mercoledì 13 marzo 2013

I flavonoidi fanno male

Gozzo tiroideo
Le menate più frequenti dei vari "salutisti" del mio sacco inguinale sono: "mangia frutta, mangia pomodori, go vegan, antiosssssssidanti e sono superiore!11!!".
Un recente studio ha dimostrato che i flavonoidi, e i flavonoidi della soia, fanno malissimo se presi in quantità troppo elevate.
Brutta notizia per i mangiacarote fissati:

I flavonoidi sono sospettati di causare gravi deficienze tiroidee: inibisce la produzione degli ormoni e aumenta il TSH, che causa il gozzo, specialmente nei bambini (altri bellissimi e fantastici sintomi su wikipedia).

Cosa vanno raccontando i "salutisti" del web? Che consumare flavonoidi in quantità industriali fa bene! Dicono che sono "antiossidanti!11!".
In realtà sono molto pericolosi nei modi in cui loro consigliano: nei bambini provocano il gozzo, e la disfunzione tiroidea porta a ingrassare incredibilmente e senza motivo, questo anche negli adulti: una mia amica ha testimoniato come consumare soia l'avesse fatta ingrassare senza motivo apparente (non era vegana).

Quali sono gli alimenti più ricchi di flavonoidi? Ce li indicano i santoni del webbe, promuovendone il consumo a sacchi:
Thè, cioccolato fondente, agrumi, mele, frutti di bosco, finocchio, pomodori, grano saraceno, mirtillo, centella asiatica, ippocastano, ginkgo biloba (consigliato dai naturopati...), rusco, vite rossa, propoli (altro rimedio merdacoloso dei naturopati), cardo mariano, spinaci, lattuga e cavoli. Nel menù ci mettiamo anche la soia, i cui particolari flavonoidi hanno gli stessi effetti. In genere sono presente nei vegetali

Se non è cibo sono rimedi "naturopati salutisti omeopatici" o che minchia di termini si inventano per farsi pagare 30 volte più del normale. E' facile immaginarsi quanto bene fanno questi "rimedi".
Sti minchioni sentono la parola "antiossidante" e giù a ingozzarsi, da bravi mentecatti.
Chissà se hanno mai sentito la parola "abuso" e se ne conoscono il significato.

Quindi, cosa stanno facendo quei disgraziati laureati in minchiologia dell'alimentazione su la vera bestia o qualche sito naturopata del cazzo? Si stanno rovinando!
Pensiamo a quei poveri disgraziati di bambini figli di 'sti dementi, cresciuti a pane, vino e puttanate, che li costringono a ingozzarsi di ogni porcata che gli capita a tiro solo perché ha avuto le radici o era attaccata ad un albero, contiene flavonoidi e fanno l'equazione sbagliata: più sono meglio è.
Poveri quei bambini allattati con latte di soia, a cui danno cotolette di soia, gelato di soia, a cui impongono di mangiare tonnellate di vegetali "chettTifannobene!1!!!!!1!", e solo ed esclusivamente quelli.

Una volta a forum (il programma di merda di rete4) ci stava una imbecille vegana che ha preso il nipote e lo alimentava praticamente solo ed esclusivamente di soia...
Però i coglioni siamo noi che abbiamo una dieta bilanciata eh!

Ah, anche se i poveri mentecatti mangiacarote non lo vedono, o fanno finta di non vederlo, ecco le ricerche di pubmed (che non è laverabestia o il sito di un lavapiatti reinventato naturopata):
Impact of flavonoids on thyroid function
Effect of soy protein [...]
Effetti della soia su soggetti con problemi tiroidei
Latte di soia con Kombu e problemi alla tiroide
Quantità modeste di soia alterano i livelli ormonali tiroidei negli uomini

Aggiornamento:
Mi hanno detto che le fonti non sono attendibili, perché una parla di effetti blandi mentre la prima parla solo di "test in vitro o in vivo, non su umani".
Chissà come cazzo hanno fatto a dare l'omogenizzato di soia ad un bambino in vitro, i miracoli della scienza!
In ogni caso sottolineo nuovamente, visto che molti si fanno fuorviare dal titolo, che parlo di abuso, di dementi che consigliano di strafogarsi di soia e alimenti con isoflavoni e del rischio che corrono i bambini, i più bersagliati dal fanatismo vegard-salutista.

41 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ne dici di questo?
      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21353476

      A quanto pare l'abuso di soia può essere molto dannoso per la sfera sessuale maschile!
      Se uno vuole proprio evitare la carne, meglio sostituirla con uova e formaggi(sono anche molto più ricchi sotto il profilo vitaminico-minerale), piuttosto che con legumi tipo la soia, che oltre ad avere effetti ormonali indesiderati, interferiscono con l'assorbimento di minerali importantissimi come lo zinco, il ferro e il calcio(i minerali contenuti nel tuorlo d'uovo, sono molto più biodisponibili di quelli nei legumi)

      Elimina
    2. Si, il gozzo nei bambini alimentati con omogenizzato di soia è stato riscontrato con test in vitro...

      Ogni giorno mi stupisco di quante cazzate assurde si inventa la gente pur di darmi torto anche quando ho ragione.

      Elimina
    3. vvvvvveramente c'è scritto che il danno è inversamente proporzionale all'età, ad esempio è assente nelle donne in menopausa.
      Bello il gozzo dei bambini in vitro, ne ho appena ordinate 6 piastre di prova alla invitrogen.
      Animalari, animalari ovunque.

      L.

      Elimina
    4. Si, alle donne in menopausa non fa danni, ma in caso di cancro alla tiroide inibisce l'azione delle cure

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Cosa dovrei fare se c'è scritto chiaro e tondo che hanno dato omogenizzati a dei bambini? Se poi hanno fatto test in vitro quelli precedenti non valgono un cazzo?

      Elimina
    7. L'eccesso fa sempre male! In campo farmacologico abbiamo il detto di un notissimo scienzato "Non è la molecola che fa il veleno, è la quantità che se ne assume"!
      Flavonoidi e altri composti di origine vegetale sono utili, certo, ma il loro eccesso può portare anche a problemi di tipo immunologico (vedi i composti ad azione antiinfiamatoria di origine Naturale)!
      Di conseguenza basta avere una dieta molto varia includendo anche i prodotti vegetali!
      Verissimo per quanto riguarda il cancro alla tiroide! Bisognerebbe descrivere attentamente e con parole semplici ai pazienti quali cose possono mangiare durante la cura e quali no! Ma questo non è purtroppo tenuto in considerazione. E' risaputo che un eccesso di calcio inibisce l'efficacia degli antibiotici, che troppe vitamine vegetali possono ridurre l'assorbimento di agenti chelanti nel caso di avvelenamento da metalli pesanti e che olio di soia e cotone riducano la capacità degli uomini non solo di produrre spermatozoi, ma anche di provare piacere!
      Anche io non rinuncerò mai alla carne! Ma lotterò per fare in modo che le persone possano mangiare tutto! I vegetariani non sanno che loro si stanno impoverendo sempre di più di preziosi nutrienti che i vegetali non possono dare!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Per Giuliano: si ma nonostante fosse diabetico, quando ha smesso di ingozzarsi di soia, ha migliorato nettamente la sua condizione clinica. Probabilmente il diabete può essere una concausa dell'ipogonadismo, ma il forte consumo di soia aveva aggravato la sua situazione!

    "This case indicates that soy product consumption is related to hypogonadism and erectile dysfunction. To the best of our knowledge, this is the first report of a combination of decreased free testosterone and increased DHEA blood concentrations after consuming a soy-rich diet. Hence, this case emphasizes the impact of isoflavones in the regulation of sex hormones and associated physical alterations."

    L'isoflavone appartiene alla classe dei FLAVONOIDI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi limito a quotare.
      Ti ho dato dell'animalaro perchè non hai nemmeno letto l'articolo (oh c'è scritto bambini, mi pare i bambini siano vivi e umani) dicendo che erano tutti test in vitro o su animali.
      Non leggere, o leggere 4 parole chiave, è tipicamente animalaro.

      L.

      Elimina
  5. Comunque non credo che pallequadre voglia fare del terrorismo psicologico contro la soia, ma semplicemente far notare ai vegetariani e vegani fanatici, che non è vero che i cibi di origine vegetale sono sempre innocui e benefici, indipendentemente dalla quantità, mentre quelli di origine animale sempre "cattivi" e dannosi.
    In realtà, come per tutte le cose, è sempre questione di quantità: se si mangia soia con moderazione, è innocua e può anche far bene. Ma se uno mangia derivati di soia(o altri prodotti vegetali ricchi di sostanze con effetti "farmaceutici" e antinutrienti) a colazione, pranzo e cena, non è molto salutare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho anche scritto "i coglioni siamo noi che facciamo una dieta equilibrata", per sottolineare che la salubrità dell'alimentazione sta nell'equilibrio, non nell'esaltare questo o quell'altro effetto.

      Comunque sto tizio non ha neanche letto bene gli articoli linkati...

      Elimina
    2. Rimanendo in tema segnalo questo Abstract:
      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16433227

      e quest'altro interessantissimo articolo:
      http://www.albanesi.it/Dietologia/cibinonviolenti.htm

      Praticamente molte piante e cibi vegetali, contengono NATURALMENTE(quindi non è solo questione di pesticidi artificiali) svariate molecole potenzialmente tossiche o con effetti sul sistema endocrino, e perciò è da sfatare il mito che frutta verdura e cibi vegetali in genere, più se ne mangiano e meglio è. Con alcuni alimenti vegetali, che contengono quantità relativamente elevate di sostanze fitotossiche o fitoestrogene, ci vuole prudenza e moderazione!

      Elimina
    3. Si ho già parlato di questo, se non ricordo male.
      L'unica cosa sensata è alimentarsi in maniera equilibrata, punto e basta.
      Gli estremismi alimentari rischiano solo di fare danni

      Elimina
    4. Ti quoto Andrea! E quoto pure Palle Quadre! E' dimostrato che una carenza di prodotti a base di carne durante la gravidanza può portare lo stesso a problemi di ipertensione e stati prediabetici! u.u Ed è stato dimostrato senza alcun esperimento, ma solo con l'osservazione dei dati medici rilevati in una zona dell'India in cui si mangia più verdura e frutta! u.u

      Elimina
  6. 2 Cose:
    1-Non erano loro a voler sperimentare in vitro per evitare la sperimentazione animale e perché più precisa di quest'ultimo metodo?
    2-Pensa che la soia è l'alimento per la nutrizione umana più modificato geneticamente esistente, circa il 98% della soia prodotta è transgenica, noi non sappiamo quali siano gli effetti degli ogm sulla nostra sulla nostra salute, ma gli studi sugli animale non fanno auspicare che abbiano effetti positivi...Schiatteranno presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccolo! Volevo che qualcuno si accorgesse di questa immensa contraddizione:

      Hanno rotto il cazzo in lungo e in largo che la sperimentazione va fatta in vitro e che dovevano eliminare quella animale e poi si lamentano del fatto che è una pratica fallace quando gli da torto.

      A parte che comunque sia i test in vitro e in vivo li hanno fatti insieme ai test sulle persone

      Elimina
    2. Ai veganimalardi manca la coerenza e questo succede a chi non ha basi solide nella propria etica.

      Elimina
  7. E pensare che in alcuni paesi la soia è usata ampiamente per insaporire i piatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto. Posso anche capire che ci siano Paesi poveri che mangiano solo quello che hanno a disposizione ma, come tutti, lo fanno per non morire.
      Se dovessi essere costretto, anch'io mangerei solo animali o solo vegetali o, addirittura, solo dalla spazzatura! Ma sarebbe un estremo comprensibile.

      In quanto alla soia come condimento penso non faccia male dato che il condimento di per sé non è mai massiccio; credo che il peggio sia unire i condimenti di soia con l'assunzione di tofu (che è fatto di soia), il latte di soia e la carne di soia (quella modificata per sembrare carne vera), allora sì che fa male davvero data la quantità ingerita.

      Elimina
    2. La soia in basse quantità non fa male, è l'abuso che porta ad assumere troppi flavonoidi che inibiscono la tiroide.
      Come per tutte le cose ci sono le giuste quantità.
      Quelli che si sfondano di soia e altre cose perchè piene di flanonoidi sono dei minchioni, perchè l'effetto benefico si ha solo nelle giuste quantità.

      Come l'acqua, se non bevi ti disidrati, ma se bevi troppo sono cazzi tuoi

      Elimina
    3. Vai così, Palle Quadre! Zittiscili!

      Elimina
  8. Meno male che questo blog è seguito da persone intelligenti e pure esperte in materia; io, umilmente, non avrei saputo rispondere alle affermazioni contrarie all'articolo come quella che l'isoflavone fosse un flavonoide (beata la mia ignoranza).

    Nella mia ignoranza comunque dico che l'articolo parla chiaro anche per uno come me e "presumo" che gli omogeneizzati non si diano in vitro.

    Sinceramente non riesco a capire come si possa difendere continuamente e antiscientificamente le teorie veg.
    I vegetali non fanno male così come gli animali, l'equilibrio degli alimenti ci permette di trarre il maggior vantaggio possibile limitando gli svantaggi ma se sgarriamo ecco i danni che non tardano a venire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo semplicissimo concetto non viene compreso da quella gentaglia.
      E riflettiamo sulle condizioni del loro encefalo...

      Elimina
    2. A proposito, ho scritto una fesseria dovuta alla cancellazione di alcune parole prima di postare: "affermazioni contrarie all'articolo come quella che l'isoflavone fosse un flavonoide".

      In realtà le affermazioni contrarie di parpaglioni dicevano che nell'articolo non si parlava di flavonoidi mentre l'utente andrea ha fatto notare che l'isoflavone è un flavonoide; da quel che ho scritto, invece, faccio capire che andrea ha scritto cose contrarie all'articolo. Mi scuso con andrea e per questo mio errata corrige :P

      Elimina
    3. Siccome si dice che l'alimentazione carnea ha fatto sviluppare la corteccia cerebrale all'essere umano nel corso della sua evoluzione, penso che chi si nutra solo di verdure regredisca evolutivamente e non riesca a unire concetti o leggere a fondo un testo senza capirlo.

      Elimina
  9. Personalmente posso dirvi che ho avuto effetti collaterali dalla soia solo perchè l'adoro e mangiavo solo formaggio di soia, latte di soia, preparavo i burger con la soia, mangiavo il tofu, condivo con la salsa di soia...
    Beh l'inibizione tiroidea l'ho vista eccome!

    ora purtroppo dovrò limitarla, e per i primi tempi eliminarla del tutto... :( povera me

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un test in vitro vero!?

      Scherzi a parte, mi sa che esageravi veramente con la soia

      Elimina
    2. Anche io cercavo di bere il latte di soia, ma non mi piaceva il gusto! Ora prendo ogni tanto quello al cioccolato! Mentre il mondo intero guarda senza capire gli OGM, l'Europa li ha rifiutati (per fortuna), anche se non sappiamo che sia veramente così!

      Elimina
    3. Inoltre c'è un'altro grandissimo problema riguardo alla dieta di vegani e vegetariani: LE ALLERGIE! I cibi vegetali possono indurre allergie come qualsiasi altro alimento!

      Elimina
  10. Scusate nonostante avessi promesso di scrutarli per bene non ho ancora letto per bene gli articoli, oggi sono stato ad una festa di laurea e nei prossimi giorni avrò lezione tutto il giorno. :D

    Però posso già fare delle annotazioni sulla diatriba e sui commenti che avete fatto:
    - innanzitutto la frase sui neonati è un po' fumosa, perché non specifica se si sono limitati a raccogliere constatazioni precedenti ("in passato è stato riportato di bambini che mangiavano soia e gli è venuto il gozzo, quindi ora facciamo dei test in vitro e in vivo sulle sostanze associate sospettando ci sia un nesso") o se hanno raccolto dati statistici da campioni di volontari ("ci siamo messi d'accordo con queste persone che vogliono nutrire i loro bimbi con la soia, ci avrebbero detto passo per passo cosa succede ed abbiamo constatato che ai bimbi è venuto il gozzo, così ora facciamo i test");
    - dopodiché la capacità di reagire ad una sostanza da parte dell'organismo di un neonato è diversa da quella di un adulto sano, anche l'aspirina per esempio può essere somministrata ad un adulto ma ad un neonato farebbe molto male;
    - lo stesso dicasi per soggetti in condizioni particolari o patologiche;
    - infine i flavonoidi sono una classe di sostanze, quindi se una ricerca parlasse esclusivamente di un membro della classe non si potrebbero attribuire i suoi effetti a tutti gli altri flavonoidi.

    Questo per dire di non essere precipitosi nel dire "assolutamente i flavonoidi fanno male" e insultare chi s'è posto dei dubbi sull'affermazione (ovviamente se poi le ricerche illustrano che senza bisogno di quantità abnormali di soia anche un adulto sano finisce nella merda, è lecito dirlo).
    D'altro canto, è chiaro che mangiare esclusivamente soia darebbe problemi, così come il mangiare solo lattuga, o solo formaggio, o solo bistecca di maiale, o solo vitamine, o solo saccarosio. TUTTO, oltre una certa soglia, fa male. Persino l'ossigeno è tossico.

    RispondiElimina
  11. Sono sempre io del commento di qui sopra. Anche se sono in ritardo di un mese ho dato un'occhiata.
    Sto lavorando ad una tesina sui flavonoidi per un esame in nutraceutica e quindi sto scavando anche negli articoli scientifici linkati da PQ.
    Gli effetti collaterali derivanti dal consumo di flavonoidi, che comunque sono descritti già da molto tempo quindi non è che siano una novità, esistono, ma non da catalogarli come "molto pericolosi".
    Credo proprio che tendenzialmente abbia ragione il dottor. Parpaglioni quando dice "un po' poco per smontare la bontà dei flavonoidi, no?", dato che nella review dei vari articoli troviamo queste conclusioni:

    "important adverse effects, such as goiter, are not very often observed among humans consuming vegetables containing flavonoids. Goiters that have been observed in infants fed soy formula were reversed by iodine-supplemented diets, and the intake of genistein for 36 months by postmenopausal women did not significantly affect thyroid function. These data suggest that, in comparison to other species, the bioavailability of flavonoids to the human thyroid might be limited"

    Quindi ritengo sia esagerato dire che fanno malissimo e che chi ne incoraggia il consumo sia un mentecatto laureato in minchiologia dell'alimentazione (che non è certo naturopatia), anche perché non mi pare che almeno dalle nostre parti nessuno abbia mai consigliato di farsi endovene con 1 kg di flavonoidi al giorno o di mangiare esclusivamente ad ogni pasto soia con contorno di soia. Grazie al cazzo parlare di "abuso", a quel punto qualsiasi cosa è tossica, scopriamo l'acqua calda (ed integratori del genere con dosi da 1000 mg / die di flavos esistono pure e li ritengo mezze minchiate), mentre rimangono molti effetti benefici documentati e descritti nelle dosi normali.
    Con una rapida ricerca ho trovato anche questo in italiano: http://www.recentiprogressi.it/allegati/00042_2004_07/fulltext/345-351%20Firenzuoli.pdf che ricorda anche il punto che già avevo anticipato, ovvero i flavonoidi sono una classe di sostanze, pertanto non si può parlarne genericamente ma valutare caso per caso.

    Ovviamente ciò non significa essere vegani, né animalardi: mi fanno ridere quelli che hanno accusato Parpaglioni di essere un animalcazzaro come quelli che sabato hanno fatto irruzione allo stabulario a Milano.

    RispondiElimina
  12. http://havenforus.wordpress.com/2013/06/01/soia-e-suoi-flavonoidi/

    RispondiElimina
  13. Notizia smentite da test su umani.

    Le tentazioni del marketing sono infinite, e spesso le notizie diffuse tra la gente sono frutto di attente azioni di “stimolo al commercio” piuttosto che essere basate su dati scientifici.

    Voi gifterine siete per fortuna attente a quello che leggete e se siete colpite dal dubbio, giustamente avete a chi proporlo. Così rispondiamo alle considerazioni di Maryan e ai dubbi delle sue amiche ;-) per aiutare tutto il blog a comprendere i reali effetti della soia sulla funzione tiroidea.

    La risposta è molto semplice: la soia non ha interferenze sulla funzione tiroidea. Soprattutto se mangiate della soia sana, possibilmente non OGM, avrete a disposizione ottimi elementi nutrizionali. Ma lo sviluppo del mercato della soia si contrappone al mercato dei prodotti lattiero caseari. Noi sappiamo che ogni alimento assunto in eccesso può generare intolleranze e fastidi, ma ovviamente i produttori, sia di soia che di altte, cercano di “portare acqua al loro mulino” facendo passare notizie che dicono che la soia fa bene e il latte male o viceversa.

    Ogni cibo può fare bene se mangito con l’attenzione che si merita. Quindi noi continuiamo a nitrirci consapevolmente sia di una che dell’altro, nel modo giusto (ad esempio sappiamo controllare ogni tanto i 3 Moschettieri…).

    La storia di questo dubbio sulla soia emerge da uno studio fatto solo sui topi nel 2002 (pubblicato su Environmental Health Perspective) per cui a topi che venivano ipernutriti di sola soia veniva rilevata una modifica di un parametro tiroideo che per altro non influenzava la funzione della stessa.

    Nel 2006 però, per smentire questo piccolo lavoro, veniva pubblicata su Thyroid uno studio di verifica effettuato su un numero molto elevato di uomini e donne (non topi) da cui si poteva confermare che la soia, anche quando è cibo dominante (come in Giappone e Cina) non ha alcun tipo di interferenza sulla funzione tiroidea né soprattutto sulla azione della terapia farmacologica (l’Eutirox che tante persone utilizzano). Usate quindi soia con tranquillità, senza alcun tipo di preoccupazione.

    Buona giornata a tutte e a tutti

    Il Coach Attilio

    http://blog.donnamoderna.com/speciani/2009/12/02/latte-soia-e-tiroide-veri-e-falsi-problemi/comment-page-3/#comment-1378691

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, peccato che una mia amica si sia gonfiata per colpa della soia nonostante la dieta e l'esercizio fisico...
      Eh, tutte cazzate messe su dalla lobby cattivissima dei prodotti caseari, che si mette problemi immensi per quel 1% di vegani che non comprano i loro prodotti.

      Un danno insormontabile, ci sono dietro sicuramente tantissimi interessi economici, difficile credere che sia vero.

      Ah, in giappone mangeranno pure il tofu, ma non è il cibo dominante: è il riso il cibo dominante.
      E comunque studi simili lasciano il tempo che trovano: lo sai che chi beve acqua ha una probabilità del 100% di morire? Anche chi respira ossigeno! Nella storia tutti quelli che hanno bevuto acqua e respirato ossigeno sono morti, la lobby dell'acqua uliveto vuole farti credere che bere acqua sia indispensabile così te la vende, in realtà ti sta uccidendo. Ci sono anche gli interessi dei produttori di bombole da sub e di ossigeno per gli ospedali.
      SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

      Elimina
    2. XD ihihihihih!
      Ricordatevi che oltre alla dieta mediterranea, quella giapponese risulta la più equilibrata, proprio perche anche loro mangiano carne e pesce, oltre alla soia e al loro superfavorito RISO!
      PQ... io al posto tuo mi annoierei a rispondere ancora a chi ti da torto! AH! Dimenticavo, in Giappone mangiano il pesce palla e L'AMMANITA FALLOIDE (dopo una lunghissima procedura di ebollizione)! E noi abbiamo un bel risotto al nero di seppia, nel nostro repertorio cullinario! DX

      Elimina
  14. ciao, a seguito di una forte gastrite e di un'ernia iatale, ho dovuto eliminare il latte e l'ho sostituito con il latte di soia. Quindi dal 2009 assumo quotidianamente una tazza di latte di soia (200 ml). Ho notato che da quell'anno il mio corpo è cambiato. Mi sono appesantita, ho un grosso senso di gonfiore, braccia enormi, seno più grosso, pancetta, nonostante frequenti quasi tutti i gg la palestra, facendo corsi anche intensi quali lo spinning. Nonostante tutta questa fatica e attenzione all'alimentazione la bilancia mi da sempre più kg e oggi sono 8 kg in più rispetto al 2009. é possibile che questi effetti me li abbia causati la soia? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente qualcosa non va, ma questo non te lo posso dire né io né altri, tranne un bravo medico.
      Ti consiglio di fare delle visite per accertare quale sia il problema

      Elimina