Muore guru delle cure alternative dimostrando ai complottardi che le cure funzionano

Un guru delle cure alternative, di cui non farò il nome ma si leggerà nella notizia, è morto.
In migliaia lo seguivano per le sue teorie idiote sulla cura del cancro, a base di clisteri di caffè e ceci crudi ficcati nella pelle. Di cosa è morto? Di cancro ovviamente.

Muore di cancro ma le sue "cure" vengono ancora elogiate


Ed è quello che più mi fa incazzare...
Questo tizio si era ammalato quattro anni fa, e i medici gli avevano dato al massimo pochi mesi di vita, così lui è tornato a casa e ha iniziato a fare riti voodoo et similia per "curarsi". Capita spesso che i malati di tumore a cui hanno dato pochi mesi campino poi altri anni, ma per i fulminati suoi seguaci è stato tutto merito dei clisteri di caffè se ha vissuto tanto.

Così, dopo che un malato di tumore che si è "curato" con le "tecniche alternative" è morto di tumore, non hanno mica pensato "ma allora sono tutte cazzate, non hanno curato un benemerito cazzo" ma "funziona!!11!!1!" undici undici undici.

E pensare che i suoi ultimi giorni li ha passati sotto morfina, altrimenti i dolori sarebbero stati lancinanti...

E così, nonostante l'assurdità, in molti credono che i clisteri di caffè, magnetismo, canne, ceci conficcati nella pelle che causano infezioni e cancrena, buchi nella pelle, acqua alcalina, vegardismo crudista, bicarbonato (quello che si è inventato 'sta stronzata ne ha ammazzato un paio come minimo...), reiki e praticamente tutto il repertorio di pseudo cure che non hanno una minchia di scientifico ma tanto fanno innamorare i poveri cretini anti medicina.



Dirò la verità, a me dispiace che questo tizio sia morto, anche se nemmeno lo conoscevo, ma mi domando come sia possibile credere nelle miracolose proprietà guaritrici di qualcosa che ha usato qualcuno che non è guarito.
Sul serio, che cazzo di problemi hanno questi?
"O guarda, questa lista di cose curano dal cancro! Le voglio provare!"
"Si bravo, mica come le cure di pig parma che vogliono li sord, compra pure le bacche di goji a 100 euro al kg!11!!11"
*tizio 1 muore di cancro*
"FUNZIONANO!!1"

Ma funzionano cosa, porca puttana, non lo vedi che è morto?
"Eh ma, ha campato 4 anni quando i medici avevano detto 3 mesi!11!!1!"
Prima i medici non capiscono un cazzo poi magicamente fanno predizioni precise al 100%, nemmeno la sfera di cristallo della zingara, e se non si avverano è merito dei ceci, della cancrena e del colon devastato?

La psicologia del complottardo non la capirò mai, come cazzo facciano a ragionare in quel modo...
Non credo si riuscirà mai a far capire a questi coglioni come funzionano le cose, non puoi insegnare alla merda a non puzzare ma qui siamo oltre i livelli di comprendonio di un sasso coperto di diarrea di elefante...

Ricordo, per chi se lo fosse perso, che grazia a prevenzione e nuove terapie la percentuale di guarigione da cancri vari è salita al 70%, e si stanno sperimentando nuove terapie come quella degli anticorpi con il vaccino antitumori. Porca puttana ficcarsi ceci nelle ginocchia come può sembrare una valida alternativa a tutto questo?

Notizia

Commenti

  1. Speriamo nel dottor Darwin....

    RispondiElimina
  2. Credo, a mio modesto parere, che ad un certo punto possa essere chiamata semplicemente "selezione naturale". E' brutto da dire ma non riesco a darmi altra spiegazione.
    Posso capire l'incertezza di un malto davanti a chi dichiara di essere guarito dalla malattia con una cura alternativa (e questa gente dovrebbe pagare per ogni morto che causa) ma di fronte alla comprovata inefficacia di una cura... beh non ci sono scusanti, è solo la natura che elimina gli elementi meno intelligenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo i meno intelligenti fanno morire i disperati.
      Il problema è quello, altrimenti potrebbero pure andare a morire ammazzati per quel che mi riguarda

      Elimina
  3. Piccola imprecisione: le terapie ortodosse attuali garantiscono la sopravvivenza dal cancro a 5 anni dalla diagnosi in circa il 60% dei pazienti, non la loro guarigione. Questo non significa che le soluzioni alternative rappresentino un'opzione valida o praticabile.

    RispondiElimina
  4. Ecco un tizio che si è appena candidato al prestigioso premio Darwin. Questo non era un ciarlatano, perché un vero ciarlatano non ci penserebbe manco per i cavoli a merenda ad autosomministrarsi le sue stesse "cure".

    RispondiElimina
  5. Non credo che i medici gli abbiano davvero dato pochi mesi di vita, oggi nessun medico si azzarda a sparare previsioni del genere(tranne in casi palesemente disperati, tipo metastasi avanzate in tutto il corpo)
    Probabilmente avrà deciso da solo, con qualche ricerca su internet, che gli mancavano pochi mesi. Così come ha deciso da solo, tramite ricerche sul web e letture di libri "alternativi" come "curarsi".
    Però a suo favore c'è da dire che la sua era una malattia INCURABILE, per la quale la anche medicina moderna non offre cure efficaci e risolutive, ma solo palliativi.
    Infatti Arturo rientra più o meno nelle statistiche medie di sopravvivenza per la sua malattia, anche se avesse seguito pedissequamente le indicazioni mediche non credo che sarebbe vissuto molto più a lungo.
    Il problema è che il suo esempio può indurre la gente a rifiutare le cure mediche "convenzionali" anche in casi di malattie per cui esistono terapie e farmaci molto efficaci e spesso risolutivi!

    RispondiElimina

Posta un commento