lunedì 21 novembre 2016

Conferenza musulmana: la lapidazione è giusta

Questo lo voglio scrivere per sottolineare qualcosa di inquietante e per far partire una discussione a riguardo. Mi sono imbattuto nella registrazione di una conferenza musulmana in Norvegia, dove il creatore della "rete di musulmani", non ricordo il nome, parla ad una folta platea riguardo le accuse di "estremismo" che gli muovono i media "ogni volta che parlo".

Pena di morte per omosessuali, lapidazione e oppressione delle donne

Si lamenta che viene accusato di omofobia, opprimere le donne, essere d'accordo con la pena di morte per gli omosessuali e la lapidazione, così ha deciso di difendersi dalle accuse di estremismo con questa conferenza. E che ha detto?

Che è tutto giusto!


Infatti dice "Senti, non è lui, o io, ad essere estremista, queste sono le idee generali che ogni musulmano ha! Ogni musulmano crede in queste cose, solo perché non lo dice apertamente non significa che non creda in questo".
Poi, rivolgendosi alla platea, chiede quanti di loro sono normali musulmani e non degli estremisti, chiedendo di alzare la mano. Tutti la sollevano.
Poi fa delle domande inquietanti:
"Quanti di voi concordano che un uomo e una donna devono sedere separati?" Tutti alzano le mani.
"Quanti di voi pensano che la pena di morte e la lapidazione che vengono dal corano e la sunna (potrei non aver capito bene/scritto bene) e pensano che se proviene da allah è la punizione migliore per l'umanità? E che dovremmo applicare a tutto il mondo." Tutti alzano la mano.
"Quanti di voi pensano che questa sia il normale islam?" Tutti alzano la mano.

E riparte: "Cosa diranno i politici adesso? Cosa diranno i media adesso? Che siamo tutti estremisti? Ci espelleranno tutti dal paese?".

Sicuramente tanto a posto col cervello non ci stanno, questo è poco ma sicuro, e il fatto che si definiscano "normali" e "assolutamente non radicali" fa paura.
Nella "conferenza" ci sono alcune centinaia di persone, non so esattamente quante, ma guardando questo mi domando una cosa: quanto è diffuso il fenomeno? Quanti sono in realtà gli invasati? E' vero che molti non parlano ma la pensano in questo modo?
E' indubbio che ci sono musulmani che non sono dei pazzi squilibrati, fanatici o terroristi, non voglio accusare tutto l'islam perché sarebbe un errore, quello che vorrei capire è da quanti di loro dobbiamo guardarci, quanto è diffuso il fenomeno del radicalismo.

Non voglio nemmeno fomentare l'odio verso i migranti, visto che no, è improbabile che i terroristi arrivino con i barconi rischiando di crepare, di essere identificati e bloccati subito (abbiamo visto che piuttosto cercano di radicalizzare qualche disagiato già residente attraverso il web).

Non voglio nemmeno domandare se sarà coglione quello che fa una conferenza per dimostrare che non sono radicali facendo domande radicali a cui gli altri rispondono positivamente dimostrandosi radicali, sembra si siano presi per il culo da soli come dei dementi.



Prima che qualcuno mi accusi di razzismo o "islamofobia": no, il video è originale (alcuni dicono che l'audio è aggiunto), dicono proprio quello. La fonte del video è presa da youtube, ma è presente anche nel sito del MEMRI, quindi lo ritengo più che sicuro.

2 commenti:

  1. Fidati: ci sarà sempre il coglione che ti accuserà di razzismo ((o islamofobia, qualunque cazzo di cosa voglia dire)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so lo so, ma così come non è giusto accusarli tutti di essere estremisti e terroristi, non è giusto far finta di nulla e spacciarli tutti per angeli salvatori

      Elimina