martedì 3 maggio 2016

Una conferenza femminista sancisce che gli applausi sono problematici

Per "problematico" loro intendono che "triggera", cioè mette a disagio la gente. Applaudire è un modo troppo violento di dimostrare approvazione, perché può scatenare ansia in certi soggetti.
Invece di spedire questi soggetti in cura da uno psicologo, perché è evidente che se hanno attacchi di panico da un applauso hanno bisogno di aiuto, loro consigliano di non applaudire affatto...

Agitare la mano è più politicamente corretto


Invece di applaudire si può agitare la mano, la chiamano jazz hand, affermano sempre questi inglesi in overdose di politicamente corretto. E infatti se si guardano le mandrie i raduni di questa gentaglia si noterà che a volte invece di applaudire schioccano le dita, altro metodo politicamerde corretto di non applaudire. Che dire, un povero mentecatto spara una minchiata e tutti subito dietro come un gregge di pecoroni belanti a conformarsi nel politicamente corretto.

Che già mi fa venire il prurito, figuriamoci quando arriva a livelli di ossessione simili che effetto mi fa...

La notizia a dire il vero non è nemmeno tanto fresca, è di un anno fa, ma ne sono venuto a conoscenza solo da poco (che bella l'ignoranza certe volte...).
Personalmente non ho mai sentito nessuno lamentarsi degli applausi (tranne ai funerali, ma solamente per il momento e posto sbagliato dove applaudire), ma il non fare qualcosa perché qualcuno chissà dove potrebbe trovarlo ansiogeno beh, mi pare una stronzata bella e buona.

Ormai il femminismo è diventato la parodia di sé stesso. Non si può nemmeno fare battute alla Lercio perché superare certe vette è impossibile, e quando le hanno fatte la realtà ha subito dimostrato che non erano battute: presa per il culo: femminista si prende una pausa di venti minuti per guardare la televisione, poi arriva Lacy Green a dire che si deve prendere una pausa dal femminismo per qualche tempo altrimenti impazzisce. Sul serio.

Il fatto che i militanti prendono seriamente queste puttanate atomiche è indice del fatto che sono dei decerebrati. E voi potrete pure dire "si ma sono decerebrati all'estero", che è pure vero, ma bisogna anche notare che il numero di pagine cretine si stanno moltiplicando pure da noi, piccolo esempio oltre a quelle di cui ho già parlato:


Ebbene, una frasetta semi sdolcinata, credo, insulsa e sparata lì giusto per sembrare fighi (forse...) viene presa come "rape culture" da questi illuminati dalla sapienza divina, perché giustificano "molestie e stupri". Interessante notare come secondo loro un uomo non può impazzire per una donna senza scaturire nelle molestie e nello stupro. Son tutti stupratori, quello è il loro pensiero no? E lo dimostrano sempre e comunque vedendo marcio dove non c'è.

Addirittura qualcuno ha fatto notare loro che stavano sparando cazzate, e dopo un flame ridicolo è stato ban. Non c'è nemmeno da sottolineare che era ovvio che sarebbe successo.

Del resto siamo arrivati al punto che se saluti una ragazza per strada la stai molestando e sei uno stupratore, se guardi una ragazza le stai facendo uno "stupro da sguardo" o qualcosa del genere.
Del resto come dicevo prima ormai il femminismo è diventato la parodia di sé stesso, inquinato da reietti e rincoglioniti di ogni genere. Cosa che avveniva anche decenni or sono, solo che allora le battaglie sensate femministe si facevano sentire molto di più...
Notizia


Nessun commento:

Posta un commento