venerdì 27 maggio 2016

La Kinder usa bimbi diversamente ariani nelle confezioni, l'estrema destra tedesca si ribella

Rimediando una figura di merda mondiale, aggiungono tutti. Perché la reazione alle fotografie di bimbi neri, marroni, scuri, anche asiatici nelle merendine Kinder che noi tutti conosciamo non è razzista. O meglio, non solo. Non è stata nemmeno esageratissima, anche se esagerata lo è stata.
E' stata semplicemente una puttanata cosmica, un facepalm atomico che nuclearizzerebbe la credibilità di chiunque, anche di Silvio in overdose di pilloline azzurre...

Estrema destra, e sai cosa bevi


Semicit, ma era ad effetto.
Ebbene, la Kinder ha piazzato dei bimbi diversamente bianchi, o diversamente ariani adesso non so bene come stanno ridotti quelli là, nelle confezioni del Kinder Cioccolato, scatenando la reazione dell'estrema destra tedesca (immagino neonazi, ma anche del partito di decerebrati "pegida" che dovrebbe corrispondere alla nostra lega) che sta protestando perché così facendo l'azienda sta promuovendo e aiutando l'invasione islamica del paese.
Vediamo un po' le confezioni:

OMG (che sta per Oh Mein Gott, sono tedeschi...) i panpini necri!!!111
Ma perché la Kinder ha messo quelle foto? Come si vede dall'immagine ci sta un pallone... questa è un'edizione speciale in onore del campionato europeo di calcio 2016 che si terrà in Francia.
I bambini nelle foto sono i calciatori della nazionale tedesca...

Ebbene si, c'è gente che si è indignata e ha fatto casino perché alcuni bambini nelle confezioni di una merendina non erano bianchi. Come se questo non fosse abbastanza erano solamente i giocatori della nazionale tedesca, magari quelli che hanno protestato si definiscono pure grandi tifosi...

Ma saranno coglioni?
Qua siamo di fronte ad una tombola di fail che in confronto l'attuale governo venezuelano sembra aver fatto un ottimo lavoro (vabbe' dai, ho esagerato un po').
Non stupisce che pegida e altri coglionazzi simili siano 4 gatti insultati un po' da tutti.
E per fortuna, aggiungo!

Adesso so già che arriverà qualche povero mentecatto a dire "i necri barconi invasione stupri terrorismo", come se il paese di origine fosse sufficiente ad etichettare tutti i suoi abitanti (si lo so, ci sono delinquenti anche fra di loro, oh mamma che rivelazione illuminante!), e già avviso che qualsiasi polemica sterile finirà col banhammer immediato.
Un video riassunto


7 commenti:

  1. sono sempre contento quando escono ste storie: rincuora verificare che gli idioti non sono solo in Italia e che la libertà di parola fa danno un pò dovunque.
    Peccato solo che le figure di merda non impediscono agli idioti di continuare a dire la loro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero sempre che queste figure facciano capire che ascoltare certi dementi non è esattamente una mossa geniale

      Elimina
  2. Va detto che i crucchi soffrono di razzismo all'ennesima potenza nei confronti dei loro stessi connazionali. M'è già capitato di assistere alla desolante scena di un bavarese e un berlinese che non riconoscevano l'uno l'esistenza dell'altro e per comunicare tra loro lo facevano per interposta persona, guarda caso un italiano che parlava tedesco. Quindi non sottovaluterei il potere dell'estrema destra crucca di influenzare le masse di beoti che allignano anche da loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché non aprono campi di concentramento e invadono la Polonia son cazzi loro

      Elimina
    2. Già, ma se si odiano tra loro, pensa quanto possono trovare simpatici gli stranieri - anche quelli naturalizzati tedeschi che fanno parte della loro stessa nazionale!

      Elimina
  3. Purtroppo devo dirti (vivo in Germania) che non sono quattro gatti... e che magari fossero il corrispettivo della Lega.
    Non dimenticare che Pegida di fatto sta facendo il lavoro sporco per la AfD, partito in gran crescita.

    RispondiElimina
  4. E che c'è di scandaloso? Non lo sanno che l'esercito di Hitler era il più multietnico del mondo? https://forum.termometropolitico.it/189032-le-forze-armate-di-hitler-un-trionfo-della-diversita.html

    RispondiElimina