PewDiePie accusato di antisemitismo, ma non è vero



Non rompete i coglioni con "chicazz'è pewdiepie???" che basta mezzo secondo di ricerca su google.
In questo periodo di lotta alle fake news il caso di pewdiepie, in realtà Felix, dovrebbe far ragionare.
Dopo un suo video in cui ha pagato cinque dollari a due indiani per fargli scrivere una frase nazista (che non riporto ma si ricollega alla filosofia dietro i campi di concentramento) in un cartello e ballare è scoppiato il caso "pewdiepie è antisemita".

Frasi e azioni estrapolate dal contesto


Il personaggio e il suo lavoro possono non piacere, si può dire quello che si vuole sulla meritatezza del suo successo e dei suoi guadagni, lui stesso dice che è stato molto fortunato, ma che sia antisemita è molto probabilmente una esagerazione.

Tutto nasce da nemmeno una decina di episodi in cui ha fatto battute (probabilmente infelici) sugli ebrei o avrebbe "incitato", dicono loro, al nazismo, riportati da nientepopodimeno che il Wall Street Journal come prova che Felix è un nazistone antisemita e sta promuovendo il nazismo attraverso il suo canale.

Le "prove" sono praticamente tutte estrapolate dal loro contesto, alcune effettivamente infelici, come i due indiani che ballano e se la ridono con frasi antisemite (lui stesso ha ammesso che è una porcata sfuggita di mano), mentre altre sono veramente l'apoteosi del ridicolo:
In un video in cui criticava youtube heroes, una puttanata assurda che nemmeno sto a spiegare, si è messo un cappello nazista (forse?) mentre guardava un discorso di hitler, tutto per accostare il clima di censura ed i "vigilantes" che youtube heroes avrebbe creato (e non era troppo lontano dalla realtà) al clima di censura e di insospettabili che ti sputtanavano gratuitamente dell'epoca nazista.

Ma la ciliegina sulla torta è stato l'estrapolare dal contesto uno spezzone simile ad un video in cui criticava i media per la loro tendenza ad estrapolare le cose dal contesto per fare la loro messa ideologica, tiri l'esca e abboccano come tonni...

Questi due avevano un account fiverr in cui dicevano di fare un video mentre ballavano tenendo un cartello con la tua frase, Felix ha inviato una frase effettivamente antisemita aspettandosi di ricevere un rifiuto, e invece i due l'hanno fatto veramente
Dopo questo bel piattino di merda di accuse forzatissime e gratuite di nazismo e antisemitismo Felix si è visto rescisso il contratto con Disney (e qua c'è da ridere) e youtube ha cancellato la seconda stagione della sua serie su youtube red.
Sulla Disney ho da ridere perchè il caro Walt Disney era un VERO antisemita, e pure di quelli feroci.
Ok che l'azienda non è più gestita da lui, ok che hanno cambiato fortunatamente tutta la loro mentalità, ok che il passato è passato, ma potrebbero per lo meno giudicare meno barbaramente il prossimo visto chi ha fondato l'azienda.

Ma in ogni caso è interessante notare come tirare fuori dal contesto immagini, spezzoni di film o battute infelici sia molto facile per dipingere quello che vogliamo dipingere. Si chiama cherry picking, è la stessa cosa che fanno i siti fomentatori di odio contro gli stranieri: fra una bufala e l'altra ci mettono notizie che riguardano gli stranieri. Ma anche solo focalizzarsi sui crimini degli immigrati, senza inventarsi nulla, è di per sé una manipolazione della realtà, visto che fa percepire un aumento che in realtà non c'è stato (i media con le loro mode hanno sempre insegnato questo).

L'unica maniera di difendersi dai punti di vista e ideologie altrui è farsi una propria opinione.
Ti espongono i fatti come cazzo vogliono loro, ma andando a vedere i fatti di persona è facile farsi una propria opinione magari completamente diversa dalla loro (anche se qualcuno influenzabile non ci riuscirà nemmeno così).

Purtroppo ormai viviamo in un clima perenne di tifo da stadio, di fazioni, di "echo chambers" come le definisce il ricercatore Walter Quattrociocchi, e di gente capace o addirittura volenterosa di farsi una propria idea ce n'è ben poca.


Nessun commento:

Posta un commento