sabato 11 giugno 2011

Le ragioni della diffusione dell'omofobia

L'OMOFOBIA DILAGA E CI SI CHIEDE PERCHE' ESISTE QUESTA FORMA DI RAZZISMO

Io mi sono fatto un'idea molto particolare.
Il fatto è che spesso e volentieri gli omofobi più accaniti sono a loro volta omosessuali o tendenti ad esserlo.
L'omosessualità repressa è una spiegazione, ma secondo me non è tutto.
Per chi non lo sapesse l'omosessualità repressa è un caso di una persona omosessuale ma che non vuole ammetterlo.

Dicevo che questa condizione non può spiegare l'omofobia dilagante.
Non tutti possono essere omossesuali repressi.
Ci sono sicuramente frange di ignoranza assurda che temono qualcosa di "diverso", ma anche quello non completa il quadro.
L'idea che mi sono fatto io è che l'omofobia è una forma di isolamento degli omosessuali, e li si vuole isolare per un motivo ben preciso: perchè non parlino.
Eh si, perchè se venissero rispettati e ci si converserebbe normalmente verrebbe fuori quello che loro, gli ipocriti, non vogliono che venga fuori: cioè che sono i primi ad abbassarsi le braghe davanti a loro.

Quasi sempre se parlate con uno dei pochi gay che hanno fatto "coming out" in una cittadina non troppo estesa questi vi confesserà che con lui vanno tantissimi uomini sposati.
E questi ipocriti, che pretendoono di conformarsi alla società possono forse permettersi di far conoscere quella che vedono come diversità che emargina?

No, per questo motivo diventano omofobici. Non credo sia omosessualità repressa, visto che la loro omosessualità la vivono eccome, ma credo sia omofobia sociale, dettata cioè dal timore di perdere la faccia nella società.

Purtroppo il loro comportamento danneggia sia loro, sia gli omosessuali repressi sia gli omosessuali dichiarati.
Perchè se spargono odio e non cercano di far cambiare idea alla gente la società resterà sempre uguale, anzi peggiorerà, e per questo motivo gli omosessuali dichiarati saranno sempre più scherniti, o a volte anche pestati a sangue, gli omosessuali repressi aumenteranno a dismisura, perchè avranno paura delle conseguenze della loro "diversità" e la violenza degli omosessuali sociali diverrà ancora più feroce, innescando un circolo vizioso.

I gay pride e l'imminente europride sono secondo me un'esagerazione, una pagliacciata se vogliamo, ma è la conseguenza estrema dell'odio estremo verso queste persone.
Ragazzi miei, se siete eterosessuali sicuramente non ve ne sbatterà un cazzo di chi va a letto con chi come succede a me, e spero di non essere l'unico, quindi risparmiatevi battute ridicole, anche perchè potrebbe nascervi un figlio omosessuale...
E quando vedete uno di quei mentecatti che cercano di darsi l'aria da macho dovete solo ridergli in faccia, perchè sono peggiori di chi stanno prendendo di mira, e sopratutto molto vigliacchi.

5 commenti:

  1. mah,guarda,io vivo a londra datempo e il problema qui si pone poco,qui i diritti sono tali ed io ad esempio al momento non lavoro ma ricevo un benefit che in italia te lo scordi (crisis loan,jobseekers allowance,housing benefit ecc) e vedo le coppie lesbo ed omo senza problemi avere figli e tutto il resto.beh,per iniziare sarebbe carino non chiamare nessuno per nome ma pensare a persone (quindi non piu' omo e lesbo o trans or whatever).poi,c'e' da dire che ci sono menti perverse come i pubblicitari ad esempi od esperti di marketing che ci tengono a queste differenze:i club per gay,i vestiti per gay,come ti devi vestire se sei glbt ecc insomma la classica lobby.e questa e' realta'.poi possiamo trovarci davanti ad atteggiamenti generalizzati(perche' gli omo sono quasi tutti cosi' drammaticamente effemminati?e le lesbiche brutte coi capelli corti((che poi e' una cazzata..)) oppure ci sono anche almeno qui i nazi gay o le lesbiche che dicono "uomo morto non stupra"...ma..domanda fondamentale:perche' bisogna rompersi i coglioni ciattellando su chi e come e con chi vado a letto?ignoranza?beh si quella tanta,ma chiamare sporco negro qualcuno i italia e' accettato o tollerato come chiamare frocio o culattone qualcuno,tante volte e' la paura ma tanto anche che l'italia e' dal punto di vista strettamente sociale mooooolto arretrata.non c'e' un problema in se' credo,ma delle situazioni risolvibili.e comunque qui io sono per alcuni white trash...o mafioso o pizza e mandolino...

    RispondiElimina
  2. Ignoranza, arretratezza e ipocrisia, fanno male a tutti, non solo alle minoranze.
    L'italia è lontana anni luce dalla mentalità degli altri paesi, anche se restano razzisti a loro volta.

    RispondiElimina
  3. oh si certo,qui mica e' la terra promessa.ad esempio dopo l'entrata(forzata) degli ultimi paesi comunisti qui in inghilterra s'e' installata la "meglio gente" dalla polonia lituania ecc e chiedono benefit.quello del benefit poi,1 milione di tagli nei prossimi 2aani promette il gov beh felice d essere qui il blog e' bello ti seguo sempre!!!!!

    RispondiElimina
  4. La "crema" va sempre a pretendere qualcosa che non dovrebbe neanche pensare di avere... per fare un esempio cito un campo nomadi che riceveva corrente elettrica, acqua, telefono e terreno GRATIS dal comune (pagato da noi) e per ringraziamento quei disgraziati sciamavano nelle strade a rompere ai passanti e molte case sono state svaligiate.
    Spesso per non passare per razzisti si ha paura anche di parlare, ma insultare qualcuno che non ti ha fatto nulla solo perchè di nazionalità diversa è ben diverso che cacciare qualcuno a calci in culo perchè mangiapane a tradimento o delinquente.

    Grazie per i complimenti

    RispondiElimina