mercoledì 6 maggio 2015

Morto Josh Ozersky: animalisti in festa

Ogni volta che muore qualcuno i vegamerda festeggiano, ormai questo lo sappiamo, ma che succede se a morire è Josh Ozersky gastronomico che scriveva per il Time e il Wall Street Journal ed era un patito della carne e totalmente contrario al veganismo? Grande festa e propaganda a palate!

Josh Ozersky Muore a Chicago, animalisti in grande festa

Un gran patito della carne, tanto da aver lanciato degli eventi chiamati "meatopia", utopia della carne, e autore di diversi libri a tema, come "The Hamburger: a history".

Poteva questo autore non essere odiato a morte dai nostri sedicenti empatici e pieni di amore vegamerda? Ovviamente no!

Ecco quindi che partono a fantasticare sul motivo della sua morte, benché l'autopsia non abbia dato risultati certi, addossando il fatto ovviamente alla Karn€.

Sciacalli a cui questa tragedia non pare vera
Ci si stanno divertendo tantissimo, i nostri amici animalardi bastardi: un patito della carne morto in circostanze misteriose a 47 anni, sicuramente è stata la Karn€, uno undici centoundici.

Ecco alcuni commenti lasciati sul corriere:

"Troppa carne, senza dubbio!"
Deve essere il suo dietologo visto che sa con precisione millimetrica l'alimentazione dello scomparso Josh.

"Avrà mangiato troppa frutta? Carenza di B12? "
Non serve cercare un senso a questo delirio: non ce l'ha

"Pensate al "dramma" degli eredi che stanno aspettando gli esiti dell'autopsia che, se stabilisse un eventuale legame tra causa della morte e alimentazione "carnivora", farebbe diventare carta straccia tutti i suoi libri che inneggiano al suo modello di alimentazione con conseguente crollo degli introiti per i diritti d'autore. Un bel problema..."
Pensate se questo vegamerda trovasse gli studi su pubmed che slegano quasi completamente il consumo di carne e grassi animali dalle malattie cardiocircolatorie...
Pensa se questo essere subumano si rendesse conto che qualcuno ha perso una persona cara e lui festeggia pensando al fatto che i suoi libri possano vendere meno grazie alla propaganda di pezzi di coglioni della sua stessa caratura di sterco.
Una merda che vale meno delle mosche.

"sara' morto per malattie corelate a pessima alimentazione..."
Un altro dietologo statunitense che sa esattamente cosa mangiava Ozersky...

Tutti coglioni fra l'altro: se dici che ti piace la carne secondo loro mangi solo ed esclusivamente quella. Un po' come credere che qualcuno che dice "mi piace il cioccolato" mangi cioccolato a colazione, merenda, pranzo, spuntino e cena. 
Saranno coglioni?
Estremisti dall'intelletto sfatto.

Vita media del carnivoro 47 anni, vita media del vegano 1 anno

Ok, prendiamo questo caso in cui i vegaritardati festeggiano e prendiamo per buoni i deliri, e diciamo che ok chi mangia carne muore giovane.
Però prendiamo come esempio dell'altra parte i casi di neonati di pochi mesi o un anno appena morti perché alimentati a sedano e carote o allattati da una madre malnutrita in modo devastante.
Perché? Perché fa comodo alla propaganda! Così come loro prendono sempre come esempio l'obeso di 200 kg o il morto giovane.

Possiamo quindi dire che il "carnivoro" viva fino a 57 anni mentre il brucagramigna è miracolato se supera l'anno di vita.

Oh, ma così i gli animalati si incazzano! Bene, son contento: così forse capiscono di essere delle merde e pure ridicoli.

Oh guarda, Matt Simons è morto di cancro ed era vegano! La dieta vegana fa venire il cancro!
Oh guarda, Mike Tyson stracciava le orecchie a morsi ed è vegano! La dieta vegana fa diventare aggressivi!
Oh guarda, un vegano bastardo vuole dimostrare le sue convinzioni facendo cherry picking!
Mandiamo tutti a fanculo quel vegano bastardo!

5 commenti:

  1. A conferma della sensibilità degli animalisti, se già non lo hai letto, ti segnalo questo...
    https://difesasperimentazioneanimale.wordpress.com/2015/05/06/esempio-eloquente-di-etica-animalista/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio io irrazionale vorrebbe andare a prendere a sprangate sui femori i coglionazzi da tastiera che si fanno vanto di sbattersene il cazzo del dolore altrui, giusto per insegnargli intensamente l'empatia a mani nude.
      Il mio io razionale invece me lo impedisce e mi fa compatire quei poveri disgraziati nati così dementi e sfigati da essersi ridotti a scrivere certe minchiate online mettendo così in piazza tutta la propria malattia e l'infelice condizione in cui si trovano a vivere.

      Ma siamo proprio sicuri che i diritti civili debbano essere riconosciuti a tutti?

      Elimina
    2. "Ma siamo proprio sicuri che i diritti civili debbano essere riconosciuti a tutti?"
      Una volta ti avrei risposto si, anzi : SI!
      Ero giovane e puro... considerando che i diritti civili vanno meritati, conquistati e poi mantenuti, adesso nutro forti dubbi. Non faccio questione di "razza", sesso, religione..., ma di esserne degni oppure no. In casi come questo opterie decisamente per il no, anzi: NO!

      Elimina
  2. E come sempre, andargli a raccontare che noi sardi siamo uno dei popoli più longevi al mondo e non siamo certo vegani non serve a niente.

    RispondiElimina
  3. è emersa la causa della morte (sostanzialmente un incidente, e la carne non c'entra): soffriva di crisi epilettiche, ne ha avuta una sotto la doccia ed è morto affogato http://www.eater.com/2015/5/4/8549629/josh-ozersky-dead

    RispondiElimina