domenica 15 maggio 2016

Animalisti denunciati: Ammazzano un coniglio per calunniare un allevatore

Quando la giustizia funziona c'è sempre da rallegrarsi. Come al solito una coppia di animalardi, facenti parte di una non meglio precisata associazione animalista milanese, ha accusato insistentemente di maltrattamento animale un allevatore di Pandino (che non è quello che fa vroom vroom) rimediando solamente una bella denuncia da parte delle autorità:

Calunnia e interruzione di pubblico ufficio


I due avevano preso di mira un allevatore di conigli che in decenni di attività non aveva mai avuto mezzo problema con la legge, hanno chiamato i carabinieri per denunciare maltrattamenti in corso.
Le autorità hanno subito constatato che l'allevamento sembrava in buone condizioni, con gabbie industriali a norma e non "fai da te" e che i conigli non sembravano stare male, ma gli animalisti insistevano a denunciare sofferenza e maltrattamenti.
Allora hanno chiesto l'intervento dell'asl per il giorno dopo, giusto per avere la certezza matematica che i conigli stessero bene.

Ma come è tenero e puccioso! Ammazziamolo male così possiamo denunciare l'allevatore! Parola di animalardo
Ma questo agli animalardi non è andata giù, che si sono precipitati in caserma a depositare una denuncia per maltrattamenti e poi sono tornati all'allevamento chiedendo l'intervento della guardia di finanza. Evidentemente nella loro jihad contro i mulini a vento ogni mezzo è lecito per far chiudere un allevamento.

Peccato per loro che quando l'asl ha constatato il buono stato di salute dei conigli sia scattata la denuncia per calunnia nei confronti dell'allevatore e per interruzione di pubblico ufficio, avendo spaccato le palle a oltranza senza motivo.

Un paio di testate riferiscono che i due avessero addirittura comprato un coniglio dall'allevatore e lo avessero fatto ammazzare e macellare per accusarlo di maltrattamenti.
Ci troviamo di fronte a dei fanatici che sono disposti ad ammazzare animali pur di avere armi contro gli onesti lavoratori. Rendiamoci conto a che livello sono arrivati!
Sempre detto che gli animalardi non sono amanti degli animali, ma pazzi squilibrati che odiano le persone. Infatti non solo hanno mentito, ma hanno fatto ammazzare un coniglio per supportare le loro menzogne. Questo oltre che scorretto è squallidissimo!

Oltre alla denuncia per aver disturbato carabinieri e finanzieri dal loro lavoro si sono pigliati un foglio di via per 3 anni dal comune di Pandino. Secondo me dovrebbero dargli un foglio di via dall'Europa intera, ma anche questo è un passo avanti.

Qualcuno ha sbattuto il muso contro la realtà dei fatti e potrebbe pagarla cara. Lo so che non si dovrebbe dire, ma io l'avevo detto che credere a minchiate e vivere nel mondo disney non è la via giusta. Ma hey, l'importante è accusare noi di odiare gli animali, tanto qualche stronzo che li ascolta arriva sempre.

Mi raccomando, rompete i coglioni a noi che se uccidiamo un animale lo onoriamo dando un senso alla sua morte mangiandocelo e continuate a supportare chi ammazza gli animali senza motivo insultandone l'esistenza. Continuate così. Vaffanculo.
Fonte 1
Fonte 2
Fonte 3

4 commenti:

  1. Mi sa che la Peta ha trovato due nuovi lavoratori.

    RispondiElimina
  2. Ma gli animalardi sono a rischio d'estinzione? No, vero? Lo chiedo perché ho già pronta la doppietta per il tiro all'animalardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la variante vegamerda è ballerina, sale e scende, ma quella animalarda resiste dura e pura

      Elimina