lunedì 5 novembre 2012

Vaccaro: nomen omen?

Mi è stato segnalato più volte il nome di Valdo Vaccaro (per ora le maiuscole le ha, vediamo dopo), che sarebbe una sorta di professatore del veganesimo.
Sono andato a vedere nel suo blog cosa c'è scritto, e devo dire che è veramente conciato alla cazzo di cane...
La prima cosa che salta all'occhio infatti è il suo metodo di scrittura: non si capisce un cazzo!
Prima mette degli stralci di testo, a volte mail inviategli e a volte le sue risposte, inframezzate da delle specie di titoli, come fossero capitoli di un libro.
Ma come cazzo fai a mettere un titolo ogni due righe? Non si capisce una sega nera!


Il primo """""articolo""""" che mi salta all'occhio (e mi fa girare le palle) è quello di una donna che chiede delucidazioni riguardo la figlia che ha 10 scariche diarroiche al giorno (più o meno le stesse che vengono a me a leggere siti come lo sai o la pagina facebook olocausto animale...) e di come i dottori non abbiano capito che cosa non va.
In neanche dieci secondi la cura: non mangiare carne!
E ti pareva! Mai sentito di carne che provoca diarrea, però siccome loro dicono che mangiare carne provoca putridume e MIASMI (!!!) il male è quello.
Fare una visitina da un allergologo no?
La diarrea cronica è causata anche da celiachia... ottimo consiglio quello di eliminare carne aumentando gli altri alimenti, compresi quelli pieni di glutine!
Puntarle un fucile a canne mozze in faccia è meno pericoloso puttana miseria ladra cazzo!
Una patologia simile può essere causata da tante cose, come anche infezioni (che acqua beve? Dove è stata?) come pure immunodeficenza. Insomma, è una cosa molto seria e non si può di certo liquidare con il solito "la carne uccide!!11!!" dei miei coglioni.
Se la donna ha trovato gente incapace (e grazie al raccomandatismo in italia è pieno) perchè non consigliare un centro serio? No, dieta vegana (piena di glutine, e se è celiaca cazzi suoi).

Ma vaffanculo va, andrebbe denunciato per abuso di professione medica (visto che millanta di curare malattie). Maiuscole perse, ed è solo la prima pagina...

Ci sono le solite cazzate di gente con tumori all'ultimo stadio (roba che hai due mesi di vita) che guariscono miracolosamente mangiando carote e sedano 10 volte al giorno (se non sto calmo bestemmio), ovviamente il cognome di tali persone e la loro precisa ubicazione sono sconosciute... sia mai che qualcuno vada a controllare veramente e scopra che si stanno inventando cazzate di proporzioni catastrofiche.

Professa l'abbandono dei farmaci, lo sfanculamento dei dottori e della scienza in genere.
Professa lo sfanculamento della carne e del latte anche a potenziali celiaci (che devono eliminare il glutine che sta in tantissime cose, prima di tutto il pane e cereali (dai anche le fave a un favico valdo? Perchè così almeno si capisce che intenzioni hai).
Consiglia ad un iperteso di ABBANDONARE I MEDICINALI SALVAVITA!
Porca puttana troia sifilitica, cazzo! L'ipertensione uccide ed è una malattia GENETICA. Mi vorrà dare a bere che è colpa della carne pure quella!?
Vaffanculo, e vaffanculo in fretta. Quella fogna dovrebbe chiudere immediatamente.
Insomma, il classico ciarlatano, anzi il classico VACCARO.

Consiglio di non leggere più di 3 pagine dei suoi deliri di onnipotenza del tofu di merda altrimenti vi saltano definitivamente i nervi...

71 commenti:

  1. Tipi come questo sono molto pericolosi perchè potrebbero fare vittime. Capisco che uno che dà retta a simili personaggi se la sia andata a cercare, ma andrebbe davvero denunciato: le sue boiate possono uccidere.
    Ma che vuol dire che la carne provoca putridume? Se la mangio mi si forma una palude nello stomaco?
    Quanto ai miasmi, ammesso che sappiamo che la parola miasma vuol dire odore molto molesto, le diete ricche di alcune verdure e legumi provocano "odori molesti" molto più della carne.
    Sembra anche che chi diventa vegano dall'oggi al domani rischi di sviluppare più degli altri il diabete di tipo II: sostituisce la carne con la pasta et similia e si riempie di glucidi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mangi fagioli esagerando con le cipolle li vedi i miasmi, altrochè.
      Una volta ho mangiato fagioli con le cipolle, per 3 giorni la merda puzzava in maniera indecente, e oltre quello appestava il cesso per ore.
      Quando sento un vegan dire "la mia merda odora meglio" mi chiedo se abbiano perso il senso dell'olfatto a causa della malnutrizione.

      Comuqnue si, mi sono incazzato perchè le sue vaccate possono uccidere. E il problema è che ha un nutritissimo seguito

      Elimina
    2. la classica ricetta del gas lacrimogeno.

      Elimina
    3. Scusate capisco la "serietà" dell'argomento ma non riesco a smettere di ridere per come è scritto l'articolo! Concordo in pieno. Tralaltro conosco persone che se mangiano l'insalata si gonfiano come palloni e non cagano più, mentre se mangiano carne vanno lisci come l'olio..

      Elimina
  2. Un pericoloso imbecille. Il suo seguito, più che nutritissimo, direi che è malnutrito.

    RispondiElimina
  3. a parte che le scariche diarroiche possono essere causate anche da una eccessiva presenza di fibre vegetali...ma vabbè.....quando qualcuno morirà per questo vediamo se avrà ancora il coraggio di parlare anche se temo la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere, la famiglia è vegana e per forza le faranno mangiare quantità assurde di vegetali

      Elimina
  4. Guarda leggevo or ora il sito.
    Gente che ha addirittura sospeso cure antiepilettiche.
    Allucunante.
    Sempre che le lettere non se le inventi lui di sana pianta, of course...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè consiglia di portare i bambini in un macello.
      Ma segnalarlo alle autorità competenti no?
      Questo è pericoloso casso!!!! :(

      Elimina
    2. Per quello mi sono incazzato tanto... e passo pure per persona volgare

      Elimina
  5. Non sapete cosa vi siete persi...

    http://valdovaccaro.blogspot.co.uk/2012/01/colica-febbre-ed-emorroidi-in-bimbo.html

    http://valdovaccaro.blogspot.co.uk/2012/02/artrosinovite-benigna-allanca-destra-e.html

    http://medbunker.blogspot.co.uk/2012/09/meddeliri-ma-vai-ate-e-ligienismo.html

    I commenti di "gianlo", paladino difensore di Vaccaro, sono incredibili.

    L'unica cosa che mi consola è che il 95% delle lettere sono scritte da Vaccaro stesso (tutte con lo stesso stile e gli stessi errori di sintassi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti il 100% delle lettere ricevute dal vaccaro son vaccate, se le scrive da solo, basta leggerne un paio per capire che sono tutte uguali.

      Elimina
    2. Oppure le adatta allo stile ridicolo del suo blog...
      Spero comunque che realmente la maggior parte di quelle lettere sia inventata, ma anche in questo caso sta facendo proselitismo e propaganda (in molte racconta dell'inefficacia della medicina) molto pericolosi

      Elimina
    3. guarda le leggo spesso per farmi due risate su quanto un fallito faccia per sentirsi utile le lettere se le scrive da solo, lo stile, le parole usate, le idiozie che tira fuori escono tutte dalla sua testa, alcune sono più assurde di altre, ma lo stile delle frasi e la grammatica usata è la stessa.

      Elimina
    4. Accidenti antuan ma sei proprio dappertutto
      Quand'é che prendi la residenza a lourdes?
      Consigliato anche ai tuoi colleghi, soprattutto al pallemosce pardon quadre

      Elimina
  6. hai centrato : vaccaro [ eh eh correggi pure il post all'inizio] e' un altro da rinchiudere e lanciare la chiave nella fossa delle marianne [cit. tdm] assieme a simoncini, gava e co.
    fake, puttanate, 'consigli' sulla salute piu' discutibili ed inutili nonche' dannosi che altro. mi chiedo se non sarebbe l'ora di avere una legge che combatta efficacemente sta spazzatura internettiana..lo so e' impossibile o quasi e farebbe di questi zozzoni dei martiri. d'altro canto nel 2012 stiamo ancora a parlare di dio, magia e superstizione.....
    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, dio come lo intendono i religiosi è una stronzata (a cosa serve pregare?), ma personalmente credo che ci sia qualcosa dopo la morte.
      Comunque sia mi hanno riferito che per il reato di abuso della professione medica ci siano 200 euro di multa e un anno di carcere (cioè 10 ore di volontariato), una pena decisamente ridicola per una cosa così grave

      Elimina
    2. Così poco? Sconcertante!
      Dovrebbe essere equiparato al tentato omicidio, visto che alcune cose dette da questi pazzi possono costare vite umane!
      Sì, servirebbe una legge per combattere queste cose: la disinformazione dovrebbe essere un reato.

      Un altro che dice idiozie è questo: http://www.youtube.com/watch?v=k10SoSJod1A
      trasmesso dalla televisione pubblica. Il tizio asserisce che la farina 00 è un veleno perché è raffinata e perché ha un elevatissimo indice glicemico, ma guarda un po'! E' piena di amido che è uno zucchero! Secondo lui si devono mangiare solo e soltanto farine integrali (che hanno comunque l'amido).
      E' una vergogna che un simile imbecille parli alla televisione pubblica e in un programma considerato attendibile (ma che non è nuovo alle castronerie).

      P.S. alla fine del video dice che una sua ricerca ha evidenziato che la sua "dieta" aumenta le proteine che ci proteggono dagli ormoni sessuali. Ma che accidenti vuol dire? Gli ormoni servono a tenere l'organismo sotto controllo, che senso ha avere delle proteine che "proteggono l'organismo" se il sistema nervoso centrale ne controlla la sintesi?

      Elimina
  7. Pardon: ho visto solo ora che ti sei occupato della cosa in un altro post.

    RispondiElimina
  8. Cristiano6/11/12 17:27

    Scusami Voceldealista ma ti rendi conto che stai confutando le tesi del professor Franco Berrino che è uno scienziato di fama internazionale a capo del dipartimento di medicina preventiva e predittiva dell'istituto dei tumori di Milano?
    Non stiamo parlando di uno qualsiasi, nè di un ciarlatano.

    Mai sentito parlare del progetto DIANA e di Cascina Rosa in cui egli insegna alle donne ammalate di cancro al seno a nutrirsi in maniera adeguata al fine di combattere quella patologia? Ebbene, sia gli zuccheri che le farine raffinate sarebbero totalmente da evitare (sia per prevenire che per combattere i tumori).

    La farina 00 è sconsigliata in quanto fa aumentare in maniera vertiginosa la glicemia e ciò, a sua volta, porta all'aumento dell'insulina aumentando i fattori di crescita che determinano, appunto, il cancro (però è sempre bene precisare come quest'ultima sia una patologia multifattoriale, in cui incidono anche cause diverse dall'alimentazione quali lo stile di vita, l'inquinamento atmosferico, la condizione psicologica, la predisposizione genetica ecc.).

    È uno dei ricercatori e degli scienziati più importanti di tutta la penisola, le sue tesi sono supportate da centinaia di pubblicazioni su riviste scientifiche e non ha nulla a che fare con la magia nè con la stregoneria.

    Seguo con interesse questo blog però, nel momento in cui leggo dei commenti che ritengo totalmente assurdi, che cercano di demolire quelle che sono tesi scientifiche ormai assodate (e appurate) da tempo, sento la necessità di rispondere.

    Per maggiori informazioni guarda questa pagina di wikipedia e fatti una ricerca su internet.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Berrino



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti rispondo a tono perchè questo non è il mio blog e mi scuso col gestore: non volevo certo scatenare questo putiferio.
      Quanto a Berrino, può anche avere 300.000.000 di pubblicazioni ed essere il più grande scienziato della storia, ma se le sue opinioni non sono supportate dai fatti, allora sono assurde.
      Io le scienze le studio, quindi lascia che ti dica un paio di cose. Gli studi non sono scienza: sono solo esercizi di statistica (quindi di matematica) che servono solo a evidenziare un fenomeno, ma non sono la verità assoluta, infatti esistono anche studi che portano a conclusioni diametralmente opposte. Gli studi sono l'avvio della ricerca, non la sua conclusione, essi non hanno senso finché la ricerca non riesce a spiegare a livello biochimico il fenomeno osservato, fino a quel momento lo studio non prova nulla. Gli studi sull'alimentazione, poi, sono soggetti a una colossale quantità di errori statistici e di correlazione, quindi sono tutto tranne che affidabili.
      Il dottor Berrino è un medico, quindi non è uno scienziato ma un tecnico: ovvero applica le scienze (biochimica) per ottenere un certo risultato pratico.
      La tesi riguardo la veneficicità della farina raffinata è assurda in quanto la gran parte della massa del seme (non importa se sia grano, kamut, fagioli, castagne o altro) è formata da glucidi (meglio noti come zuccheri, amido nella fattispecie) ergo è ovvio che alzi l'indice glicemico in quanto è uno zucchero, infatti non si deve suoerare la quantità giornaliera consigliata di zuccheri. Dire che la farina è velenosa solo perchè raffinata è assurdo, in quanto anche la integrale è per la gran parte della massa composta di amido, più la crusca (un glucide chiamato cellulosa e non digeribile, meglio noto come "fibra") e quello che il tizio chiama "germe" che sarebbe l'embrione della pianta (un medico che si esprime dicendo "germe" invece che embrione mi fa rabbrividire) che contiene grassi per la maggior parte. In parole povere: il pane fatto con la farina integrale, a parità di massa, contiene pochi grammi di amido in meno, più grassi ed è meno digeribile.
      Quanto al grano biologico, al livello nutrizionale è identico a quallo tradizionale ma contiene più micotossine, in quanto non si usa il fitofarmaco per il controllo di funghi parassiti. Di conseguenza il grano biologico tanto idolatrato contiene più muffe di quello tradizionale.
      Tesi scientifiche assodate? Ma non scherziamo! E' ovvio che l'eccesso di zuccheri sia dannoso, ma da qui a dire che la farina 00 provoca dei tumori c'è una bella differenza: non c'è proprio nulla di assodato. Secondo quale meccanismo biochimico l'eccesso glicemico o di grassi provocherebbe mutazioni del DNA e di conseguenza tumori? Non diamo per assodate cose che non lo sono affatto, per favore. E cerchiamo anche di avere un'idea chiara di cosa sia un tumore: una massa di cellule con danni genetici che non segue più il programma predefinito. Ognuno di noi sviluppa almeno un tumore al giorno, ma il sistema immunitario e i sistemi di riparazione del DNA risolvono il problema: il tumore si scatena solo quando i due sistemi sopracitati fanno cilecca e questo spesso ha motivazioni genetiche.
      Se Berrino avesse ragione io dovrei avere la glicemia a 1000, ma non è così, e tutti dovremmo morire di tumore, ma non è affatto così. Cosa c'è quindi di assodato? Nulla.

      Elimina
    2. Si, uno pseudoscienziato finto vegetariano che spaccia dati falsi o irrilevanti sul cancro mischiando consigli giusti ad altri pericolosissimi. Ha imposto ai bambini degli asili una dieta forzata ricca di fibre e cibi potenzialmente dannosi per la salute.
      Non a caso lavora proprio con il professor Cancrone...ops Veronesi, conosciuto per gli scandali dei termovalorizzatori e la falsificazione del metodo di Bella, approvato solo 20 anni dopo di fronte all'evidenza scientifica.
      Un falso vegetariano massone misantropo antispecista, favorevole ad eugenetica, aborto ed eutanasia di chi costa alla società, favorevole alla legalizzazione di droghe, contrario all'amore eterosessuale, favorevole alla sperimentazione umana, che mi parla di rispetto per gli animali e se ne fotte dell'uomo. Qualcosa non torna.

      Approfondisco:
      scopro che oltre a classificare cibi nutrienti come veleni, parla di OGM, Soya, pesticidi, cibo denutriente integrale, cibo biologico (dal costo assai maggiore). Tutta roba pericolosa.

      Approfondisco ancora:
      In Italia molte delle società "scientifiche" vegetariane sono finanziate dalla fondazione Veronesi e simili associazioni pseudoscientifiche come i Dietitians of Canada e l'American Dietetic Association. Dovresti sapere che Messico Canada ed U.S.A. collaborano da un po' di anni alla standardizzazione alimentare e sono stati invitati a far parte al consiglio del Codex Alimentarius.

      Informarsi prego, l'informazione è vita.

      Elimina
  9. Cristiano6/11/12 22:14

    Innanzitutto non vedo per quale motivo mi dovresti o non mi dovresti rispondere "a tono" dato che i miei modi di esprimermi sono sempre stati pacati e lontani da qualsivoglia pretesa di presunzione, ma solo di portare chiarezza in quello che ho ritenuto un commento totalmente fuori luogo.

    Vorrei capire come tu faccia a sostenere con così tanta sicurezza e tracotanza che le tesi di Berrino non siano sostenute dai fatti, quando egli è a capo del dipartimento di medicina preventiva e predittiva, ha sperimentato ed analizzato in questo campo per decine di anni ed ha avuto a che fare con una casistica di tumori molto più alta della maggior parte dei ricercatori in Italia (dato che l'istituto di Milano è, appunto, uno dei più grandi ed importanti centri oncologici di tutta l'Italia). E mi chiedo a quale titolo tu possa dargli dell'"imbecille".

    Poi, per ritornare nell'argomento, la farina 00, secondo i suoi studi (e non solo i suoi), è da limitare fortemente in quanto è ottenuta attraverso la macinazione del chicco del grano e ciò necessariamente porta sia all'eliminazione del germe (che contiene una grandissima quantità di sostanze nutritive quali acidi grassi, sali minerali, vitamine, aminoacidi ecc.) che ovviamente della crusca (in cui ci sono le fibre). Ed è proprio per questi motivi che la farina 00 (ma anche lo zucchero bianco) si presenta fortemente carente di sostanze nutritive ed è esponenzialmente più concentrata di zuccheri. Sarebbe molto più salutare consumare farine integrali oppure mangiare i cereali in chicco (kamut, farro, mais, avena, orzo ecc.), così non si perderebbero le sostanze nutritive e l'apporto glicemico sarebbe esponenzialmente inferiore. La stessa cosa vale per gli zuccheri: lui consiglia di evitarli il più possibile, e quando non è possibile farne a meno è auspicabile consumare zuccheri di canna grezzi (tipo il Mascobado, o lo zucchero d'Acero, per intenderci). E lo stesso Berrino afferma che non serva a nulla acquistare della farina raffinata biologica dato che il problema alla radice rimarrebbe lo stesso.

    E dato che i latticini, gli zuccheri, le farine raffinate costituiscono un fattore di crescita, sono fortemente controindicate sia per prevenire che per curare eventuali patologie tumorali. Poi, ovviamente, ci possono essere delle ragioni genetiche o relative ad uno stile di vita non propriamente sano, ma l'alimentazione costituisce un elemento fondamentale per salvaguardare la salute (e questi temi valgono non solo per i tumori ma per gran parte delle patologie).



    RispondiElimina
  10. Cristiano6/11/12 22:21

    EDIT: sopra ho sbagliato a scrivere: non "zucchero d'acero" ma "sciroppo d'acero"

    RispondiElimina
  11. Non è mia abirudine fare flame sui blog altrui.
    Il fatto che sia a capo di qualcosa non dà autorevolezza al tipo (uno dei capi del CNR è andato a dire in giro che i terremoti sono castighi divini e che l'evoluzione è un'assurdità indimostrabile).
    L'autorevolezza del peronaggio non vuol dire necessariamente che ciò che dice sia l'assoluta verità: anche loro possono prendere abbagli colossali.
    Quanto agli studi, ho già risposto relativamente la loro inaffidabilità. La casistica non vuol dire nulla: chi consuma troppi glucidi ha anche molte altre abitudini errate, quindi lòa colpa della maggiore incidenza è dei glucidi oppure delle altre abitudini errare? Stesso dicasi per la carne: questi studi contengono errori di correlazione.
    Quanto agli zuccheri: è assurdo dire che non siano sostanze nutritive, anzi, è una delle più importanti. Mai studiata un po' di fisiologia? Io sì: il metabolismo cellulare è alimentato da una sostenza chiamata adenosintrifosfato, che viene sintetizzata nei mitocondri ossidando il glucosio (che è il glucide più semplice esistente). L'amido è un polisaccaride formato da monomeri di glucosio, quindi esso viene smontato e usato dal metabolismo cellualare. Lo zucchero raffinato non è altro che saccarosio, ossia un monomero di glucosio legato a uno di fruttosio: il glucosio viene usato per produrre ATP (adesintrifosfato) mentre il fruttosio viene trasformato in glucosio e usato poi per lo stesso scopo. Poi è del tutto ovvio che l'eccesso di zuccheri sia dannoso, esattamente come l'eccesso di tutto, ossigeno compreso. L'indice glicemico non è altro che la misura del livello di glucosio nel flusso sanguigno, il quale deve rimanere costante. Nei mammiferi è così importante che esiste un ormone apposito che occupa del controllo del suo livello: la famosa insulina.
    Prima di dare credito a Berrino voglio sapere esattamente quale meccanismo biochimico lega gli zuccheri ai tumori: perchè uno zucchero dovrebbe danneggiare il genoma di una cellula e farla divetare tumorale?
    Nello stesso video Berrino dice che la farina 00 disattiva le proteine che proteggono l'organismo dagli ormoni sessuali, assurdità: i suddetti ormoni (testosterone per i maschi, progesterone ed estrogeno per le femmine) sono sintetizzati dalle gonadi (testicoli o ovaie) per ordine del sistema nervoso centrale allo scopo di controllare varie funzioni dell'organismo (come per esempio il ciclo mestruale). Che senso avrebbe quindi avere delle proteine che proteggono l'organismo da una cosa che esso stesso sintetizza nella quantità necessaria? Nessuno.
    "E lo stesso Berrino afferma che non serva a nulla acquistare della farina raffinata biologica dato che il problema alla radice rimarrebbe lo stesso.
    " nel video linkato dice esattamente il contrario.
    Esponezialmente inferiore? Hai idea di come sia l'andamento di una curva esponenziale? La maggior parte della massa di tutti i semi (compresi quelli da te elencati) è formata da glucidi, idem per lo zucchero non raffinato. Di conseguenza mangiando come dice Berrino acquisiremmo qualche grammo di glucidi in meno.
    "E dato che i latticini, gli zuccheri, le farine raffinate costituiscono un fattore di crescita," assurdità colossale: "fattore di crescita" è una dicitura impropria per indicare un ormone (o comunque una proteina) che induce differeziamentpo cellulare. Che cosa mai ci farebbe un ormone del genere nella farina per di più raffinata e che quindi è stata privata dell'embrione?
    Il latte non contiene ormoni della crescita: si presuppone che il lattante produca il suo.

    RispondiElimina
  12. Cristiano7/11/12 10:49

    Lasciando un attimo da parte Berrino, dato che arrivi a sostenere l'inaffidabilità di uno studioso del genere (e ciò mi lascia basito) e andiamo un attimino a controllare quelle che sono le indicazioni per la prevenzione delle malattie tumorali da parte dell'istituto nazionale dei tumori:

    "Limitare il consumo di alimenti ad alta densità calorica ed evitare il consumo di bevande zuccherate. Sono generalmente ad alta densità calorica i cibi industrialmente raffinati, precotti e preconfezionati, che contengono elevate quantità di zucchero e grassi, quali i cibi
    comunemente serviti nei fast food"

    Come vedi è consigliato di "limitare il consumo di cibi industrialmente raffinati" e tra questi, ovviamente, sono presenti gli zuccheri e le farine non integrali (o in chicco). Inoltre, dato che affermi che anche il consumo di carni non sia affatto legato al rischio tumorale:

    "Limitare il consumo di carni rosse ed evitare il consumo di carni conservate. Le carni rosse comprendono le carni ovine, suine e bovine, compreso il vitello. Non sono raccomandate, ma per chi è abituato a mangiarne si raccomanda di non superare i 500 grammi alla settimana. Si noti la differenza fra il termine di “limitare” (per le carni rosse) e di “evitare” (per le
    carni conservate, comprendenti ogni forma di carni in scatola, salumi, prosciutti, wurstel), per le quali non si può dire che vi sia un limite al di sotto del quale probabilmente non vi sia rischio."

    Tutto ciò che ho citato proviene da questo link, valutane tu l'affidabilità:

    http://www.istitutotumori.mi.it/istituto/documenti/cittadino/WCRF_2007.pdf

    Un'alimentazione che prevenga i tumori è una prevalentemente vegetale, che cerchi di limitare quanto più possibile le carni rosse (è preferibile consumare il pesce), i latticini e le farine raffinate e che privilegi una gran quantità di verdura (cruda e cotta), frutta e leguminose e cereali integrali o in chicco. Tu puoi affermare "anche un eccesso d'acqua può portare alla morte", ma qui parliamo di quantità. Se tu mangi frutta e verdura tutti i giorni, sicuramente la probabilità di ammalarti di cancro (tenendo conto degli altri fattori, se vivi vicino all'ILVA hai poco da sperare)sarà molto bassa. Se fai lo stesso con le carni rosse o con le farine raffinate la probabilità aumenterà in maniera molto sostenuta (e questo, ovviamente, non vale solo per i tumori ma anche per qualsiasi altro tipo di patologia, come quelle cardiovascolari). Il fattore genetico non lo mettiamo in dubbio, ma dato che queste sono malattie "multifattoriali" quello alimentare ha sicuramente un peso eccessivamente sostenuto.

    Se vuoi trovare degli studi che correlino gli zuccheri ai tumori non hai che l'imbarazzo della scelta, dato che è proprio il campo di cui si occupa il citato oncologo e ti basterà fare una ricerca per trovarne quante ne vuoi.
    Poi, se ti fossi informato, lui afferma di acquistare grano biologioc dai contadini, ma si intende il grano in chicco, non la farina 00 che egli sconsiglia di consumare in qualsiasi occasione. In una sua conferenza egli disse che nel momento in cui ha in terapia una persona ammalata di cancro le da una bustina di zucchero raffinato da 100 grammi e gli dice esplicitamente:"fa che questa ti duri per tutta la vita".

    P.s. Continuo nel prossimo post, dato che c'è un limite di caratteri che mi impedisce di continuare

    ...

    RispondiElimina
  13. Cristiano7/11/12 10:49

    Se dici di studiare le scienze, devi sapere che uno scienziato deve avere un approccio sempre aperto ed interessato a quelle che sono le nuove scoperte e le nuove teorie, altrimenti si ricade nel solito errore di cui, per secoli, il mondo scientifico si è fatto portatore: prima si ridicolizza e si critica una teoria, poi la si sperimenta e solo alla fine si verifica la veridicità di quest'ultima. Un po' ciò che è successo al nostro caro Galilei nel 600. Oppure, più recentemente, ciò che sta avvenendo nei confronti della cura Di Bella...Non so se ricordi alcuni lustri fa come è stato criticato e deriso da tutto il mondo scientifico (cosa che non sta accadendo con Berrino). Dopo diversi anni dalla sua morte, lo stesso istituto tumori sta indagando sull'efficacia di questa terapia e diversi studiosi affermano che "la cura di Bella può essere efficace nella cura di alcuni tipologie di cancro".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che di bella è vivo (purtroppo) e continua ad ammazzare gente, la sua terapia non è mai stata rivalutata da nessuno se non dai cazzari che amano spillare soldi ai disperati. Chi te lo ha detto che "la cura di bella può essere efficace"? I video di Coscienzasveglia su youtube?

      Elimina
  14. Sì, intendevo proprio il comprare il grano biologico e macinarselo a casa: imbecille perché non cambia nulla. Anche perché il biologico ha una resa inferiore della metà e un maggiore impatto ambientale, come una maggiore penetrazione di nitrati nelle falde.
    Tu non mi stai rispondendo nel merito, stai solo riportando studi e affermazioni, ma nessuno spiega a livello fisiologico perché le carni, le farine o il latte siano dannosi. E continui anche a dirmi che Berrino è un grande ed è autorevole, ma questo non vuol dire nulla.
    O faccio io fatica a spiegarmi oppure tu non vuoi capire: nelle scienze contano i fatti e non l'autorevolezza e gli studi: PERCHE' FAREBBE MALE? Berrino non lo dice, fa solo studi statistici e desume risultati, cosa insensata. Non importa se il tipo è ritenuto autorevole: se commette errori statistici i suoi studi sono carta straccia, se non prova il perché lo zucchero faccia venire i tumori, dice assurdità. Proprio perché "dico" di studiare scienze so che una teoria deve essere dimostrata in modo pratico e oggettivo, perché sia accettata; Berrino fa affermazioni basate su studi statistici (molto soggetti a errori) e non sui fatti. Non importa quanto qualcuno sia autorevole: se non dimostra ha torto. La Scienza funziona così: si basa sui fatti e sulla dimostrazioni, non sui calcoli.
    Faccio un esempio: supponiamo di voler capire se le martellate sui piedi provocano fratture. La mia indagine statistica mi riporta solo un 12% di fratture, quindi concludo che il rischio di rompersi un piede a martellate è remoto. Non ho però considerato il fatto che esistono vari tipi diversi di martelli (anche con massa diversa) e che alcuni dei miei volontari portavano scarpe antinfortunistiche. Di conseguenza, lo studio è nullo perché contiene un errore nella scelta del campione.
    Di Bella? Stai scherzando?
    Ecco un bel link dove si parla della cura Di Bella: http://medbunker.blogspot.it/2011/06/dossier-di-bella-la-sperimentazione-3.html
    Copio anche i risultati se non vuoi leggere:
    A giugno 1999 si osservarono (risposta ministero della salute 20/11/2000 ad interrogazione parlamentare, pag. 2):

    Decessi 77%, escludendo i pazienti in fase terminale, il totale dei pazienti deceduti fu del 71%.
    Malati stazionari 2,5%
    Pazienti non rintracciabili 4,7%
    Risposta completa 0%
    97,5% dei pazienti risultano ritirati dallo studio per decesso, progressione della malattia, tossicità.
    Efficacissimo!

    "dato che arrivi a sostenere l'inaffidabilità di uno studioso del genere" e perché non potrei? Nessuno è infallibile, anche Einstein e Leonardo da Vinci dissero idiozie.

    RispondiElimina
  15. Segnalo questa discussione trovata in un forum di diabetici, molto critici, per non dire incazzati (qualcuno auspica anche un'azione penale, per esercizio abusivo della professione medica e istigazione al suicidio) nei confronti di valdo vaccaro, il quale ritiene che si possa guarire dal diabete con un'alimentazione vegan-crudista e senza bisogno dell'insulina. Alcuni ragazzi affetti da diabete di tipo 1 (genetico, e non legato all'alimentazione) sono morti per aver seguito i consigli di questo "guru":
    http://www.diabetando.net/diabete/valdo-vaccaro-va-quel-paese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi questo imbecille ha già mietuto vittime e nessuno fa nulla?
      Ogni giorno un incazzo...

      Elimina
  16. Cristiano7/11/12 12:04

    Consumare biologico costa molto (e non tutti, tra cui io se lo possono permettere), però è ovvio che la quantità di sostanze nocive all'interno di questi cibi sia notevolmente ridotta (non inesistente, dato che tutto l'ambiente è inquinato) rispetto a quella dell'agricoltura intensiva. Sul fatto che questa procuri un maggiore impatto ambientale ci sono tesi contrastanti, ma di fatto non è nulla rispetto all'impatto ambientale dovuto alla produzione di carne e latticini.

    Se vuoi approfondire l'argomento riguardo il rapporto tra l'alimentazione e l'impatto ambientale ti suggerisco questa lettura, proveniente da fonti autorevoli quali il NEIC, la FAO e l'OMS.

    http://www.nutritionecology.org/it/panel1/intro.html

    Poi dici che non ti sto rispondendo nel merito: tu hai affermato che Berrino (ed in generale i consigli sull'alimentazione dell'istituto tumori nazionale) sia un imbecille in quanto consiglia di limitare il più possibile le farine raffinate e gli zuccheri e di prediligere un'alimentazione che sia prevalentemente a base vegetale. Non solo ti ho risposto in base alle mie conoscenze ed in base agli anni di studi maturati nel settore, ma ti ho proposto delle fonti ufficiali (che non sono veganitalia o nibiru) e frutto di studi e ricerche. Il motivo per cui questi alimenti fanno male è ben chiaro. Giusto per citare una degli innumerevoli studi (pubblicate su pubmed) sul rapporto tra gli zuccheri e l'insorgere di patologie tumorali, ti passo questo link (di pubmed):
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21413010

    Per quanto riguarda l'articolo da te postato sulla "Di Bella", risale al 2011, quando il mondo scientifico ancora riteneva quest'ultima una terapia totalmente inefficace contro il cancro. Negli ultimi mesi molto sta cambiando, ti propongo questa lettura (non proveniente da una fonte ufficiale, esattamente come non lo era il tuo link, ma che può dare l'idea della progressiva apertura della medicina ufficiale nei confronti di questo approccio terapeutico alternativo, che in molti casi si è dimostrato estremamente efficace):
    http://www.unmondoditaliani.com/veronesi-riabilita-di-bella-la-terapia-con-la-somatostatina-efficace-contro-il-cancro.htm




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio una nota: il calcolo dell'impatto ambientale sugli allevamenti è stato sbufalato da poco. Era falso e tendenzioso, in quanto calcolava tutta un'intera filiera produttiva per l'emissione di inquinanti, mentre per tutti gli altri alimenti si calcola solo la produzione in se.

      In pratica una presa per il culo bella e buona

      Elimina
    2. Cristiano7/11/12 13:04

      In realtà è stato calcolato sia per i cibi animali che per quelli vegetali. Un animale, nel corso della sua vita, prima di essere macellato ha bisogno di un'ingente quantità di foraggio (che consiste in cereali e leguminose) e gli allevamenti intensivi (non mi sto riferendo alle piccole fattorie) impattano molto dal punto di vista ambientale, senza considerare il consumo d'acqua. Se questi alimenti (quelli vegetali) fossero utilizzati per il diretto consumo umano, non solo si avrebbe una grandissima quantità di risorse alimentari vegetali, ma si ridurrebbero problemi quali la degradazione del suolo, l'utilizzo di energia e si ridurrebbero le emanazioni di CO2 e si limiterebbe il problema delle piogge acide.

      Per fare un esempio pratico:
      si è calcolato che per produrre 1kg di manzo da allevamento intensivo sono necessari 100.000 litri d'acqua, mentre per produrre 1kg di riso ne sono necessari solo 1400, per le patate 500 e per la soia 2000.

      Elimina
    3. 100 mila litri d'acqua sono un'esagerazione totale (alcuni dicono 15 mila, ma anche in quel caso mi sembra comunque molto alto).
      Inoltre il mangime degli animali non è commestibile per noi (non mangiamo erba medica ne scarti di lavorazione o di ristoranti) così come l'acqua usata per dissetare le bestie e coltivare NON è potabile.

      Elimina
    4. circa 15'500 litri, ma in questa quantità d'acqua è compreso il foraggio e l'abbeverare gli animali.

      Ovviamente in 3 anni di vita della bestia.

      1300Kg di granaglie, 7200Kg di fieno secco, 24mc di acqua e 7mc di acqua di servizio

      Sinceramente ritengo il calcolo fatto per eccesso.

      Elimina
    5. Cristiano7/11/12 18:03

      Cito il NEIC:

      "Gli esseri umani hanno praticato l'agricoltura per più di 10.000 anni, ma sono negli ultimi 50 anni i coltivatori hanno sviluppato una pesante dipendenza dai fertilizzanti chimici sintetici e dai pesticidi. I raccolti in realtà assorbono solo da un terzo alla metà dell'azoto applicato al terreno come fertilizzante: le sostanze chimiche rimaste inutilizzate inquinano il suolo e l'acqua. Dato che, secondo le statistiche della FAO, metà dei cereali e il 90% della soia prodotti nel mondo sono usati come mangimi per animali, e che queste sostanze chimiche sono per la maggior parte usate nelle monocolture per la produzione di mangimi animali, è chiaro che la maggior responsabilità per questo enorme uso di sostanze chimiche sta proprio nella pratica dell'allevamento del bestiame. Se la terra fosse usata per produrre cibo per il consumo umano diretto, in maniera sostenibile, usando la coltivazione a rotazione, sarebbe necessaria una quantità di sostanze chimiche di gran lunga inferiore."

      La stima sul consumo di acqua è stata effettuata dagli studi di David Pimentel, docente di Ecologia e Scienze Agricole presso l'Università di Cornell. Se a qualcuno interessasse l'argomento e volesse leggerne lo studio per intero, propongo questa fonte (anche se è in lingua inglese):

      http://www.kysq.org/docs/Pimentel97.pdf

      Adesso mi devo assentare. Risponderò, se ce ne sarà la necessità, domani nel pomeriggio.


      Elimina
    6. Cristiano7/11/12 18:04

      Per quanto riguarda, invece, l'inquinamento dell'acqua, citando sempre dallo stesso autore:

      "Il consumo d'acqua è una delle maggiori cause di impatto ambientale dell'allevamento di bestiame. L'agricoltura, per la maggior parte dedicata alla produzione di bestiame e di mangime, consuma più acqua di qualsiasi altra attività negli Stati Uniti, e in generale utilizza il 70% dell'acqua usata in totale nel mondo. L'acqua richiesta per produrre vari tipi di cibo vegetale e foraggio varia dai 500 ai 2000 litri per chilo di raccolto prodotto. Il bestiame utilizza in modo diretto solo l'1,3% dell'acqua usata in totale in agricoltura; tuttavia, se si prende in considerazione anche l'acqua richiesta per la coltivazione dei cereali e del foraggio per uso animale, la quantità d'acqua richiesta è enormemente più elevata. Per 1 kg di manzo da allevamento intensivo servono 100.000 litri d'acqua (200.000 se l'allevamento è estensivo); per 1 kg di pollo, servono 3500 litri d'acqua, 2000 per la soia, 1910 per il riso, 1400 per il mais, 900 per il grano, 500 per le patate"

      Elimina
    7. Cristiano7/11/12 18:05

      * scusate, non l'inquinamento ma il consumo di acqua, ho sbagliato a scrivere

      Elimina
    8. Cristiano7/11/12 18:24

      P.s. Praticamente, non so per quale motivo, mi si sono invertiti i due post. Il secondo l'ho scritto cronologicamente prima del primo.

      Elimina
  17. Cristiano7/11/12 17:39

    No, non è un'esagerazione, è una stima del centro che si occupa di studiare l'ecologia della nutrizione. Il mangime degli animali consiste in cereali e leguminose (non è come nelle piccole realtà di allevatori in cui questi vengono alimentati a erba medica). E anche per quanto riguarda coltivazioni "non commestibili", queste hanno la necessità di essere coltivati in dei campi adibiti al foraggio. Se questi stessi campi fossero destinati all'alimentazione umana ci sarebbe sicuramente un minore spreco di risorse (con spreco intendo il fatto che un animale mangia una quantità infinita di risorse vegetali e poi lo stesso animale viene macellato e, ovviamente, si ha una perdita illimitata di risorse.

    Con questo non sto dicendo di eliminare il consumo di carne: io non ne mangio per motivazioni personali, ma sono sicuro che un consumo più limitato di questo alimento possa giovare positivamente sia alla salute delle persone che, in generale, a quello di tutto l'ecosistema.


    RispondiElimina
  18. No, adesso basta assurdità.
    Il water footprint è una truffa immensa e gli ecologisti commettono un errore: non considerano il ciclo idrologico. L'acqua usata per coltivare il silomais (che è la principale fonte di cibo dei bovini, circa 7 volte la resa del mais dolce) è già tornata nel ciclo idrologico, prima che l'animale mangi il foraggio. L'acqua non scompare mai, in quanto torna sempre nel ciclo idrologico (abbiamo la stessa acqua da 3,5 miliardi di anni). Inoltre un animale emette più acqua di quella che assume: il metabolismo cellulare ossida lo zucchero e ottiene anidride carbonica e acqua come residui, quindi un animale trasforma parte del suo cibo in acqua. Le piante, invece, distruggono l'acqua per produrre zuccheri, che è ciò che permette di portare l'energia del Sole nel nostro organismo (ecco, quindi, perchè è assurdo dire che i gludici siano cancerogeni: perchè sono fondamentali il metabolismo di tutte le forme di vita).
    Metto dei link in cui si spiega molto bene l'assurdità del water footprint:
    1- http://www.climatemonitor.it/?p=12942
    2- http://www.climatemonitor.it/?p=12945
    3- http://www.climatemonitor.it/?p=21742
    E questo, invece spiega perchè il biologico sia insensato e abbia un impatto superiore (in certi casi) all'agricoltura tradizionale: http://www.climatemonitor.it/?p=28254

    Tu dici: "ma sono negli ultimi 50 anni i coltivatori hanno sviluppato una pesante dipendenza dai fertilizzanti chimici sintetici e dai pesticidi" forse non ti sei accorto che la rese delle colture è decuplicata negli ultimi 50 anni. Il biologico impone di usare tecniche colturali medioevali, che hanno una resa infima rispetto a quelle attuali, come si fa a dare da mangiare a 7 miliardi di persone con teniche di produzione che non ne sfamavano nemmeno pochi milioni? Non raccontiamo balle! Non si userebbero i fitofarmaci (la parola pesticidi è un termine improprio) se non servissero a qualcosa: ogni tanto facciamoci delle domande, per favore.

    P.S. io studio Scienze Naturali, quindi di ambiente ne so parecchio.
    P.P.S concludo con dei numeretti: se per un Kg di carne bovina servissero 100.000 litri d'acqua, allore ne servirebbero 50.000.000 per un bovino medio da 500 Kg. I bovini sulla Terra sono circa 1,3 miliardi (dato del 2009), che moltiplicato per il numero precedente dà 6,5 x 10^16. Se per allevare i nostri bovini servissero milioni di miliardi di litri d'acqua, allora l'acqua dolce del pianeta di dovrebbe esaurire nel giro di pochi anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo con te.

      Bisogna considerare che l'acqua ritorna acqua.

      Anche nella macellazione degli animali si liberano liquidi, inoltre l'acqua che gli animali bevono viene restituita in parte con le deiezioni, certo non è acqua pura, ma la natura la ricicla da millenni.

      Quella statistica parla di acqua usata, ma non di acqua "persa" anche perché se gli animali sono formati circa all'80% di acqua, di "persa" si ha si e no su un kg di carne circa ottocento grammi. Precisando che poi in cottura buona parte di quest'acqua va persa quindi...

      Elimina
  19. Cristiano8/11/12 10:23

    Quindi sia l'OMS che la FAO che il World Watch Insitute, oltre al NEIC, starebbero diffondendo delle informazioni errate e palesemente fallaci? Si tratta di un complotto ai nostri danni per limitare il consumo di carne ed in generale per frenare l'industria dello sfruttamento animale?
    Non sono stato io a formulare quei dati (dato che, ad ogni mia affermazione, ho citato la fonte,) e i litri d'acqua consumati per kg di carne bovina, probabilmente sono calcolati per eccesso, probabilmente no ma sono sicuro di una cosa: se si riducesse il consumo di carne, di sicuro aumenterebbero le risorse vegetali e ridurrebbero gli allevamenti intensivi.

    Poi tu affermi che:

    "il biologico impone di usare tecniche colturali medioevali, che hanno una resa infima rispetto a quelle attuali, come si fa a dare da mangiare a 7 miliardi di persone con teniche di produzione che non ne sfamavano nemmeno pochi milioni?"

    Si è stimato che se solo i paesi ricchi riducessero del 10% il loro consumo di prodotti animali ricavati da bestiame nutrito a cereali si potrebbero "liberare" 64 milioni di tonnellate di grano per il diretto consumo umano. Questo coprirebbe il fabbisogno derivante dall'aumento di popolazione per altri 26 mesi (la fonte è sempre la stessa citata nei precedenti post). E questo si riferisce solo ed esclusivamente alla coltivazione di grano, immagina quanto tutto ciò cambierebbe se facessimo un calcolo relativo a più colture. Sinceramente penso che ci siano risorse sufficienti per sfamare tutti, a patto che i paesi ricchi ed industrializzati riducano il loro consumo di prodotti animali in favore di quelli vegetali (dato che quelli animali necessitano appunto di diverse risorse vegetali e impattano molto di più rispetto a queste ultime).



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agli animali vanno alimenti non commestibili.
      Ai maiali addirittura vanno gli scarti, cioè carne che impatta praticamente nulla sull'agricoltura.

      Elimina
    2. Cristiano8/11/12 12:11

      Grano e soia sono gli alimenti principali con cui vengono alimentati gli animali negli allevamenti intensivi.
      Anche per quella parte di foraggio che non è commestibile, comunque si occupano dei terreni che potrebbero essere usati per l'alimentazione umana. Secondo le statistiche della FAO metà dei cereali e il 90% della soia prodotti nel mondo sono usati come mangimi per animali per cui proprio l’allevamento del bestiame pesa notevolmente sull’ecologia del sistema terra.

      Elimina
    3. "se si riducesse il consumo di carne, di sicuro aumenterebbero le risorse vegetali e ridurrebbero gli allevamenti intensivi." insensato: che diavolo significa "aumenterebbero le risorse vegetali"?
      Il ciclo ideologico è una cosa oggettiva, come lo è la differenza l'utilizzo e il consumo d'acqua: se io estraggo acqua dolce da un giacimento freatico e la immetto in un acquedotto cittadino, che poi la manda in mare, allora la sto consumando perchè l'acqua dolce salta metà del ciclo e finisce in mare. Estraendo acqua da un bacino freatico e usandola per irrigare un campo sopra il bacino, starei solo usando l'acqua, perchè la parte non assorbita dalle piante tornerebbe nel bacino di partenza. Se vicino ai campi ho una stalla con degli animali, l'acqua emessa dalle loro deiezioni percola nella stessa falda e il bilancio è più o meno invariato. Cosa c'è di difficile da capire?
      Quanto al cibo animale, documentarsi non sarebbe una cattiva idea: ai bovini si dà il silomais, ovvero un macinato di piante di mais che contiene sia semi che steli e foglie. Ovviamente le foglie non sono adatte al consumo umano perchè noi non digeriamo la cellulosa, ma per gli erbivori è perfetta. La resa per ettaro del silomais è circa 7 volte più di quello destinato al consumo umano perchè nel secondo caso foglie e steli vengono buttati via perchè non digeribili dalla nostra specie.
      L'allevamento è anche il solo modo di mettere a frutto terreni non coltivabili: pensa al Medio Oriente che è molto arido e inadatto alle coltivazioni, ma si presta molto bene all'allevamento di caprini che sono adatti all'ambiente semiarido. Stesso dicasi per i deserti: l'unico modo per produrre cibo in un deserto senza estinguere i bacini idrici fossili è allevare camelidi.
      Poi, è ovvio che non si debba eccedere con le carni e i prodotti animali perchè sono molto nutrienti e il loro eccesso può provocare grossi danni all'organismo umano.

      Niente complotti o roba simile, semplicemente la FAO e l'OMS sono organizzazioni che emettono comunicati elaborati dai loro consulenti scientifici, ma se i consulenti scientifici sono idelogizzati ecco che non sono più affidabili perchè non si basano più sui dati oggettivi, ma cercano di adattare i dati alla loro ideologia. Vai a vedere cosa ha combinato l'IPCC di recente, uno scandalo che ha a che fare con email, clima e AGW.

      Parli di ecologia del sistema Terra, ma sai di cosa parli? Sai cosa sia il flusso dell'energia? Cosa siano i cicli di C, P, Ca, N?
      La quantità di specie erbivore di 100.000 anni fa era maggiore dell'attuale, perchè all'epoca il cibo bastava per tutti e adesso non dovrebbe?
      Le cose sono notevolmente più complesse di quello che si può leggere nei comunicati di organizzazioni internazionali, sui media o in rete, per il semplice fatto che le nostro conoscenze sono ancora molto limitate per quanto concerne il funzionamento del sistema Terra.

      Per curiosità, ma tu hai mai visto come si coltiva una pianta alimentare? Sai cosa accade senza l'uso di fitofarmaci? Sai perchè si usano i fertilizzanti? Sai perchè servono gli antiparassitari?
      Da quando esistono i fitofarmaci la resa per ettaro delle coltivazioni è più che decuplicata, fatti delle domande invece di leggere in giro in rete.

      P.S. personalmente non ho nulla contro di te e scusa se sono un po' brusco, ma io ho fatto (e sto facendo) degli studi specifici e sono abbastanza stufo del modo e della leggerezza con cui media e politici tranno i temi ambientali e la salite pubblica.

      Elimina
    4. Ah, dimenticavo. Un altro colossale errore molto comune sono proprio i confronti a peso: un Kg di grano non è nutriente come un Kg di carne bovina perchè la composizione chimica è diversa. Come si possono fare confronti a peso se i due cibi confrontati non contengono nemmeno le stesse proporzioni di amminoacidi? La soia contiene amido, la carne glicogeno. Sono troppo differenti per essere confrontati.

      Hai ragione quando dici che le risorse ci sono già, ma non per via della carne: il mondo occidentale spreca e butta via cibo ancora commestibile perchè non siamo educati a riconoscere cosa sia o no andato a male.
      Se proprio lo vuoi sapere, il metodo di coltivazione a maggiore resa e a minore consumo d'acqua (dato che è a circuito chiuso) è l'idroponica, ma il biologico lo vieta perchè si fa in serra e si danno alle piante delle solzioni saline, NON E' NATURALE! Eppure la pianta non necessita di altro. Essendo al chiuso, non servirebbero nemmeno gli antiparassitari.

      La verità è che per produrre cibo per tutti si deve evitare di dire stupidaggini e fare allarmismi, si deve evitare di seguire dogmi come "naturale=sano" ma si devono usare tutte le tecniche e le tecnologie più efficienti a parità di consumo di risorse, per prudurre il più possibile, al minore impatto possibile il tipo di cibo necessario. Il tutto è da unire all'educazione della popolazione affinchè impari a non sprecare e a non mangiare troppo (cosa che fa anche bene alla salute pubblica).

      E' imbecille criminalizzare una fonte di cibo e cercare di eliminarla in favore di roba non digeribile (mangimi) o tecniche colturali medioevali o neolitiche, con rese più di 10 volte inferiori alle attuali.
      In parole povere: razionalizzazione delle risorse.

      Elimina
  20. Cristiano9/11/12 10:23

    Sto facendo anche io degli studi riguardanti il rapporto tra l'impatto ambientale e l'alimentazione umana (me ne interesso da circa 7-8 anni) anche perchè sarà, appunto, l'argomento della mia tesi di laurea. Ho studiato e letto diversa bibliografia riguardante questo argomento e, posso citarti tutte le fonti che dimostrano che quello che sostieni è errato(che comunque queste fonti non le leggeresti)
    La razionalizzazione delle risorse sarà possibile nel momento in cui l'enorme spreco di risorse vegetali (ma non solo) per l'alimentazione animale sarà confluito per il diretto consumo umano. Che l'OMS e la FAO emettano comunicati scientifici ideologizzati non è assolutamente vero dato che si tratta di organi internazionali che non hanno nessun interesse nel diffondere le teorie del veganesimo (o di qualsivoglia stile alimentare), ma cercano solo ed esclusivamente di studiale, a livello globale (e non nazionale e regionale) quelle che sono le problematiche di cui stiamo trattando. Ti ho linkato qualsiasi tipo di studio scientifico ma comunque la riterresti "una fonte irrazionale, non scientifica e ideologizzata" e non cambieresti idea per nessun motivo.

    E il problema non è solo ed esclusivamente relativo al consumo d'acqua e allo spreco di risorse...

    Pensa alla deforestazione. Si è stimato che nel corso di 10 anni (dal 1990 al 200) la foresta amazzonica del brasile abbia perso un'area doppia rispetto al territorio portoghese. Circa il 70-80% di quest'area è ormai adiita al pascolo dei bovini per l'esportazione in Europa, USA e Giappone. Il resto del territorio, non adibito al pascolo, è utilizzato per coltivare la soia (che è il mangime principale degli animali da allevamento). E dopo pochi anni, ciò, procura un processo di desertificazione e quindi diventa necessario abbattare ancora un'altra parte di foresta. Questo circolo vizioso continua a degradare l'ambiente.

    Un altro problema fondamentale di cui non si può non tener conto è lo smaltimento delle deiezioni. Non è come nelle piccole fattorie in cui il letame è di grande utilità per la fertilizzazione del suolo. Negli allevamenti intensivi, dove gli animali vengono allevati in aree chiuse, smaltire le deiezioni procura ingenti danni all'ambiente. Calcola che una singola vacca da latte produce una quantità di deiezioni pari a 20-40 persone. Queste contengono livelli di fosforo e azoto estremamente elevate perchè gli animali assorbono solo una minima parte di queste sostanze presenti nei loro mangimi. Quando l'azoto e il fosforo filtrano nei corsi d'acqua, la inquinano e danneggiano gli ecosistemi acquatici e le zone umide.

    [...] continuo nel prossimo post

    RispondiElimina
  21. Cristiano9/11/12 10:41

    Poi, passiamo al riscaldamento globale. Quest'ultimo è causato dal consumo di energia (diossido di carbonio) o altri gas serra. L'allevamento del bestiame è una delle cause principali dell'aumento di uso di combustibile (questo perchè la conversione da cereali a carne implica un'enorme perdita di energia [il combustibile fossile per produrre 1kcal di proteine della carne è di 250kcal quindi ben 11 volte]). Ma il bestiame emette anche gas serra in modo diretto, come sottoprodotto della digestione. Numerose ricerche svolte nel Regno Unito indicano che la fermentazione nello stomaco di bocini e ovini è responsabile del 95% del metano prodotto dagli allevamenti (mentre il resto è causato dalle deiezioni). Il medesimo studio dimostra che circa un terzo delle emisioni di ossido di azoto di tutta la nazione deriva dalle deiezioni animali, mentre il 39% delle emissioni di ammoniaca sono causate dagli animali di allevamento. In aggiunta, è fondamentale sottolineare come l'alto contenuto di ammoniaca delle deiezioni sia una delle cause principali delle piogge acide.

    Senza contare la "food-borne diseases", ossia le infezioni alimentari causate dalla produzione di alimenti animali. Ci sono diversi tipi di queste "patologie da maltrattamento": contaminazione batterica dei cibi, rischi per la salute causati dall'inquinamento di acqua ed aria (di cui ho scritto prima) e, infine, il periocolo della resistenza agli antibiotici.

    Ma soffermiamoci solo ed esclusivamente su quest'ultimo aspetto (altrimenti non finirei più di scrivere). Ti rendi conto del fatto che dagli anni '60 (dal boom economico, da quando la carne è diventato "il cibo del benessere") la salute degli animali da allevamento non dipende più da pratiche che ne garantiscano il benessere ma dall'uso massiccio di antibiotici. Diversi principi attivi di farmaci usati per curare le malattie umane sono utilizzati anche negli allevamenti, riducendoil numero di farmaci veramente efficaci per combattere le malattie nell'uomo. Tutto ciò incrementa la resistenza agli antibiotici (e se studi scienze ben saprai quanto è problematica questa situazione). Decine di migliaia di animali sono stipati in allevamenti industriali spesso antigienici e sovraffollati e quindi i farmaci antibiotici vengono aggiunti giornalmente al loro mangime. Si è stimato che, negli USA, degli antibiotici prodotti, solo un ottavo viene destinato per curare le persone.

    Questi sono solo alcuni dei tantissimi aspetti per cui l'allevamento intensivo di animali (e il consumo massiccio di carne e latticini) siano deleteri non solo per la vita umana ma per l'intero ecosistema.

    RispondiElimina
  22. Allora io ho parlato turco?
    Comunque ho letto tutti i tuoi link ed hanno confermato l'idea che mi sono fatto di te: il metodo scientifico ti è oscuro.

    " Circa il 70-80% di quest'area è ormai adiita al pascolo dei bovini per l'esportazione in Europa, USA e Giappone" la deforestazione dovrebbe cessare, ovviamente tu commetti l'errore comune: non si deforesta per avere dei pascoli, ma per coltivare . Il terreno equatoriale è molto povero di nutrienti, così un area deforestata si esaurisce nel giro di pochi anni, di conseguenza si deve deforestare un'altra area per coltivare. Nelle aree già coltivate si creano dei pascoli. Ma come ti sei documentato?
    Tutto questo sarebbe evitabile usando i giusti fertilizzanti o addirittura l'idroponica.
    Comuqnue smettiamola qui: mi sono stufato di parlare di cose oggettive come la scarsa resa per ettaro del biologico (per il quale ho proposto un'alternativa con una resa maggiore e un bassissimo impatto ambientale: l'idroponica) e sentire risposte come "la razionalizzazione delle risorse avverrà solo quando le risorse vegetali verranno usate per il consumo umano". Un erbivoro digerisce la cellulosa, io no. E poi, da dove dovremmo prendere vitamine come la B12 e l'acido folico, senza prodotti animali? Integratori artificiali?
    Bello il mondo che proponi: uso del biologico che porterebbe alla totale distruzione delle foreste per via della bassissima resa, per sfamare una popolazione malaticcia che necessita di integratori artificiali per sopravvivere.

    Poi, lasciamo stare riscaldamento globale antropico (che sta venendo sempre più smentito, ma se ti documenti solo da fonti che idolatrano il biologico non te ne accorgerai mai) e il consumo di energia della produzione di carne perchè è un calcolo poco sensato, in quanto somma all'energia usata per l'allevamento quella usata per produrre il mangime. Anche per produrre cibo biologico si deve consumare molta energia, a meno che tu non sia fanatico del km0, allora sì che siamo a posto!

    P.S. il letame dei bovini si usa per concimare il biologico, che altro pensi che ci facciano? Che si butti in giro dove capita? Non si butta via nulla se lo si può vendere e il letame è vendibile come fertilizzante.

    RispondiElimina
  23. Cristiano9/11/12 13:06

    "non si deforesta per avere dei pascoli, si deforesta per coltivare"
    questo è poco ma sicuro, ma larga parte delle colture sono destinate a foraggio. Una vacca mangia quanto venti o trenta persone messe insieme.


    Poi, mettiamo in chiaro due punti:
    1. io non ho parlato di eliminare il consumo di prodotti animali (ma semplicemente di limitarlo), quindi il discorso della B12 (che è un capitolo a parte e di cui possiamo discutere tranquillamente, se vuoi) non c'entra assolutamente nulla. Poi dovresti sapere che l'acido folico lo trovi nei prodotti vegetali (in particolar modo negli spinaci ma in qualsiasi altro tipo di foglia [da cui deriva appunto "folico"]):

    2. non mi pare di aver MAI proposto la sostituzione dell'agricoltura intensiva con quella biologica (sono sicuro che, sicuramente, quest'ultima sia più salutare, ma non in grado di sfamare l'intera popolazione) . Sono conscio del fatto che la prima (quella intensiva) sia indispensabile nella società odierna. Mi sono scagliato contro gli allevamenti intensivi che consumano risorse e terreni che potrebbero essere coltivati per il consumo umano.

    RispondiElimina
  24. Paolo, ex anonimo firmato9/11/12 16:11

    Più su l'ipotesi è già stata fatta: il "vaccataro", come già lo hanno etichettato su S.E., è molto probabile che le lettere se le scriva da solo per dare importanza a quelle che fa credere essere risposte. In diversi casi lo stile della domanda e della risposta sono simili.
    Nel caso l'ipotesi corrisponda al vero, ricorda tanto i fake e cloni di Straker.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono in molti che usano i fake per darsi importanza...
      Io preferisco tenere un post con zero commenti piuttosto che perdere tempo a cantarmela e suonarmela da solo

      Elimina
    2. Sì, è probabile che parecchi siano fake come quelli d'o comandante, però il ciarlatano tratta demi delicati (la salute) e quindi, in un'ipotetica classifica di pericolosità, si piazza ai primissimi posti, da testa di serie (e d'altro).

      Elimina
  25. @Cristiano
    Perdonami, magari mi sono infervorato troppo. Il fatto è che siamo bombardati di continuo con informazioni assurde e spesso alterate come il water footprint, che gonfia a dismisura il computo considerando anche acqua che è già tornata nel ciclo idrologico o che non è stata affatto consumata. 100 tonnellate di acqua per un Kg di carne bovina è davvero troppo.
    Quanto al foraggio, non è detto che debba essere coltivato perchè molto viene dai campi incolti: agli erbivori basta la cellulosa come zucchero, dato che la digeriscono facilmente.
    Il problema delle tue ricerche è che includi solo metà del dibattito, il mio consiglio è di documentarti anche presso l'altra metà, quella più scettica, perchè anche loro hanno argomentazioni molto solide.

    Ultimo consiglio: non ti fidare dell'autorevolezza, perchè non è necessariamente garanzia di qualità. Anche i più grandi della Storia hanno sparato idiozie e la fama non rende infallibili. E' per questo che le scoperte vanno pubblicate: così altri scienziati possono ripetere gli esperimenti e trovare eventuali errori (l'IPCC ne ha commessi a tonnellate...).
    Inoltre, uno studio statistico non prova nulla perchè serve solo a evidenziare un certo fenomeno: se non si trova la causa del fenomeno (che è una cosa oggettiva e osservabile) allora c'è stato un errore nel computo.

    RispondiElimina
  26. Io con sedano e carote son guarito dalla fibrosi cistica se poi tu sei un somaro che non riesci a capire cosa scrive in maniera abbastanza semplice il mitico Valdo, dovresti preoccuparti di te stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vai a cagare tu e le carote va.
      La fibrosi cistica è una malattia genetica ereditaria, e NON SI PUO' GUARIRE.
      Vai a raccontare cazzate da qualche altra parte, specialmente per elogiare un ciarlatano conclamato

      Elimina
    2. Ebbene sì, mi hai scoperto sono Valdo Vaccaro...e mi sono inventato anche questo messaggio... SOMARACCIO!!! guarda che scherzavo, non sono Valdo Vaccaro, egli non si ribasserebbe a controbattere un imbecille delle tue proporzioni. Non ci tengo neanche a convincerti sulla vericidità della mia guarigione, sono letteralmente al settimo cielo e mi basta e avanza. Mi dispiace solo di non poter ricambiare il tuo invito in quanto, al contrario di me che cago benissimo, tu sarai sicuramente stitico, intasato e con gli intestini in putrefazione.








      Elimina
    3. Adoratori di una religione che ammazza per far vivere meglio.

      Elimina
    4. http://www.valdovaccaro.blogspot.co.uk/2012/12/fibrosi-cistica-anonimi-e-pallequadre.html

      Elimina
    5. Anonimo, la facciamo una cosa carina? Se sei veramente guarito dalla fibrosi cistica te la senti di inviarci una copia autenticata della cartella clinica in cui si attesta la guarigione? Basta fare una copia della cartella clinica, farla autenticare dal medico curante, cancellare i dati personali, scannerizzare e inviare via mail!

      Elimina
  27. Questo era il tizio che diceva che l'epatite c se ne va da se e che anzi l'interferone ti uccide...Io, causa la mia giovinezza sregolata negli anni 90, qualche anno fa (esattamente nel 2007) ho scoperto di essermi beccato l'epatite C, il medico mi ha detto che magari potevo averla anche da più di dieci anni e mi consigliò la cura..naturalmente ho accettato ed ora ho risolto il problema, son guarito, ma se non me facevo 6 mesi di interferone cor cazzo che mi se ne annava! Sta gente è da arrestare! Stefano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da arresto immediato, e ci sono gli estremi per farlo.
      Purtroppo è scappato in Cina, per cui è molto difficile beccarlo

      Elimina
    2. In Cina...li stà bene, assieme a tutti gli altri folli luminari della cosidetta medicina cinese, tutta basata su erbe e pozioni "magiche", ahahah...ciao, Stefano. Complimenti per il sito! ;)

      Elimina
  28. Siete solo un branco di poveri coglioni che si ritrova in sta fogna di sito simile a quella cloaca della sorca incrostata di vostra madre.

    RispondiElimina
  29. L'ENNESIMO COVO DI DISINFORMATORI FRUSTRATI...

    Domain Name: PALLEQUADRE.COM
    Registrar: ENOM, INC.
    Whois Privacy Protection Service, Inc.
    Whois Agent (njgkyscjry@whoisprivacyprotect.com)
    +1.4252740657
    Fax: +1.4259744730
    PMB 368, 14150 NE 20th St - F1
    C/O pallequadre.com
    Bellevue, WA 98007
    US

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono frustrato io che faccio il blogger o sei frustrato tu che passi il tuo inutile tempo a cercare di scoprire chi è chi per poi metterlo alla gogna o minacciarlo di morte?

      Torna nella fossa di letame da dove sei strisciato fuori va, che ci fai più bella figura

      Elimina
  30. Mi fa piacere notare che finalmente qualcuno ne dice quattro a questo ciarlatani che speculano sulle paure e sul dolore della gente per interesse personale

    RispondiElimina
  31. Allego un documento che credo confermi l'evidenza. Vaccaro è un truffatore con i conti e la residenza all'estero e non è disposto a trattare nessuno, solo a fare le sue conferenzelle in cui spara cialtronate a caso.. Buona lettura!
    http://www.medicinanaturale.biz/?p=3220

    RispondiElimina