martedì 2 maggio 2017

Max Lago il mio nuovo idolo


Non sono in molti a diventare miei idoli, ma questo artista poliedrico (Modello attore e cantante, mica cazzi) lo è diventato. E' un mito. E' una leggenda. Ho conosciuto questo pilastro dell'arte moderna solo oggi, leggendo la recensione del suo ultimo brano su un blog che seguo.

Il nuovo Frank Sinatra


Quando ho letto di lui, sentito la sua musica e la sua incredibile voce, beh non ho potuto che stimarlo.
Quando ho letto che ha magnanimamente minacciato di querela il blogger per avergli scritto, testuali parole, "Sarò sincero: non mi piace" è partito a razzo nell'olimpo dei miei idoli.

Ma il solo minacciare di querela ai cuggini della postale per un commento di opinione, fra l'altro richiesta dall'artista stesso, non rende giustizia al tutto, per cui vediamo un po' quale era il video musicale che aveva proposto al recensore:




Da dove parto?
Sinceramente mi ha fatto venire il cazzo durissimo quel ciuffetto da playboy ricavato dall'unica ciocca di capelli rimasta nella crapa pelata, in un megariportone alato che gli ingegneri del ponte dello stresso si chinano al suo cospetto.

Anche le sue movenze da mummia preistorica incriccata nelle pozze di pece tirate fuori dalla tundra russa fanno ben capire che il suo spacciarsi come Attore e Modello è un esercizio di umiltà che ha da insegnare pure ai frati francescani ora et labora.

Ma quello che colpisce è, ovviamente, la voce! E grazie al cazzo dirai tu, stiamo ascoltando una canzone...

Ecco, la scelta artistica di cantare come se stesse leggendo il vangelo al catechismo, come quando ripeti a voce alta il passaggio della divina commedia a scuola, come quando leggi al telefono la lista della spesa dimenticata a casa... ecco, questa è stata una scelta artistica che in ben pochi si azzardano a fare. Trovatemi un solo brano di Nek, di Francesco Renga, di Caparezza, di J-Ax o di chiunque altro che cantano in questo modo ridondante e piatto.

Nessuno vero? Esatto, è proprio questo che rende Max Lago un titano della musica italiana: osa dove gli altri non si avvicinano nemmeno.

Altro punto dove osa è il cantare stonato. Nemmeno autotune è riuscito ad aggiustare la cosa, completamente composto di stecche e di acuti mancati, pochissima voce e stonata come campane rotte mentre crollano rovinosamente da una montagna di letame.
Ma anche qui è chiaramente una scelta artistica dell'autore, che avrebbe potuto benissimo farsi aiutare da autotune e mischiarsi nel sottobosco di cantanti mediocri senza arte né parte, ma lui è un grande e si è unito a nientepopodimeno che a Christina Aguilera e Jay Z e ha voluto lanciare una grossa critica al software, mostrando a tutti i suoi punti più deboli.
E' veramente un grande!

Ma analizziamo il testo di questa canzone, originalissima e meritevole, stavolta sul serio, del nobel alla letteratura:

Titolo: Sembra un respiro (a me sembra un infarto...)

Quando tutto dorme intorno a me
Nel silenzio io rinascerò   (secondo me è rinato da tutt'altro che il silenzio)
E tra gli alberi, susurra il vento
Questa notte io non dormirò (figurati noi Max...)

(ritornello)
Sembra un respiro questo vento che (proviene da uno sfintere)
Mi fa sentire la tua anima (de li mortacci)
Il tuo ricordo qui vicino a me
E questa luna che mi illumina (di immenso?)
(fine ritornello)

Quando tutto tace intorno a me (segui l'esempio Max)
Nel silenzio io ti aspetterò (non stai facendo silenzio però, non si fa così, non si promette a vuoto)
I tuoi occhi fissi su di meh (Ma insomma, la sta aspettando o è lì che lo fissa?)
Mi sembra di vederti qua (ah ecco, allucinazioni)

(ritornello ripetuto)
Sento una voce che mi parla e... (eeeeeeeeh, ha preso da Vasco!)
Mi dice ancora come vivere
I tuoi consigli e le tue manie
I tuoi capricci e le tue follie  (Pure lei messa bene eh)


(ripete l'inizio)
(ripete il ritornello)

C'è da dire che la musica non è poi tanto male... ah ecco perché: non l'ha fatta lui.

Il nostro idolo (perché sfido chiunque a non averlo come idolo dopo aver visto questo popò di lavoro) ha anche fatto una biografia video che racconta la sua storia. Interessantissima: vista da 24 persone.
Voleva festeggiare i suoi 15 anni di carriera, per far vedere che tutti possono "uscire e diventare qualcuno".

Io vorrei domandarmi una cosa: ma è veramente convinto di essere un grande artista ma soprattutto famoso? Per quello ha intimato con enorme faccia tosta di querelare per quel "non mi piace"?
Oddio, convinto! Montato! IDOLO!

Il massimo delle visualizzazioni fatte su youtube è 4000 e rotti, e diciamo che la cosa è simbolo abbastanza evidente di quanta gente in realtà se lo cachi.
Insomma, un bagno di umiltà e tornare con i piedi a terra gli farebbero bene, ma smetterebbe di essere un idolo...




7 commenti:

  1. Pallequadre è meglio la tua recensione che quel mugolio informe 😂😂😂😂😂

    RispondiElimina
  2. Se stanotte sveglio mia moglie perché rido nel sonno è colpa tua! :)

    RispondiElimina
  3. Una schifezza spettacolare, eh? Secondo me diventerà il re del trash - e il trash va sempre di moda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per 15 anni non se lo è cagato nessuno, se diventa famoso adesso voglio la mia parte!

      Elimina
    2. Mi sembra giusto: gli stai facendo pubblicità! :D

      Elimina