Rifiuti umani minacciano i Pro Test

Come ben sappiamo lo scorso 8 Giugno (pochi giorni fa) c'è stata una manifestazione nazionale incentrata sull'informazione scientifica, organizzata dai ragazzi di Pro Test italia.
Per salutare l'evento le peggiori forme di vita semimostruose sono sgusciate fuori dalle fogne e si sono trascinate in giro a vomitare la loro merda:

I casi più gretti e indegni si sono verificati a Bologna e a Pisa.

A Bologna un gruppo di sfattoni ritardati animalardi rincoglioniti ha imbrattato diversi muri diffamando in maniera clamorosa Giulia Corsini, vicepresidente di Pro Test e membro fondatore dell'associazione, e anche un'altro membro sbagliandone però il cognome per ben due volte, tanto per mettere in risalto la loro demenza galoppante.

Come se definire assassino e nazista qualcuno, insulto e calunnia lanciato usando il simbolo delle SS, fosse troppo poco questi poveri rifiuti umani hanno dimostrato ulteriormente di essere dei grandissimi cazzoni: la vernice spray che hanno usato per imbrattare i muri ha molto probabilmente al suo interno componenti di origine animale, più precisamente derivati dal sangue bovino. Per non parlare del fatto che le vernici vengono testate prima di essere commercializzate, visto che possono essere tossiche. E su cosa le avranno sperimentate?


Saranno coglioni? Credo che lo siano, doppiamente...



Il caso più grave è però avvenuto a Pisa, dove i volontari e organizzatori dell'incontro si sono trovati di fronte i tossici sfatti strisciati fuori da qualche centro sociale impestato di pulci, zecche e drogati anarchici del cazzo.

Questi "signori" si sono radunati all'esterno della sala dove i relatori facevano un po' di seria informazione, picchiando come babbuini iperattivi contro i vetri, urlando come ossessi e appiccicando adesivi sui vetri che formavano ingiurie e insulti.
Anche stavolta nessuno gli ha detto come si ottengono gli adesivi e le plastiche, rispettivamente da zoccoli/corna e pelle di bovino.

Mentre fumavano come turchi di fronte alle forze dell'ordine, un rappresentante dei Pro Test si è affacciato a parlare con le proscimmie anencefaliche accampate li fuori, proponendogli di nominare due rappresentanti, si spera quelli che puzzavano di meno, che esponessero il loro punto di vista e argomentazioni. Il tizio, che pare venuto fuori da qualche disastro naturale, ha risposto "in due non facciamo abbastanza casino", perché non volevano parlare "con i fascisti non parliamo".

Dopo hanno continuato a urlare come idioti che loro stavano dentro a parlare senza contraddittorio, l'idiozia fatta a persona protozoo:


Guardate le facce, il gusto nel vestire e nelle capigliature di questi mancati animali da soma
Detto dopo aver detto di non voler parlare con la controparte. Logica e coerenza, effetti dell'abuso di droga o erano già coglioni alla nascita?
Leggere e scrivere per certi animali maleodoranti sono circondate da un alone di mistero...
Ma i cani non si sono mica limitati a dimostrare di essere dei maiali schifosi e incivili, hanno anche dimostrato di non essere poi molto meglio dei "fascisti" che "combattono", insultando e lanciando minacce di percosse e pestaggi ai poveri ragazzi che hanno organizzato l'evento.

Visto che l'ingresso principale era assediato da quei sacchi di letame, pronti alle ritorsioni, i ragazzi sono dovuti uscire da un'uscita secondaria, ma nonostante quello le vessazioni non sono terminate: minacce via mail durate per giorni, per cui non solo hanno avuto paura ad uscire di casa quel Sabato, ma anche gli altri giorni.

Questa è democrazia? Questi sono gli "animalisti"? Questi sono gli antifascisti?
Questa è solamente la feccia dell'umanità, l'unica cosa per cui potrebbero essere buoni è la produzione di energia: messi a nuotare nelle vasche di liquame in macerazione, così lo smuovono e sostituiscono l'azione meccanica dei macchinari. Quello è il loro posto, non stare a drogarsi e rompere i coglioni.