sabato 17 settembre 2016

La stuprano in discoteca: le amiche riprendono ridendo e la sputtanano su Whastapp

Le feminazi sono così impegnate a deumanizzare il genere maschile per farne l'orco da abbattere per i social justice warriors che non si sono accorte che la loro retorica da quattro soldi è stata infranta da un fatto di cronaca che sta facendo molto parlare di sé, anche se loro sono più impegnate a urlare al maschilismo per l'altra faccenda nota...

Diciasettenne stuprata in discoteca e le amiche riprendevano ridendo

Ebbene si, una ragazzina diciasettenne era in discoteca con le amiche ed era alticcia. Forse ubriaca persa forse drogata (non si sa ancora se si sia drogata lei o se sia stata drogata dallo stupratore), è stata trascinata nel bagno da un ragazzo più vecchio di lei ed è stata stuprata mentre era completamente inerme e priva di conoscenza.
Le sue amiche, esponenti del perfetto e sempre vittima sesso femminile (secondo le feminazi) distillato di bontà e amore, l'hanno subito tratta in salvo malmenando il balordo e ponendo il lieto fine alla faccenda! Le eroine della situazione, come sempre del resto!

No, un cazzo. Nei sogni feminazi forse...
Le perfettissime, e sempre vittime, esponenti del sesso femminile si sono divertite parecchio a vedere lo stupro in corso, tanto che invece di fermare il balordo hanno deciso di assistere allo spettaccolo e di riprenderlo per poi diffondere la fantastica impresa a tutti i loro amici.
La ragazza, il giorno dopo, scopre lo stupro perché il video è stato mandato anche a lei.

Ora, sicuramente prendere delle prove video di un crimine per poi denunciare e portarlo come prova è sicuramente una mossa intelligente, ma dubito altamente fosse l'intenzione di quelle cretine, visto come ridevano in sottofondo.

E mentre che tutte le femminazi, come ho già detto, stanno linciando tutti gli uomini perché alcuni hanno fatto una stronzata, le donne che fanno qualcosa di simile ma di gran lunga PEGGIO vengono completamente ignorate.
Doppi standard? Si, e pure grossi.

Sono molto pochi quelli che fanno notare questa cosa. Eppure la vittima gira e rigira è comunque donna...
Ma evidentemente poter sputare su tutti gli uomini è molto più comodo di dover riconoscere che no, usare i casi di crimini per addittare un intero genere è una stronzata, perché se appliccassimo il metodo feminazi a questo fatto potremmo tranquillamente dire che tutte le donne sono delle coglione che si divertono ad assistere a degli stupri, a favoreggiarli e ad umiliare pubblicamente la vittima.

Divertente il modo in cui stanno sempre a condannare qualsiasi danno alla vittima di uno stupro però in questo caso non dicono mezzo bah. Nulla, il fatto non sussiste.
Ma sono sicuro che se lo faranno gli verrà fuori dalla bocca del culo che sono "femmine maschiliste interiorizzate che l'hanno fatto per scopare!111!!". O qualcosa su questa falsariga...

Io non vado in giro a prendere singoli casi per sputtanare il genere femminile, ed è questa la differenza fra me (accusato di machismo e maschilismo) e le feminazi (brave buone e belle).


Nessun commento:

Posta un commento