sabato 11 giugno 2016

7 teorie del complotto che si sono rivelate vere

Quando sento parlare di teorie del complotto penso sempre a qualche povero mentecatto che ha dimenticato le sue medicine ed in presa alle allucinazioni inizia a rigettare nel web tante di quelle vaccate da rendere ridicolo l'intero concetto di complotto.
Però non bisogna farsi fuorviare dal continuo ed incessante "al lupo al lupo" dei mentecatti, e dobbiamo ricordare che i complotti esistono realmente:

7 complotti realmente esistiti


Complotti o comunque operazioni segrete e illegali, esistono sul serio. L'unica differenza con le cazzate a là scie comiche è che questi vengono a galla. Sempre. Quindi mettetevi il cuore in pace: se l'unica prova dell'esistenza delle scie chimiche è un pilota che vi prende per il culo col sorriso significa che non esistono.


Progetto MkUltra:

Quando i complottardi parlano di controllo mentale con microchip ci si fanno tante sane risate, ma questo non significa che nessuno abbia mai provato a controllare la mente delle persone.
A parte l'origine del termine "lavaggio del cervello" proveniente dalla Cina, ci ha provato la CIA a cavallo fra gli anni '50 e '60 con il progetto MkUltra.

Il progetto era segretissimo ed estremamente illegale, e puntava al totale controllo e manipolazione della mente delle persone e a verificare appunto le tecniche usate dai cinesi, coreani e russi.
Gli esperimenti erano condotti sulle persone, e pare fossero particolarmente pesanti, e a volte a insaputa delle cavie stesse: ipnosi, onde sonore, sieri della verità, farmaci, LSD, messaggi subliminali, deprivazione sensoriale, abusi verbali e sessuali, isolamento e infine vera e propria tortura.

Vennero coinvolte 80 istituzioni di cui 44 università e 12 ospedali. Anche delle prigioni vennero coinvolte (gli animalardi saranno contenti).
Da questo progetto venne fuori il noto siero della verità, usato sulle spie russe durante la guerra fredda.
Il progetto venne chiuso nel 1973. Bill Clinton si scusò pubblicamente nel 1995.
Wiki

Il complotto dei commercianti di diamanti:

Dal 1870 vennero aperte enormi miniere di diamanti in Africa, tanto grandi che qualcuno ipotizzò che la quantità di diamanti ufficialmente estratta fosse una parte infinitesimale del totale, e che tenessero nascosto il vero numero per mantenere artificialmente alto il loro prezzo, visto che potevano essere talmente tanti da renderli praticamente senza valore.

In effetti a partire dal 1870 vennero scoperte enormi miniere, finanziate da uomini d'affare inglesi.
Fino ad allora i diamanti venivano rinvenuti in piccolissime quantità nei letti dei fiumi indiani e brasiliani. Quando iniziarono a scavare in queste enormi miniere il mercato venne inondato di una quantità enorme di diamanti, cosa che destò la preoccupazione degli investitori inglesi.

Infatti le leggi del mercato fanno sì che un bene meno e raro meno vale, ma loro volevano mantenere il prezzo esattamente come era prima, per avere un profitto altissimo.
Così nel 1888 tutti gli investitori delle miniere di diamanti si riunirono in una singola organizzazione, facendo di fatto cartello (oggi illegale, e a ben donde direi), chiamata la De Beers consolidate mining, possiamo definirla la madre della odierna De Beers...

Con questa mossa monopolizzarono completamente il mercato dei diamanti, e ne influenzarono completamente i prezzi. Come? Tennero nascosti tutti i diamanti in dei magazzini a Londra e ne rilasciavano solo una piccolissima quantità ogni anno. Così facendo tennero altissimi i prezzi di mercato e salvarono il loro investimento (rischiavano di perderci tutto).

Ma anche così le cose non andavano troppo bene: si accorsero del fatto che gli unici compratori dei diamanti erano i ricchi, e così decisero di ampliare il mercato anche alla classe borghese e ai lavoratori. Questo è un bel mindfuck ragazzi.
Nel 1938 si inventarono l'usanza di regalare un anello di diamanti per il fidanzamento.
Per diffonderla come idea, anzi praticamente l'unica maniera di fidanzarsi, usarono il nuovo medium dell'epoca: il cinema (lo fecero in molti, comprese le aziende delle sigarette), in cui i giovani regalavano un anello incastonato. Nacque anche la famosissima campagna pubblicitaria "Un diamante è per sempre".

A ben vedere l'operazione è ben riuscita, e oggi se ti fidanzi la maggior parte delle volte regali un anello con diamanti... ma anche all'epoca portarono gli anelli con diamanti dal 10% del totale degli anelli di fidanzamento al 80%.
E tutto per dei pezzi di pietra che, almeno all'epoca, erano senza valore...

Guerra al Vietnam immotivata

La scusa "ufficiale" (quante volte a cazzo la usano? Stavolta è così) per l'entrata degli USA nella guerra del Vietnam è l'incidente del golfo del Tonchino (Tunkin in inglese), in cui tre torpediniere vietnamite avrebbero attaccato il cacciatorpediniere statunitense USS Maddox nel 1964.
L'incidente venne usato come casus belli per andare in guerra contro il Vietnam senza nemmeno dichiararla.

In realtà non ci fu mai stato uno scontro navale fra la USS Maddox ed i nord vietnamiti, anzi i nord vietnamiti quel 4 Agosto non c'erano proprio, e a scatenare l'attacco di quasi 300 colpi di cannone da parte degli americani fu un malfunzionamento del radar (ghosts).

Questo fatto venne appurato praticamente subito, ma la verità venne taciuta e contiuarono a sostenere la versione dell'attacco nord vietnamita, per avere appunto la scusa di scendere in guerra contro il Vietnam del nord, principalmente per fermare "l'avanzata comunista".
Mi ricorda un po' le "armi chimiche" di saddam, mai ritrovate...

Il presidente degli stati uniti dell'epoca, Johnson, disse nel 1965: For all i know, our navy was shooting at whales out there"
"Per quanto ne so, la nostra marina stava sparando alle balene là fuori".
Ma se ne sbatterono le palle e scesero comunque in guerra...
Wiki

Studio sulla sifilide di Tuskegee

Dal 1932 al 1972 il servizio sanitario statunitense svolse uno studio clinico sulla sifilide nella città di Tuskegee in Alabama. Fin qui parrebbe tutto ok, l'unica nota "leggermente" illegale fu che i pazienti non erano consci di essere parte dello studio...

Infatti lo studio puntava a verificare il decorso della sifilide non curata e gli effetti sulle persone, e nessuno si sarebbe mai offerto volontario per un esperimento simile. Infatti tutte le cavie erano ignare anche solo di avere la sifilide!
Ma se circa 400 di loro avevano già contratto la sifilide, a 200 di loro venne intenzionalmente inoculata. A rendere l'esperimento ancora meno etico fu che tutte le cavie erano afroamericane...

Ad aggiungere marcio al putrido c'è il rifiuto consapevole di curare i malati con la penicillina, riconosciuta come cura sin dal 1940, ma che venne rifiutata categoricamente e non somministrata per continuare l'esperimento.

Le conseguenze dello studio, definito "Il più infame nella storia della ricerca biomedica nella storia degli Stati Uniti", furono ovviamente la morte di numerosi uomini, ma anche la trasmissione alle loro mogli e ai figli, che nacquero con la sifilide congenita.
Anche in questo caso Bill Clinton chiese scusa alla nazione, nel 1997
Wiki

False Flag cubani, operazione Northwoods


Secondo alcuni una riunione di alti ufficiali dell'esercito statunitense si riunì per creare attacchi terroristici sul suolo americano e addossare la colpa ai cubani, così da ottenere il favore dell'opinione pubblica che supportasse la guerra a Cuba.

Beh, è vero. I pieni sono stati resi pubblici, e prevedevano finti attacchi usando forze cubane alleate alla base di guantanamo, finti attentati ai rifugiati cubani a Miami, finte catture di sabotatori cubani a Guantanamo. Potevano perfino arrivare a ferire i rifugiati cubani, affondare veramente o simulando un barcone di rifugiati cubani, far detonare esplosivi al plastico in determinati incontri sportivi e così via.

Insomma erano pronti a tutto pur di giustificare la guerra, e infatti il documento si chiama "Justification for US military intervention in Cuba". Hanno una lunga carriera di menzogne create ad hoc per i loro interessi gli amici ameregani, non c'è che dire.

Fortunatamente il presidente John F. Kennedy rifiutò l'idea di sabotare il suo stesso esercito o mettere in atto attentati terroristici nelle città del paese, e allontanò il generale Lyman Lemnitzer dall'incarico su Cuba. Kennedy mise freno anche alle azioni di guerra fredda e altre azioni contro Cuba, spinte dal sentimento anticomunista dei militari. Licenziò anche l'allora direttore della CIA.
Wiki

Il governo ci sta spiando

Teoria del complotto basilare e universalmente accettata da tutti. Anche in questo caso c'è un fondo di verità.

Venuto a galla con lo scandalo NSA di qualche anno fa, grazie a Snowden, tutti hanno scoperto che non solo telefonate e email degli americani erano sotto sorveglianza, ma anche quelle di leader europei.
Ma la cosa non deve stupire... già negli anni '90 con il film "Nemico pubblico", con Gene Hackman e Will Smith, si spiegava per filo e per segno come funzionavano queste cose.
Non è un controllo continuo, ma quando si usano certe parole chiave (come bomba) il computer la riconosce, registra la conversazione e la invia ad un controllore (sarebbe fisicamente impossibile seguire tutti).

Proibizionismo avvelenato

Conosciamo tutti il proibizionismo, gli anni dal 1919 al 1933 in cui negli states era proibito produrre, vendere e consumare alcol. Alcuni sostengono che il governo avesse iniziato ad avvelenare l'alcol, visto che in quegli anni più di 10 mila persone morirono dopo aver bevuto, per convincere la gente a smettere.

In parte è vero. L'alcol era veramente avvelenato, ma non era avvelenato intenzionalmente per far morire chi beveva, ma solamente per impedire l'uso alla malavita dell'alcol industriale.
I mafiosi ingaggiarono dei chimici che riuscivano a rinaturizzare l'alcol, così il governo utilizzò veleni ancora più potenti per impedirne l'utilizzo, causando appunto la morte per avvelenamento di oltre 10 mila persone.

Il medico Charles Norris, pioniere della medicina forense, dise: "Il governo sa che avvelenare l'alcol non ha fermato il consumo... eppure continua a farlo non curante del fatto che la gente impuntata a bere lo assume ogni giorno. Conoscendo questa verità, il governo deve essere incolpato della responsabilità morale della morte da alcol avvelenato, anche se legalmente non ne è responsabile".
Wiki


Ovviamente che queste cospirazioni siano di pubblico dominio, rivelate, i cui documenti sono stati resi pubblici, con prove serie insomma, non confermano affatto le panzane di tutti i giorni ma al contrario le smentiscono.
Perché se un complotto è reale allora viene a galla, prima o dopo viene sempre a galla, e con prove schiaccianti. Se non viene a galla nulla e le prove sono inventate da qualche pelatone terrazinato allora c'è da farsi un paio di domande.

10 commenti:

  1. Piccola osservazione (sono un pignolo rompiballe, lo so :-) ). Nel titolo parli di 7 teorie del complotto... in un titolo intermedio scrivi 10... però poi ne elenchi come promesso 7. Dovresti correggere il 10.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne avevo trovate diverse, ma molte si sono dimostrate minchiate.
      Del tipo: sapevi che il wrestling è un complotto?
      No, è spettaccolo, bella scoperta

      Elimina
  2. Un altro complottone vero degno di nota è la creazione del falso I Protocolli dei Savi di Sion, che, ironia della sorte, i complottisti ritengono invece assolutamente vero ed attendibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho sempre sentiti nominare, so che sono un falso, ma non ho mai approfondito

      Elimina
  3. Oltre al citato complotto (da ridere, nessuno ci credeva veramente) delle armi di distruzione di massa di Saddam, ricorderei il Iran-Contra-Gates.

    RispondiElimina
  4. Avevo sentito parlare del complotto MkUltra. A quanto pare, come gran parte dei veri complotti, ha finito per schiantarsi sulla sua inapplicabilità: controllare gente con tutto quel mix di roba non è precisamente alla portata di tutti. E poi coi complotti funziona come con le società commerciali, dove un socio è troppo poco ma due sono già troppi. Prima o poi qualcuno vuota il sacco, e il complotto si sgonfia come un pneumatico bucato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Ci sono state cospirazioni di sole 3 persone dove uno alla fine ha vuotato il sacco. Meno sono più durano, però è matematico che qualcuno alla fine parli.

      Il caso mkultra è particolare: nonostante l'inapplicabilità e la scoperta i tardi continuano a usarlo per giustificare tutte le minchiate che dicono.
      Come a dire che i dominatori del mondo esistono perché l'impero romano

      Elimina
    2. In effetti c'è questo recente articolo su PLoS ONE che fa anche uno studio teorico-quantitativo della relazione tra numero di partecipanti al complotto e tempo necessario perché qualcuno lo tradisca:

      http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0147905

      Elimina
  5. Bel pezzo, ben documentato.
    Se, però, la morale è che - come anche tu riconosci - non tutte le teorie complottiste sono minchiate e dipende solo dal tempo (col tempo quelle vere verranno a galla), allora credo dovresti un approccio più dubbioso e "cautamente possibilista"; altrimenti può essere che tu oggi stia dando del mentecatto paranoico svitato a qualcuno che ha effettivamente ragione, come verrà a galla domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno fatto un calcolo basandosi sui complotti venuti a galla, ed è saltato fuori che più gente è coinvolta e più tempo passa più sono le possibilità che qualcuno vuoti il sacco.

      Ora, vediamo un po' il complotto delle scie chimiche: 25 anni di irrorazioni, milioni di persone coinvolte ma nessuno ha vuotato il sacco. Strano eh?
      Complotto del signoraggio: 200 anni che va avanti, milioni di persone coinvolte, nessuno ha vuotato il sacco. Strano anche questo.

      Il 99,9% delle teorie del complotto sul web sono cazzate, il fatto che i complotti esistano non le rende plausibili.

      Elimina