martedì 10 maggio 2016

Cinque isole sono state inghiottite dal mare

Gna gna gna il riskaldamente globale è una bufalah!!11! Disse il complottardo che crede a tutte le bufale spacciando la verità per bufala. Il riscaldamento globale è tanto bufaloso che si sono perse cinque isole dell'arcipelago Salomone. Il livello del mare sale, ci sono pochi cazzi per negarlo:

11 isole colpite nell'ultimo decennio


Non solo ne sono scomparse 5, ma altre sei hanno subito pesanti effetti di erosione dovuti all'innalzamento del livello del mare negli ultimi 10 anni.
Avete presente la storia del rospo nella pentola d'acqua? Se aumenti la temperatura in modo brusco salta fuori dall'acqua, ma se la aumenti in modo molto graduale non si accorgerà della differenza e finirà bollito vivo? Ecco, più o meno siamo a quei livelli.

E dudda golba della Karn€!!111!!1unoundicicentoundici!
Perché di un fenomeno lento ma costante si parla. Le Solomon sono viste dagli scienziati come il termometro per il riscaldamento globale, perché su di loro gli effetti sono triplicati rispetto al resto del mondo.
Ma anche se si tratta di un processo lento è comunque preoccupante sapere che fra 20 anni, o anche meno, l'innalzamento del livello del mare farà tanti danni ambientali da far paura.

Insomma, non è una bufala e gli effetti si vedono già oggi. Del resto anche da noi il clima sta cambiando in modo devastante, con precipitazioni rare e violente. Manca poco che ci becchiamo pure noi i monsoni, porca puttana. Le chiamano "bombe d'acqua" ma quello che succede è chiaro: troppo caldo fa evaporare troppa acqua, che poi scende giù tutta in una volta.

E no, non c'è nemmeno più un dibattito fra scienziati, visto che il 90% sostiene che non c'è nulla di naturale e il global warming esiste eccome.
Ecco un approfondimento di Focus sulle menate raccontate sul riscaldamento globale, giusto per togliersi ogni ulteriore dubbio.

Isole Solomon perdute

Questo è un altro motivo per cui odio i complottardi che raccontano balle: addossando tutta la colpa agli scii kimiki o agli allevamenti (si capisce a chi mi riferisco) non si fa che deviare l'attenzione dal reale problema e aggravare il problema. Mi fanno incazzare specialmente i vegardi che sostengono di essere verdi e poi fanno la guerra a chi c'entra poco e nulla con l'inquinamento.
Fanculo.

5 commenti:

  1. Per chi se la cava con l'inglese, suggerisco un divertentissimo video tratto da Last Week Tonight con John Oliver, riguardo l'assurdità di avere un dibattito su qualcosa di già chiarito come reale.

    https://youtu.be/cjuGCJJUGsg

    RispondiElimina
  2. Il problema è che i complottardi, a forza di sbraitare su problemi che non esistono, finiscono per convincere la gente che non esistono anche problemi reali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti spesso e volentieri con una reazione violenta ne causano una altrettanto violenta.
      Come i vegardi che minacciavano di morte finché non sono nate pagine che si fanno beffe del "cruelty free"

      Elimina
  3. Per la meteorologia le bombe d'acqua (denominazione di origine giornalistica) non esistono.
    Per la meteorologia (e la scienza in generale) esistono i nubifragi.

    RispondiElimina