martedì 23 maggio 2017

Elvis fu un testimonial per i vaccini

L'antivaccinismo sta facendo molti danni, da poco gli USA hanno inserito l'Italia nella lista dei paesi a rischio a causa dell'epidemia di morbillo, malattie prima debellate hanno fatto ritorno e ora con l'obbligo di vaccinarsi ha fatto infiammare le emorroidi degli antivaccinisti e complottardi vari.
Ma una cosa interessante è la differenza fra Elvis e Povia, sempre riguardo i vaccini...

Elvis a favore dei vaccini


Corre l'anno 1956, la poliomerite colpisce sempre più persone lasciandole in condizioni pietose o leggermente menomati nel migliore dei casi, e i casi registrati nel '52 furono 58 mila. Cifre impressionanti.

Elvis si fece riprendere e fotografare mentre si faceva vaccinare contro la polio, appositamente di fronte la stampa così che tutti vedessero il re del rock compiere il gesto.
Proprio grazie alla sua testimonianza le vaccinazioni contro la polio si impennarono, contribuendo alla campagna sulle vaccinazioni, e nel '62 i casi furono solamente 910.



La polio può colpire a tutte le età, ma colpiva principalmente i bambini e giovani, e proprio ai giovani si era rivolto il messaggio di Elvis visto che la concezione comune era che solo i bambini si dovessero vaccinare. Elvis aiutò tantissimo, anche perché è più facile che i giovani seguano uno dei loro idoli piuttosto che un dottore che non conoscono.

Il suo gesto, insieme ovviamente ad una massiccia campagna di cui parlano nel documentario, aiutò a sconfiggere definitivamente la polio.
Bei tempi...

Oggi non c'è più Elvis, oggi abbiamo Povia.
Oddio, non voglio certo comparare i due, né da un punto di vista artistico né umano, perché il cantante nostrano ne esce a pezzi, voglio solo paragonare il comportamento:

Oggi regna sovrano il complottardismo, complottardismo che un certo personaggio famoso che risponde al nome di povio dovrebbe combattere con buonsenso, ragione e informazioni esatte, ma che invece alimenta perché lui stesso affetto dall'isterismo paranoide complottardo, ignoranza astrale che nemmeno le sgommate di merda sui boxer di Giuliano Ferrara e una vena di megalomania regalatagli dalla semi notorietà di cui gode e che lo ha convinto di avere la verità in mano (ma questo tipo di convinzione è abbastanza comune fra il sottobosco di inetti incapaci, che sovrastimano di centinaia di volte le loro abilità e intelligenza).

Il nostro povio invece di informare disinforma, pubblica video cancerogeni su facebook dove blatera cazzate riguardo l'arricchire big farma con i vaccini (un vaccino 10 euro e lo fai una volta nella vita, un giorno di ricovero e sono centinaia di euro in farmaci, moltiplica i giorni in base alla malattia, o la terapia a vita dovuta a condizioni croniche provocate, e voilà ecco quanto cazzo si arricchisce pig farmer, manco la matematica puttana miseria antivaccinista) e pubblica "album musicali" pieni di puttanate come scie chimiche e altro, contribuendo ad alimentare le epidemie che stanno scoppiando nel nostro paese.

Che dire, una bella differenza di comportamento... se Elvis è da stimare ed elogiare per il suo gesto, credo che il comportamento di certi personaggi "famosi" antivaccinisti vada punito con il carcere e un tour nazionale a calci in culo.
Fonte

Ah si, per tutti quelli che si lamentano per l'obbligo alla vaccinazione: a mali estremi, estremi rimedi.
Anche se poi alla fin fine tanto estremo non è.


6 commenti:

  1. Un vaccino contro la POVIAmielite ce l'abbiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che è tardi... non c'è più niente da fare per lui

      Elimina
  2. Povero povia...meglio se continuava a fare il cantante.

    RispondiElimina
  3. E che ti aspetti da uno che una volta ha detto che i terremoti sono causati dalle persone che camminano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio quella non me la ricordavo...

      Elimina
  4. Ma oltre ai vaccini non potrebbero rendere obbligatoria una prova per gli aspiranti cantanti? Dovrebbero dimostrare di saper cantare....

    RispondiElimina