venerdì 23 giugno 2017

Ragazza fa arrestare un ragazzo per una battuta

Un ragazzo, Jack Manley, sta facendo delle interviste in giro la sera, non so bene il contesto, ad un certo punto si avvicina a quattro ragazze visibilmente ubriache che subito lo chiamano "white boy", e già questo dice tutto...

Arrestato per una battuta

Nonostante la chiara ostilità del gruppetto di "gentil" pulzelle ha continuato con l'intervista.
A quanto pare il tizio aveva detto qualcosa riguardo Hillary Clinton e ha chiesto loro cosa ne pensassero. Non hanno risposto, un amico dell'intervistatore urlava "Fanculo Hillary Clinton", a parte quello chiedono se è l'unica domanda che ha da fare.

Così lui, dopo averle detto che era solo la prima domanda, passa al vestiario della donzella: perché hai indossato questo stanotte, sei una mamma?
Penso perché forse abbigliamento da donna matura più che da giovane, forse.

Ma qui parte il trigger! Si incazzano come belve. Come si permette un maschio bianco di fare una battuta?
Una di loro lo spintona e gli sposta il microfono, così lui si allontana, ridendo di come si sono incazzate per nulla. Ma la tizia corre verso di lui e gli tira uno schiaffo, mentre un energumeno cercava di confrontarsi con lui per l'immane offesa subita.



Così lei chiede al tizio "pensi che sembro una mamma?" e lui ha chiesto scusa se l'aveva offesa più volte, mentre l'altra insiste a tirare schiaffi. Finisce qui? Ovviamente no!

Si avvicina un poliziotto e chiede a lei "Cosa ti ha detto?" e lei risponde "Ha detto che sembro una mamma" "Ti senti offesa da quello?" "Si" "D'accordo, girati e metti le mani dietro la schiena".

Il poliziotto prende e ammanetta il tizio, così senza pensarci, con lei che insiste "sembro una mamma?" e i passanti che si domandano se sta facendo veramente sul serio.
Poi il poliziotto si avvicina a lei e le dice che ha bisogno del suo nome e data di nascita, probabilmente per la denuncia e l'arresto, mentre lei descriveva l'orrorifico e abominevole reato che aveva compiuto il maschio bianco.

Dopo non si sa cosa è successo perché il video è stato accellerato e descritto con una voce fuoricampo che si lamentava del comportamento dell'agente. Forse si è accorto che le tizie erano ubriache (se un ubriaco va a tirare ceffoni a qualcuno lo sbattono in galera senza pensarci due volte, privilegio patriarcale...) o forse le tizie non hanno voluto denunciare formalmente, o forse si è accorto grazie a qualche zucchero rimasto nel sangue che ha alimentato due secondi il cervello che stava arrestando qualcuno per una emerita cazzata.

Fattosta che lo hanno liberato dopo qualche minuto, fortunatamente, ma già il fatto che avessero tutta l'intenzione di arrestare una persona perché ha fatto uno scherzo a delle ragazze è gravissimo.
Come questo video:



Dove immaginano un futuro in cui i maschi bianchi etero sono stati ammazzati tutti e contraddire una donna è reato punito aspramente.

Insomma, quel poliziotto deve essere licenziato e mandato a coltivare le patate, perché arrestare qualcuno perché ha fatto una battuta del cazzo sul vestiario di una ubriaca random è ben al di là di qualsiasi ipotesi di coglionaggine.

Il video originale:



Il white privilege. Non ce l'ho fatta a non tirarlo in mezzo...

Nessun commento:

Posta un commento