Perché i Vaccini si chiamano così

Capita spesso di vedere gente leggendo la dicitura "latte vaccino" vada in tilt pensando ai vaccini antinfluenzali et similia, a volte credendo che quel latte faccia venire l'autismo (manco con le staminali ci sistemi il cervello a certa gente...). Ma da dove deriva il nome "Vaccino" appunto per le iniezioni immunizzatrici?

Edward Jenner, 1796

Edward Jenner, un medico del Gloucestershire in Inghilterra, aveva osservato le mungitrici di vacche per diverso tempo, notando come queste fossero immuni al vaiolo, che all'epoca era una malattia infettiva molto diffusa e mortale, una vera piaga.

Durante l'osservazione delle mungitrici scoprì che le donne venivano spesso infettate dal vaiolo vaccino, un tipo di vaiolo molto meno pericoloso e nocivo rispetto al vaiolo umano ma molto simile dal punto di vista antigenico, da cui guarivano senza problemi e in un modo o nell'altro divenivano immuni al ben più pericoloso vaiolo.

Scoprì in pratica il principio base sul funzionamento del vaccino, cioè contrarre una versione debole del virus così che il sistema immunitario si adatti a combatterla senza morire, rischiare di morire o avere danni permanenti.

Per mettere in pratica le sue scoperte iniettò ad un bambino di otto anni il virus del vaiolo vaccino, prelevato da una pustola vaiolosa di una vacca, constatando che il bambino era successivamente divenuto immune al vaiolo.
Era così sicuro della sua scoperta che fece lo stesso con suo figlio di appena 10 mesi, e due anni più tardi pubblicò la sua ricerca coniando il termine "Vaccino", appunto dalle vacche, dal vaiolo vaccino.

Essendo il periodo piuttosto retrogrado e chiuso alle nuove scoperte, la scoperta venne accolta con astio e veniva denigrata in ogni modo possibile, ma gli evidenti risultati della scoperta prevalsero sulla stigmatizzazione (altri tempi, cazzo, altri tempi...) e Jenner ricevette fondi dallo stato per continuare le sue ricerche


Secondo questo detrattore, dal vaccino di Jenner si sarebbero formate pustole da cui sarbbero venute fuori delle vacche... Non molto più stupida dell'idea che facciano diventare autistici.

Polemiche e ignoranza a parte, che nel 1800 era anche comprensibile visto l'analfabetismo e la novità ma che oggi stona parecchio con i tempi, questo è il motivo per cui sono chiamati Vaccini.

Commenti

  1. No, no, io muoio.
    Davvero c'è gente che complotta sulla dicitura "latte vaccino"! OK, passi per i poveri cristi che si scandalizzano quando scoprono che il termine corretto e tecnico per definire la bovina, non è "mucca" ma "vacca", ma là è colpa di chi ha usato il termine vacca come dispreggiativo verso le persone e ne ha fatto un'abitudine. Ma vaccino è come pecorino, come caprino! Forse sono io che ho troppa fiducia nell'essere umano, faccio fatica a pensare che a diversa gente manchi proprio questa cultura di base.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fossero solo ignoranti poi, no son pure complottisti che è peggio e le due cose si esacerbano fra di loro

      Elimina
  2. il punto è che un complottista deve per forza essere ignorante, ma non è detto che succeda il contrario. E ignorante non vuol dire senza cultura, puoi essere ignorante e avere duecento lauree.

    RispondiElimina

Posta un commento