martedì 9 gennaio 2018

Salasso ad una pasticceria: il modo giusto di far rispettare gli lgbt?

Stavolta voglio far partire una discussione, perché ho una mia idea in merito ma sappiamo che nessuno ha la verità in tasca e che il mondo è fatto da punti di vista (checché ne dicano gli altri).
Hanno multato una pasticceria per 135 mila dollari perché non hanno fatto una torta ad una coppia di spose.

135 mila dollari di risarcimento per una torta nuziale


Il fatto è successo nel 2013 quando una coppia di donne è andata alla pasticceria "Sweet cakes by Melissa" per farsi fare la torta nuziale. I proprietari hanno rifiutato di far loro la torta perché essendo cristiani duri e puri non volevano avere nulla a che fare con un matrimonio omosessuale, che molti religiosi non vedono di buon occhio.

Le due hanno denunciato i pasticceri e hanno ottenuto un risarcimento danni di 135 mila dollari, 60 mila a Laurel e 75 mila a Rachel.
Secondo la legge del Oregon è vietato rifiutare servizi basandosi su discriminazioni di alcun tipo.


Ora la mia domanda è questa: è il modo giusto di far rispettare la comunità LGBT?
Dal mio punto di vista un "risarcimento danni" del genere è un'immensa cagata.
Primo la torta nuziale potevano farsela fare da qualcun altro.
Secondo non era un servizio essenziale, anzi tutt'altro: nessuno è morto perché non gli hanno fatto una torta nuziale.
Terzo discrimina contro le persone religiose. Perché credo fermamente che se avesse rifiutato chiunque altro oltre ad un cristiano si sarebbe urlato all'imposizione contro un credo religioso.
Quarto: seriamente un tizio che ti dice che essendo cristiano non vuole avere nulla a che fare con un matrimonio gay ti offende tanto? Tanto da rovinargli la vita? Perché è cristiano? Magari un po' troppo fanatico, ma sono cazzi suoi, no? Come sono cazzi dei gay che vogliono sposarsi.
Non gli ha impedito nulla, solo non voleva avere a che fare con il matrimonio.
Certo, poteva pure farsi i cazzi suoi di chi gli aveva chiesto la torta, ma mi domando perché la libertà personale e di credo di qualcuno è garantita a scapito della libertà personale e di credo di qualcun altro.
Quinto: non è nemmeno paragonabile alla situazione degli ebrei in epoca nazi-fascista (tanto lo so che qualcuno farà il paragone). Non gli impediscono di entrare, non li trattano a pesci in faccia e non gli negano il servizio TRANNE quello della torta nuziale. Per il loro credo religioso.

Secondo il mio parere questa è una di quelle cagate che invece di aiutare la tolleranza e la comprensione apre nuove voragini di distanza e diffidenza. Se per un capriccio rovinano la vita a qualcuno perché i loro diritti sono valutati più importanti dei diritti degli altri per non si sa quale cazzo di motivo valido il risultato ottenuto non potrà che essere negativo.



Quei pasticceri continueranno ad essere totalmente religiosi, e chi guarda dall'esterno vede punizioni spropositate a fronte di un torto minimo.
Non conosco la storia oltre agli articoli letti, ma se i pasticceri avessero insultato le due donne lo avrebbero riportato sicuramente, ma non vedendo nulla riportato posso solo immaginare che il loro rifiuto fosse stato quanto meno civile.

La pasticceria è, come da copione quando un gruppo di imbecilli si scatena, stata inondata da recensioni false, boicottaggi e cattiva pubblicità. Ora ha chiuso. Altro modo secondo me completamente negativo di mostrarsi e porsi verso il prossimo. Non è così che si ottiene rispetto e tolleranza, si ottiene il contrario. Come i vegardi che minacciano di morte e perseguitano poi piangono che vengono presi per il culo.

Questa è la mia impressione e immagino che qualcuno abbia un punto di vista diverso,
Fonte completa


14 commenti:

  1. E ma la legge e legge bisogna rispettarla sempre e anche se non fosse legge non avrebbe senso non fare la torta, insomma è la stessa storia di quella Hostess che non voleva servire alcolici agli altri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque di invasati è pieno il mondo. Sempre in America un tizio (gay? troll? non ho capito) è andato in una pasticceria e ha ordinato una torta a forma di bibbia con sopra disegnati due uomini, più frasi ingiuriose e bestemmie. La pasticciera, cattolica ma assai più sveglia di questi dell'oregon ha rifiutato di scrivere personalmente le bestemmie, ma ha dichiarato piena disponibilità a fornire torta, statuine e pasta con cui il cliente potesse di suo pugno sul dolce quello che voleva.
      L'invasato ha fatto causa e ha perso, come era giusto che fosse.

      Elimina
  2. Fosse successo a me di vedermi negato un servizio con motivazioni religiose di qualunque natura avrei fatto causa per il triplo della cifra e avrei donato tutto in beneficienza alla minoranza colpita.
    Se il tuo amico immaginario ti impone di discriminare tra i tuoi potenziali clienti vai a zappare, tesoro, l'aratro non si pone problemi...la tua licenza di pasticcere darà lavoro a gente senza turbe mentali, è molto semplice e chi non ci arriva è semplicemente parte della maggioranza fortunata, con gravi deficit di empatia verso il prossimo.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Glorfidel l'aratro bisognerebbe dartelo sulla nuca

    RispondiElimina
  5. Anonimo, dubito che riusciresti a distinguere l' aratro dalla zappa, figuriamoci a sollevarlo. Stai a cuccia, va.
    P.s.: perchè il post è sparito da facebook?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché mi sono rotto i coglioni di rispondere a gente che evitava accuratamente la questione

      Elimina
    2. Poverini sono i SJW che si triggerano e insistono ad invocare l'epurazione del prossimo

      Elimina
    3. Ma per fortuna tu sei talmente superiore e quadropallato da rimuovere i tuoi stessi post su facebook.
      A me sembri lievemente triggerato anche tu, non è che sei stato morso da un SJW? L'incipit del tuo ultimo post potrebbe averlo scritto una nazifemminista. Guarda che sono contagiosi/e/o/u/@, per curarsi ci vogliono 10 sedute di AFASOL, da un'ora ciascuna. E' scienza.

      Elimina
    4. Ah eccolo lì, che provoca per giorni e giorni accusando il prossimo delle stesse nefandezze che lo compongono. Adesso ti senti realizzato? Che vita demmerda la tua...

      Elimina
  6. Stai a cuccia lo dici a tua madre

    RispondiElimina
  7. No, stavo proprio dicendo a te <3

    RispondiElimina
  8. e infatti ti ho risposto
    ora basta con questo giochino mongolo pero, vai pure diventare milionario con qualche cavillo

    RispondiElimina