venerdì 24 giugno 2016

I promotori della brexit si stanno già cagando sotto

Questa storia della brexit insegna tante belle lezioni, che purtroppo il popolino ritardato col cazzo imparerà. Il primo punto è che il suffraggio universale sta ormai fallendo su tutti i fronti, con una maggioranza di veccchi rincoglioniti col cervello flagellato da alzheimer e troppe seghe ormai prossimi a stirare il calzino hanno condannato il futuro dei giovani...

I vecchi che distruggono il futuro dei giovani.


I giovani volevano restare, i vecchi rincoglioniti over 65 no. Chi deve decidere per il futuro, quelli che passeranno si e no altri due o tre anni buttati in un cazzo di ospizio a pisciarsi addosso oppure che fanno avanti e indietro dall'ospedale fra farneticazioni e allucinazioni?
Ovviamente quelli che hanno la stessa prospettiva di vita di una mosca, mica quelli che hanno tutta la vita davanti e magari hanno pure studiato!

Ma al di là di questa considerazione, che come si vede mi ha fatto piuttosto incazzare, quello che fa cagare sotto i promotori della brexit sono appunto i risultati della brexit.


Populismo del cazzo

Si perché questi poveretti, populisti di 'sta ceppa, volevano solo fare i gradassi, gli spavaldi, tentare di far paura all'Europa o di farsi eleggere facilmente e pigliarsi uno stipendio bello grosso e magari pure un vitalizio.
Mica si aspettavano che vincesse il brexit!

E infatti quel gran geniaccio dell'ukip (una sorta di lega cinque stelle made in UK) ha chiesto, udite udite, l'accesso gratuito al mercato unico europeo!
Ora la domanda è: cosa cazzo sono usciti dall'unione a fare se poi vogliono mantenere le condizioni che avevano quando stavano dentro?
La botte piena e la moglie ubriaca? No, non proprio. E' che non volevano realmente mollare l'Europa.
Volevano solo pestare i piedini a terra frignando, solo che hanno sottovalutato l'idiozia, o la demenza senile, dei loro concittadini.

E hanno ottenuto solo la sterlina è ai minimi storici, mai così bassa da 30 anni a questa parte, le borse sono in caduta libera e questo è solo il primo giorno!

Irlanda del nord e Scozia vogliono la secessione

Queste due regioni, fortemente indipendentiste, avevano votato per rimanere in europa, voto annullato dai vecchi wankers inglesi, e ne sono rimasti di molto incazzati.
Tanto che vogliono separarsi dal regno unito per tornare nell'europa unita. Il referendum sull'indipendenza della Scozia non era riuscito per "poco", 55% ha votato per rimanere, ma se si fossero separati non sarebbero potuti entrare in Europa.
Adesso che le cose sono cambiate cosa potrà succedere?

Quindi per colpa del populismo e del rincoglionimento della gente il regno unito si è visto crollare la moneta, non ha certezza sul mercato futuro, ha movimenti indipendentisti all'interno, i giovani sono scontentissimi, molte aziende probabilmente lasceranno il paese (quelle che avevano lì la loro sede europea, ma appunto essendo europee dovranno migrare in un altro paese, un paese membro dell'UE), rischiano anche la delocalizzazione delle aziende che non vogliono pagare la dogana per entrare nel mercato europeo, rischiano appunto un crollo di importazioni ed esportazioni a causa della dogana (ma quello potrebbero negoziarlo) e rischiano una crisi economica paragonabile a quella causata dal fallimento della Lehman brothers (lo ricordate, si?).

Per altri esempi di populismo, come "sovranità monetaria" e amenità varie, si può guardare al Venezuela. E con questi fulgidi esempi di autodistruzione gentista vi lascio con il dubbio se veramente il suffragio universale sia ancora da considerarsi "democrazia".

In ogni caso questo è lo scenario che si paventerebbe, solo peggiorato dalla debolezza intrinseca italiana, se dovessimo uscire anche noi dall'euro. Solo che abbandoneremmo pure la moneta.
Hai voglia a sparare cazzate...

http://www.politico.eu/article/post-brexit-ukip-wants-tariff-free-access-to-eu-single-market/
http://www.repubblica.it/economia/2016/06/24/news/brexit_borse_a_picco_e_sterlina_in_caduta_libera-142699411/?ref=fbpr

25 commenti:

  1. coglioni. altro che metecatti.
    coglioni con la felpa e con l'ombrello.
    ora gli rimane la felpa e il gesto dell'ombrello

    RispondiElimina
  2. E melo sentivo che se avesse vinto il si sarebbbe successo un casino, sentivo la puzza di guai appena è iniziata sta storia. Mi chiedo cosa succederà adesso visto che anche in altre nazioni qualcuno ha pensato che l'idea di uscire dall'Europa è buona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli hanno visto il casino e hanno ritrattato...
      Grillo dopo anni di propaganda antieuropeista ha già fatto retrofront

      Elimina
  3. Comunque ho letto in giro che è un referendum consultivo, quindi dovrebbe toccare al governo fare la scelta finale, se hanno davvero paura di uscire possono ancora tornare sui loro passi. Sempre se non esce qualche paladino della giustizia che innalza cori del tipo "il popolo ha scelto!!" in parlamento per continuare su questa strada XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è una opzione. Chissà, magari i rincoglioniti che hanno votato di uscire si stanno rendendo conto della merda che gli sta volando in faccia e fanno finta di nulla.
      Perché un neo governo che va contro un referendum deve avere due palle così, in pratica si suicida politicamente se laggente non cambia opinione nel mentre

      Elimina
    2. Per ora il mio feed ha raggiunto punte di imbecillita' cancerogena pari solo a quello del cinque stalle. Fabrizio, ce la fai a spiegare al tuo pubblico che prima di vedere cambiamenti effettivi ci vorranno vari anni? Si calcolano dieci anni di tempo solo per stilare gli accordi commerciali. Qui invece ci sono quelli che sperano nell'eta' aurea e nel ritorno dell'impero, oppure quelli che si aspettano la versione british delle sette piaghe d'Egitto. Echecazzzzzzzz

      Elimina
    3. Ho visto pure io gente dire che l'uk si riprenderà dalla crisi e diventerà più forte dell'europa messa assieme.
      Roba che il signore degli anelli è un romansto storico a confronto di 'ste baggianate.

      In ogni caso non avranno mai 10 anni di tempo per prendere gli accordi, facile usciranno come un normale stato esterno all'unione Europea e dovranno ritrattare ogni singolo accordo da zero.
      Ergo per un bel po' di anni staranno col culo per terra.

      Ma anche a spiegarglielo...

      Elimina
    4. Juncker ha detto chiaramente che considera il referendum irreversibile, non si torna più indietro nemmeno se il governo britannico dovesse avere un ripensamento, ormai i rapporti sono incrinati!

      Elimina
    5. Non sarà una cosa immediata, ma non credo nemmeno che ci vorranno dieci anni!
      In ogni caso non è questione di giovani contro vecchi, è che il referendum è uno strumento sbagliato per prendere decisioni su questioni troppo tecniche,che la maggior parte della gente non capisce.
      Un conto è un referendum su argomenti del tutto opinabili, come può essere matrimonio gay o fecondazione eterologa, altro conto è la politica estera o l'economia, o la riforma della costituzione, cose che necessitano di un certo "know how" per essere davvero capite!

      Elimina
    6. Andrea, sarebbe pure da togliere i referendum su questioni come il matrimonio gay, vista l'incredibile ignoranza caprina di certi soggetti...

      Elimina
  4. Bene o male che abbiano fatto, questo referendum, proprio come la vittoria di esponenti di un partito fondato da un "comico" qui da noi alle amministrative, hanno un solo significato: il sistema basato sul denaro ci sta scoppiando in faccia. I vari politici europei devono cominciare a porsi delle domande - domande che devono portare a un solo risultato: eliminare questa europa (minuscola d'obbligo) degli istituti finanziari e costruire una vera Europa dei popoli.
    (Sì, lo so: questa è un'utopia. L'europa andrà a scatafascio ma non cambierà di una virgola.)

    RispondiElimina
  5. Quel "genio" di Farage Gia' s'e' rimangiato i 350 milioni di sterline a settimana da dare alla sanita' pubblica :D
    In sintesi, Farage diceva che la ue costava 350 milioni di sterline a settimana, se ne fossero usciti quei soldi sarebbero andati alla sanita' pubblica, stamani, gia' ha fatto dietrofront.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Genio lui ma ancora più genio chi gli ha creduto.

      Elimina
  6. >Il primo punto è che il suffraggio universale sta
    >ormai fallendo su tutti i fronti,
    >con una maggioranza di veccchi rincoglioniti col cervello flagellato
    >da alzheimer e troppe seghe ormai prossimi a stirare il calzino

    sarà ma Ambrose Evans Pritchard
    non mi sembra poi così rincoglionito, e le motivazioni esposte
    sul telegraph non mi sembrano così campate per aria.

    altro "rincoglionito

    >hanno condannato il futuro dei giovani...

    che potevano evitare di astenersi dal votare
    e battere i piedi per terra volendo il referendum bis

    sicuramente da ambo le parti politiche si è agito con leggerezza
    mi sa che non avevano perfettamente idea di quanto molte persone
    siano amareggiate da questa unione europea

    intanto i
    Poveretti inglesi e non, toccati dal brexit

    e povera sterlina mai così in basso

    un interessante punto di vista sulla brexit

    chiudo con questa frase di Rosa Luxemburg
    "E se l’unificazione europea è un’idea ormai superata da un punto di vista economico, lo è in egual misura anche da quello politico."
    dal blog orizzonte58

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eggià, per il resto non ci sono problemi per il mercato e per l'unità nazionale, lol!
      Complimenti per il grafico che si ferma al maggio del 2015! ;)

      Elimina
    2. direi non i problemi paventati da tv /giornali / opinionisti della domenica

      per il grafico si ferma a dati certi e verificati

      piccolo refuso il blog è orizzonte48 (mannaggia a blogger e la velocità di perdita dei post :D)

      Elimina
    3. Inutile tapparsi gli occhi e le orecchie, a distanza di più di un anno dal 2015 il calo della sterlina è certificato.

      Elimina
    4. Ah, ti ricordo che per motivi storici anche le questioni con Scozia e Nord Irlanda di certo non sono fantasie dei mass media.

      Elimina
    5. che il calo sia certificato ok (d'altronde gli faceva comodo)
      ma che sia al livello dato dai giornalisti no
      calo paragonabile al 2014 (qualcosa tipo mai ai minimi dal 2014)
      e leggendo il post di pallequadre non mi pare che da 30 anni a questa
      parte la sterlina sia ai minimi, anzi

      comunque per comodità ti aggiungo
      il blog da cui ho preso i dati

      a proposito di petizioni e rincoglioniti

      Elimina
    6. per quanto riguarda Irlanda del nord e Scozia
      so che non sono fantasie ma sono scelte del loro elettorato
      se rimanere in Gran Bretagna o separarsi e chiedere, eventualmente,
      l'adesione all'eurozona e/o all'unione europea

      mi sa che per l'irlanda pesino molto i finanziamenti per
      game of thrones

      Elimina
    7. a proposito di dati qui puoi trovare i dati da 1/1/2015 al 24/6/2016
      fx.sauder.ubc.ca basta selezionare la valuta target da confrontare col dollaro

      Elimina
    8. scusa sono un po' suonato
      la valuta target da confrontare con la sterlina

      Elimina
    9. Ti rendi conto che le stai sparando grosse? Il livello non è solo da parte dei GIORNALISTI, è proprio certo, e non è manco il calo del 2014, è un calo improvviso che non è roba di tutti i giorni, sopratutto in 30 anni (e 30 anni fa la sterlina è calata così di brutto)! Gli fa comodo? LOL, manco sai i grattacapi con l'inflazione, tu guarda che comodità...
      Sulla secessione non commento: che siano scelte dell'elettorato o meno si tratta di uno dei problemi più rilevanti (anche in ambito economico) che viene evidenziato anche dai mass media, un problema che va avanti da anni ma che ora si evince ancora di più, e non di certo per le sparate come "mi sa che per l'irlanda pesino molto i finanziamenti per
      game of thrones" (Qua non so se ridere o piangere).
      PS: che centri la petizione trollata da 4chan io non lo so...

      Elimina
    10. sarà ma nel 1985 è arrivata praticamente alla parità col dollaro
      non mi sembra questo il caso

      poi non so te ma se il gbp è sceso così tanto
      allora l'euro sta na favola
      http://fx.sauder.ubc.ca/cgi/fxplot?b=EUR&c=USD&rd=731&fd=1&fm=1&fy=2014&ld=31&lm=12&ly=2016&y=monthly&q=volume&f=svg&a=lin&m=0&x=

      flessione per il gbp
      http://fx.sauder.ubc.ca/cgi/fxplot?b=GBP&c=USD&rd=731&fd=1&fm=1&fy=2014&ld=31&lm=12&ly=2016&y=monthly&q=volume&f=svg&a=lin&m=0&x=

      gli inglesi ci metteranno un po' per recuperare, e fra un po' la sterlina salirà (quando sarà necessaria come valuta rifugio)

      per 4chan, era giusto un divertimento mio riguardo i vecchi rincoglioniti che hanno fottuto il futuro dell'erasmus generation inglese
      e la petizione (che era pro-brexit prima del referendum) usata per favorire il remain idem il passaggio sull'irlanda

      alla fine a loro andrà bene
      e il cerino in mano resterà a noi del sud europa, visto che il brexit ha purtroppo mostrato il modo di reagire dei tecnocrati di bruxelles e la tenuta della moneta unica. Questo serviva al nostro sistema bancario in pericoloso bilico sul baratro economico.

      Elimina
  7. Bhe, l'unica nota positiva di tutta questa merda è che vedendo come si è ridotta (e si ridurrà) l'inghilterra, potrebbe scoraggiare altri paesi dal fare la puttanata di uscire dall'UE. Comunque, questo articolo credo riassuma il pensiero del giovane inglese medio (https://www.vice.com/it/read/nonna-cosa-avete-fatto-brexit-opinione) e che dire, provo una pena pazzesca per loro che dovranno subire le conseguenze (tutte negative) di qualcosa che nemmeno volevano :(

    RispondiElimina