sabato 28 dicembre 2013

Brambilla: scacco alla regina

Ieri la vicepresidentessa dell'associazione Pro Test Italia ha deciso di appoggiare in maniera ancora più attiva la richiesta di Caterina Simonsen di dissociarsi dagli animalardi estremisti che augurano e minacciano di morte. Caterina è quella ragazza che, dopo aver difeso la sperimentazione animale, è stata bombardata dalla peggiore feccia esistente al mondo, tanto che ormai ne parlano tutti.

Finché auguravano la morte a persone sane non succedeva nulla, rientrava nel classico esempio di "guerriero da tastiera", lo stesso stereotipo di gente che ha smesso di minacciarmi su facebook da quando mostro le foto dei miei bicipiti tanto per fare un esempio, ma quando se la sono presa con una ragazza che sta molto male e ha quattro malattie rare, bhé, ora hanno veramente superato la misura.

In ogni caso, la richiesta di dissociarsi è uno scacco alla regina: qualsiasi cosa faccia l'ex ministro ha perso. Se si dissocia ha perso, se non dice nulla ha perso e peggio ancora se censura il post.

Ma spiego meglio perché questo:
Se si dissocia ha perso:
L'ex ministro sta comprando i voti degli animalardi sin da quando quel gran simpaticone "disoccupatore" di stoppa si è interessato alla questione green hill portando la questione alla scarsa attenzione del popolo bove. L'occasione era ghiottissima, e lei ci ha sguazzato felice come un'anatra, senza fra l'altro dire un cazzo sull'irruzione illegale e il furto di animali.
Cosa significa questo? Che zitta zitta si è comprata i voti degli animalardi più estremisti, per cui se si dissocia perderà una notevole fetta di voti che si era comprata con le sue comparsatine in televisione, sempre con un cazzo di cane a fianco, sempre diverso (neanche suo, pura propaganda, e i caproni bevono). E non solo! Gli estremisti si sa, odiano chiunque non la pensi come loro, ne è una prova l'odio dei vegardi verso i vegetariani, o l'odio degli animalardi verso un'animalista come Caterina (che oltre che malata è animalista e vegetariana), per cui non è difficile immaginare uno scenario in cui gli animalardi più violenti si scaglino contro gli animalardi della domenica e brambilla.

Se non si dissocia:
Con il casino mediatico che giustamente questo orrendo fatto ha scatenato, una non presa di posizione della brambilla non potrà fare altro che farla vedere come quello che è: d'accordo con questi personaggi. E non è possibile che non sappia di questi estremismi, visto che ha collaborato a stretto contatto con i criminali che hanno fatto irruzione a green hill e al dipartimento di farmacologia di Milano. Il danno di immagine sarebbe talmente forte che perderebbe sicuramente tantissimi voti.
Chi vota qualcuno che parteggia con dei veri e propri terroristi e talebani?
Ricordo che alcuni animalisti stessi non sono d'accordo con questo comportamento, che dilaga tantissimo, figuriamoci chi non lo è.
Se il danno è talmente forte il suo partito potrebbe decidere perfino di scaricarla, per evitare l'emorragia di voti.

Se censura:
In questo caso è peggio di prima, perché questa azione fugherebbe tutti i dubbi sulla sua possibile buona fede. Se censuri significa che non vuoi rispondere, se non vuoi rispondere significa che la risposta ti imbarazza o ti danneggia.
Per cui non solo sarebbe d'accordo con certa gente, ma ne approverebbe tacitamente il metodo comportandosi come loro, che con la violenza verbale e fisica (ricordo i numerosi attentati, incendi, furti e così via) cercano di tappare la bocca alle persone contrarie.


Qualsiasi cosa faccia ha perso.
Mi piacerebbe vedere il movimento animalardo bello spaccato, visto che fino ad ora gli estremisti hanno attaccato poca gente e non c'è un vero scisma, perché da divisi avrebbero molto meno potere.
Anzi, si combatterebbero perfino a vicenda, e si paleserebbe un secondo politico pronto ad accapparrarsi i voti della parte scissa, dando contro alla controparte "senza palle e che non ha il coraggio di fare quello che va fatto" (frase che ho sentito spesso dagli animalardi), indi per cui magari non correremmo più il rischio di vedere leggi del cazzo che distruggono l'economia e la ricerca.


15 commenti:

  1. Sempre pensato che la Brambilla fosse... rimbambita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella sa benissimo quello che fa, altroché.
      Mi fa parecchio incazzare perché fa danni, e parecchi, da quel punto di vista è sul serio rimbrambilla.

      Elimina
  2. Gli basterà dire che minacce di morte ad una malata sono brutte e indegne della loro causa, inviterà alla vecchia retorica della concordia degli ordini e ribadirà la natura pacifica del movimento.
    Si pareranno ugualmente il deretano; d'altronde il silenzio potrebbe essere interpretato anche come un decidere cosa rispondere assieme ai propri consulenti in pubbliche relazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda invece i voti degli estremisti... tanto sono già del PAE, e dall'alto le diranno sicuramente che è comunque meglio perdere quei voti di sciroccati piuttosto che alienarsi l'elettorato normale del PDL associandovisi.

      Elimina
  3. Mi spiace ma stavolta non sono d'accordo con te. In pratica tu stai attribuendo alla Brambilla un qualche barlume di attività cerebrale, cioè la ritieni capace di fare ragionamenti complessi di tipo speculativo. Hai le prove di quanto affermi?
    (E' ironico. La precisazione non è per te, PQ, ma per un certo tipo di lettori...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhé, sarà pure stronza, ma se sta in un partito politico e ha raggranellato voti su voti prima con i "circoli di stocazzo" e poi con gli animalardi tanto stupida non dovrebbe essere.

      Poi magari ha qualcuno che la aiuta con disegnini e forme geometriche

      Elimina
    2. Chiamasi "Populismo", Matteo, ed e' un arte nel quale i partiti italiani sono sempre stati maestri.

      Elimina
  4. L'uomo coi bicipiti che spaventano i commentatori su fb. E l'uomo che "non perdona" i complottisti. Sto ancora ridendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il grullino complottista ha parlato, e pretende che la sua merda sia legge.
      Vai a ordinare le bio washball va, e non rompere i coglioni, stai buono a cuccia.

      Elimina
    2. Grillino io? ahahahah. Cioè se uno ti considera un idiota la cui opinione vale meno di quella di un riccio di mare è automaticamente grillino? No non sono grillino e mi sta sul caxxo pure uriel fanelli che un tempo seguivo, ma almeno ha due neuroni che gli funzionano e scrive bene. Vedere una pulce deficiente che scrive come uno studente di scuola media (non lo dico per insultarti, è una constatazione: prova ad ascoltare le conversazioni dei ragazzini di quell'età) che dice "non ho perdonato" fa effettivamente ridere. Guarda, non ho niente contro di te personalmente, sono anche d'accordo con molte cose che scrivi, mi fa solo sorridere l'idea. Mi sembra che abbia un'opinione un tantino sovrastimata su di te.
      ps: rileggi quello che hai scritto: non vuol dire niente. Prendendoti in giro sul fatto che "non perdoni" e che "i tuoi bicipiti spaventano i commentatori ostili su fb" tu ne deduci che "pretendo che la mia merda sia legge".
      Come dire: boh! che cazzo avrai detto? mah!

      Elimina
    3. Dal tuo account youtube risulta diversamente caro mio.
      Molto diversamente.

      E comunque ho solo detto che da quando ho mostrato che sono grosso i guerrieri da tastiera sono scomparsi. Cosa ci sarà di fantascientifico me lo devi spiegare.
      A parole tue va bene lo stesso.
      E non perdono lo spargere di complotti e falsità.

      Poi vedi tu, figliolo, se andartene elegantemente quando vedi qualcosa che non ti piace o insistere a raschiare le palle.

      Elimina
    4. enamelina è l'ennesima dimostrazione che, per votare 5 stalle, è NECESSARIO essere decerebrati. D'altronde i COGLIONI che credono alle sirene, al DHMO, o ai microchip sono OSANNATI sul post di bepep NAZISTA grillo, il coglione che VUOLE IL TRITOLO

      Elimina
    5. La cosa migliore sono i grillini che quando gli si dà del grillino dicono "io non sono grillino". Ne conosco tanti...

      Elimina
  5. Parlate della faccenda come se fosse la Brambilla stessa a rispondere. In realtà la maggior parte dei politici e dei Vip delega, sia per risparmiare tempo sia per tutelare la propria immagine, a dei "professionisti" che gestiscono i rapporti via social network per preservare al meglio l'immagine del Vip. Non a caso si tratta di post scritti in italiano corretto ed ad ogni eventuale domanda si ha una risposta in tempo brevissimo.
    Di fatto le pagine gestite realmente dal vip interessato hanno molti meno post, spesso post sgrammaticati o abbreviati e contenuti (foto o video) dalla chiara fattura artigianale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo, ogni VIP ha diversi addetti all'immagine pubblica che si occupano di scrivere sui social network al posto del VIP semianalfabeta. Ma d'altronde, da un ex fotomodella di calze che ti aspetti, che sappia scrivere in italiano?

      Elimina