. Che non richiede soldi ovviamente, ma ci vogliono. Cosa significhi lo sa solo il truffatore.
Ma dire che è gratis fa cascare meglio nella trappola e fa pure tanto "filantropo" che piace e fa figo.

Ma analizziamo in dettaglio:
Nelle foto c'è una città che chiaramente non è italiana, nemmeno europea, è chiaramente americana.
E quello è il meno... il diciannovenne milionario che ce l'ha fatta "alla faccia tua che sei scemo e non desideri ardentemente di essere ricco" (cit) nonostante il nome e nonostante dovrebbe vivere vicino casa tua, ha un colore della pelle esotico e tratti somatici non esattamente di zona...

Insomma è talmente tanto afroamericano che non sarebbe più chiaro nemmeno a scriverglielo in fronte.

Si va avanti nella cretinata, e si scopre, con sommo stupore (ma anche no), che il post non era una notizia qualunque, ma uno spot tanto romanzato che le televendite di Roberto da Crema sembrano uno spettacolo teatrale di alto livello, mascherato da notizia "curiosa". Il classico clickbait. O il classico articoletto scritto da gente che per tutta la propria esistenza ha a malapena scritto 10 liste della spesa che si reinventa blogger e ti butta giù 50 righe di roba che iniziano con un argomento e finiscono col parlare di tutt'altro.

Insomma questo articolo parla di come quello sia in realtà un normalissimo ragazzo, vicino di casa, anche se l'aspetto inganna, di come suo padre gli ha regalato mille euro per cominciare a fare "trading" con il fantomatico "giovanni berti" (tizio che ha un nome diverso in ogni paese occidentale. Rassicurante!) e di come lui era un poveraccio che l'estate lavorava 10 ore al giorno per quattro spicci, e poi grazie a quel metodo, che ha reso euforico il coccobello più spernacchiato al mondo, è diventato milionario in due anni.

E tu lì scemo che ancora non ti sei dato una mossa!!!1

Ma è strano... nelle altre pubblicità il metodo prometteva di farti fare "centinaia di migliaia di euro al mese" fin da subito, ma tipo mezzo milione schioccando le dita. Non so, saranno diversi tentativi o piano piano sta abbassando il tiro visto che gli credevano solo caproni allergici al sapone.

Se la cosa non fosse abbastanza, anche la redazione dell'autorevolissimo giornale che ha scritto la notizia sprona tutti a "lavorare sodo" per rintracciare il benefattore dai mille nomi, sia mai che arriva la finanza. Addirittura due dei loro redattori sono riusciti a entrare nell'esclusivo e rarissimo metodo!

Metodo tanto esclusivo ed elitario che non si trova mai! Tanto che se giri un po' di siti non ti compare centinaia di migliaia di volte sotto ogni forma possibile e immaginabile. Decisamente qualcosa per le élite...
A coronare il teatrino del ritardo mentale ci si mettono pure i bot con account fake che dicono "bella zio, io provo subito!!", convinti di scatenare l'effetto pecora nell'utente meno sveglio.
C'è addirittura chi ha visto quella Lamborghini girare in paese! Paesà pensa tu: in uno sperduto paesino di 400 abitanti, con più bestemmie che asfalto nelle strade, c'è un beone che gira con un Lamborghini da un milione di euro e nessuno se ne era accorto! Un sogno che si realizza!

Sarà un frescone o è troppo affezionato al paesino natale tanto da girarci con una macchina da un milione di euro nonostante appena la mette in moto piglia migliaia di euro di danni per le buche?

Il sito non ve lo linko, anzi spero venga chiuso vista la feccia che pubblica, sicuramente dietro compenso, ma voglio fare una considerazione: se ci sono questi poveri dementi che preparano "servizi" truffa così ridicoli che solo un povero cerebro e cranio leso lobotomizzato e rimbambito potrebbe cascarci e buttarci minimo i 250 euro iniziali, e pagano per farlo girare in lungo e in largo significa che si, qualcuno di così scemo da cascarci esiste eccome.

E no, non voglio "puntare il dito" contro una vittima di truffa. Qua chi si fa truffare in questo modo non è vittima, è parte del problema. Uno che va a finanziare spazzatura simile è complice di queste troiate. Perché se qualcuno crede veramente che basta scaricare un programmino e lasciarlo fare, senza spendere una lira, per tirarsi in tasca mezzo milione di euro al mese allora è al di là della definizione di idiota.

4 commenti:

  1. godo come un riccio quando vi incacchiate così :D
    quindi se la "vittima" del raggiro è parte del problema semplicemente le truffe sono un modo di ridistribuire il denaro tra chi se l'è guadagnato ma non se lo merita e il primo che riesce a percularlo...ha un nonsochè di zen che me gusta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, chi si fa raggirare da puttanate simili che puzzano di merda e si sente da km va a foraggiare i truffatori, spronandoli a truffare di più e con più mezzi.

      Elimina
  2. La mia idea sulle truffe è sempre la stessa: in una truffa gli attori a recitare volontariamente sono due, il truffatore e il pollo. Il truffatore è un criminale fatto e rifinito, ci mancherebbe, e come minimo andrebbe accusato di circonvenzione di incapace; però il pollo ci ha messo del suo - e per me è da ritenersi abbastanza punito per aver subito la truffa in sé; non ha senso infierire su qualcuno che già s'è fatto del male da solo. Se poi è un pollo ricco, di quelli che non hanno mosso un dito per guadagnarsi la ricchezza, intendo, può pure beccarsi lo scherno di quelli che lo conoscono come ulteriore beffa. La punizione migliore per un truffatore sarebbe fingere di cascarci con tutte le scarpe e poi truffarlo ancora più atrocemente - ma è dura fingere di essere un pollo...

    RispondiElimina